eurovision-provaci-ancora-marius
Keystone
Diciassettesimo
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
8 ore

‘Riflessioni musicali’ e ‘Cantar di storie’ con i Vent Negru

La rassegna dello storico gruppo di musica popolare inizierà il 7 luglio a Berzona e andrà avanti per tutto il mese, con una serie di concerti
Scienze
8 ore

La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli

L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Arte
9 ore

Crampiarcore, la prima edizione alla Rada

Pop up interdisciplinare con musica dal vivo, graffiti e prodotti locali il 9-10 luglio a Locarno
Scienze
9 ore

Premio Möbius all’Usi, quando la realtà è sotto attacco

‘Discorsi d’odio, notizie false, metaversi’: questo il tema della 26esima edizione del Möbius 2022, all’Usi di Lugano il 14-15 ottobre
Spettacoli
14 ore

Dee Dee Bridgewater e Ida Nielsen: JazzAscona chiude col botto

Domani sera andrà in scena la proposta conclusiva della rassegna. Si parte da mezzogiorno con il lunch musicale per finire col burlesque di Trixie
Spettacoli
16 ore

In ‘Brothers’ ci sono Andrea e Luca, ci sono i Make Plain

Novità non solo organizzative al Cavea Festival (1-2 luglio): il gruppo lancia sul palco per la prima volta il nuovo pezzo dell’album in uscita nel 2023
Ceresio Estate
1 gior

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
1 gior

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
1 gior

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
16.05.2022 - 05:30
Aggiornamento: 14:47

Eurovision, provaci ancora Marius

Marius Bear è un talento che va preservato. E ‘Boys Do Cry’ non ha colpe. Anzi

Si può dire quel che si vuole di Marius Bear, della sua canzone e della scelta svizzera di consegnargli il destino della Confederazione all’Eurovision Song Contest. Un evento che, è vero, è solo un concorso canoro, non una campagna militare, ma pur sempre un momento topico dell’intrattenimento. Si può dire quel che si vuole di ‘Boys Do Cry’, canzone in gara elogiata dagli addetti ai lavori, da fior d’autori, arrangiatori e orchestratori, ma affossata dal televoto. ‘Boys Do Cry’, per quel che ci riguarda, ha una sola colpa: a cantarla è un emergente. E non conta che il brano sia in lingua inglese (nel 2014 Sebalter era anglofono). ‘Boys Do Cry’ ha semplicemente avuto il destino di molte grandi canzoni, magari diventate grandi dopo. E il destino è che a volte funzionano e a volte no. E non sapremo mai il perché.

Il verdetto del televoto però – zero punti, cosa accaduta lo scorso anno alla Gran Bretagna, ma con un brano artisticamente impresentabile – deve far riflettere. E per quanto ci abbiamo riflettuto, non ci viene in mente altro che questo: potrebbe, il buio scenografico nel quale è stato immerso Marius, avergli giocato contro? Potrebbero, l’ammiccare qua e là alla telecamera, il trucco un tantino pesante e quel cuore proiettato sul viso (che in fotografia pare un errore di stampa) avere influito sulla spontaneità dell’intera operazione? Oppure il mondo sonoro di Salvador Sobral che nel 2017, per il Portogallo, vinse a sorpresa a Kiev cantando ‘Amar Pelos Dois’, canzone jazzata, è già preistoria?

Nel percorso di avvicinamento a Torino, radio scarpa (o ‘voci di corridoio’, anche ‘rumors’) parlava di certezza che un italofono avrebbe fatto al caso nostro; la certezza è diventata un semplice auspicio; l’auspicio si è poi perso al confine. Si è passati anche per Tananai, ultimo a Sanremo, ma era una boutade (per fortuna). Alla fine di tutto, se a Torino ha vinto una canzone in lingua ucraina, se terza è una canzone in lingua spagnola, se quinto è un mantra in serbo, reso comprensibile da un semplice battito di mani, perché mai un italofono ci avrebbe potuto aiutare?

Marius Bear è un talento che va preservato. Ha la gentilezza del musicista e l’innata dote di chi suona anche per gli altri. Ha 29 anni, col cappellino di traverso pare un bimbo di 15, quando canta pare un uomo di 40, e a Torino ha cantato come uno di 40, da navigato crooner, e padrone della scena. E se di belle voci è pieno il mondo, di artisti completi no. Quando si sarà messo dietro le spalle lo sconforto per gli ‘Zero points’ di sabato, Marius potrà ricominciare dal suo valore, voce e chitarra come Ed Sheeran, e come quelli che non necessitano di scenografia per emozionare e, non di meno, emozionarsi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eurovision marius bear
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved