laRegione
Nuovo abbonamento
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Economia
Economia
2 ore
Non è tutto oro quel che luccica... ma averne di once
Il prezzo del prezioso metallo resta sui massimi degli ultimi anni segnando 1'783 dollari per circa 30 grammi.
Economia
17 ore
Via libera alla fusione tra Osram e Ams
La commissione europea ha approvato il matrimonio tra la società tedesca e quella austriaca
Economia
17 ore
Lufthansa, ora il maggior azionista è il governo tedesco
La partecipazione statale è del 20,05%. Nel quadro del piano di aiuti da 9 miliardi, la Germania ha acquistato azioni per 300 milioni di euro
Economia
3 gior
Crypto International licenzia quasi tutti i suoi dipendenti
La mancata licenza d'esportazione impone una drastica scelta: l'azienda intende tagliare 83 dei suoi 85 impiegati in Svizzera
Economia
4 gior
Quattro novi Citylink sui binari ungheresi
Il gruppo turgoviese Stadler consegnerà quattro tram-treni supplementari alle ferrovie magiare,
Economia
6 gior
L'oro vola sopra i 1'800 dollari, prima volta da 2011
La volata è legata ai bassi tassi di interesse e all'aumento dei casi di coronavirus che hanno innescato la corsa al bene rifugio
Economia
6 gior
Il coronavirus incide poco sui tassi ipotecari
Lo indica MoneyPark. Alla fine di giugno, il tasso di riferimento era dell'1,20% per le ipoteche a 10 anni e dell'1,02% per quelle a 5 anni
Economia
6 gior
Coronavirus, utili in calo del 31% per le aziende svizzere
Le aziende industriali sono quelle che hanno sofferto di più, mentre le grandi imprese hanno mostrato una resistenza migliore rispetto alle Pmi
Economia
1 sett
Commercio al dettaglio, forte aumento delle vendite in maggio
Crescita del 6,6% grazie all'allentamento delle misure adottate per contrastare la diffusione del coronavirus
Economia
1 sett
L'immigrazione non sottrae lavoro agli svizzeri
Il sedicesimo rapporto della Seco: Con la
Economia
1 sett
Macy's taglia 3'900 impieghi per far fronte al calo-vendite
L'ombra lunga del coronavirus non risparmia la catena di negozi statunitense: forza lavoro ridotta del 3 per cento circa
Economia
1 sett
Le Pmi svizzere prevedono esportazioni al minimo storico
Il calo del clima del settore e la relativa crisi sono legati strettamente alla pandemia di covid-19. Secondo un sondaggio, le aziende temono il futuro
Economia
22.02.2019 - 06:200

L’integrazione è conveniente

Compasso è il portale informativo che aiuta le Pmi nel percorso di recupero professionale

Un infortunio grave e improvviso, una malattia che richiede cure prolungate o un ‘burnout’ – un crollo psicofisico – di un quadro o un dirigente. Sono tutte casistiche che capitano e che mettono in difficoltà per prima cosa il lavoratore, leso nella sua integrità fisica, ma anche l’impresa che si trova ad affrontare l’emergenza di coprire nell’immediato il vuoto nell’organico e soprattutto il successivo reintegro professionale del suo dipendente. La tentazione di scaricare tutto il peso sulle assicurazioni sociali è forte, se l’impresa non ha la dimensione ideale per cercare di accelerare il rientro in azienda di un infortunato magari, in una mansione più adatta al suo attuale stato di salute in attesa di un pieno recupero.

Proprio per venire incontro alle esigenze delle piccole e medie imprese, dieci anni fa è stata costituita l’associazione ‘Compasso’ promossa dall’Unione svizzera degli imprenditori (Usi). L’associazione si prefigge, con una serie di strumenti anche molto pratici (sul sito www.compasso.ch ci sono tutti i particolari, ndr) di seguire l’impresa associata nella gestione di un caso di reintegro professionale, dall’annuncio dell’infortunio alla risoluzione dello stesso.

Molto nota nella Svizzera tedesca e in quella francese, l’associazione Compasso si sta facendo conoscere anche a Sud delle Alpi grazie alla Camera di commercio e l’Associazione delle industrie ticinesi. Ma qual è il modus operandi di Compasso? «Far dialogare i tre soggetti coinvolti nell’integrazione professionale post infortunio o malattia: aziende, lavoratori e assicurazioni sociali (Ai e Suva su tutti)», ha spiegato ieri pomeriggio Marin Kaiser, presidente di Compasso e responsabile della politica sociale per l’Usi.

Dieci anni fa, la situazione dell’Assicurazione invalidità era molto critica con un debito cumulato di circa 15 miliardi di franchi, ha ricordato Kaiser. In collaborazione con l’organizzazione mantello delle organizzazioni dei disabili, l’Unione svizzera degli imprenditori ha ritenuto che bisognava fare qualcosa. L’idea di fondo era quello di evitare per prima cosa che aumentassero i beneficiari di rendite. E a distanza di un decennio in parte l’obiettivo è stato raggiunto visto che ora il debito dell’Ai è sceso a 10 miliardi. «Non è più un’assicurazione pensionistica, ma un’assicurazione di integrazione. Secondo la Conferenza nazionale per l’integrazione delle persone disabili nel mercato del lavoro, grazie alla cooperazione mirata tra l’Ai e i datori di lavoro, più di 100mila persone sono state in grado di mantenere il proprio posto di lavoro negli ultimi cinque anni oppure, nonostante la disabilità, trovarne uno nuovo», ha ricordato Kaiser.

Oggi Compasso conta circa 90 sponsor principali e membri. Dai piccoli ai grandi datori di lavoro, privati e pubblici, organizzazioni per disabili, assicurazioni private, la conferenza degli uffici Ai, la Suva, l’Helsana, e recentemente anche l’assistenza sociale e l’assicurazione contro la disoccupazione. Travailsuisse è anche la prima unione sindacale nazionale ad aderire a cui si è aggiunta la Fmh, rappresentata dalla società degli psichiatri. È stato quindi possibile sviluppare strumenti di integrazione gratuita per tutti i datori di lavoro e le altre parti interessate.

Numero di rendite dimezzate

«È anche grazie a questo impegno e alle modifiche legislative sulle assicurazioni sociali occorse nel tempo, se è stato possibile dimezzare in dieci anni (dal 2003) il numero di nuovi beneficiari di rendite a circa 13mila l’anno e mantenerlo stabile da allora», ha ricordato Kaiser. Rimane molto lavoro da fare per quanto riguarda i più giovani. «Ancora oggi ogni anno si annunciano 3mila giovani sotto i 30 anni all’assicurazione invalidità. Una cifra troppo alta», ha ricordato il presidente di Compasso.

Da qui l’invito al mondo imprenditoriale a fare di più per cercare di ridurre questo numero e soprattutto diminuire il tempo di assenza dal posto di lavoro. Gli strumenti legali e operativi ci sono, basta utilizzarli.

© Regiopress, All rights reserved