laRegione
noi-non-possiamo-vivere-un-altro-lockdown
Per l'industria meccanica, elettrotecnica e metallurgica il lavoro prima di tutto (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
1 gior

Shanghai, meta gettonata per i capitali stranieri

Secondo la Commissione municipale per il commercio, nei primi nove mesi dell'anno sono state istituite 38 sedi di multinazionali finanziate dall'estero
Economia
2 gior

Effetto pandemia, volano i giganti del web (a parte Twitter)

Il numero dei nuovi cinguettii è il più contenuto dal 2017 (solo un milione di utenti in più). Si attestano a 2.74 miliardi gli amici di Facebook
Economia
2 gior

Lvmh compra i gioielli di Tiffany (con lo sconto)

L'intesa mette fine a una vertenza fra le parti: dopo lo scoppio della pandemia, il colosso francese aveva fatto un passo indietro, mandando a monte le nozze.
Economia
2 gior

Samsung Electronics fa boom nel terzo semestre

Significativo balzo in avanti dell'utile netto (+48,8%) del più grande produttore di chip di memoria al mondo che rafforza la propria posizione
Economia
2 gior

Swisscom: performance in lieve calo dopo nove mesi

Le cifre del gigante delle telecomunicazioni sono comunque migliori del previsto anche se fatturato e utile netto sono diminuiti
Economia
2 gior

Credit Suisse: utile di 546 milioni nel terzo trimestre

Buoni risultati nel terzo semestre per la banca rispetto alle cifre degli altri istituti a livello nazionale
Economia
3 gior

Crollano i consumi, la Svizzera ‘anticipa’ il lockdown

Ristoranti e negozi sono aperti, ma la gente si tiene lontana e solo i supermercati girano a pieno regime
Economia
4 gior

La pandemia minaccia l'industria svizzera del cioccolato

Calo del 14,3% del giro di affari fra gennaio e agosto. Chocosuisse chiede che si agisca sulle 'misure protezionistiche dannose per la piazza elvetica'.
Economia
4 gior

PostFinance sopprime 130 impieghi ma ne vuole creare 80

Oltre a investire in nuovi settori di attività, l'azienda mira anche a rendere più efficienti i processi e le strutture esistenti
Economia
16.10.2020 - 12:460
Aggiornamento : 13:22

'Noi non possiamo vivere un altro lockdown'

L'associazione padronale di categoria Swissmem chiede a Confederazione e cantoni di assicurare che non sarà interessata da un eventuale confinamento

L'industria meccanica, elettrotecnica e metallurgica non può assolutamente vivere un lockdown: lo sostiene l'associazione padronale di categoria Swissmem, che chiede a Confederazione e cantoni di assicurare che non sarà interessata da un eventuale confinamento. Da parte loro le aziende promettono di continuare a seguire in modo rigido le regole sanitarie e invitano anche il loro personale ad agire con responsabilità, evitando il contagio pure nella vita privata, pena conseguenze sul piano occupazionale.

Sulla scia della pandemia del coronavirus l'industria ha dovuto far fronte, soprattutto nel secondo trimestre, a un forte calo degli ordinativi e del fatturato, ricorda Swissmem in un comunicato odierno. La ripresa è spesso lenta e mette a rischio numerosi posti di lavoro. In molte situazioni nuove restrizioni all'attività commerciale sarebbero perciò quasi impossibili da affrontare.

'Che non se ne parli neanche'

Il fatto che ora si continui a parlare pubblicamente di confinamento è frustrante per le imprese e per i loro salariati, sostiene l'organismo. Fin dall'inizio esse hanno infatti sempre rispettato le disposizioni dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) in materia di igiene e di distanza: lo confermano numerose ispezioni da parte delle autorità. Di conseguenza, le aziende del ramo MEM non sono mai state focolai di diffusione del virus. Le ditte e il personale meritano un grande ringraziamento per questo, afferma Swissmem.

Questa esperienza è alla base della richiesta dell'associazione di non costringere in futuro il settore a un blocco dell'attività. È necessario un impegno pubblico da parte di Confederazione e cantoni che garantisca l'esenzione dell'industria MEM da un eventuale lockdown. Un tale impegno garantirebbe la sicurezza della pianificazione per le aziende, nonché la certezza - per i clienti e i fornitori - che non si verificheranno interruzioni nei rapporti d'affari. Questo attenuerebbe la pressione sulle società e sui posti di lavoro.

Un maggior numero di test anziché il lockdown

Dal punto di vista di Swissmem, a parte seguire le regole di igiene, scaricare l'applicazione Covid e usare le mascherine, va anche ampliata la strategia di test. Il maggior numero possibile di test rapidi deve essere messo a disposizione dei dipendenti e di chi viaggia per affari. Con questa sicurezza, le restrizioni di movimento e le regole di quarantena potranno essere allentate: entrambi questi fattori sono ostacoli che impediscono enormemente l'acquisizione di ordini e causano costi elevati, anche quando poi non si registra alcuna infezione, viene fatto notare.

Attualmente, la maggior parte dei contagi avviene nella vita privata, ricorda Swissmem. È quindi responsabilità personale di tutti gli abitanti della Svizzera esercitare la necessaria cautela in tale ambito. Le regole di distanza e di igiene devono essere mantenute anche in questo contesto, sebbene sia comprensibilmente difficile farlo. Se si verificasse un altro confinamento sarebbero inevitabili ulteriori perdite di posti di lavoro, mette in guardia l'organismo padronale.

© Regiopress, All rights reserved