cannes-75-il-cinema-torna-in-sala
Keystone
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
8 ore

‘Riflessioni musicali’ e ‘Cantar di storie’ con i Vent Negru

La rassegna dello storico gruppo di musica popolare inizierà il 7 luglio a Berzona e andrà avanti per tutto il mese, con una serie di concerti
Scienze
8 ore

La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli

L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Arte
8 ore

Crampiarcore, la prima edizione alla Rada

Pop up interdisciplinare con musica dal vivo, graffiti e prodotti locali il 9-10 luglio a Locarno
Scienze
9 ore

Premio Möbius all’Usi, quando la realtà è sotto attacco

‘Discorsi d’odio, notizie false, metaversi’: questo il tema della 26esima edizione del Möbius 2022, all’Usi di Lugano il 14-15 ottobre
Spettacoli
14 ore

Dee Dee Bridgewater e Ida Nielsen: JazzAscona chiude col botto

Domani sera andrà in scena la proposta conclusiva della rassegna. Si parte da mezzogiorno con il lunch musicale per finire col burlesque di Trixie
Spettacoli
16 ore

In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain

Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
1 gior

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
1 gior

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
1 gior

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
1 gior

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
Spettacoli
1 gior

Crivellaro e Bovet aprono il Festival organistico di Magadino

Martedì 5 luglio si terrà il 1° concerto della 60esima edizione che è dedicato a uno dei fondatori e al connubio fra sonorità dell’organo ed elettroniche
Culture
1 gior

Simenon: ‘Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’

Scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato. Ma scriveva ininterrottamente.
Spettacoli
1 gior

Niente Metallica, in 11’000 chiedono il rimborso del biglietto

Rischio deficit per gli organizzatori dell’‘Out in the Green’ di Frauenfeld, rimasto orfano all’ultimo, causa Covid, della band più attesa
Spettacoli
1 gior

Sean Ardoin: il cajun nelle vene

Erede e innovatore della grande tradizione creola, il musicista zydeco spiega perché è importante coltivare e promuovere la propria eredità culturale
Arte
2 gior

Thomas Hoepker, protagonista di una mostra e un film

La Bildhalle di Zurigo dedica al fotografo Magnum una retrospettiva. E domani esce nelle sale svizzerotedesche il documentario di Nahuel Lopez.
Spettacoli
2 gior

James Bond, il prossimo film può attendere

La produttrice dei film dell’agente 007, Barbara Broccoli, ha annunciato che nessun nuovo lungometraggio verrà girato prima di due anni
laR
 
17.05.2022 - 05:25
Aggiornamento: 19:23
di Ugo Brusaporco

Cannes 75, il cinema torna in sala

Un Fuori concorso con ‘Top Gun’ e George Miller, un Concorso con i Dardenne, David Cronenberg, Kelly Reichardt, Ethan Coen

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Due anni di pandemia hanno segnato il destino del cinema nelle sale, già tragico prima e perdente nei confronti delle tante piattaforme nate per distruggere il senso sociale dei film e per dar vita a un solitario e generalizzato onanismo globalizzato. Ecco allora che la più importante e inimitabile manifestazione cinematografica mondiale, il Festival di Cannes, nel riprendere in piena forza il suo ruolo all’interno del sogno cinematografico reclama il ritorno alle sale in nome della bellezza inimitabile del cinema. È il senso voluto da Thierry Fremaux, per festeggiare oltre al ritorno in sala, i 75 anni di Cannes: un invito a vivere il cinema.

Basta scorrere i titoli e gli autori che compongono il panorama che da questo martedì 17 maggio a sabato 28 si svelerà sulla Croisette, su quel lungomare che con alberghi leggendari si riflette nella storia del Mediterraneo. Anche qui le cose cambiano, come ogni onda non è uguale all’altra, Thierry Fremaux sarà accompagnato per l’ultimo anno dal presidente Pierre Lescure che lascerà al suo posto Iris Knobloch, non a caso una signora che per anni è stata dirigente Warner, una donna che si è sempre battuta per la fruizione dei film su grande schermo. Proprio oggi il Festival sarà aperto da un atteso film ‘Coupez!’ del premio Oscar Michel Hazanavicius, qui a Cannes nel 2011 con l’indimenticato ‘The Artist’, un film sulla storia del cinema, un argomento che investiga ancora in questo film annunciato come "commedia zombie". Hazanavicius è fuori concorso, dove si trova in compagnia dell’architetto Joseph Kosinski – che dirige Tom Cruise, Val Kilmer e Jennifer Connelly nell’attesissimo ‘Top Gun: Maverick’ – e con Baz Luhrmann che firma una leggenda con ‘Elvis’ e George Miller e il suo avventuroso ‘Three thousand years of longing’. E se questi con altri film di grande interesse popolare sono fuori concorso, in Competizione ufficiale a sfidare i fratelli Dardenne – due Palme d’oro, e una serie di altri premi prestigiosi, qui a Cannes con ‘Tori et Lokita’, storia migrante di un oggi che ci neghiamo di capire – ci saranno, tra le altre e gli altri: Claire Denis, a febbraio premiata a Berlino come miglior regista per ‘Avec amour et acharnement’ e qui pronta con il suo nuovo ‘Stars at Noon’ ambientato nel Nicaragua del 1984, David Cronenberg, qui premiato nel 1996 per l’intenso ‘Crash’ e che ora ritenta con l’horror ‘Crimes of the Future’. Una Palma d’oro l’ha vinta nel 2018 con ‘Manbiki kazoku’ anche Hirokazu Koreeda che quest’anno ritenta il premio con ‘Broker’, storia di bambini non voluti; James Gray, premiato a inizio carriera a Venezia, torna a Cannes con ‘Armageddon time’, un film sul tempo passato della giovinezza, una piccola storia dopo aver sfidato gli spazi con il suo ‘Ad Astra’ (2019), Ruben Östlund, che qui ha vinto con ‘The Square’ (2017) dopo il mondo dell’arte affronta quello della moda con l’amara commedia ‘Triangle of sadness’.

Ci sarà anche Mario Martone con ‘Nostalgia’ come sempre con Napoli protagonista, e con lui battendo altra bandiera Valeria Bruni Tedeschi con ‘Les amandiers’ dedicato al Théâtre des Amandiers di Nanterre la scuola di Patrice Chéreau e Pierre Romans. Ritorna a Cannes dove qualche anno fa ha vinto una Palma d’oro con ‘4 luni, 3 saptamâni si 2 zile’ (2007) il rumeno Cristian Mungiu con il nuovo ‘R.M.N.’, un’indagine sul nostro confuso tempo; habitué del Festival è Arnaud Desplechin che ha portato Marion Cotillard a recitare nel suo privato ‘Frère et soeur’; due premi si è guadagnato qui Park Chan-wook che porta un giallo misterioso, ‘Heojil kyolshim’; qualche premio lo ha vinto anche il veterano Jerzy Skolimowski che segue un asino che nei suoi viaggi incontra persone buone e cattive, sperimenta gioia e dolore, esplorando una visione dell’Europa moderna attraverso i suoi occhi, nel suo ‘EO’. La talentuosa Kelly Reichardt con ‘Showing up’ esplora il lavoro di un’artista, mentre al rapporto tra Ciajkovskij e sua moglie Antonina Miliukova si interessa il fresco esule russo Kirill Serebrennikov nel suo ‘Zhena chaikovskogo’. In simile Concorso trovano spazio anche Lukas Dhont, camera d’or con ‘Girl’ nel 2018, alla prova di maturità con ‘Close’ che racconta l’intensa amicizia tra due tredicenni, Leo e Remi, e di come venga improvvisamente interrotta, e non ultimo è l’iraniano Saeed Roustayi che fa il suo esordio a Cannes con ‘Leila’s brothers’, con lui un altro film iraniano, il mistery ‘Holy Spiderÿ di Ali Abbasi; un film sui giochi di potere all’Università del Cairo, ‘Boy from Heaven’ di Tarik Saleh; la storia di una donna che arriva nella banlieue parigina viene raccontata in ‘Un Petit Frère’ da Léonor Serraille, in ‘Tourment Sur Les Îles’ Albert Serra, già vincitore a Locarno, racconta una strana storia ambientata nella Polinesia francese. Un altro titolo resta ancora in questa competizione ed è ‘Le Otto Montagne’ di Charlotte Vandermeersch e Felix Van Groeningen, una storia di amicizia e montagna, un berg film dei nostri tempi.

Ed è solo il Concorso. Nella sezione Cannes Premieres ci sono Ethan Coen con il documentario ‘Jerry Lee Lewis: trouble in mind’, Marco Bellocchio con la serie ‘Esterno notte’ dedicata al rapimento Moro e Olivier Assayas, che rivede la sua filmografia con ‘Irma Vep’ e spazio anche per Sergei Loznitsa, il più celebre regista del cinema ucraino contemporaneo, con ‘The natural history of destruction’. E non è tutto e non si potrà vedere tutto perché sono solo 11 giorni di cinema su grande schermo. Di grande Cinema. Questo è Cannes.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cannes cinema
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved