ULTIME NOTIZIE Culture
Lac
12 min

Ulisse Artico solo fra i ghiacci

Lina Prosa reinterpreta gesta e peripezie del mito classico in un futuro apocalittico. Ne abbiamo parlato con Carmelo Rifici, nel ruolo di regista.
Musica
3 ore

Bruno Maderna torna a casa con il suo ‘Satyricon’

Al Teatro Malibran di Venezia, un lavoro musicalmente perfetto, ben guidato da Alessandro Cappelletto. Non così lo spettacolo in generale.
Spettacoli
3 ore

Ornella Vanoni ha la febbre, salta il concerto di Lugano

Attesa il 3 febbraio al Palacongressi, la tappa luganese del tour ‘Le Donne e la musica 2023’ non ci sarà. I biglietti saranno rimborsati.
Spettacoli
3 ore

Israel Galván, il flamenco dell’Età dell’Oro

‘La Edad de Oro’ sabato 11 febbraio alle 20.30 al Lac, il grande bailador nel recupero di un’arte nel pieno del suo fulgore, qui infusa di modernità
Arte
4 ore

Gran Premio svizzero d’arte/Prix Meret Oppenheim, i vincitori

Premiati l’artista Uriel Orlow, il collettivo di architetti Parity Group e lo storico d’arte ed esperto di architettura Stanislaus von Moos
Spettacoli
5 ore

Locarno chiama, Peter Maffay risponde presente

Al rocker tedesco l’onore (e l’onere) di aprire l’edizione 2023 di Moon&Stars. Salirà sul palco di Piazza Grande giovedì 13 luglio
Musica
6 ore

Piotr Nikiforoff nuovo direttore dell’Orchestra Arcadia

Nato a Mosca nel 1978, risiede in Ticino dal 1995. Nel 2009 è entrato nell’Osi, con la quale continuerà la sua attività concertistica
L’intervista
12 ore

Ottavia Piccolo racconta Elda Pucci, sindaco di Palermo

Il 4 e 5 febbraio a Locarno, l’attrice porta in scena ‘Cosa nostra spiegata ai bambini’, storia di una donna retta dunque scomoda, che non va dimenticata
Musica
14 ore

Grande jazz a Chiasso: Paolo Fresu e Dave Holland, per gradire

Svelata, con preziosa parentesi live, la XXIV edizione del Festival di cultura e musica jazz, dal 9 all’11 marzo con ‘inserto’ femminile
Distopie
15 ore

‘Il mondo nuovo’ di Huxley, che fece letteratura con la scienza

Esiste un romanzo distopico di soli personaggi negativi, senza uno scettico o una ribelle, e il bene che provi a contrastare il male?
Sanremo
23 ore

I Depeche Mode ospiti alla serata finale di Sanremo

Il gruppo britannico, per la terza volta al festival, ha in uscita il nuovo album ‘Memento Mori’. A giugno l’unico concerto in Svizzera del tour mondiale.
Culture
1 gior

Alla scoperta de ‘Il capitale’ in compagnia di Paolo Favilli

A Mendrisio, il 5 febbraio, lo storico toscano discuterà della sua ultima opera ‘A proposito de Il capitale’ con Virginio Pedroni e Christian Marazzi
Spettacoli
1 gior

Niente tour europeo per Ozzy Osbourne

Problemi di salute costringono l’iconico rocker britannico a cancellare le sue esibizioni. E potrebbe essere il punto finale alle tournée classiche
Libri
1 gior

Trenta brevi racconti di Giuseppe Curonici

È nelle librerie ‘La donna che parlava lentamente’ (Interlinea), storie di quotidianità nelle quali è facile ritrovarsi.
Rsi
1 gior

Bentornati nel salotto di ‘Confederation Music Sessions’

Con Marco Kohler tra i contenuti della seconda stagione del format Rsi, dal 3 febbraio al 3 marzo, su YouTube, Play Suisse e poi in tv.
Culture
2 gior

Il Carnevale di Basilea come non l’avete mai visto

Lanterne, maschere, gruppi: il dietro le quinte segreto nel documentario ‘Yschtoo’ di Nicolas Joray. Al cinema Lux di Massagno mercoledì 1° febbraio
Spettacoli
2 gior

Raffaella Carrà diventa un’opera lirica

Debutterà al teatro Donizetti di Bergamo il prossimo settembre, nell’ambito delle iniziative per Brescia Bergamo capitale italiana della Cultura
Culture
2 gior

Nuova nomina per Franco Gervasoni

Il direttore generale della Supsi è stato nominato presidente della Camera delle scuole universitarie professionali di swissuniversities
Spettacoli
2 gior

Addio a Cindy Williams, protagonista di ‘Laverne & Shirley’

Fu Shirley assieme a Penny Marshall nella popolare sitcom. È morta a Los Angeles a 75 anni dopo una breve malattia
cinema
2 gior

‘I nuovi mostri’ al Palacinema di Locarno

Ospite del ciclo ‘10 Film Festival’, il direttore artistico del Fiff propone, giovedì 2 febbraio, la commedia satirica firmata da Monicelli, Risi e Scola
Spettacoli
2 gior

‘Dimenticando Gaber’ alla Cambusa di Locarno

L’attore e regista Emanuele Santoro, accompagnato dalla musica di Yara Mennel, propone un recital dei testi del cantautore meneghino, sabato 4 febbraio
Spettacoli
2 gior

Ai ‘Margini’ del mondo con Vischer, Lepori e Mourtzakis

La performance fra poesia e musica verrà interpretata dai tre protagonisti domenica 5 febbraio, alle 17, al Teatro San Materno di Ascona
Spettacoli
2 gior

Il futuro apocalittico di ghiacci sciolti con ‘Ulisse Artico’

Lo spettacolo scritto da Lina Prosa e diretto da Carmelo Rifici verrà rappresentato in prima nazionale martedì 7 febbraio (in replica l’8) al Lac
Locarno Film Festival
2 gior

Successione Marco Solari, c’è la commissione

Avanzerà al Cda proposte di possibili candidate o candidati alla successione di Solari. Sarà presieduta da Mario Timbal, direttore Rsi
L’intervista
2 gior

Le Donne, la musica e Ornella Vanoni

Superato l’incidente che ha fermato il tour, l’artista italiana sarà a Lugano venerdì 3 febbraio, con band tutta al femminile (galeotto fu Paolo Fresu)
Scienze
3 gior

Un chip per rilevare e prevenire i sintomi del Parkinson

È stato messo a punto dagli scienziati del Politecnico federale di Losanna. Utile anche nel campo dell’epilessia
Musica
3 gior

L’Orchestra della Svizzera romanda suonerà i Led Zeppelin

A curare gli arrangiamenti sarà il cantautore e produttore neozelandese Jaz Coleman, cantante della band britannica Killing Joke
L’intervista
23.11.2022 - 06:04
Aggiornamento: 16:27

Umberto Tozzi, fu vera ‘Gloria’

Il primo dicembre a Lugano, Palacongressi, dopo un tumore sconfitto: ‘Ho avuto paura. Il Gloria Forever Tour è quello che ci vuole per ricominciare’

umberto-tozzi-fu-vera-gloria
Ste Brovetto
Umberto Tozzi

Non è la prima volta che l’Umberto si ferma. Accadde nel 2017, quando all’Arena di Verona era tutto pronto per la festa dei quarant’anni di carriera, concertone con ospiti che da settembre slittò a ottobre. Allora, l’autore di ‘Ti amo’, ‘Tu’, ‘Gloria’, ‘Stella stai’ e altri favolosi successi non era troppo lontano da Piazza Bra, inchiodato da una diverticolite in un ospedale del Veronese. La notizia di un tumore alla vescica, sconfitto, con Covid annesso, sconfitto, è invece di qualche giorno fa: chiedere a Umberto Tozzi "come stai", quindi, va ben oltre i convenevoli. «Ora posso dire di stare bene, ma sono stati momenti non facili. La mente è stata attraversata da altri pensieri, la musica è passata in secondo piano, ho avuto paura di non poter più suonare, ma tutto si è risolto, sono tornato a vivere. ‘Gloria Forever’ può cominciare e non poteva esserci cosa migliore per tornare alla normalità».

‘Gloria Forever’, tour celebrativo che prende il titolo dalla canzone più importante di Umberto Tozzi, arriva a Lugano, Palacongressi, il primo dicembre alle 20.30 per volere di Horang Music (www.biglietteria.ch, per informazioni: www.horangmusic.com). Pubblicato nel giugno del 1979, il brano fu n. 1 in Svizzera, Francia e Spagna, n. 2 in Italia e nelle posizioni alte in Belgio, Germania (dell’Ovest) e Olanda. Nel 1982, grazie alla cover di Laura Branigan (1952-2004), quell’inno a metà tra nome di donna ed esortazione raggiunse il n. 2 della Billboard Hot 100 statunitense, e il n. 1 in Australia e Canada. Le altre versioni, incise da altri artisti – inclusa quella della London Symphony Orchestra – nemmeno si contano.

Di seguito, di ‘Gloria’, la genesi: «L’ho composta seduto a un pianoforte verticale, ho avuto questa idea strumentale, uscita molto rapidamente», ci racconta Umberto. «Non ho mai avuto bisogno di molto tempo per scrivere, è successo lo stesso per ‘Ti amo’, per ‘Tu’. Certo, su ogni canzone si fa poi un lavoro importante di arrangiamento, di realizzazione in studio, ma il momento di composizione nel mio caso ha tempi brevi. Nella storia di questo mestiere che è scrivere canzoni c’è chi lo ha fatto di getto, altri su un brano ci sono stati una vita. Paul McCartney si sognò ‘Yesterday’ di notte, e a me purtroppo non è mai capitato di sognarmi le canzoni. Non c’è un giorno giusto, o un momento giusto per scrivere. Ogni momento è quello giusto».

What a feeling

Su ‘Gloria’, l’orgoglio italico ebbe un primo sussulto nel 1983, quando in ‘Flashdance’ di Adrian Lyne la canzone accompagnò le evoluzioni di Jeanie, amica di Alex (Jennifer Beals). Lì, per la pattinatrice, non fu vera gloria, ma per la canzone – in una delle scene clou del film – sì.

Ancor più glorioso fu nel 2013 l’inserimento del brano in ‘The Wolf of Wall Street’ di Martin Scorsese, in altra scena clou: «È stato un momento molto emozionante», spiega Tozzi. «Intanto per la circostanza del film in cui è inserita, per la situazione molto dinamica, ma soprattutto perché ogni passato utilizzo di ‘Gloria’ aveva riguardato la versione di Laura Branigan. Scorsese invece ha voluto la versione originale, con la mia voce. L’ho vista come una conferma del valore della canzone». E con ‘The Wolf of Wall Street’, il 18enne Umberto deve aver fatto pace con la sua voce… «È vero, all’inizio non amavo riascoltarmi, ma succede un po’ a tutti. Magari non credi subito nelle tue potenzialità, fai fatica a prendere dimestichezza con il tuo suono. Sarebbe bello, quando si è giovani, avere tutte le sicurezze in anticipo…».

Capitol Hill

Diversa la reazione dell’Umberto di fronte ad altra colonna sonora. Il 6 gennaio del 2021, ‘Gloria’ accompagna il prologo dell’assalto a Capitol Hill: in un video postato da Trump jr prima del comizio di papà Donald, lo staff dell’allora presidente degli Stati Uniti fa riscaldamento sulle note di quella canzone. Tozzi sbrotta sui social, difendendo "un brano scritto per cantare la bellezza della vita e non come inno di rivolta".

Su quell’episodio, Tozzi oggi: «Mi era stato detto che ‘Gloria’ si sentiva spesso negli ambienti di Trump, trasmessa come una specie di inno ‘motivazionale’, non necessariamente legato alla campagna politica, ma anche in altri contesti legati al suo lavoro. Succede che la politica prenda le canzoni per sé, e succede anche che i cantanti autorizzino le loro canzoni, o vadano a suonare in contesti legati alla politica, sposando un candidato o un altro. Ma in quel caso ho trovato la cosa completamente fuori contesto, e soprattutto vedere una mia composizione legata a tutto ciò che è successo quel giorno, non proprio edificante per la storia americana, mi ha fatto male».

La canzone perfetta

"Chi l’avrebbe detto che sarebbe andata oltre Chiasso". «Sì, sono parole mie. Nessuno si aspettava il successo di ‘Ti amo’». Perché senza ‘Ti amo’ non ci sarebbe stata ‘Gloria’: «Credo che ‘Ti amo’ resti la mia canzone più importante. Era qualcosa di nuovo, ed è quello che poi fa la storia, essere nuovi, originali, nel suono e nella voce». Proprio parlando di ‘Ti amo’, che di solito arriva a inizio scaletta, alla vigilia del concerto di Lugano del 2017 chiedemmo a Tozzi il segreto della canzone perfetta, venendo invitati a chiedere a Paul McCartney. Cinque anni dopo, ci sono novità per noi? «No, non ho cose nuove da dire, non ci sono ingredienti particolari» (nel 2023 saranno quarant’anni da ‘Nell’aria c’è’. Magari non sarà la canzone perfetta, ma ci riproveremo...).

È tempo di Mondiali, chiudiamo col calcio. La storia dice che abbiamo perso un calciatore, ma guadagnato tante belle canzoni. «Sì, sono stato una promessa del calcio, ma non credo che vi siete persi un’occasione (ride, ndr)». E come la pubblicità del detersivo, l’Umberto non farebbe mai cambio: «Non sono uno che guarda indietro, non ho rimpianti. Semmai avrei voluto fare entrambe le cose, ma non si può avere tutto».


La ‘Gloria’ di Laura Branigan

Quella americana

‘Ha già venduto 30 milioni di copie, trenta’

"Le abbiamo dato un tiro più americano e abbiamo riscritto il testo, ecco com’è andata". Questo disse della sua ‘Gloria’ Laura Branigan, una gavetta nella band Meadow, un’esperienza come corista di Leonard Cohen e un album di debutto, ‘Branigan’, per il quale fu decisivo il secondo singolo: "Il mio produttore l’ha ascoltata in Europa, è dell’artista italiano Umberto Tozzi, ha già venduto trenta milioni di dischi, trenta", dice in tv Branigan nel 1982, sottolineando le vendite. Il produttore a spasso per l’Europa era l’ex calciatore Jack White, che produrrà la cantante, due anni dopo, anche in una nuova ‘Self control’ di Raf.

La ‘Gloria’ di Laura Branigan, s’è detto, salì fino al n. 2 in America, seconda solo a ‘Truly’ di Lionel Richie; guadagnò una nomination al Grammy per la Migliore performance vocale femminile e rimase nella Top 40 per 22 settimane. Co-produttore della versione americana è lo statunitense Greg Mathieson, che produttore lo fu pure di quella italiana e di tutto l’omonimo album (e di molti altri Tozzi su disco). Nelle session al di là dell’Atlantico suonano anche il batterista Carlos Vega, tra le stelle di quelle italiane, il bassista Bob Glaub (Dylan, Springsteen, Cohen, Jackson Browne) e il chitarrista Michael Landau (Miles Davis, Pink Floyd, oggi con James Taylor).

Dopo una carriera di alto livello, arrestatasi negli anni 90 per la morte del marito, Laura Branigan tornò sulle scene a inizio Duemila; nel 2002 fu Janis Joplin a Broadway nel musical ‘Love, Janis’; nel 2004, qualcuno sottovalutò i suoi forti mal di testa: la cantante morì nel sonno per un aneurisma cerebrale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved