ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
11 ore

Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.

Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Spettacoli
11 ore

È San Valentino anche a teatro, ecco gli eventi al Foce

Dall’omaggio a Gaber ai balli caraibici, dagli spettacoli sulle e con le donne alla Riviera adriatica in foto
Culture
12 ore

‘Leggere Lolita a Teheran’, voce (e sostegno) alle donne

Al Lac una riflessione sulla situazione in Medioriente con brani dal libro di Azar Nafisi; ma anche la danza de ‘Gli anni’ con Marta Ciappina
Sanremo
13 ore

Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)

Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
14 ore

La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi

A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
14 ore

‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità

A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
16 ore

La solitudine di Ulisse e la cecità umana

Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
Sogno o son Festival
16 ore

Giorgia e Sanremo, parole dette bene

Dal 1993 a oggi, ogni sua apparizione all’Ariston è degna di essere ricordata: ‘Torno per rimettermi in gioco, anche se non ho mai smesso di farlo’
Sogno o son Festival
18 ore

Sanremo s’è desta, Blanco devasta

Prima serata, la lezione di educazione civica di Benigni, quella di diseducazione del rapper (?), che rende meno bella la Festa della Repubblica
Sogno o son Festival
22 ore

Sanremo, comanda Mengoni (le pagelle, prima serata)

Nella notte della Repubblica, alla fine della gara, ‘Due vite’ è in testa, Elodie è seconda, Anna Oxa ultima. I voti e la classifica generale
02.12.2022 - 18:40

Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre

Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi

lugano-applaude-umberto-tozzi-una-canzone-e-per-sempre
Ti-Press
Umberto Tozzi, 70 anni

Tira un moccolo silenzioso il cameriere della Pizzeria Il cantinone. "Ma certo! È la sera del grande Umberto!", e capisce di essersi scordato di cambiare il turno; ci offriamo di prendere noi le ordinazioni, che tanto l’Umberto l’abbiamo visto così tante volte che ormai non è più un concerto, è un pellegrinaggio. Ma gestire una sala è un’arte e ci vuole un artista. Come sul palco.

Lugano, Palacongressi, uno di quei posti in cui alcune persone emettono dei suoni da strumenti opportunamente concepiti e che uniti tra loro producono gradevolissime sensazioni fisiche; le sensazioni possono diventare gradevolissimissime laddove accompagnate dal canto e dalla poesia (il pensiero potrà risultare opinabile, ma "Apri la porta a un guerriero di carta igienica", a modo suo, è poesia). Si chiamano ‘canzoni’ e Umberto Tozzi – settant’anni, da Torino – ha una certa collaudata dimestichezza con la categoria degli inni, tutti innescati come detonatori, dosati nello spettacolo come farebbe una ditta di fuochi d’artificio, fino all’ordigno conclusivo.

È la festa di ‘Gloria’, che dà il titolo al ‘Gloria Forever Tour’. L’Umberto che si è da poco tolto di torno un tumore è in voce e può snocciolare – a partire da ‘Notte rosa’ – la consueta impressionante serie di hit. Da un po’ di tempo a questa parte i brani dei concerti quelli sono, ma anche cambiando l’ordine dei successi il prodotto non cambia. E dunque su ‘Gente di mare’ la gente di lago va, su ‘Gli altri siamo noi’ si sente noi e gli altri, e su ‘Io camminerò’ cammina. Lungo il viaggio, l’Umberto si mette in modalità serenata – voce, sedia e chitarra acustica –, e una volta datosi del privilegiato per aver vissuto una irripetibile generazione di artigiani della canzone, rende omaggio a Simon & Garfunkel con ‘The Sound Of Silence’ e a Lucio Battisti ("Il più grande di tutti") con ‘I giardini di marzo’, e al Palacongressi si sta come di notte in riva al mare davanti al falò. "Cantala pure da sola", risponde alla fan che chiede ‘Zingaro’ (1978, dall’album ‘Tu’): "È orribile. Ho fatto anche canzoni molto brutte", dice; e chi siamo noi per rispondergli che a noi invece piace. E dunque tributa se stesso in ‘Donna amante mia’ e ‘Perdendo Anna’.

Conclusa la funzione religiosa ‘Si può dare di più’, nella bella versione alternativa, seguono altre belle cose fino a ‘Io muoio di te’, anno 1994 di un Festivalbar vinto, sulla quale anche l’educata Lugano comincia a preparare l’invasione di campo. È qui che il pellegrinaggio, da alcuni anni, diventa nevrosi: ma come diavolo (eufemismo) avrà fatto l’Umberto a concepire ’ste cose che tutti cantano? Al millesimo ascolto di ‘Tu’, una combinazione melodico-armonica da montagne russe, l’idea è che il "dan, dabadan, dabadan" sia cavalcata di evidente ispirazione wagneriana. Fine della nevrosi; meglio cantare.

Qualunque sia l’ordine delle canzoni, al concerto dell’Umberto tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, un bagno che l’educata Lugano si concede sotto il palco battezzata dall’artista, prodigo di plettri della sua chitarra lanciati come riso sul sagrato. Poi tutti – lui e i bravi musicisti – si mettono in fila per il rito dell’inchino. "Ma il bis?", si chiede qualcuno in sala quando tutto è finito. Un bis dopo ‘Gloria’? Dopo quello che è successo? Non basterebbe Jovanotti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved