ancora-poche-donne-ai-vertici-delle-aziende-svizzere
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Kathrin Wehrli lascia la direzione generale di Raiffeisen

La responsabile del dipartimento Prodotti e servizi di investimento lascia la banca con effetto immediato, motivando la decisione con ragioni private
Economia
1 gior

Continua il buon momento dell’edilizia

Per il Bak Economics di Basilea l’attività dovrebbe aumentare dello 0,4% quest’anno e dello 0,6% nel prossimo
Economia
1 gior

Quando una firma digitale errata fa perdere miliardi

Il costruttore ferroviario turgoviese Stadler Rail si è visto annullare una commessa per un errore formale dal Tribunale amministrativo di Vienna
Economia
6 gior

Il forum economico torna a Davos dal 17 al 21 gennaio

Quest’anno il Wef è stato annullato a causa della pandemia. ‘Sarà il primo evento di leadership globale a stabilire l’agenda per una ripresa sostenibile’
Economia
6 gior

In Svizzera la disoccupazione Ilo è al 5%, più che in Germania

Il dato tiene conto delle persone che non hanno un impiego, hanno cercato lavoro nelle quattro settimane precedenti e sono disponibili a lavorare
Economia
1 sett

Per il Credit Suisse l’inflazione è solo temporanea

Secondo gli economisti del secondo istituto finanziario svizzero la ripresa è robusta e senza timori inflativi. Il Pil dovrebbe crescere del 3,5% quest’anno
Economia
1 sett

Helvetia: entro il 2022 andranno persi 140 posti di lavoro

Il Ceo ha chiarito che una gran parte del taglio degli impieghi avverrà tramite fluttuazione naturale del personale o prepensionamento di alcuni dipendenti
Economia
02.03.2021 - 09:390
Aggiornamento : 16:56

Ancora poche donne ai vertici delle aziende svizzere

Un'analisi rivela che la maggior parte delle società quotate in borsa non raggiunge il 20 per cento

Le aziende svizzere hanno ancora molta strada da fare per avere più donne nelle loro direzioni: la maggior parte delle società quotate nell'Smi, il principale indice della borsa elvetica, non raggiunge la soglia del 20% definita dalla legge e nessuna di esse ha un Ceo femminile. La Confederazione non brilla nel confronto internazionale. Complessivamente le 20 imprese dell'Smi hanno il 13% di membri delle direzioni donne, con un aumento di un punto percentuale rispetto al 2020, lo rivela un'analisi pubblicata oggi della società di consulenza del personale Russell Reynolds. Nessuna si trova inoltre alla presidenza dell'organo esecutivo e solo una ha la responsabilità delle finanze (Cfo).

I grandi gruppi svizzeri sono quindi ancora lontani dal rispettare la normativa, entrata in vigore quest'anno, che prevede per le società quotate in borsa con almeno 250 dipendenti una quota del 30% di donne nei consigli di amministrazione (Cda) e del 20% nelle direzioni. Le società avranno comunque cinque anni per modificare la composizione dei Cda e dieci anni per gli organi esecutivi. Anche allora non saranno peraltro previste sanzioni: le aziende non in regola dovranno infatti solo spiegare nel loro rapporto d'esercizio perché non hanno raggiunto gli obiettivi prefissati e presentare misure per migliorare la situazione.

Sette ditte dell'Smi sono comunque virtuose, in un ottica femminile, e superano il 20%: le più performanti sono Credit Suisse (27%), Lonza (25%) e Zurich (25%). La gran parte si situa fra l'8% di Swiss Re e il 17% di Nestlé. I peggiori risultati - niente donne nel management - sono segnati da Swisscom, Swiss Life, SGS, Richemont, Geberit e Alcon. Gli autori della ricerca hanno inoltre peraltro anche notato come nessuna delle dirigenti di nuova nomina sia di nazionalità svizzera.

Le società quotate nell'indice ampliato Smim, da parte loro, hanno fatto un sensibile balzo in avanti, passando da una quota dell'8% nel 2020 al 13% di quest'anno. Temenos (36%), Ems-Chemie (25%) e Logitech (25%) sono le aziende maggiormente avanzate in termini di management femminile, mentre SIG Combibloc, Cembra Money Bank e Flughafen Zurich hanno direttori tutti uomini. C'è anche una Ceo donna: si tratta di Magdalena Martullo-Blocher (Ems-Chemie).

In un confronto internazionale la Svizzera si situa in fondo alla classifica, che è dominata dalla Norvegia, con una quota del 30% di donne nella gestione delle loro grandi imprese. Seguono Regno Unito (26%) e Svezia (25%). Il dato della Confederazione non si discosta peraltro molto da quello di suoi vicini quali Germania (11%) e Italia (13%).

© Regiopress, All rights reserved