ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
11 ore

Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura

Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Culture
15 ore

‘Il Sentiero della Gioia’ di Thomas Morelli, anteprima Ticino

Alla presenza del regista, il film sarà proiettato sabato primo ottobre a Locarno-Muralto, il giorno dopo a Lugano-Paradiso
Arte
15 ore

Louise Nevelson al Museo d’Arte Moderna di Ascona

Dal 2 ottobre all’8 gennaio 2023, ‘Assembling Thoughts’, un’ottantina di opere che ripercorrono la poetica dell’artista ucraina, naturalizzata americana
Video
Netflix
16 ore

‘The Crown 5’ il 9 novembre, c’è il trailer

Con Imelda Staunton a interpretare la Regina Elisabetta arriva il quinto capitolo. Un’anticipazione di 40 secondi durante Tudum, evento Netflix per i fan
Cinema
16 ore

Addio a ‘Mildred’ di ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’

È morta all’età di 88 anni Louise Fletcher, la Mildred Ratched del film culto di Milos Forman, ruolo che le valse un Oscar
Culture
16 ore

Poletti e le marionette, ‘dall’antico Egitto a Elvis Presley’

Michel Poletti e Lucia Bassetti protagonisti della conferenza in programma alla Biblioteca cantonale di Lugano il prossimo 29 settembre
Società
1 gior

Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni

L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
1 gior

‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’

Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
1 gior

Pietro Sarto all’infinito

‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
ISTANBUL
2 gior

Al capolinea la storia d’amore fra Mauro Icardi e Wanda Nara

Dopo la fine della love story fra il calciatore Francesco Totti e la showgirl Hilary Blasi l’annuncio di una nuova rottura
Culture
2 gior

È morta la scrittrice Hilary Mantel, fu due volte Booker

Nota come autrice della trilogia su Thomas Cromwell e come polemista, si è spenta all’età di 70 anni
Spettacoli
2 gior

Nino D’Angelo, ‘Il Poeta che non sa parlare’ a Lugano il 5 marzo

Fa tappa al Palacongressi la serie di concerti dell’artista napoletano, tra grandi successi e le canzoni dell’ultimo album, finalista al Premio Tenco
14.08.2022 - 13:30
Aggiornamento: 15:36

Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%

Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni

boom-di-spettatori-al-locarno-film-festival-60-4
Copyright: Locarno Film Festival - Alessandro Crinari

È decisamente positivo il bilancio della 75esima edizione del Locarno Film Festival, conclusa ieri, sabato 13 agosto: durante gli undici giorni della rassegna, sono stati in 128’500 tra spettatori e spettatrici ad assistere alle proiezioni, un aumento del 60.4% rispetto allo scorso anno. Piazza Grande ha fatto registrare 56’500, mentre nelle sale sono state contate 72’000 persone.

Per quanto riguarda i professionisti e le professioniste del settore, gli accrediti, inclusi quelli online, sono stati 3’530, di cui 1’380 rappresentanti dell’industria cinematografica e 706 giornalisti e fotografi. Ottimi anche i risultati della proposta online: sul sito ufficiale del Festival sono stati registrati 160’279 visitatori e visitatrici da tutto il mondo e 2’113’080 visualizzazioni di pagina.

Il presidente Marco Solari ha chiuso ufficialmente il 75esimo Locarno Film Festival: "Questo anniversario ha creato un ponte tangibile tra la nostra tradizione e l’innovazione a cui puntiamo per continuare a essere un Festival di primo piano a livello mondiale. La scelta di costruire un programma aperto anche ad altre iniziative e linguaggi si è rivelata vincente, confermando la città, la regione e il Cantone come un prezioso punto di riferimento culturale, e regalando al pubblico tanto la possibilità di sperimentare, quanto il piacere di rivivere in libertà le esperienze più amate. In questi undici giorni abbiamo toccato con mano il desiderio di partecipazione delle persone e la loro voglia di continuare a essere parte del Festival: non poteva esserci regalo più bello per festeggiare 75 anni di storia."

Il direttore artistico Giona A. Nazzaro ha commentato: "I premi assegnati tanto dalle giurie quanto dal pubblico riflettono la visione che ha guidato le nostre scelte artistiche. A Locarno75 il cinema si è confermato uno strumento imprescindibile per affrontare l’indicibile, il trauma, per avvicinarsi a ciò che sembra lontano, e per dare forma alla complessità del reale includendo le diversità. La risposta del pubblico e la sua apertura alle possibilità del linguaggio audiovisivo sono le premesse per proseguire su questa strada, per continuare a esplorare e ad anticipare le tendenze di un’arte che, come dimostra la storia di Locarno, riesce sempre a trovare mezzi espressivi per parlare al presente."

ll Managing director Raphaël Brunschwig ha tracciato un primo bilancio dell’edizione: "Come era nelle nostre intenzioni, Locarno75 è stata un’edizione più ricca che mai e caratterizzata da un dichiarato equilibrio tra innovazione e tradizione. Siamo ancora più convinti che l’evento di agosto sia il fulcro attorno a cui sviluppare un vero e proprio universo di iniziative ed eventi, l’asse portante capace di sostenere ciò che siamo e ciò che puntiamo a diventare. Lo hanno dimostrato le sale piene per i film della Retrospettiva, così come lo slancio giovanile dell’Atelier du Futur e del BaseCamp. Con la nostra squadra, che è alla base del successo di quest’edizione speciale, siamo pronti per accompagnare i nostri pubblici anche negli altri mesi dell’anno, in un laboratorio permanente che oggi non si chiude, ma riparte in vista di Locarno76."

Negli scorsi giorni si sono concluse anche le giornate e le attività dedicate ai professionisti e alle professioniste dell’industria cinematografica organizzate da Locarno Pro e da Open Doors. I due responsabili, Markus Duffner e Zsuzsi Bánkuti, hanno tracciato un bilancio positivo di questa edizione, in cui le attività in presenza e quelle online hanno permesso a tutti i professionisti e le professioniste del settore di prendere parte ai lavori. Locarno si riconferma quindi una piattaforma internazionale di rilievo per l’industria del cinema, e un luogo di dialogo e incontro per costruire il cinema di domani.

Il Palmarès del Festival 2022, così come gli articoli, la galleria fotografica, le conversazioni fra il pubblico e le personalità omaggiate e gli episodi del nuovo podcast Futurespectives sono disponibili su www.locarnofestival.ch.

Il 76esimo Locarno Film Festival si terrà dal 2 al 12 agosto 2023.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved