netflix-licenzia-per-far-fronte-al-rallentamento-della-crescita
Keystone
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
9 ore

‘Riflessioni musicali’ e ‘Cantar di storie’ con i Vent Negru

La rassegna dello storico gruppo di musica popolare inizierà il 7 luglio a Berzona e andrà avanti per tutto il mese, con una serie di concerti
Scienze
9 ore

La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli

L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Arte
10 ore

Crampiarcore, la prima edizione alla Rada

Pop up interdisciplinare con musica dal vivo, graffiti e prodotti locali il 9-10 luglio a Locarno
Scienze
10 ore

Premio Möbius all’Usi, quando la realtà è sotto attacco

‘Discorsi d’odio, notizie false, metaversi’: questo il tema della 26esima edizione del Möbius 2022, all’Usi di Lugano il 14-15 ottobre
Spettacoli
15 ore

Dee Dee Bridgewater e Ida Nielsen: JazzAscona chiude col botto

Domani sera andrà in scena la proposta conclusiva della rassegna. Si parte da mezzogiorno con il lunch musicale per finire col burlesque di Trixie
Spettacoli
17 ore

In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain

Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
1 gior

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
1 gior

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
1 gior

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
1 gior

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
18.05.2022 - 08:28
Ats, a cura de laRegione

Netflix licenzia per far fronte al rallentamento della crescita

Si tratta di circa 150 dipendenti, la maggior parte negli Usa. Poche settimane fa l’azienda aveva annunciato per la prima volta una perdita di abbonati.

Ieri Netflix ha dichiarato di aver licenziato circa il 2% del suo personale nel tentativo di risparmiare dopo il rallentamento della crescita del business della Tv in streaming, che in precedenza era in forte espansione.

"Questi cambiamenti sono guidati principalmente da esigenze aziendali piuttosto che da prestazioni individuali, il che li rende particolarmente difficili, in quanto nessuno di noi vuole vedere andare via colleghi così bravi", ha dichiarato un portavoce di Netflix all’Afp.

Il portavoce ha dichiarato che sono stati licenziati quasi 150 dipendenti, la maggior parte dei quali negli Stati Uniti, aggiungendo che Netflix ha anche tagliato le spese per l’outsourcing.

Poche settimane prima della decisione, Netflix ha annunciato una perdita di abbonati per la prima volta in oltre un decennio.

"Rallentare la crescita dei ricavi significa anche dover rallentare l’aumento delle spese", ha spiegato il portavoce. Alla fine del primo trimestre, il servizio di streaming contava 221,6 milioni di abbonati, in leggero calo rispetto alla fine di dicembre.

Erosione causata dalla sospensione dei servizi in Russia

Netflix spiega l’erosione degli utenti con la sospensione dei suoi servizi in Russia a causa della guerra in Ucraina. Questo calo di 200mila abbonati, meno dello 0,1% della base clienti totale, è stato sufficiente a scatenare il panico a Wall Street quando l’azienda ha annunciato i risultati trimestrali in aprile.

Il direttore finanziario Spence Neumann ha annunciato in una conference call che Netflix "taglierà" le spese nei prossimi due anni, pur continuando a investire miliardi di dollari nella piattaforma.

L’azienda della Silicon Valley ha registrato un utile netto di 1,6 miliardi di dollari nei primi tre mesi, in calo rispetto agli 1,7 miliardi del primo trimestre del 2021.

Condivisione degli account problematica per il colosso dello streaming

Tra gli altri fattori che ne frenano la crescita, Netflix ha individuato il fatto che alcuni abbonati condividono i loro account con persone che non vivono nella stessa casa.

Secondo le stime del gigante dello streaming, quasi 222 milioni di famiglie pagano un abbonamento, ma gli account sono condivisi con più di 100 milioni di altre famiglie che non sono abbonate al servizio.

Netflix sta sperimentando modi per guadagnare da questa condivisione di account, ad esempio introducendo una funzione che consenta agli abbonati di pagare un po’ di più per aggiungere altre famiglie. "Non era una priorità quando stavamo crescendo rapidamente, e ora ci stiamo lavorando intensamente", ha detto il capo Reed Hastings durante una conference call sui guadagni.

"Ci sono più di cento milioni di famiglie che hanno già scelto di guardare Netflix, amano il servizio, dobbiamo solo essere pagati in qualche misura" per questi spettatori.

Concorrenza di Apple e Disney e pubblicità

La crescita di Netflix risente anche dell’intensa concorrenza di Apple e Disney.

Netflix sta anche valutando la possibilità di aggiungere un nuovo abbonamento scontato supportato da pubblicità, un modello che Hastings ha escluso da tempo.

Leggi anche:

Netflix valuta un abbonamento a basso costo con pubblicità

Netflix crolla in borsa dopo la fuga di abbonati

Netflix: la pubblicità potrebbe arrivare a fine 2022

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
licenziamenti netflix russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved