laRegione
Nuovo abbonamento
il-coronavirus-ferma-gli-ascensori-tagli-alla-schindler
Tempi cupi (Keystone)
Economia
24.07.2020 - 07:180
Aggiornamento : 10:40

Il coronavirus ferma gli ascensori: tagli alla Schindler

Per far fronte al calo dettato dalla pandemia, l'azienda lucernese nei prossimi due anni sopprimerà duemila impieghi a livello mondiale

L'impatto negativo del Covid-19 avrà pesanti conseguenze sull'organico di Schindler. Il fabbricante lucernese di ascensori e scale mobili, che oggi ha annunciato risultati semestrali in calo, nei prossimi due anni taglierà infatti 2'000 posti di lavoro a livello mondiale.

Nella prima metà del 2020 l'azienda ha subìto perdite significative a causa della pandemia, con ordinazioni e vendite in netto calo. E nettamente inferiori rispetto all'anno precedente sono stati pure gli utili. Le ordinazioni ricevute nel periodo in esame sono scese del12% (a 5,36 miliardi di franchi) rispetto all'anno precedente e il fatturato è sceso dell'8,7% (a 4,96 miliardi). Le Americhe e le regioni dell'Asia-Pacifico sono state le più colpite dalla recessione globale, precisa l'azienda. Il risultato operativo a livello di Ebit si è attestato a 421 milioni di franchi, circa il 29 percento in meno rispetto all'anno precedente. L'utile netto, pari a 313 milioni di franchi, è diminuito del 28%.

Il risultato è stato comunque influenzato da costi di ristrutturazione per 77 milioni di franchi. L'azienda cita, ad esempio, la chiusura dello stabilimento in Spagna e le iniziative per aumentare l'efficienza in alcuni Paesi. Il calo delle vendite e dei margini è dovuto alla chiusura temporanea degli stabilimenti a causa di blocchi e cantieri in diversi Paesi.

La ristrutturazione e i tagli

Schindler sta ora pianificando un programma di ottimizzazione dei costi per i prossimi due anni. Ciò comporterà una riduzione di circa 2'000 posti di lavoro in tutto il mondo, senza escludere la sede centrale del gruppo. Il costo del programma è stimato a 150 milioni di franchi. La pandemia di coronavirus ha portato a un alto grado di incertezza sugli sviluppi economici. Il management è convinto che la recessione avrà un impatto negativo sui mercati degli ascensori e delle scale mobili. Le prospettive precedenti sono state leggermente ritoccate, ma ora sono un po' più ottimistiche di prima. Per l'intero anno 2020, il management prevede che lo sviluppo delle vendite in valuta locale rimarrà invariato al -6 percento (in precedenza -10 percento). L'utile netto dovrebbe essere compreso tra 680 e 720 milioni.

© Regiopress, All rights reserved