laRegione
apple-e-google-la-gara-dei-frenemies
Gli 'amici-nemici' (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

La velocità della ripresa dipenderà da quella dei vaccini

Stando agli economisti di Efg, la pandemia di coronavirus sta cambiando i paradigmi di consumo con il boom dell’e-commerce
Economia
1 gior

Medacta, vendite in leggero calo l'anno scorso

La pandemia e il differimento degli interventi medici incide negativamente sul fatturato dell'azienda che scende del 2,6%
Economia
1 gior

Julius Bär: l'ex Ceo Collardi ammonito dalla Finma

L'autorità di vigilanza dei mercati finanziari sta indagando sulle carenze nella lotta al riciclaggio in presunti casi di corruzione in Venezuela
Economia
1 gior

Il coronavirus non frena la crescita di Banca Migros

Un 2020 chiuso con il sorriso per l'istituto che aumenta la sua cifra d'affari. Incrementati anche i depositi della clientela e i crediti ipotecari
Economia
2 gior

Natalia Ferrara co-direttrice dell'Asib

La ticinese guiderà assieme ad Anne-Wienke Palm l'Associazione svizzera degli impiegati di banca. Le due prenderanno il posto di Denise Chervet dall'1 marzo
Economia
2 gior

Netflix vola grazie (anche) alla pandemia

Il colosso della tv in streaming ha chiuso il 2020 sopra i 200 milioni di abbonamenti (203,7) e a Wall Street arriva a guadagnare oltre il 10,4%
Economia
4 gior

Hotelplan: 75 agenzie di viaggio chiuse fino a fine febbraio

L'obbligo del telelavoro decretato del Consiglio federale fra i motivi per le chiusure, oltre all'impatto negativo della pandemia sull'industria dei viaggi
Economia
4 gior

Svizzera, annunci di lavoro calati del 15%

Sono i dati del 2020 influenzati dalla pandemia. Negli ultimi sei mesi c'è però stato un recupero. Tecnologia e informatica i settori più colpiti
Economia
5 gior

La tutela del clima è redditizia anche per l'economia

Risparmi milionari se la Svizzera promuovesse il passaggio alle auto elettriche e la sostituzione del riscaldamento a olio e a gas con pompe di calore
Economia
1 sett

Tesla, negli Usa chiesto il ritiro di 158mila vetture

L'agenzia americana per la sicurezza stradale ha rilevato problemi legati all'esaurimento della memoria nel computer di bordo
Economia
1 sett

Accordo Frame Asset Managament e Aurea Gestioni Patrimoniali

Le due società attive nel settore della gestione patrimoniale hanno siglato una partnership strategica. Michele De Michelis diventa presidente di Aurea
Economia
1 sett

Verso nuova ondata di soppressioni di impieghi in Svizzera

Lo rileva uno studio realizzato dall'azienda attiva nella consulenza per le risorse umane von Rundstedt. Sempre più importante la rete di contatti personali
Economia
1 sett

Ubs sopprimerà 44 filiali in Svizzera, tre in Ticino

La conferma arriva da Axel Lehmann, responsabile per la Svizzera dell'istituto bancario elvetico
Economia
1 sett

I media: 'Ubs pianifica di chiudere 40 filiali in Svizzera'

Lo annunciano le testate Ch-Media citando fonti interne. Il colosso bancario non commenta
Economia
1 sett

PwC Svizzera e Fidinam avviano una collaborazione

Venticinque collaboratori di PwC verranno integrati nella società ticinese per implementare il progetto Abacus
Economia
1 sett

Londra, Dr. Martens vuole entrare in Borsa

Fondato nel 1960, Dr. Martens vende ogni anno 11 milioni di paia in 60 paesi e fattura 672 milioni di sterline.
Economia
1 sett

Migliora la reputazione dell'economia svizzera nei media

La percezione dell'economia locale si è sviluppata positivamente nonostante il Covid grazie in gran parte al settore finanziario
Economia
10.01.2021 - 15:180

Apple e Google, la gara dei 'frenemies'

In realtà le due giganti dell'high-tech dipendono l'una dall'altra e lavorano insieme

Se cercate informazioni finanziarie su Apple sul sito del Wall Street Journal, al primo posto fra i concorrenti trovate la holding Alphabet che controlla Google. I due giganti mondiali dell’high-tech in effetti sono in diretta competizione su più fronti. Sul mercato degli smartphone, per esempio, il sistema operativo Android di Google è alternativo a quello dell’iPhone. E fra i browser il Chrome di Mountain View compete con il Safari di Cupertino. Ma dietro questa concorrenza ufficiale, in realtà Apple e Google lavorano insieme e dipendono una dall’altra per una buona fetta del loro fatturato e dei loro profitti. Sono frenemie, amici-nemici (friend+enemie), spiega Tim Higgins, l’esperto di tecnologia del Wsj. E la conferma è venuta dalla causa antitrust iniziata in ottobre dal ministero della Giustizia Usa contro Google. Grazie a un patto fra le due aziende della Silicon Valley, il motore di ricerca per default installato su tutti gli apparecchi di Apple è Google: quando i clienti del marchio della Mela fanno una domanda all’assistente virtuale Siri o la digitano su Safari, la risposta viene proprio dalla «rivale» Google.

I documenti

Secondo i documenti prodotti dal governo Usa, per mantenere questo accordo Google paga dagli 8 ai 12 miliardi di dollari l’anno alla Apple, il che equivale al 15-20% dei profitti dell’azienda di Cupertino. Dall’altra parte il traffico generato dal miliardo e mezzo di apparecchi attivi di Apple — dagli iPhone agli iPad, dai Mac computer agli Apple Watch — rappresenta quasi il 50% di tutte le ricerche via Google e quindi alimenta una buona parte del business pubblicitario di Alphabet. Il ceo di Apple, Tim Cook e quello di Google, Sundar Pichai — si legge fra l’altro nella causa Antitrust — si incontrarono nel 2018 per discutere come le due aziende potevano lavorare insieme per far crescere il fatturato alimentato dalle ricerche online. Dopo, un top manager di Apple disse al suo equivalente in Google: «La nostra visione è che lavoriamo come se fossimo una sola azienda». Il risultato — l’assoluto dominio di Google, che negli Usa controlla il 90% di tutte le ricerche e il 95% di quelle su apparecchi mobili — danneggia i consumatori, secondo il governo americano.

Quella visione in effetti era stata dichiarata pubblicamente nel 2007 dall’allora ceo di Google, Eric Schmidt. L’amicizia fra Google e Apple era nata quando era ancora in carica il fondatore di quest’ultima, Steve Jobs. Nel 2005 Schmidt era nel consiglio di amministrazione di Apple e firmò un accordo per posizionare il suo motore di ricerca come default sui pc Mac. Quando nel 2007 Jobs lanciò l’iPhone, sul palco della presentazione al suo fianco c’era lo stesso Schmidt che disse: «Abbiamo un sacco di relazioni fra i nostri due consigli di amministrazione. Se ci fondiamo potremmo chiamare l’azienda AppleGo?». Ma l’amicizia si guastò l’anno dopo, quando Google lanciò Android, il proprio sistema operativo per smartphone.

Nel 2009 Schmidt si dimise dal board di Apple, che nel frattempo aveva deciso di usare Bing, il motore di ricerca di Microsoft. Non è chiaro quando Apple è tornata a usare Google come motore di ricerca sui suoi apparecchi, nè quanto valga esattamente l’accordo. Secondo gli analisti, da questo patto dipende una grande parte del business dei servizi di Apple, su cui l’attuale ceo Tim Cook punta molto per continuare a crescere, dopo che le vendite dell’iPhone hanno toccato il loro massimo el 2015.

I numeri

Il business dei servizi di Apple — dalla musica in streaming alla nuova tv — è stimato in 53 miliardi di dollari (nell’ultimo anno fiscale), più del doppio dei 20 miliardi raggiunti nel 2015. La fine dell’accordo potrebbe causare un crollo del 20% delle quotazioni di Apple, secondo Toni Sacconaghi, analista di Bernstein specializzato sull’high-tech. Per questo fioriscono speculazioni sulla possibilità che Cook sia alla ricerca di un accordo alternativo — come il ritorno a Bing — oppure stia sviluppando un proprio prodotto, magari attraverso l’acquisizione di DuckDuckGo, un piccolo motore di ricerca che, come Apple, enfatizza il valore della privacy per gli utenti. La causa federale antitrust — a cui si sono aggiunte simili iniziative legali di un gruppo di stati Usa — andrà avanti per anni prima di arrivare a una sentenza.

Le azioni legali dell’Unione europea, dopo anni, hanno imposto una multa di 9 miliardi di dollari a Google, senza tuttavia scalfire il suo business. Ma un eventuale divorzio obbligato da Apple potrebbe veramente creare problemi sia a Mountain View sia a Cupertino.  E così alla fine di dicembre la società guidata da Pichai ha depositato in tribunale la sua prima autodifesa: «La gente utilizza il motore di ricerca Google perché sceglie di farlo, non perché è costretta o non riesce facilmente a trovare alternative su Internet. Noi continuiamo a sviluppare, innovare e promuovere il nostro motore di ricerca come parte della nostra missione di organizzare le informazioni nel mondo e renderle universalmente accessibili e utili». La causa del governo Usa «non aiuta i consumatori in alcun modo — ha ribadito il ceo degli affari legali di Google, Kent Walker, in un blog —. Al contrario, favorirebbe artificialmente motori di ricerca alternativi di bassa qualità e renderebbe più difficile per la gente ottenere servizi di ricerca utili».

Apple non è l’unico «amico-nemico» dell’azienda di Mountain View. La causa Antitrust intentata da dieci stati Usa in dicembre cita documenti interni secondo cui nel settembre 2018 Facebook si sarebbe messa d’accordo per non competere con gli strumenti di pubblicità online di Google in cambio di un trattamento speciale da parte della stessa Google; inoltre le due aziende avrebbero deciso di cooperare nel rispondere ad eventuali azioni Antitrust. Entrambe le società negano di essersi comportate scorrettamente.  Google (Alphabet), Facebook, Apple, insieme a Microsoft e Amazon hanno continuato a crescere nel mezzo della pandemia e oggi valgono oltre 7 mila miliardi di dollari. Ma sul loro futuro pesa sempre di più lo scrutinio delle autorità Antitrust di tutto il mondo.

© Regiopress, All rights reserved