ULTIME NOTIZIE Culture
Illustrazione
1 ora

Contro il peso della guerra, Tove diede vita ai Mumin

Iperborea ripubblica a colori le storie della famiglia di troll che, con poesia e ironia, affrontano la quotidianità. Anche quella di oggi
classica
3 ore

Lo svizzero Aviel Cahn sarà direttore della Deutsche Oper Berlin

Il direttore teatrale, da quattro anni dirige il Grand Théâtre de Génève. Entrerà a pieno titolo nel ruolo tedesco nel 2026
Sanremo
3 ore

Il Sanremo di Morandi e Amadeus: ‘I superospiti sono in gara’

I temi della conferenza: dal bar di Monghidoro a Mahmood e Blanco, da ‘Volare’ a Zelensky, fino all’ordine di uscita delle prime due serate
Arte
3 ore

La pittura di genere e la sua funzione civile

Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
Sanremo
4 ore

Sanremo: Zelensky non in video, invierà un testo

Lo leggerà Amadeus. Il direttore di Rai 1, Stefano Coletta: ‘Il presidente non ha mai specificato che sarebbe stato un videomessaggio’
musica
5 ore

Una Tantum Trio apre i concerti ‘apérijazz’ 2023

Il concerto proposto da Jazz in Bess si svolgerà mercoledì 8 febbraio, alle 18
Spettacoli
5 ore

La forza dei pregiudizi in ‘Andorra’ di Max Frisch

Il Theater Kanton Zürich mette in scena al Teatro Sociale di Bellinzona la storia del giovane Andri, martedì 7 febbraio alle 20.30 (introduzione alle 20)
Arte
6 ore

I ‘Nuovi orizzonti’ di Joan Miró in mostra a Berna

Il Centro Paul Klee ospita fino al prossimo 7 maggio un’esposizione che mette in luce le opere tardive dell’artista spagnolo
Musica
7 ore

‘Non ho certezze, ho da darvi solo qualche piccola emozione’

Venticinque anni fa, l’ultimo – meraviglioso – concerto di Fabrizio de André in Ticino, al Palabasket di Bellinzona
Spettacoli
10 ore

L’album dell’anno è di Harry Styles. Måneskin a bocca asciutta

Grammy Awards, Beyoncé inizia bene e diventa la più titolata da sempre della cerimonia, ma ancora una volta per lei niente premi più prestigiosi
Spettacoli
10 ore

Grammy Awards, Beyoncé regina di tutti i tempi

Tre riconoscimenti ancora prima della serata di gala e altri due al suo inizio la consacrano come la più grande in assoluto
recensione
1 gior

La mafia? Va spiegata ai più giovani

Ottavia Piccolo è Elda Pucci sul palco del Teatro di Locarno dove, nel fine settimana, è andato in scena lo spettacolo ‘Cosa Nostra spiegata ai bambini’
Scienze
1 gior

È la notte della Miniluna, la più piccola dell’anno

In questo caso la Luna piena è vicina al punto della sua orbita più distante dalla Terra (apogeo) e appare leggermente più piccola rispetto al solito
classica
1 gior

Incontro con il compositore Francesco Hoch

In occasione dei suoi ottant’anni, l’associazione Ricerche musicali nella Svizzera italiana propone l’appuntamento martedì 7 febbraio, al Conservatorio
laR
 
25.11.2022 - 09:00
Aggiornamento: 15:11

Le ‘Fessure’ del Teatro delle Radici, o come riattaccare i cocci

Nuovo spettacolo scritto e diretto da Cristina Castrillo sulle fratture (della vita) e la difficoltà di rimettere assieme ciò che si rompe. A dicembre

le-fessure-del-teatro-delle-radici-o-come-riattaccare-i-cocci
Silvia Fanoni

C’è chi i cocci della tazza andata in pezzi li butta, chi prova a rimetterli insieme con l’attaccatutto sperando che le crepe si vedano il meno possibile. E poi ci sono i giapponesi, che evidenziano le linee di rottura coprendole di polvere d’oro. I ceramisti del Sol Levante usano il ‘kintsugi’ (letteralmente ‘riparare con l’oro’, tecnica di restauro ideata a fine del 1400) per riparare tazze in ceramica per la cerimonia del tè. «Ma tutti noi abbiamo cose spezzate».

Dalle fratture, dalla difficoltà di riparare ciò che viene rotto, danneggiato ha preso forma ‘Fessure’, nuovo spettacolo del Teatro delle Radici. «Di tutte le nostre rappresentazioni questa è la più difficile da descrivere – ci illustra Cristina Castrillo (che ne cura testi e regia) –. Io non ho mai rispettato la logica di una drammaturgia convenzionale, dunque i miei lavori sono sempre molto rotti. Questo, però, è proprio distrutto. ‘Fessure’, come le opere precedenti, nasce attraverso un dialogo approfondito con le persone con cui lavoro da anni, ed è il prodotto di una situazione che dura da parecchio tempo nella avvertiamo un profondo disagio». Disagio, tiene a sottolineare Castrillo, che non si è manifestato con la pandemia «ma si sentiva già prima. È il malessere del non sapere dove ubicarci: ci guardiamo intorno e vediamo una società che continua a raccontarci menzogne e proposte che sembrano slogan e non concetti. Abbiamo una sensazione di impotenza, di incapacità di come difendere ancora i valori che hanno sempre contraddistinto la nostra storia, professionale e personale». Ecco, ha«specificatamente» a che fare con questo, ‘Fessure’: «A come difendere una serie di qualità che sono state colonna portante sulla quale abbiamo costruito la maniera di intendere il nostro lavoro e pure le nostre vite, perché è difficile scindere le esistenze personali dal materiale creativo che ne emerge. Un materiale dalla realtà sempre diversa proprio perché, grazie ai tanti momenti che la mia compagnia trascorre assieme da sempre, si alimenta dei nostri vissuti, delle nostre preoccupazioni, del modo in cui vediamo il mondo, di come ci sentiamo in un determinato momento. Questo è uno dei principi che riusciamo a far vivere, perché il resto ci sta scappando dalle mani: la natura, il clima, la vita quotidiana, la cultura stessa. È una sensazione che abbiamo in noi e che viene da lontano e che in qualche modo ‘Fessure’ rappresenta».

Spettacolo scarno con il pubblico attorno

Per questo spettacolo «scarno» – Castrillo dixit – è stata pensata una struttura particolare e «diversissima dalle precedenti». Gli attori (Giovanna Banfi-Sabbadini, Bruna Gusberti, Ornella Maspoli, Massimo Palo, Nunzia Tirelli e Irene Zucchinelli) su un palco quadrato e gli spettatori disposti in un’unica fila lungo i quattro lati. «Non è stato semplice creare un lavoro che possa essere visto da quattro prospettive contemporaneamente con la stessa armonia – indica la regista –. Così come complicato è anche l’allestimento. Purtroppo il Ticino non ha spazi per rappresentazioni che escono dalla logica della presentazione frontale. Però mi piaceva questa idea di essere attorniati dal pubblico. Di norma sono io che prendo i biglietti degli spettatori, per me è un modo di accogliere nella nostra casa; avere le persone sedute vicinissimo a noi è come se fossero loro ad accogliere noi per quel poco che abbiamo da dire e da portare. Non so se abbiamo, se avremo la capacità di avere quel filo d’oro con il quale ricomporre le cose spezzate e che si rompono costantemente. Noi abbiamo provato a farlo alla nostra maniera, accompagnati dall’immagine della parola ‘kintsugi’, dal valore che c’è nell’arte di riparare con un filo d’oro ciò che si è rotto e di dargli nuova vita. È la definizione dell’arte di curare le ferite. L’ho trovata commovente, tutti noi la troviamo commovente. Però non so se ‘Fessure’ vuol essere o è un messaggio di speranza. Credo che il principio di speranza sia il fatto di sapere che ci sono cose sono rotte, che lo si voglia (o sappia) vedere o no, ognuno con la propria ottica. Forse la speranza sia è pensare che al ‘kintsugi’, all’arte di poter riparare quello che si è rotto, non occultando le ferite, bensì mostrandole. E questo mi pare un messaggio ottimista, molto di più di quanto io, più drastica rispetto ai miei attori (sarà l’età?) – risata – pensassi di fare».

‘Fessure’ (assistenza alla regia di Carlo Verre) andrà in scena dal 1° al 4 dicembre al Teatro delle Radici e dal 15 al 18 dicembre al Teatro Foce (ore 20.30, le domeniche alle 18). Posti limitati, prenotazione consigliata: info@teatrodelleradici.net o tradici@bluewin.ch; biglietteria.ch.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved