ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
1 ora

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
3 ore

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
4 ore

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
15 ore

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
19 ore

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
19 ore

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
21 ore

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
21 ore

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
21 ore

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
23 ore

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
Scienze
1 gior

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
Scienze
1 gior

Premio Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

I tre studiosi con le loro ricerche hanno aperto la strada ai potentissimi computer quantistici
L’intervista
1 gior

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Musica
laR
 
23.07.2022 - 09:10
Aggiornamento: 11:01

‘Out The Nest’, l’estate è Hot(lanta)

Nuovo singolo per la band ticinese, scritto da Matteo Ballabio e supervisionato dai ‘padri fondatori’ Lombardi e Bertini (aspettando l’album)

out-the-nest-l-estate-e-hot-lanta
Hotlanta

Rivenduto nel dark web, chissà, il pattern di pianoforte che apre ‘Out The Nest’, nuova canzone degli Hotlanta, è così bello che frutterebbe una discreta cifra. Non fosse che questa è una boutade e nel dark web pare si traffichi altro. Resta il fatto che quelle poche, ritmiche note di Matteo Ballabio a chiamare, e il resto subito sotto a rispondere, creano la tensione quella bella, e quel suono riconoscibile degli Hotlanta sin dai tempi di ‘Arcade Tales’ (aprile 2020), uno dei primi ‘vagiti’ filostatunitensi prodotti da Rocco Lombardi e Matteo ‘Tedd’ Bertini, rispettivamente batteria e voce (e molto altro).

Beat

In ‘Out The Nest’, fresco fresco per l’estate calda calda, scrive le note Ballabio e il testo Bertini. Com’è noto, non si chiede agli autori di spiegare le canzoni, ma Bertini lo fa e chi siamo noi per dirgli di no: «In mezzo a strofe facili, danzerecce, a concetti come ‘beat’, ‘music’, ci sono riferimenti anche sociali a quanto sia dura questa vita», spiega Tedd. «Riferimenti al fatto che siamo persone che ballano e se ne infischiano, che continuano a fare musica, che si danno da fare per rendere la propria vita qualcosa di almeno divertente, nonostante non siamo nella condizione perché questo avvenga. Siamo giocolieri strattonati, siamo domatori senza una frusta...». Bertini attinge dal testo, che attinge da concetti dichiaratamente ‘beat’. Inteso in questo caso come ‘beat generation’: «Tra gli anni 30 e i 50 del secolo scorso tanti giovani mollavano tutto per una vita meno materialista, fatta più d’esperienza. È quello che canto».

Groove

Musicalmente parlando, invece: ‘Out The Nest’ – dice Lombardi – ha preso forma nel modo in cui avevo sempre sperato, ovvero «con l’intervento di tutti. Il brano è di Matteo Ballabio, scritto non per gli Hotlanta ma da me proposto agli Hotlanta. Ho invitato Tedd ad aggiungere un testo, abbiamo ‘arrangiato’, ma il brano non necessitava di molto. Per quello che è stato il mio contributo, mi sono rifatto al groove di ‘Les Is Mo’ degli Yellow Jackets (sull’album ‘Mint Jam’, 2001, ndr), un groove molto basico, diretto. Ma allargare l’aspetto compositivo agli altri è stato il mio obiettivo». Ferma restando la gestione ‘alla Steely Dan’ della band, nella quale in cabina di regia restano in due, Lombardi e Bertini: «Il progetto è partito da noi, è gestito da noi. A noi spetta l’onere delle finanze, le spese dei lavori in studio e tutti gli aspetti più amministrativi. Il che non significa che paghiamo dei turnisti cui viene detto cosa fare. Hotlanta coinvolge sempre più gli altri musicisti, scelti per le loro qualità e perché possano inserirsi sempre più nel discorso globale».


Hotlanta

Complementi d’arredo

Un decimo pezzo chiuderà la prima tranche della produzione. E a novembre di nuovo in studio, «con più idee da parte di tutti. I tempi sono sempre tirati, gli impegni personali sono tanti, ma questa è la strada per ora». La lista d’attesa post pandemica per suonare (quella dei concerti che devono essere recuperati) pare ancora lunga; si può nel frattempo mettere fieno in cascina. E da quando nelle auto non c’è più il lettore cd (ma nemmeno ci sono più i cd), per dare un senso a tutto non resta che il vinile: «L’idea è quella, anche se nella mia concezione dell’ascolto della musica il vinile resta, oggi, un complemento d’arredo. E avere una gran bella copertina e finire in mezzo agli scaffali delle case altrui non mi entusiasma. Si stampa il vinile perché esiste, perché è meno etereo che mettere le canzoni sul web e avere l’impressione di non aver prodotto nulla. Per il resto...».

Per il resto c’è Romeo, il primogenito, che ha già le bacchette in mano. «A livello di gusti non sappiamo ancora cosa gli piaccia e cosa no. Non so cosa ne pensi di ‘Out The Nest’. Ma ogni tanto suoniamo insieme» (vuoi mettere?).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved