laRegione
gli-investitori-guardano-al-2021-con-forte-ottimismo
In Borsa 'va tutto bene', E nel mondo reale? (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

La velocità della ripresa dipenderà da quella dei vaccini

Stando agli economisti di Efg, la pandemia di coronavirus sta cambiando i paradigmi di consumo con il boom dell’e-commerce
Economia
1 gior

Medacta, vendite in leggero calo l'anno scorso

La pandemia e il differimento degli interventi medici incide negativamente sul fatturato dell'azienda che scende del 2,6%
Economia
1 gior

Julius Bär: l'ex Ceo Collardi ammonito dalla Finma

L'autorità di vigilanza dei mercati finanziari sta indagando sulle carenze nella lotta al riciclaggio in presunti casi di corruzione in Venezuela
Economia
1 gior

Il coronavirus non frena la crescita di Banca Migros

Un 2020 chiuso con il sorriso per l'istituto che aumenta la sua cifra d'affari. Incrementati anche i depositi della clientela e i crediti ipotecari
Economia
2 gior

Natalia Ferrara co-direttrice dell'Asib

La ticinese guiderà assieme ad Anne-Wienke Palm l'Associazione svizzera degli impiegati di banca. Le due prenderanno il posto di Denise Chervet dall'1 marzo
Economia
2 gior

Netflix vola grazie (anche) alla pandemia

Il colosso della tv in streaming ha chiuso il 2020 sopra i 200 milioni di abbonamenti (203,7) e a Wall Street arriva a guadagnare oltre il 10,4%
Economia
4 gior

Hotelplan: 75 agenzie di viaggio chiuse fino a fine febbraio

L'obbligo del telelavoro decretato del Consiglio federale fra i motivi per le chiusure, oltre all'impatto negativo della pandemia sull'industria dei viaggi
Economia
4 gior

Svizzera, annunci di lavoro calati del 15%

Sono i dati del 2020 influenzati dalla pandemia. Negli ultimi sei mesi c'è però stato un recupero. Tecnologia e informatica i settori più colpiti
Economia
5 gior

La tutela del clima è redditizia anche per l'economia

Risparmi milionari se la Svizzera promuovesse il passaggio alle auto elettriche e la sostituzione del riscaldamento a olio e a gas con pompe di calore
Economia
1 sett

Tesla, negli Usa chiesto il ritiro di 158mila vetture

L'agenzia americana per la sicurezza stradale ha rilevato problemi legati all'esaurimento della memoria nel computer di bordo
Economia
1 sett

Accordo Frame Asset Managament e Aurea Gestioni Patrimoniali

Le due società attive nel settore della gestione patrimoniale hanno siglato una partnership strategica. Michele De Michelis diventa presidente di Aurea
Economia
1 sett

Verso nuova ondata di soppressioni di impieghi in Svizzera

Lo rileva uno studio realizzato dall'azienda attiva nella consulenza per le risorse umane von Rundstedt. Sempre più importante la rete di contatti personali
Economia
1 sett

Ubs sopprimerà 44 filiali in Svizzera, tre in Ticino

La conferma arriva da Axel Lehmann, responsabile per la Svizzera dell'istituto bancario elvetico
Economia
1 sett

I media: 'Ubs pianifica di chiudere 40 filiali in Svizzera'

Lo annunciano le testate Ch-Media citando fonti interne. Il colosso bancario non commenta
Economia
1 sett

PwC Svizzera e Fidinam avviano una collaborazione

Venticinque collaboratori di PwC verranno integrati nella società ticinese per implementare il progetto Abacus
Economia
1 sett

Londra, Dr. Martens vuole entrare in Borsa

Fondato nel 1960, Dr. Martens vende ogni anno 11 milioni di paia in 60 paesi e fattura 672 milioni di sterline.
Economia
10.01.2021 - 15:290
Aggiornamento : 18:06

Gli investitori guardano al 2021 con forte ottimismo

Secondo i principali analisti la ripresa economica sarà più robusta del previsto

Nel vedere l’indice S&P500 crollare di quasi il 2,5%, e proprio nella prima seduta del nuovo anno, in molti a Wall Street s’erano chiesti cosa avesse provocato tanto sconquasso. Le valutazioni azionarie sono da bolla speculativa, hanno argomentato i pessimisti, notando come l’indice fosse volato del 68% dai minimi di marzo e il bilancio del 2020 si fosse chiuso con un +16%, in un anno in cui la pandemia aveva provocato la più violenta recessione della storia. Niente paura, sono solo (salutari) prese di beneficio, hanno minimizzato altri, forse suggestionati dal presagio di Morgan Stanley, secondo la quale un’eventuale vittoria democratica in Georgia avrebbe consegnato il senato al partito del presidente eletto Joe Biden.

Sì, è proprio la prospettiva di un Congresso interamente democratico che turba gli investitori, hanno concluso quasi tutti, paventando nuove regole e maggiori tasse. Roba da non credere. Verso fine ottobre, quegli stessi investitori s’eran fatti travolgere dall’euforia per la probabile Blue Wave (ondata democratica) che avrebbe rilanciato gli investimenti, accresciuti i sussidi alle famiglie e, dunque, ridato impulso all’economia, seppure a scapito di qualche tassa in più. E avevano esultato qualche settimana più tardi alla nomina di Janet Yellen, promessa a capo del Tesoro: la persona giusta, dicevano, perché saprà coniugare gli stimoli fiscali a quelli monetari della Fed.

Ma, mercoledì 6 gennaio, le fisime di tre giorni prima erano già scomparse: ormai certa la vittoria democratica in Georgia, l’S&P500 ha segnato un nuovo record. L’economia correrà ancor più del previsto e la borsa avrà ulteriori motivi per crescere. Perché mai angustiarsi, ha osservato con grande pragmatismo lo strategist di una media società d’investimento di Boston: «il momentum è una forza formidabile e noi non vogliamo metterci contro».

Quel momentum altro non è che la straordinaria costruzione di un consenso operata dalla psicologia, nella convinzione che, finita la pandemia (e saremmo agli sgoccioli, grazie ai vaccini), l’economia marcerà a ritmi più che doppi rispetto al passato, i governi spenderanno (a debito) migliaia e migliaia di miliardi, le banche centrali seguiteranno a comprare titoli inondando i mercati di liquidità, i tassi d’interesse resteranno inchiodati allo zero e i rendimenti obbligazionari resteranno bassi come adesso.

La visione

Questa idilliaca visione del futuro non appartiene solo ai piccoli day trader, che hanno iniziato a scorrazzare in massa sui mercati fin dalla tarda primavera, ma è diventata (da settembre) patrimonio di molti grandi investitori. Goldman Sachs, ad esempio, dismessa la prudenza d’inizio 2020, pronostica ora un pil Usa nel primo trimestre in crescita del 5%, in luogo del 3% stimato in precedenza, cosicché l’anno si chiuderebbe con un rialzo del 5,8%, mostrando un ottimismo assai maggiore dei concorrenti che, mediamente, pronosticano un più contenuto 3,9%.

Il 2021 è iniziato con forti convinzioni e, com’è successo nei mesi scorsi, tali convinzioni sono condivise e cavalcate dalla stragrande maggioranza degli investitori, negli Stati Uniti come in Europa. La prima è che le banche centrali continueranno a immettere liquidità grazie ai quantitative easing, in misura quasi pari a quella dei mesi scorsi (circa lo 0,76% del Pil mondiale ogni mese, che farebbe quasi il 10% all’anno); la seconda che i deficit dei governi si manterranno attorno al 10% e ci saranno tanti soldi da spendere in sussidi e investimenti; la terza che la ripresa economica sarà più robusta del previsto e gli utili societari aumenteranno del 24% in America (consenso Refinitiv) e fino al 30% in Eurozona (secondo Kairos).

In forza di queste convinzioni, ne consegue che le borse cresceranno almeno a due cifre e, secondo un computo di Reuters, Wall Street potrebbe addirittura salire a 4.400 punti; che si potrà ancora puntare sui bond societari, specie quelli ad alto rendimento; che il dollaro seguiterà a indebolirsi, almeno fino a metà anno; che il miglior posto per investire (azioni e bond) sono i paesi emergenti; che il settore più promettente è quello composito che prende il nome di Esg (ossia delle società più rispettose dell’ambiente, del tessuto sociale e della governance). In America, s’aggiungono i titoli (per lo più di piccole e medie aziende) interessati al vasto programma d’investimento nelle infrastrutture, promesso da Biden e in Italia, a detta di Kairos e di Intermonte, anche sui Btp, il cui spread sul Bund potrebbe, secondo quest’ultima, scendere anche sotto l’1%.

Gli effetti

Parrebbe lo scenario perfetto per i mercati, tale da far salire all’unisono tutte le attività finanziarie, come è stato per gran parte dello scorso anno. Uno scenario talmente perfetto, si direbbe asettico, da escludere l’eventualità di qualsiasi interferenza.

Pur sorvolando sulle valutazioni di borsa, che hanno raggiunto in America gli estremi di 20 anni fa, non sfiora il dubbio che la grande propensione ai consumi negli Stati Uniti è il frutto dei (non eterni) sussidi governativi che hanno, paradossalmente, accresciuto le disponibilità finanziarie delle famiglie. Ed è mai possibile che un’economia stimata in crescita di oltre il 5%, con un mare di liquidità e una velocità di circolazione della moneta in forte aumento, non generi inflazione e, dunque, una risalita dei rendimenti obbligazionari? Questi timori, per ora, sono stati espressi da pochi operatori, ma di grande autorevolezza, in particolare dagli economisti di Morgan Stanley e GaveKal.

© Regiopress, All rights reserved