ULTIME NOTIZIE Culture
recensione
6 ore

La mafia? Va spiegata ai più giovani

Ottavia Piccolo è Elda Pucci sul palco del Teatro di Locarno dove, nel fine settimana, è andato in scena lo spettacolo ‘Cosa Nostra spiegata ai bambini’
Scienze
6 ore

È la notte della Miniluna, la più piccola dell’anno

In questo caso la Luna piena è vicina al punto della sua orbita più distante dalla Terra (apogeo) e appare leggermente più piccola rispetto al solito
classica
7 ore

Incontro con il compositore Francesco Hoch

In occasione dei suoi ottant’anni, l’associazione Ricerche musicali nella Svizzera italiana propone l’appuntamento martedì 7 febbraio, al Conservatorio
Scienze
9 ore

Nello spazio, come uno scoiattolo ibernato

I segreti circa le funzioni vitali durante il letargo potrebbero aiutare gli astronauti nelle missioni spaziali di lunga durata
Società
10 ore

Da Catania al Ticino, oggi è il giorno di Sant’Agata

Ricorre oggi la festa della giovanissima martire catanese, morta nel 252 d.C. e venerata, fra l’altro, come protettrice delle donne con patologie al seno
recensione
10 ore

L’Osi in Auditorio per una splendida ‘Ramifications’

Il concerto dell’Orchestra della Svizzera italiana diretta per l’occasione dal violoncellista Jean-Guihen Queyras ha registrato il sold out
Scienze
1 gior

Giove fa il record di lune: altre 12 scoperte, ora sono 92

Il grande pianeta strappa il primato a Saturno che ne ha 83. I nuovi satelliti hanno un diametro compreso fra 1 e 3 chilometri
Culture
1 gior

A Bologna come a Pompei, anzi meglio

Una grande mostra al Museo di archeologia dedicata alla pittura romana, dalla ‘più grande pinacoteca dell’antichità al mondo’
Società
1 gior

Diabolik, Eva Kant compie 60 anni

L’esordio dell’affascinante compagna del protagonista nel terzo numero del fumetto nel ’63. La Zecca italiana emetterà una moneta da collezione
Microcosmi/Microcinema
1 gior

Cinelario. Esserci, è la parola.

A Menaggio, la sala animata da ‘cineD’AUTORE’ è un valore per una comunità piuttosto povera di iniziative culturali, uno spazio per creare relazioni
La recensione
1 gior

Accorsi e Finzi Pasca, gioie e dolori del calcio

Sala Teatro piena, giovedì sera al Lac, per la prima luganese di ‘Azul’
Culture
1 gior

La tensione verso l’infinito del testardo Anton Bruckner

A colloquio col Maestro Francesco Angelico, che dirigerà l’Ottava sinfonia del compositore austriaco con l’Orchestra sinfonica del Conservatorio di Lugano
Giornate del Cinema
24.01.2023 - 07:20
Aggiornamento: 15:51

A Soletta, storie di impegno politico e civile

Proponiamo una rassegna di tre film visti finora alla 58esima edizione del festival: ‘This Kind of Hope’, ‘Breaking the Wall’ e ‘Jours de fêtes’

di Antonella Montesi
a-soletta-storie-di-impegno-politico-e-civile
Giornate del Cinema di Soletta
‘This Kind of Hope’ racconta l’odissea di Andrei Sannikov

Questa 58esima edizione delle Giornate di Soletta è quasi in dirittura d’arrivo. Mai come quest’anno, tra i 217 film selezionati, si è visto tanto impegno politico e civile, senza però dimenticare di rendere omaggio al cinema tout court.

Il film d’apertura ‘This Kind of Hope’, di Pawel Siczek, racconta l’odissea di Andrei Sannikov, ex diplomatico bielorusso e oppositore del regime di Lukashenko. Sette anni di materiale girato racchiusi in un montaggio di novanta minuti: ritmo forte, una musica che scandisce il tempo e che sottolinea una tensione continua, come in un western, anzi in uno spaghetti western: queste le parole di David Langhard, giovane compositore alla sua prima colonna sonora. Tra i momenti più toccanti di questo documentario, senz’altro le riprese private della famiglia Sannikov, dove il figlio piccolo dà la sua definizione di libertà: un uccello che fugge dalla gabbia… metafora anticipatrice di quello che sarà il destino di Sannikov stesso.

‘Mi sono salvata scrivendo poesie’

Con ‘Erica Jong - Breaking the Wall’ di Kaspar Kasics, si torna invece a una biografia prettamente occidentale, quella della scrittrice Erica Jong. A quasi ottant’anni troviamo una donna bella, intelligente, colta e piena di vita, che ci guida con sincerità e ironia nel viaggio della sua vita, una vita piena di eventi e persone stimolanti – la famiglia d’origine russo-ebraica ashkenazita; la madre che le ha insegnato soprattutto a credere nella fantasia; i quattro matrimoni, tra cui quello con lo psichiatra d’origine asiatica, Jong, di cui porta il nome –. Una vita segnata da un evento la cui portata poteva essere devastante: il successo mondiale del suo libro ‘Paura di volare’ a soli 31 anni, quasi 13 milioni di copie vendute, la sorella maggiore, Claudia Mann, che, da allora, non le parla più perché le rimprovera di aver sbandierato i segreti di famiglia. Erica Jong, in un’intervista di repertorio si domanda: "Come mi sono salvata da tutto ciò? E risponde: "Scappando in Connecticut e scrivendo poesie…tutta la mia attività si basa sulla poesia".

Il film è anche un bellissimo viaggio per immagini attraverso New York, dal panoramico appartamento della scrittrice agli allenamenti a Central Park con il personal trainer – con una divertente Erica Jong che, mentre esegue un esercizio dietro istruzione del suo allenatore, si chiede: "Ma i piccioni lo sanno che sto facendo la figura del piccione?" –. E poi Venezia, dove ha scritto ‘Serenissima’, e poi la casa immersa nella natura in Connecticut.

Il film è molto generoso, perché la protagonista è molto generosa e non risparmia informazioni e riflessioni da condividere con il pubblico, come: "Cosa sarebbe Shakespeare senza sesso?".

La verità come mezzo per la libertà e l’immaginazione come step per arrivare all’attuazione: questo il messaggio di Erica Jong, grande personaggio, troppo ricco e complesso per essere racchiuso nello stereotipo femminista.

Quattro storie a San Pietroburgo

Terzo film di questa nostra personale rassegna è una prima mondiale, ‘Jours de fêtes’, di Antoine Cattin. In un momento storico quale quello che stiamo vivendo, dove Russia è diventato sinonimo di guerra e sconcerto, godere di un film che sappia comunicare la ricchezza e la contraddizione intrinseca di questo paese, è un piacere. San Pietroburgo vissuta attraverso le storie di quattro personaggi estremamente eterogenei tra loro: un kazako in cerca di un futuro migliore; una giovane conducente di tram e xenofoba alla conquista del potere; una matura ed elegante signora che sogna la pensione e un giovane arrampicatore di edifici in cerca di fama e affari. Le loro storie si dipanano in una San Pietroburgo teatro di varie feste nazionali – dal 9 maggio, giornata della vittoria sui nazisti, all’8 marzo, festa della donna –, città dalla bellezza struggente e luogo d’incontro, durante queste giornate festive, delle varie etnie dell’ex universo sovietico.

Quello che rimane di questo film, è lo sguardo positivo e fiducioso dei giovani protagonisti, nonostante le avversità del quotidiano e la loro capacità di sorridere e, perché no, ridere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved