La recensione

Sentirsi abbandonati, soli, ‘Estranei’ nel mondo

È in sala il film di Andrew Haigh, tragica esposizione della solitudine e del lutto liberamente tratta dall’omonimo romanzo di Taichi Yamada

Un dramma puro, senza possibilità di scampo
4 marzo 2024
|

“Ogni creatura sulla terra, quando muore, è sola”, questo è ciò che Donnie Darko diceva alla sua psicologa, in maniera chiaramente pessimistica, ricordando il comportamento del suo cane che, per esalare i suoi ultimi respiri, si rintanò in un cantuccio, in disparte. La possibilità di morire in solitudine è forse la più grande paura dell’essere umano ed è un aspetto centrale del film ‘Estranei’, diretto da Andrew Haigh e liberamente tratto dall’omonimo romanzo di Taichi Yamada. Un dramma puro, senza possibilità di scampo, spietato e che annichilisce totalmente un protagonista già pesantemente sconfitto, deluso dalla vita e che riesce ad afferrare qualche spiraglio di felicità, solo per poi vederlo dissolversi e piombare a dirotto in un abisso ancora più oscuro.

Adam è uno sceneggiatore con il blocco dello scrittore e depresso; vive in solitudine nel suo appartamento a Londra, in un condominio quasi disabitato. Una sera Harry, giovane inquilino del palazzo, si presenta alla sua porta per cercare compagnia, flirtando con lui: dopo un primo rifiuto di Adam, i due iniziano a frequentarsi e instaurano una relazione amorosa. Adam sta scavando nel proprio passato per il suo scritto, quindi si reca spesso a Croydon, nella vecchia casa di famiglia, dove passa molto tempo a parlare con i propri genitori, morti molti anni prima. Nel tentativo di lasciarsi alle spalle il trauma e le allucinazioni, si avvicina sempre più a Harry, anch’egli celante delle ferite; i due sono uniti anche da un passato di abusi e repressione dell’omosessualità, quindi Adam cerca di trovare il coraggio e la forza di cambiare, per sentirsi finalmente meno solo.

‘Estranei’, titolo e parola che descrive la condizione che molti omosessuali hanno dovuto o devono tutt’ora provare, un sentirsi diversi che può portare una persona a chiudersi in sé stessa. Andrew Haigh costringe lo spettatore a osservare da vicino il personaggio principale, con piani stretti e lunghe inquadrature, quinte di parti dei corpi che invadono il quadro e costringono i volti, come a sottolineare il complicato disagio del contatto di un uomo, Adam, in costante ricerca d’affetto, senza che però egli riesca ad afferrarlo. Nonostante qualche imperfezione nel ritmo, è ben gestita la spirale che aggroviglia mente e cuore di Adam, nella sua discesa lenta e inesorabile, quindi lo spettatore non può che restare impietosito dalle tristi circostanze che l’uomo è costretto a vivere. Il lutto che l’ha colpito e che non riesce a elaborare, lo stesso che l’ha portato a una profonda sensazione di abbandono, si alimenta nelle conversazioni con i genitori inesistenti, che dicono probabilmente quello che vorrebbe farsi sentir dire, parole motivazionali che gli infondono la speranza di un miglioramento, ma al tempo stesso rendono più difficile, per lui, lasciarli andare. Harry lo aiuta come può per farlo uscire dal suo limbo, tuttavia anch'egli soffre una condizione simile, che sopprime drogandosi e bevendo, rischiando di diventare, così facendo, solo un altro elemento traumatico della vita di Adam.

‘Estranei’ è un film che, proprio come ad Adam, sembra voler aprire porte che conducono a luoghi ameni ma, una volta varcata la soglia, cade un sipario che rivela un mondo cupo e vuoto, senza amore, nonostante il continuo ritorno delle note di ‘The Power of Love’ dei Frankie Goes to Hollywood, portatori, certo, di un messaggio di buon auspicio per il futuro, espresso però con una melodia malinconica, che nasconde un certo mal de vivre.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE