ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
1 ora

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
3 ore

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
3 ore

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
14 ore

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
19 ore

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
19 ore

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
20 ore

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
20 ore

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
21 ore

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
22 ore

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
Scienze
1 gior

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
Scienze
1 gior

Premio Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

I tre studiosi con le loro ricerche hanno aperto la strada ai potentissimi computer quantistici
L’intervista
1 gior

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior

Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian

La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
1 gior

È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda

Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
2 gior

Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna

Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Musica
laR
 
24.07.2022 - 22:02
Aggiornamento: 22:28

L’ultimo concerto di Vittorio De Scalzi

Il fondatore dei New Trolls morto oggi a Roma nel ricordo di Massimo Cotto, al suo fianco nell’autobiografia e in uno spettacolo che ha girato l’Italia

l-ultimo-concerto-di-vittorio-de-scalzi
Vittorio De Scalzi Facebook official
1949-2020

L’auditorium Franco Alfano di Sanremo in piedi ad applaudirlo è l’ultima immagine che il pubblico ha di Vittorio De Scalzi, 72enne fondatore dei New Trolls, punto di riferimento del rock progressivo italiano, della canzone d’autore e, più tardi, del pop ‘per bene’. «Quando allo ‘Spallanzani’ di Roma gli fu prospettata la gravità della sua fibrosi polmonare, il medico gli chiese: "Ha bisogno di uno psicologo?". Lui rispose: "No, ho bisogno di una chitarra"».

Ad applaudire a Sanremo De Scalzi, spentosi a Roma con la complicità del Covid-19, c’era anche Massimo Cotto, giornalista, dj e scrittore italiano. È suo l’aneddoto della chitarra. Un’amicizia ultradecennale con l’artista scomparso, due mani prestate all’autobiografia (contenuta nel cofanetto ‘Una volta suonavo nei New Trolls’) e uno spettacolo intitolato ‘Quella carezza della sera’, dall’omonimo sempreverde scritto da De Scalzi, Cotto ha girato con lui l’Italia per un paio d’anni e poco più, il tempo sufficiente per cementare un’amicizia. «Era una persona semplice – ricorda – e come tutti gli artisti stava bene quando si trovava tra amici. Ma viveva per stare sul palco».

‘Quella carogna della sera’

Genovese, classe 1949, padre ristoratore e madre pianista, il polistrumentista Vittorio De Scalzi fonda i Trolls negli anni ’60, debutta come solista facendosi chiamare Napoleone e nel 1967, chiusa la parentesi Trolls, dà vita ai New Trolls, con Nico Di Palo, Gianni Belleno, Giorgio D’Adamo e Mauro Chiarugi. La band apre quell’anno i concerti degli Stones e, l’anno successivo, pubblica il primo album ‘Senza orario e senza bandiera’, composto insieme a Fabrizio De André e al poeta Riccardo Mannerini.

Del 1971 è ‘Concerto Grosso’, nato da un’idea di Luis Bacalov, autore delle musiche, uno di quegli album che critica e musicisti chiamano ‘pietre miliari’, anche se il grande pubblico collega i New Trolls ad altro: «La chiamava, ridendo, ‘Quella carogna della sera’», ricorda Cotto. «Diceva: "Ho scritto centinaia di canzoni per me e per altri, ma quando la gente mi vede chiede sempre ‘Quella carezza della sera’, come se avessi fatto solo quella». Allo stesso modo, «durante una delle diaspore dei New Trolls (presisi e lasciatisi più di una volta, e con strascichi legali sull’utilizzo del nome, ndr), Vittorio fondò una band jazz/fusion e, nonostante la sperimentazione, la gente gli chiedeva ‘Miniera’». Ma niente snobismi: «Era perfettamente a suo agio con tutto il proprio repertorio, tanto con le canzoni di ‘Concerto grosso’ quanto con quelle pop. ‘Miniera’ era la sua preferita e se in un ristorante lo pregavano di suonare, ‘Quella carezza della sera’ non l’ha mai negata a nessuno, perché alla fine, con quel brano, ci aveva fatto pace. Anche per questo la gente gli voleva bene».

Ulteriori estratti di umanità: «Quando me lo disse, pensai che fosse veramente pazzo: Fabrizio De André gli chiese di andare in tour con lui come chitarrista, e Vittorio disse che non si sentiva abbastanza bravo. Colpisce tanta umiltà in un polistrumentista come lui, che non se la sente di suonare con Fabrizio, che chitarristicamente non era esattamente un virtuoso».

Classica e rock in dialogo

Grande raccontatore di barzellette, persona di umanità e generosità («Sfatava il luogo comune del ligure), De Scalzi andò sette volte a Sanremo, sempre con risultati pessimi. Come nel 1996, quando i New Trolls, prodotti da Renato Zero, si unirono a Umberto Bindi in ‘Letti’ per arrivare ultimi, che al Festival a volte è un onore. «Scriveva canzoni inedite in lignua genovese, di cui andava fiero. Altrettanto fiero andava dell’inno della Sampdoria, da lui scritto. Era molto curioso, come gli artisti veri, tendeva a muoversi anche in ambiti a lui sconosciuti fino a poco tempo prima. «Se ne va anche il fondatore di uno dei pochi gruppi che in Italia ha fatto la storia senza fare le cover, contrariamente a Nomadi, Dik Dik, Equipe 84 e tanti altri, e che per primo ha provato a far dialogare la musica classica con il rock in ‘Concerto Grosso’. Quell’esperienza con Bachalov la ricordava sempre, ed era il suo più grande vanto».

Niente di meglio di quell’opera, viene da dire, per lasciare il miglior ricordo di sé: «Non ho mai creduto alla leggenda popolare secondo la quale gli artisti vogliono morire sul palco, nessun artista me l’ha confessato mai», conclude Cotto. «Però, morire dopo un’ultima, grande rappresentazione, con la gente in piedi che ti batte le mani, beh quello ci sta». E ancora: «Ognuno può pensarla come crede, ma credo che Vittorio sentisse che sarebbe stata la sua uscita di scena. In quest’ultimo periodo abbiamo continuato a girare l’Italia per presentare i libri; quando se la sentiva cantava, quando non se la sentiva parlava e basta. Ma una cosa così impegnativa, in cui oltre alle tastiere ha suonato anche il flauto, è stato come dire ‘Signori si chiude". Ed è stato meraviglioso».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved