laRegione
Nuovo abbonamento
elettrotecnica-e-metallurgia-a-rischio-fallimento-il-72-delle-aziende
(foto Keystone)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
19 ore
A Credit Suisse sarebbero in forse centinaia di posti
Nulla ancora deciso, ma vi sarebbero piani abbozzati secondo il domenicale Sonntagszeitung. L'istituto non ha negato riflessioni relative a possibili economie
Economia
2 gior
Investire nel solare può creare 14'000 posti di lavoro
Ne è convinta la Fondazione svizzera dell'energia (SES), che propone questa soluzione per ridurre la disoccupazione, cresciuta a seguito del coronavirus
Economia
2 gior
Il coronavirus fa esplodere il debito pubblico mondiale
Oltre il 100% e al livello più alto da sempre: ha superato anche il picco post-Seconda guerra mondiale
Economia
3 gior
Cambio alla testa di EY Lugano
Erico Bertoli succede a Stefano Caccia che lascia l'incarico per pensionamento
Economia
4 gior
Le imprese scommettono sulla ripresa, anche in Ticino
Gli effetti della pandemia sono stati più forti al Sud delle Alpi, ma secondo gli esperti di Ubs le prospettive sono positive. Pil a -5,5% quest'anno. Poi su
Economia
4 gior
Svizzera, il covid non ferma le due ruote
Malgrado l'emergenza sanitaria, le vendite di motocicli nel nostro Paese hanno conosciuto...un'impennata
Economia
4 gior
Aviazione, United taglia 36mila posti di lavoro
La compagnia statunitense pronta a rinunciare alla metà dei suoi dipendenti se non vi saranno segnali di ripresa dopo l'emergenza Covid
Economia
4 gior
I salari dei frontalieri spiegati da un economista
Gli ultimi dati confermano la differenza nelle retribuzioni. C'entra il dumping, ma non solo. E revocare la libera circolazione porterebbe "chiusure e fallimenti"
Economia
4 gior
Bancarotta per Brooks Brothers, marchio icona di Wall Street
Il produttore di abbigliamento formale soccombe alla crisi creata dal coronavirus. Si cerca di evitare la liquidazione
Economia
26.05.2020 - 10:000

Elettrotecnica e metallurgia: a rischio fallimento il 72% delle aziende

È quanto afferma l'associazione padronale di categoria Swissmem, che auspica urgenti misure per migliorare le condizioni quadro del ramo

Il 72% delle aziende attive nel settore delle macchine, dell'elettrotecnica e della metallurgia (MEM) si trova in una situazione che a breve o medio termine minaccia la propria esistenza: lo afferma l'associazione padronale di categoria Swissmem, che auspica urgenti misure per migliorare le condizioni quadro del ramo.

Il 38% delle imprese del comparto interpellate in un recente sondaggio prevede per quest'anno una perdita a livello di risultato operativo (Ebit), scrive l'organizzazione in un comunicato odierno. Un ulteriore 34% delle aziende si aspetta un margine Ebit compreso tra lo 0 e il 5%: un valore considerato insoddisfacente, che rende impossibile investire nel futuro.

L'indice dei direttori agli acquisti (PMI) è sceso ai minimi storici in quasi tutto il mondo: le commesse per l'industria metalmeccanica ed elettrica elvetica rischiano perciò di crollare in modo massiccio. Il settore - già sotto stress: il 48% delle aziende ha registrato cancellazioni di ordini legate al lockdown - subirà perciò in pieno solo più avanti, nel corso dell'anno, l'impatto della crisi del coronavirus.

Il presidente di Swissmem Hans Hess si dice seriamente preoccupato. "Dobbiamo adottare immediate contromisure", afferma, citato nella nota. "L'unico modo per attenuare la portata del crollo è un'uscita rapida e controllata dal confinamento e un rafforzamento duraturo della competitività delle aziende". Per farlo, "l'industria dell'esportazione ha bisogno di condizioni quadro migliori: ma da subito!".

Un piano di incentivazione economica, di per sé propositivo solo sul mercato interno, sarebbe inutile, considerato che l'industria MEM esporta quasi l'80% delle sue merci. La storia dimostra che questi approcci risultano efficaci troppo tardi o lo sono nel posto sbagliato, sostiene l'associazione. L'industria di esportazione chiede per contro un maggiore spazio di manovra imprenditoriale e sostegno alla sua forza innovativa.

Le cinque richieste di Swissmem

In concreto, Swissmem avanza le seguenti cinque richieste. Primo, l'abolizione dei dazi doganali per l'industria: nel solo comparto MEM questo comporterebbe un risparmio annuo di 125 milioni. Secondo, rafforzamento del sostegno all'innovazione. Terzo punto, bisogna migliorare l'accesso ai mercati, attraverso nuovi accordi di libero scambio, la garanzia di accesso all'Ue (no quindi all'iniziativa per un'immigrazione moderata) e un chiarimento sull'accordo quadro con Bruxelles. La quarta richiesta concerne la digitalizzazione: la crisi del coronavirus ne ha dimostrato i benefici per la società e l'economia, occorre puntare ora su 5G, e-government nonché competenze digitali. Quinto e ultimo punto: negli appalti pubblici è necessario sfruttare il quadro politico e giuridico per favorire la piazza industriale svizzera.

Al di là di questi miglioramenti delle condizioni quadro secondo Swissmem bisogna inoltre estendere la durata di alcune misure di emergenza in corso. In particolare, il periodo di diritto all'indennità per lavoro a orario ridotto deve essere portato a 18 mesi e il termine per la presentazione delle domande di crediti Covid-19 va prorogato sino alla fine del 2020.
 
 

© Regiopress, All rights reserved