ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
2 ore

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
4 ore

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
5 ore

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
15 ore

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
20 ore

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
20 ore

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
21 ore

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
21 ore

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
22 ore

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
23 ore

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
Scienze
1 gior

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
Scienze
1 gior

Premio Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

I tre studiosi con le loro ricerche hanno aperto la strada ai potentissimi computer quantistici
L’intervista
1 gior

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior

Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian

La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
1 gior

È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda

Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
2 gior

Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna

Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Musica
2 gior

Ottaviano e Aram, tra nuove musiche e Jazz in Bess

Sabato 8 ottobre doppia proposta: l’Eternal Love di Roberto Ottaviano e il sestetto di John Aram
Spettacoli
2 gior

‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’

Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
2 gior

Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione

Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
2 gior

Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev

La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
3 gior

Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall

Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Musica
laR
 
15.07.2022 - 08:19
Aggiornamento: 15:37

Chiara Dubey, il cielo stellato sopra le Isole

‘Un concerto, un viaggio, una fuga notturna sulle Isole di Brissago’. A impatto zero, domenica 24 luglio, per ascoltare ancora ‘Constellations’

chiara-dubey-il-cielo-stellato-sopra-le-isole
Chiara Dubey

È in viaggio con band al seguito. Magari non sul leggendario T1 Volkswagen, che farebbe comunque un po’ troppo rock, ma su un più ‘acustico’ Opel Combo. Quando l’articolo uscirà, Chiara Dubey sarà già a Berlino, dove in serata suonerà ancora una volta il suo ‘Constellations’, album che fra partenze, rinvii pandemici e ritorni, festeggerà due anni di vita in agosto. E domani ad Amburgo, la seconda tappa di un mini tour slittato – così come al tempo slittò l’album – per via del Covid.

«Tutto era pianificato per aprile; tre giorni prima di partire mi sono ritrovata positiva al virus e abbiamo dovuto spostare tutto. Recuperiamo adesso», ci spiega la polistrumentista e singer-songwriter. Dalla Germania, chiusa la trasferta, tornerà indietro, in direzione del non meno germanico Moon&Stars di Locarno dove Dubey e compagni si uniranno – lunedì 18 luglio, Largo Zorzi – al ricco e giovane cartellone della Piazza Piccola, proposta collaterale ai concertoni che si tengono da ieri in quella Grande. Meno di una settimana dopo, finalmente, sarà la volta de ‘L’isola’.

Palco

‘Un concerto, un viaggio, una fuga notturna sulle Isole di Brissago con Chiara Dubey’. È il sottotitolo dell’evento e la sintesi di quel che accadrà domenica 24 luglio sulle Isole di Brissago, dove andrà in scena – si accettano smentite – il primo live con tutti i sacri crismi nell’ambiente più tropicale della Svizzera. Comunque andrà, questo concerto farà storia. «Vogliamo crederci – dice lei – perché è stato un gran lavoro, speriamo ne sia valsa la pena. Mi piacerebbe davvero che potesse restare nel cuore della gente».

Chiara e il suo ensemble al completo, acustico ed elettronico, calcheranno il prato inglese di un delicatissimo parco botanico, e lo faranno in punta di piedi. O ‘a impatto (pressoché) zero’. «Non si poteva fare diversamente, nell’attrazione che viene da questo posto gioca il suo ruolo la natura incontaminata. I giardinieri, quando li ho informati che il mio sarebbe stato un concerto amplificato, mi hanno guardato stralunati. Leggevi loro negli occhi "è il nostro prato?", "e i nostri alberi?". Mi sono affidata allora a un amico architetto di Zurigo, Stefan Liniger, con il quale avevo collaborato in precedenza, per trovare una via di mezzo: suonare nell’erba sarebbe stato difficile per noi musicisti e, altrettanto, l’impianto deve essere sollevato dal suolo. La forma palco si rendeva comunque necessaria, ma poteva, doveva essere la forma più gentile, rispettosa e meno invasiva possibile».

Si deve a Liniger il palco sostenibile composto da piccole piattaforme che distribuiscono in modo funzionale il peso di chi le calca. I musicisti (e anche un pianoforte acustico, verticale) poggiano su di una superficie a specchio, dalla resa suggestiva; alle spalle, «sempre in modo non invasivo», lastre filiformi (e facilmente trasportabili) di cemento armato disposte in modo da condurre il suono verso il pubblico. «Non ci sarà un palco unico; è come se ognuno si dotasse di un proprio ‘piedistallo’». Garantiscono il Dipartimento del Territorio (Dt) e la Fondazione Pro Ronco.

Modello

«Tutta la struttura impatta il meno possibile a livello di trasporto, perché tutto verrà condotto sull’isola la domenica pomeriggio; la sera porteremo via tutto, a mano, senza carrelli. Gli elementi staranno sul prato per il solo tempo della performance, fornendo ogni tipo di garanzia sia di assorbimento del suolo, sia d’isolamento dall’umidità per l’artista. Stesse garanzie a livello d’inquinamento acustico e luminoso. Arriviamo e ce ne andiamo, preservando l’isola per la notte, senza lasciare sul posto nulla. Nemmeno il pianoforte».

Monica Pongelli, membro e segretaria della Fondazione Pro Ronco, è colei che lungo tutto il progetto ha fatto da tramite con l’artista. «Anche il voltaggio richiesto dal concerto è sorprendentemente basso, i tecnici sono rimasti stupiti. Senza queste certezze, il Dt non avrebbe mai dato l’autorizzazione». E adesso, invece, il Dt attende con curiosità l’esito dell’evento: «Nulla di tutto ciò è mai stato fatto sulle Isole. Potrebbe essere un inizio, un’apertura ad altre occasioni di questo tipo. La creatività, come si vede, può garantire qualità artistica preservando l’ambiente. ‘L’Isola’ potrebbe essere d’ispirazione per altri, o addirittura un esempio da seguire».

Luce

Torniamo a Chiara: «Alla fine, più che un palco, sembrerà un’installazione d’arte moderna». A proposito d’installazione. Gli eucalipti, a far da anfiteatro, ospiteranno ‘Chandelier’, l’installazione di Simon Husslein che dal ‘The Circle’ di Zurigo si trasferisce sulle Isole. E visto che per domenica 24 luglio, sul palco sostenibile, è annunciata anche Jess Gardolin – ballerina, acrobata e coreografa, oggi parte della Compagnia Finzi Pasca – è un attimo dedurre che andrà in scena ‘Light’, videoclip che vede coinvolti tutti, l’opera di Husslein, Gardolin e Dubay, che quel brano l’ha scritto.

Altre ‘Light’, altre luci, illumineranno il percorso che porta allo stage, ma anche il parco, nel tentativo di farlo diventare il più possibile ‘incantato’. «Mi sembrava l’occasione giusta per chiudere un capitolo della mia musica, quello di ‘Constellation’, perché questo sarà l’ultimo concerto legato a quel repertorio. Dopo le Isole mi fermerò e non organizzerò altro fino a che non arriverà quello nuovo. Tornerò nel mio ‘centro’ compositivo zurighese. Inutile dire che le Isole si sposano con l’album, all’aperto, sotto le stelle, e vicino casa. Io sono di Ronco S/Ascona, non poteva esistere conclusione migliore».

Per chi vorrà esserci: ritrovo al Debarcadero di Locarno alle 19.10; inizio imbarchi alle 19.20; partenza alle 19.30; sbarco sulle Isole alle 20.15; concerto alle 20.30. Dalle 22.40 il ritorno, per toccare terra poco prima della mezzanotte (in caso di cattivo tempo, il concerto si terrà lo stesso giorno, alla stessa ora, nella Sala multiuso del Palacinema di Locarno, ma nemmeno volevamo scriverlo). C’è un altro motivo, infine, per il quale ‘L’isola’ di Chiara Dubey farà storia: la serata sarà ripresa dal videomaker Benedict Endler, un modo per fissare nel tempo e nello spazio, anche quello profondo, un capitolo di musica e insieme un angolo di paradiso tutto ticinese. È ‘L’esperienza’, come la chiamano i tour operator, quella per la quale poter dire un giorno "io c’ero".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved