ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
9 min

Il violoncello di Jean-Guihen Queyras in Auditorio con l’Osi

Il programma del terzo appuntamento della stagione allo Stelio Molo di Lugano, giovedì 2 febbraio, propone brani da Bach a Haydn e Ligeti
Scienze
1 ora

Il Covid resta un’emergenza internazionale

Per il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità, ‘il virus conserva la capacità di evolversi in nuove e imprevedibili varianti’
Spettacoli
3 ore

La febbre del calcio con Stefano Accorsi al Lac è ‘Azul’

Lo spettacolo scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca arriva a Lugano con quattro rappresentazioni, da giovedì 2 a domenica 5 febbraio
fumetto
4 ore

Il fumettista svizzero Panchaud vincitore ad Angoulême

Grazie a ‘La Couleur des choses’, l’artista è stato premiato lo scorso fine settimana al 50esimo Festival international de la bande dessinée
concerto
5 ore

La mostra dedicata a Marcel Dupertuis chiude in musica

In occasione del finissage al Museo Vela di Ligornetto, domenica 12 febbraio, si esibirà il duo composto dall’arpista Ziveri e dal sassofonista Creola
L’intervista
10 ore

Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’

Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale
Culture
20 ore

‘Out of Me, Inside You’, Francesca Sproccati a Villa dei Cedri

Dal 10 al 12 febbraio, la performance semifinalista del Premio Schweiz 2020 e finalista del Premio svizzero della Performance 2022
Rassegna
21 ore

I documentari di ‘Ticino Archeofilm’, seconda edizione

Giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 febbraio, sette opere relative a grandi scoperte e a siti archeologici di fama internazionale. Al Lux di Massagno.
Scienze
21 ore

Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica

Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
22 ore

Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!

A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
1 gior

Justin Bieber vende diritti musicali per 200 milioni dollari

La star del pop ha firmato con Hipgnosis Songs Capital, sostenuta da Blackstone, e segna l’ennesima acquisizione di un catalogo musicale di successo
Video
Musica
1 gior

‘Rush!’ dei Måneskin è primo anche in Svizzera

Pubblicato lo scorso 20 gennaio, l’album della band italiana comanda anche in Italia, Francia, Giappone, Belgio, Paesi Bassi e Lituania
Musica
1 gior

Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television

Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Culture
1 gior

Sgarbi: ‘Il logo Bergamo-Brescia è di insolente bruttezza’

Il sottosegretario contro la grafica delle capitali della Cultura: ‘Un particolare di un dipinto di Caravaggio sarebbe stato più rappresentativo’
Scienze
1 gior

Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano

Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
Arte
2 gior

Il Museo etnografico apre le sue Finestre sull’arte

Il volume edito da Salvioni, con oltre cinquanta schede, racconta il patrimonio artistico dalla Valle di Muggio alla Val Mara, dall’epoca romana a oggi
L’intervista
2 gior

Si alza forte ‘Il suono della guerra’

Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
Arte
2 gior

Michel Houellebecq protagonista di un corto a luci rosse

Il collettivo Kirac, specializzato in video ‘controversi’, riprende lo scrittore francese nudo mentre viene baciato. A marzo la pubblicazione.
Culture
2 gior

Il concerto ‘scomodo’ del pianista ucraino, l’Osi lo sostituisce

L’esclusione di Alexander Romanovsky sarebbe riconducibile a un video col violinista Lundstream, per i media britannici sostenitore di Putin
Arte
2 gior

‘Amore e Psiche stanti’ del Canova venduti per oltre un milione

L’opera della collezione di Veneto Banca, del valore stimato in un paio di centinaia di migliaia di euro, è stata battuta all’asta per una cifra record
SALUTE
2 gior

L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus

Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
3 gior

John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo

Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Musica
laR
 
20.06.2022 - 19:29
Aggiornamento: 19:52

Con Freddie & the Cannonballs a Memphis e dintorni

Dallo Swiss Blues Challenge all’International Blues Challenge nel Tennessee fino a ‘Two Sides of the Same Coin’, nuovo doppio album

con-freddie-the-cannonballs-a-memphis-e-dintorni
Foto di band in un interno

Si comincia con ‘Cannonballs!’, il minuto e mezzo che da sempre apre i loro concerti. «L’abbiamo fissato una volta per tutte». Fissato su ‘Two Sides of the Same Coin’, due lati della stessa moneta, nuovo doppio album dei ticinesi Freddie & the Cannonballs, dove Freddie è Federico Albertoni, bassista e cantante innamorato del blues, dall’esperienza ventennale. Della band è il tramite di questa «faticaccia» completata insieme a Mad Mantello (chitarra), Roberto Panzeri (batteria), Andi Appignani (organo) e ai sassofonisti Nigel Casey e Olmo Antezana prima di volare a Memphis, Tennessee.

(Flashback n.1) Correva l’anno 2021 e Freddie e i suoi Cannonballs vincevano lo Swiss Blues Challenge, garantendosi la partecipazione all’International Blues Challenge (Ibc) indetto dalla Blues Foundation, tenutosi lo scorso maggio. Un ‘Challenge’ fermatosi, con tutti gli onori, in semifinale. È quindi ora d’obbligo, prima di parlare del disco, parlare di quella città. «Bella», sintetizza Freddie. «Mi è capitato di raccontarla in questo modo: si arriva a Memphis e non si sa bene cosa succederà fino a che non suoni la prima nota; c’è da una parte il timore di non essere all’altezza, ma si fa anche strada la possibilità opposta, e cioè creare entusiasmo, che è quel che poi è successo. Siamo saliti sul palco con piglio deciso ma divertito, con la voglia matta di suonare e il pubblico americano ci ha regalato un calore inaspettato».


Christophe Losberger
Primi classificati a Basilea nel 2021

Famiglia allargata

(Flashback n.2) Era il dicembre 2021 quando su queste pagine l’Albertoni lanciava il crowdfunding per Memphis. "La partecipazione all’Ibc non prevede remunerazione e le spese per una band di sei elementi sono molto importanti. Questa è letteralmente l’ultima opzione che ci è rimasta per realizzare un sogno", ci diceva, rammaricandosi che nessuna istituzione – «Nemmeno gli enti che per statuto dovrebbero impegnarsi per questo», fa notare oggi – si era offerta di contribuire ai costi vivi di una formazione che andava a rappresentare l’intera Svizzera in un concorso internazionale. Se quel sogno si è realizzato, Freddie & the Cannonballs lo devono al proprio pubblico: «All’inizio ero un po’ scettico sul crowdfunding, lo vedevo un andare a elemosinare soldi, ma non avevamo scelta. E invece è funzionato benissimo e la cosa più bella è che ci ha avvicinati ancor più al nostro pubblico». Pochi giorni per raggiungere metà raccolta, una settimana per raggiungere l’obiettivo.

Di eroi nascosti e diritti civili

Il presente. Dopo la traccia autoriferita, è ‘The Truth is in The Pudding’, un blues ‘zozzo’ dunque bello, ad aprire ‘Two Sides of the Same Coin’, il cd 1 ‘Cannonballs Side’, gli inediti, che ha nella Stax-oriented ‘Let Me Sleep’ ha il primo dei testi ‘pregni’, dallo spunto pandemico: «Era il periodo in cui si provava a stare a galla, anche musicalmente, per chi almeno fa questo di professione. ‘Let Me Sleep’ è una riflessione sull’essere umano, sulla natura umana. Cito Tolkien in un paio di casi, mia grande passione, sono le considerazioni che si ritrovano nei romanzi distopici, post-apocalittici sulla natura umana, contrapposti agli elementi salvifici, le persone che ti stanno accanto e ti vogliono bene». Il suono si fa black per un altro testo zeppo di significati. ‘yOUR PAIN’, titolo graficamente degno di un’agenzia di comunicazione, è scritto così perché «racchiude una parte di senso importante di condivisone del dolore contenuto nella storia afroamericana. Sono temi che nel mio essere docente d’inglese affronto spesso in aula, il tema dei diritti civili, i movimenti nati in questo senso, in una storia americana la cui fortuna anche economica li include. Nella canzone ci sono riferimenti ben precisi».

Riferimenti come quello a Emmett Till, il 14enne afroamericano rapito e brutalmente linciato nell’agosto del 1955, cui nel 1962 Bob Dylan rese omaggio in ‘The Death of Emmett Till’. «Fu il George Floyd degli anni ’50, il primo caso che ebbe rilevanza sulla stampa. Ma ci sono anche altre storie che mi hanno dato lo spunto a chiedermi se abbia senso, come musicista bianco, europeo, privilegiato, cimentarmi con una musica che è di fatto frutto della sofferenza di un popolo». Memphis è stata anche l’occasione per trovare la risposta: «La sera delle semifinali, quello che credo fosse un buttafuori ascoltava un brano dal nostro primo Ep, ‘Rivers’ (Fiumi, ndr), in cui si menziona anche l’Alabama River che passa da Selma, sede di uno scontro terribile tra polizia e afroamericani (da cui l’omonimo film del 2014, ndr). Mi ha chiesto da dove venisse il testo; io ho domandato a lui, che avevo intuito essere attivo nei movimenti per i diritti civili, come vivesse l’idea di una band europea che parlasse di questi temi. Mi ha dato un benestare molto toccante».

Un cenno anche a ‘Unsung Hero’, ballad-tributo agli eroi nascosti. «Parla di mia moglie», svela Freddie. «Ha lavorato nei reparti Covid, ha creato in me grande ammirazione. Di solito non porto questi discorsi nelle canzoni in modo troppo aperto, ma scrivo di cose che mi riguardano e quindi ci stava. E poi ci siamo sposati a ottobre…». Evaso il momento ‘Congratulazioni’, un apprezzamento all’inno ‘We Shall Not Be Moved’, che chiude il primo disco. Sul secondo, ‘Vintage Side – Live!’, registrato dal vivo durante un concerto al Recording Studio Canaa di Mauro Fiero (suoi registrazione e missaggio di entrambi i dischi), una manciata d’interpretazioni di brani di altri, tra hit e ‘chicche’, frutto della ricerca di Albertoni.

In memoriam

Freddie & The Cannonballs sono attesi a JazzAscona a fine mese, a luglio al Summerblues di Basilea, in agosto al Vallemaggia Magic Blues, a Crans-Montana e Annemasse, in Francia. Albertoni: «Sono una conseguenza della vittoria dello Swiss Blues Challenge, che prevede la partecipazione della band vincitrice ad alcuni dei principali festival. Le porte ora si aprono più facilmente, perché di solito è una grande lotta». Una lotta, e insieme una storia, che avrebbe potuto scrivere anche il tastierista Chris Arcioni, andatosene nel 2020: «Manca tantissimo, anche a Memphis lo abbiamo pensato. Questo nulla toglie alla bravura di Andi Appignani, ma il vuoto umano rimane».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved