dal-mexico-ad-arzo-mighty-oaks-al-cavea-festival
Trio indie folk/rock premiato dalle chart. ‘Mexico’ è l’ultimo album
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

Niente Metallica, in 11’000 chiedono il rimborso del biglietto

Rischio deficit per gli organizzatori dell’‘Out in the Green’ di Frauenfeld, rimasto orfano all’ultimo, causa Covid, della band più attesa
Spettacoli
6 ore

Sean Ardoin: il cajun nelle vene

Erede e innovatore della grande tradizione creola, il musicista zydeco spiega perché è importante coltivare e promuovere la propria eredità culturale
Arte
16 ore

Thomas Hoepker, protagonista di una mostra e un film

La Bildhalle di Zurigo dedica al fotografo Magnum una retrospettiva. E domani esce nelle sale svizzerotedesche il documentario di Nahuel Lopez.
Spettacoli
17 ore

James Bond, il prossimo film può attendere

La produttrice dei film dell’agente 007, Barbara Broccoli, ha annunciato che nessun nuovo lungometraggio verrà girato prima di due anni
Arte
17 ore

È morto Sam Gilliam, famoso per le sue tele drappeggiate

L’artista 88enne era nato in Mississippi, partecipò ad Art Basel e fu il primo afroamericano a rappresentare gli Stati Uniti alla Biennale di Venezia
Culture
17 ore

Alborghetti racconta i suoi ‘Corpuscoli di Krause’ al Ciani

L’incontro dedicato alla raccolta poetica del Premio svizzero di letteratura si svolgerà venerdì 1° luglio, alle 18, nell’ambito di Chilometro Zero
Spettacoli
18 ore

Osi Brass sull’alpe Foppa per la prima data di ‘be connected’

L’Orchestra della Svizzera italiana lancia una nuova rassegna in luoghi e modalità inediti. Domenica 3 luglio è la data inaugurale.
Arte
18 ore

La presidenza dell’Associazione dei musei svizzeri ad Haensler

La direttrice del Museo Villa dei Cedri di Bellinzona è stata nominata all’unanimità dall’assemblea generale. Entrerà in carica il prossimo 1° agosto.
Società
19 ore

I dimenticati della pandemia al centro del Premio Carla Agustoni

Il concorso di quest’anno è aperto ai lavori dei giornalisti della stampa scritta. Il termine di consegna è il 31 agosto 2022.
Spettacoli
21 ore

Johannes ‘il progressista’ Brahms al Montebello Festival

La 16esima edizione della manifestazione internazionale della musica da camera omaggia il compositore a 125 anni dalla sua morte. Dal 5 al 15 luglio.
Spettacoli
22 ore

Bo Dollis, Nojo e Falls nella notte di JazzAscona

Il programma di domani, giovedì 30 giugno, propone l’esibizione di alcune stelle della musica di New Orleans e alcuni debutti (dalle 20)
Musica
1 gior

Coro Clairière ed Edvard Grieg Youth Choir, il Lac è posticipato

Causa disagi del traffico areo internazionale, salta il concerto previsto questa sera nella Hall. Confermato quello norvegese del 6 agosto
Fotografia
1 gior

‘Frontstage’ di Massimo Rana, il rock in mostra a Morcote

Ventotto ritratti in bianco e nero dagli AC/DC a Frank Zappa, dal 2 al 17 luglio, ogni weekend nella Sala Maspoli del Municipio
Spettacoli
1 gior

In 20mila per il concerto-riappacificazione fra Fedez e J-Ax

Piazza Duomo ha ospitato ‘LoveMi’, l’evento gratuito di beneficenza organizzato dalle due star a favore dei bambini con patologie neurologiche complesse
Spettacoli
1 gior

Locarno Green Project, un Film Festival ancora più verde

Da quest’anno nel Palmarès il Pardo Verde WWF per il film che meglio riflette la tematica ambientale, e un fondo tematico, il Green Film Fund
Arte
2 gior

Idee e visioni in ‘Sacro e profano’ di Mario Botta

L’architetto ticinese è stato invitato a presentare una sintesi della sua ricerca progettuale al MAXXI di Roma, visitabile fino al 4 settembre prossimo
Culture
2 gior

‘Quando suoni in un’orchestra, senti la musica che ti abbraccia’

Incontro con Sara Capone e Jonas Morkunas, due dei quattro giovani che saranno accompagnati dall’Osi nel Concerto dei Solisti del Conservatorio
JazzAscona
2 gior

Adonis Rose: ‘Che Ascona diventi un crogiolo, come New Orleans’

Musicista dalla carriera straordinaria, Adonis Rose è il coordinatore musicale delle due città. Tre anni dopo, torna con un’orchestra da Grammy
Scienze
2 gior

Sull’Etna come sulla Luna: Interact si prepara all’esplorazione

Le pendici del vulcano come luogo di allenamento e simulazione del rover in vista della missione sul satellite per prelevare campioni da analizzare
Culture
2 gior

Da Hassler a Chesnokov alla Cattedrale di Lugano

Sabato 2 luglio alle 20.30 il Coro St. John’s Voice, diretto da Graham Walker
Musica
23.06.2022 - 08:45
Aggiornamento: 17:01

Dal ‘Mexico’ ad Arzo: Mighty Oaks al Càvea Festival

Prima assoluta ticinese per il trio di Ian Hooper, Craig Saunders e Claudio Donzelli, sabato 2 luglio in un contesto che ‘pare il Colorado’

Ci sono un italiano, un americano e un inglese ma non è una barzelletta. Sono i Mighty Oaks, ovvero – in ordine di nazionalità – Ian Hooper, Craig Saunders e Claudio Donzelli, tre singer-songwriter che dodici anni fa hanno scelto Berlino per dare vita a un trio indie folk/rock dai grandi riscontri di pubblico e chart, a partire da ‘Howl’, album d’esordio del 2014, fino all’ultimo ‘Mexico’ (2021).

Qualcuno deve aver descritto le cave di Arzo a Donzelli, nostro interlocutore; o forse Claudio avrà digitato ‘Càvea Festival Arzo’, dove i Mighty Oaks arriveranno (per intercessione di Horang Music) sabato 2 luglio per una prima assoluta ticinese, dopo avere attraversato i più grandi happening musicali (Montreux inclusa, per restare a queste latitudini). Qualunque sia stata la fonte, l’opinione del Mighty Oak sulle cave è che «la nostra musica ci sta a pennello in quello scenario». Donzelli fa il paragone con Red Rocks, anfiteatro pressoché naturale nel Colorado dal quale è transitata la storia del rock e della canzone d’autore americana. Evasi tutti i rimandi, un tuffo indietro alla genesi della formazione.

Claudio Donzelli, da dove arriva tutto questo cosmopolitismo, e Berlino in particolare?

Sono finito a Berlino perché l’ho visitata e ho deciso che mi sarei voluto svegliare qui tutte le mattine, non soltanto il weekend. Venivo da dieci anni a Bologna, sede del mio dottorato in ingegneria, e non avevo più nulla da chiedere alla città. Era il 2008, la grande crisi, e io volevo cambiare aria, con l’obiettivo di fare musica, che facevo già prima. A Berlino ho fatto piccoli concerti come songwriter e una sera ad Amburgo sono finito in un minuscolo festival nel quale ho incontrato Ian e Craig.

Cosa vi ha uniti, a parte Berlino?

Tanti ascolti in comune. Fleet Foxes, Mumford & Sons, il Damien Rice chitarra e voce. Sembrava che in quegli anni la musica minimalista, fatta artigianalmente, avesse una chance. Ad Amburgo eravamo tutti chitarra e voce, abbiamo ascoltato l’uno la voce dell’altro, ci siamo piaciuti e la tradizione cantautorale ci ha uniti. Anche se non avevamo tutti gli stessi gusti: il folk non mi era per niente familiare, essendo cresciuto con band americane e britanniche, più elettriche, ma mi ci sono aperto volentieri, scoprendo quel mondo grazie a Ian che veniva da Seattle e aveva grandi ascolti di bluegrass e ‘Americana’.

In ‘Mexico’ si passa dai canyon alle città, dal selvaggio all’urbano, dall’America di ‘Land of Broken Dreams’ a ‘Ghost’, che suona europea come nessun’altra. Eppure non c’è conflitto…

Prestiamo grande attenzione al suono, che deve rispettare l’idea originale, il tema che la canzone vuole trasmettere. È un’operazione che ci sembra sempre simile allo scrivere una colonna sonora, partendo dalla canzone nella sua forma più minimale che poi vestiamo con suoni che supportano il messaggio. È una sorta di esplorazione che può includere il ‘back to the roots’ (tornare alle origini, ndr), con uso di analogico, apparecchi valvolari, ma anche le nuove tecnologie.

Nessun conflitto, ma il contrasto sì…

È un risultato spontaneo, sono le due facce della nostra medaglia. Da una parte ci sono brani che si prestano a diventare inni istantanei, pomposi, e poi ci sono anti-inni come la title-track, l’America dei sogni infranti, che spesso hanno conseguenze insostenibili. Celebrare l’America in questo modo è anche una wake up call, un modo per invitare a ragionare. Le sparatorie di massa degli ultimi tempi sono il sintomo di una malattia. Allo stesso modo ‘Ghost’ è una canzone d’amore con i suoni distorti, è un brano che stravolgiamo per far sì che illumini quella parte sofferta dei rapporti.

Perché proprio il Messico?

‘Mexico’ è il simbolo di questa location metafisica, di questo luogo verso il quale andare per lasciarsi alle spalle i problemi. Per gli Stati Uniti, il Messico è quello che per la Germania è Maiorca, è quello che per gli europei è Dubai. La canzone, nata durante il lockdown, è la testimonianza che la pandemia ha annullato la divisione tra luoghi con problemi e senza, mettendo tutti in un unico universo. Nel video ci sono due cowboy, simboli dell’America conservatrice che crea disastri e poi se ne va a divertirsi sulle spiagge del Messico. I messicani vivono un conflitto incredibile: loro non riescono a entrare negli Stati Uniti mentre gli statunitensi possono andare a farsi le ferie in Messico. Con ironia, il video evidenzia questo assurdo.

Molte vostre storie sono ambientate sulla costa del Pacifico, ma avete suonato anche ad Austin, Texas: gli Stati Uniti rimangono un obiettivo?

Certamente, prima o poi ci piacerebbe tornare. Ancora non sappiamo come e con quali mezzi, da quelle parti esiste tutto un altro modo di fare tour e noi non abbiamo gli stessi numeri che abbiamo in Europa. E poi ci sono i visti imposti dall’amministrazione Trump, i costi si sono duplicati e le distanze sono enormi. Però il pubblico è affiatato, la gente ci ha scoperti non perché presentati dai media ma per averci ascoltati sulle college radio o per il semplice passaparola. In loro, l’orgoglio di averti scoperto e il piacere di passare la scoperta a un amico o un’amica fanno molto. Lì funziona così.

Il festival

Le cave vibrano per due giorni

Con i Mighty Oaks, headliner del sabato, The Peaceful Warriors e Fabe Vega. Prima ancora, venerdì primo luglio, le cave di Arzo vibreranno per i Vintage Trouble, band californiana che in carriera ha aperto per The Who, The Rolling Stones, AC/DC e molti altri numi tutelari.

Il quartetto formato da Ty Taylor (voce), Nalle Colt (chitarra), Rick Barrio Dill (basso) e Richard Danielson (batteria) si muove tra il rock-soul e il miglior groove r’n’b. Ad aprire il loro concerto i ticinesi Make Plain: ad Arzo, in esclusiva, il singolo che anticipa l’uscita del loro terzo lavoro in studio, in un 2022 che segna i dieci anni di vita artistica. (info: www.horangmusic.com, www.caveafestival.ch)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arzo càvea festival mighty oaks musica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved