cioccolato-svizzero-mai-cosi-in-basso-in-quarant-anni
Bisogna tornare al 1982 per numeri così bassi (Keystone)
Economia
01.03.2021 - 11:410
Aggiornamento : 12:58

Cioccolato svizzero, mai così in basso in quarant'anni

Calato drasticamente il fattura, aumentate le importazioni dall'estero. Per la prima volta dal 1982, il consumo pro capite è salito sotto i 10 kg

La crisi pandemica e le misure protezionistiche hanno sciolto la produzione di cioccolato in Svizzera, il cui fatturato è calato drasticamente nel 2020. Allo stesso tempo sono aumentate le importazioni di cioccolato estero. Il consumo pro capite è sceso al livello più basso degli ultimi 40 anni, deplora Chocosuisse. Nel periodo in esame, la produzione è diminuita di oltre il 10%, mentre il fatturato è crollato del 14,5% a 1,53 miliardi di franchi, cosa che la Federazione svizzera dei produttori di cioccolato (Chocosuisse) spiega sia il calo dei consumi interni che quello delle esportazioni. Questi ultimi hanno perso l'11,5% del loro volume lo scorso anno a 126.000 tonnellate e il 13,9% del loro fatturato, mentre le vendite all'estero rappresentano il 70% del totale, è lo sbocco principale per questo settore. Germania, Francia, Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti costituiscono i primi cinque mercati.

Per la prima volta dal 1982, il consumo pro capite è salito sotto i 10 kg, arrivando a 9,9 kg. Una disaffezione avvenuta a scapito del cioccolato made in Switzerland (-6,9% in volume), perché le vendite di cioccolato estero sono aumentate dell'1,8%, con una quota delle importazioni che è passata dal 41% al 43% nel 2020. Il fenomeno sembra accentuarsi: nel 2017 una fabbrica di cioccolato aveva delocalizzato la sua produzione in Francia e l'anno scorso un'altra fabbrica ha dovuto chiudere i battenti.

La società ombrello evoca un contesto politico difficile perché alcune materie prime costano il doppio in Svizzera che all'estero. In effetti, "l'approvazione di un dazio doganale minimo per lo zucchero, come richiesto dai produttori di zucchero, pone la minaccia di un ulteriore aumento del prezzo di questa materia prima, che indebolirebbe ulteriormente la Svizzera come luogo di produzione", avverte Chocosuisse.

© Regiopress, All rights reserved