ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
36 min

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
2 ore

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
3 ore

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
14 ore

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
18 ore

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
18 ore

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
19 ore

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
19 ore

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
20 ore

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
22 ore

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
Scienze
23 ore

Epilessia, alla base forse una iper-comunicazione cerebrale

Uno studio dell’Università di Padova evidenzia la correlazione con i livelli di integrazione fra più aree del cervello
Scienze
1 gior

Premio Nobel per la Fisica ad Aspect, Clauser e Zeilinger

I tre studiosi con le loro ricerche hanno aperto la strada ai potentissimi computer quantistici
L’intervista
1 gior

Un’altra indagine per Maurizio De Giovanni

Grazie al Caffè Gambrinus della sua Napoli, oggi abbiamo un bancario in meno e un grande giallista in più: venerdì 7 ottobre si racconta a Manno
Società
1 gior

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
1 gior

Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian

La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
1 gior

È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda

Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
2 gior

Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna

Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
03.06.2022 - 08:30
Aggiornamento: 15:43

Il Cabaret della Svizzera italiana, erano i giorni della satira

Stasera su La1 alle 21.25, grazie a Victor J. Tognola, l’epopea del Cabaret della Svizzera italiana

il-cabaret-della-svizzera-italiana-erano-i-giorni-della-satira
Ti-Press
Da sinistra: Lazzarotto, Lenzi, Piccolo e Zanetti ai tempi di ’Insubriacati’, 2004

"La cosa era nell’aria, ma nessuno credeva che si sarebbe messa la parola fine. E invece Renato Agostinetti ha detto basta e, dopo 30 anni di grandi successi, ha deposto la penna: non scriverà più i testi del Cabaret della Svizzera italiana". Così nel 2006 ‘laRegione’, quella della formica (che un tempo finiva con ‘Ticino’) annunciava la fine di un momento tutto svizzero-italiano di comicità e satira, anche politica, anche di nomi e di cognomi. "Non siamo professionisti, ognuno di noi ha un lavoro primario cui deve dedicarsi", diceva Agostinetti. "Non siamo più nemmeno tanto giovani e quindi un giorno o l’altro dovevamo dare l’addio alle scene. Abbiamo preferito farlo adesso sull’onda del grande successo di ‘Konfederatti’". Felice, al tempo, che "finire in bellezza" li avrebbe gratificati, lasciando un bel ricordo di loro, nel 2018, in occasione dei suoi ottant’anni, a ‘laRegione’ senza più il ‘Ticino’ Agostinetti tornava su quell’esperienza di dopolavorista travolto da una cosa più grande di lui, di loro, nata nel 1976, cresciuta anche grazie al grigionese Guglielmo Riva e chiusa trent’anni dopo a colpi di uno spettacolo ogni due anni, frammenti dei quali sono oggi sul Tubo, liberi, divertenti e irrispettosi come un tempo.

Sedici anni dopo l’addio, a ricomporre – ma non tutti nella stessa stanza – quella compagnia dall’impronosticabile successo popolare ci ha pensato un altro pezzo di storia, Victor J. Tognola, che nel suo documentario ‘Il Cabaret della Svizzera italiana 1977-2006’ ne narra le vicende con i diretti interessati e, soprattutto, con ampio uso di quello che in America si chiama ‘footage’, ma va bene anche ‘materiale d’archivio’, Rsi e non.


I Pinguini

Altri tempi

«Oggi una satira del genere non sarebbe più possibile, perché nemmeno i giornali la pubblicherebbero», ci dice Tognola appoggiandola piano, alla vigilia della messa in onda del suo documentario, "in rampa di lancio – recita il comunicato ufficiale – non da Cape Canaveral né da Bajkonur (cosmodromo russo, ndr) bensì da La 1 alle 21.25", questa sera. «Capisco Renato, che a un certo punto ha deciso di smettere. Gli si dava della ‘penna leggera’, e invece quando si trattava di dire certe cose, le diceva eccome». Altri tempi, per il Cabaret della Svizzera italiana e anche per Tognola: «Mi vanto dell’aver lavorato alla gloriosa Radio Monte Ceneri, dove anche il più str**** dei capi era un fuoriclasse. Non solo era bravo nel suo mestiere, ma ci lasciava la libertà. Io non ho diretto l’orchestra solo perché non l’ho chiesto». Tanto per capirci.

«L’archivio è immenso», ci dice il regista. «Del Cabaret ci sono ben sedici spettacoli, che sono molti per dei dilettanti che la mattina dopo si alzavano per andare a fare un altro lavoro». Quella in onda questa sera è la versione da 52 minuti, la più breve, ma ce n’è una più lunga che si vedrà più in là nel tempo ma che darà una risposta alla leggenda metropolitana secondo la quale "girava una cassetta" dove i ‘Pinguini’ (il nucleo ‘cantante’ del Cabaret, ndr) "erano tutti biott". Ma che leggenda non è: «Esiste, è una vecchia Vhs di una prova a Cevio, registrata in una piscina. L’ho inclusa nella versione più lunga, perché si capisse lo spirito che si respirava in quei giorni». I 52 minuti di questa sera, condotti da Tognola ‘alla maniera del Cabaret’, sono comunque un gratificante dietro le quinte che ha la sua forza evocativa in una sorta di calcistica ‘moviola’, con i protagonisti faccia a faccia con i se stessi di un tempo che fu a produrre, oltre che l’effetto-nostalgia, anche un terzo spettacolo, risultante da tale confronto. È "un terzo nuovo sketch, un non ti scordar di me".


Non ti scordar di me

‘Sono mancati i continuatori’

Nei 52 minuti de ‘Il Cabaret della Svizzera italiana 1977-2006’ sfilano, tra gli altri, Chico Gregori, Ezio Piccolo, Stefan Ograbek, Angelo Zanetti, Franco Lazzarotto, Stefano de Fanti, Roberto Lenzi; le attrici Franca Canevascini e Giovanna Pellandini, gli attori Paolo Ferrazzini, Gilberto Fusi, Candido del Don, i musicisti Giotto Piemontesi e Zeno Gianola. E il deus ex machina Agostinetti, non di meno: «Il suo grande merito – chiude Tognola – era la facilità di scrivere in rima. Era insegnante, figlio di un consigliere nazionale, aveva vissuto molto al di là del Gottardo. Aveva visto il cabaret a Berna, quello di Milano, dove rimase folgorato dai Gufi, naturalmente. E poi aveva grandi doti diplomatiche, ha saputo tenere insieme le individualità, cosa non facile. Nemmeno per me è stato facile riunirli tutti». Un ultimo pensiero: «È un peccato che la cosa si sia fermata. So che fanno ancora qualcosa in giro ad Arbedo, la potenzialità ci sarebbe. Ma Agostinetti dice bene, sono mancati i continuatori, e il collante era lui».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved