laRegione
Nuovo abbonamento
Meno copertura a causa della volatilità dei mercati (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
14 ore
Via libera alla fusione tra Osram e Ams
La commissione europea ha approvato il matrimonio tra la società tedesca e quella austriaca
Economia
15 ore
Lufthansa, ora il maggior azionista è il governo tedesco
La partecipazione statale è del 20,05%. Nel quadro del piano di aiuti da 9 miliardi, la Germania ha acquistato azioni per 300 milioni di euro
Economia
3 gior
Crypto International licenzia quasi tutti i suoi dipendenti
La mancata licenza d'esportazione impone una drastica scelta: l'azienda intende tagliare 83 dei suoi 85 impiegati in Svizzera
Economia
4 gior
Quattro novi Citylink sui binari ungheresi
Il gruppo turgoviese Stadler consegnerà quattro tram-treni supplementari alle ferrovie magiare,
Economia
6 gior
L'oro vola sopra i 1'800 dollari, prima volta da 2011
La volata è legata ai bassi tassi di interesse e all'aumento dei casi di coronavirus che hanno innescato la corsa al bene rifugio
Economia
6 gior
Il coronavirus incide poco sui tassi ipotecari
Lo indica MoneyPark. Alla fine di giugno, il tasso di riferimento era dell'1,20% per le ipoteche a 10 anni e dell'1,02% per quelle a 5 anni
Economia
6 gior
Coronavirus, utili in calo del 31% per le aziende svizzere
Le aziende industriali sono quelle che hanno sofferto di più, mentre le grandi imprese hanno mostrato una resistenza migliore rispetto alle Pmi
Economia
6 gior
Commercio al dettaglio, forte aumento delle vendite in maggio
Crescita del 6,6% grazie all'allentamento delle misure adottate per contrastare la diffusione del coronavirus
Economia
1 sett
L'immigrazione non sottrae lavoro agli svizzeri
Il sedicesimo rapporto della Seco: Con la
Economia
1 sett
Macy's taglia 3'900 impieghi per far fronte al calo-vendite
L'ombra lunga del coronavirus non risparmia la catena di negozi statunitense: forza lavoro ridotta del 3 per cento circa
Economia
1 sett
Le Pmi svizzere prevedono esportazioni al minimo storico
Il calo del clima del settore e la relativa crisi sono legati strettamente alla pandemia di covid-19. Secondo un sondaggio, le aziende temono il futuro
Economia
1 sett
Cornèr lancia una nuova piattaforma digitale d'investimento
Si chiama 'Invest' e propone una navigazione intuitiva anche a chi non dispone di conoscenze informatiche sofisticate
Economia
1 sett
Dufry, a causa del virus costi del personale da ridurre
L'azienda specializzata nel commercio al dettaglio esentasse, ridurrà i costi attraverso prepensionamenti e licenziamenti
Economia
1 sett
Dalle banche ticinesi 1,2 miliardi di franchi in crediti Covid
Assemblea annuale dell'Abt (che quest'anno festeggia il suo centesimo anniversario): tra bilancio post pandemico e riconferma del presidente Petruzzella
Economia
1 sett
Credit Suisse rileva il 35% della banca digitale Modalmais
La transazione per l'acquisto del capitale azionario della società brasiliana si aggira attorno ai 5 miliardi di real brasiliani (circa 900 milioni di franchi)
Economia
2 sett
Caduta 'vertiginosa' dei posti di lavoro disponibili
Adecco Svizzera fotografa la situazione economica dovuta al Covid e indica la situazione ben più grave della crisi finanziaria del 2008-2009
Economia
12.05.2020 - 12:090
Aggiornamento : 15:49

Il coronavirus 'infetta' anche la copertura delle casse pensioni

La percentuale delle coperture insufficienti è aumentata del 1,1% a 25,4% e si prevede che la tendenza continui nel corso del 2020

l coronavirus ha colpito in modo pesante gli istituti di previdenza svizzeri. A causa delle forti correzioni di mercato da metà febbraio, è calato il grado di copertura medio e, di riflesso, è aumentata la quota delle casse pensioni con una copertura insufficiente. La crisi ha inoltre accentuato il problema delle aliquote di conversione troppo elevate.

A tali conclusioni è arrivata la Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale (Cav Pp), che oggi ha pubblicato il suo annuale rapporto d'attività, presentandolo alla stampa. Il documento solitamente consente una visione d'insieme della situazione finanziaria del sistema alla fine dell'anno precedente, ma visto il contesto attuale sono stati effettuati ulteriori calcoli utilizzando i dati aggiornati al 30 aprile.

Restando sul 2019, gli istituti di previdenza svizzeri hanno registrato rendimenti patrimoniali netti medi molto elevati (+10,4% contro il -2,8% del 2018). Il processo di concentrazione del secondo pilastro è proseguito, dato che il numero delle casse pensioni è sceso di nuovo.

Grado di copertura, molte situazioni insufficienti

Negli ultimi anni, grazie a rivalutazioni, gli istituti di previdenza hanno conseguito rendimenti superiori alla media nelle categorie d'investimento azioni, immobili e obbligazioni. Alla fine dello scorso anno dunque la copertura era buona, nonostante i bassi tassi d'interesse.

Il grado di copertura medio ammontava infatti al 111,6%, contro il 106,4% del 2018. A fine aprile tuttavia, in piena crisi Covid-19, tale valore era già diminuito, attestandosi al 105,6%. La percentuale delle situazioni insufficienti è pertanto schizzata in quattro mesi dall'1,1% al 25,4%. Per quanto riguarda gli istituti degli enti di diritto pubblico con garanzia dello Stato, nel 2019 il grado di copertura è cresciuto dal 77,7% al 79,8%, per poi subire una flessione da gennaio al 75,5%.

Entro la fine del 2020 vi sarà un aumento significativo delle coperture insufficienti, che con il tempo andranno risanate. L'effettiva portata di tale fenomeno dipenderà dall'andamento dell'epidemia, ha detto ai media riuniti a Berna Vera Kupper Staub, presidente della CAV PP. Comunque, grazie alla loro buona situazione precedente, se sarà possibile limitare gli effetti macroeconomici negativi del coronavirus, nella maggior parte dei casi gli istituti di previdenza saranno in grado di far fronte a medio termine alle ripercussioni sulla loro stabilità finanziaria.

Alto tasso di conversione è pericolo numero uno

La minaccia principale nel secondo pilastro è costituita dalle aliquote di conversione troppo elevate. Nonostante ulteriori riduzioni, a fine 2019 i tassi d'interesse garantiti (2,64%) erano nettamente superiori al tasso d'interesse tecnico medio (1,88%). Ciò comporta rischi di finanziamento e una ridistribuzione. Un'altra conseguenza è che le riserve di fluttuazione non hanno potuto essere interamente alimentate e attualmente raggiungono solo il 65% del valore posto come obiettivo.

La ridistribuzione a carico degli assicurati attivi ha vissuto un sensibile incremento in dodici mesi, passando da 5,1 miliardi a 7,2 miliardi. Poiché il livello dei tassi d'interesse è ancora sceso, quelli tecnici hanno dovuto essere ridotti in misura ancora più drastica rispetto al passato.

L'aumento della ridistribuzione è dovuto principalmente al fatto che, di conseguenza, è stato necessario impiegare più capitale per il finanziamento a posteriori delle rendite correnti. Inoltre, ciò ha comportato anche maggiori perdite da pensionamento. L'entità della ridistribuzione a carico degli assicurati attivi, pari allo 0,8% del capitale di previdenza, è tornata a un livello simile a quello del 2017 e rimane considerevole.

Fondazioni di libero passaggio a rischio

I tassi d'interesse negativi hanno colpito particolarmente le fondazioni di libero passaggio, tanto da metterne a rischio la sopravvivenza, ha messo in evidenza il direttore della CAV PP Manfred Hüsler. A suo avviso, la pressione su di loro crescerà ulteriormente, perché questi istituti riceveranno ancora più averi di libero passaggio a causa dell'aumento della disoccupazione dovuto alla recessione.

Nel peggiore dei casi, ha avvertito Hüsler, si profila il rischio di liquidazioni, con pesanti conseguenze per gli assicurati. Solo modificando le disposizioni di legge si potrà pensare di invertire la tendenza. L'applicazione di un tasso d'interesse negativo non è infatti al momento giuridicamente ammissibile sugli averi di libero passaggio.

Serve adeguamento legge

In merito alle prospettive è stato sottolineato che un sistema di capitalizzazione come quello del secondo pilastro deve essere in grado di far fronte a fasi di elevata volatilità sui mercati finanziari. Nella maggior parte dei casi le casse pensioni agiscono quindi come investitori a lungo termine, accettando eventualmente anche coperture insufficienti sul breve periodo.

Nel contempo, la capacità di risanamento di molti istituti di previdenza è limitata poiché, visto che questi ultimi esistono da molto tempo in Svizzera, i capitali hanno assunto particolare importanza e allo stesso tempo gli importi delle rendite in termini assoluti sono garantiti. I beneficiari non possono essere chiamati al finanziamento di questi risanamenti.

L'emergenza Covid-19, ha affermato Kupper Staub, ha reso ancora più urgente la necessità di adeguare i parametri tecnici previsti dalla legge, in particolare l'aliquota minima di conversione, alle mutate realtà economiche e demografiche. Il problema non va trascinato, ha aggiunto. Una riforma per portare il tasso dal 6,8% al 6% è in fase di consultazione, dopo vari tentativi falliti in passato.

© Regiopress, All rights reserved