eurovision-marius-bear-nella-finale-di-sabato
Keystone
Marius Bear e un gioiello chiamato ‘Boys Do Cry’
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
2 ore

Grease nei cinema a 5 dollari in onore di Olivia Newton-John

Sarà proiettato negli Stati Uniti in 135 sale della catena Amc. Un dollaro per ogni biglietto venduto sarà donato alla ricerca sul tumore al seno
Scienze
2 ore

L’asteroide che segnò la fine dei dinosauri non era forse solo

Scoperto un nuovo cratere nell’Atlantico, probabilmente frutto di un impatto di un meteorite, della stessa epoca di quello caduto in Messico
Musica
3 ore

‘Non sono un cantautore’ alla Festa della Musica

Brani di Concato, Dalla, Bersani e molti altri. Ad Arbedo domenica 28 agosto alle 17.30
Libri
3 ore

A San Bernardino ‘Improvviso per pianoforte’ di Elena Spoerl

La presentazione è fissata per sabato 27 agosto alle 16 alla Galleria spazio28
Musica
3 ore

Conto alla rovescia per le Settimane Musicali di Ascona

Al via sabato 27 agosto con il Premio Grammy Evelyn Glennie, sul lungolago di Ascona per il concerto d’inaugurazione
Scienze
5 ore

Morti per tumore, il 44% a causa di fattori di rischio evitabili

Il fattore di rischio con maggiore impatto in ambo i sessi è il fumo. Seguono alcol, alimentazione scorretta, inquinamento ambientale e sesso non sicuro
Scienze
5 ore

Più problemi di memoria tra chi ha perso l’olfatto

Covid, secondo una ricerca dell’Hospital das Clínicas di San Paolo (Brasile) c’è una relazione tra la perdita sensoriale e la capacità cognitiva
Lac
6 ore

‘La traviata’ secondo Rifici

Da Rossini al capolavoro verdiano, che debutta il 2 settembre. Sulla scena che prende forma, a colloquio con il regista (aspettando Donizetti...)
Spettacoli
8 ore

‘Pretty Woman - Il Musical’, in novembre al Lac

Prevendite aperte. Con la colonna sonora affidata alla coppia Bryan Adams/Jim Wallace (ma Roy Orbison c’è), sabato 26 e domenica 27 novembre a Lugano
Culture
21 ore

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
1 gior

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
1 gior

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
2 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
10.05.2022 - 23:13
Aggiornamento: 11.05.2022 - 07:30

Eurovision, Marius Bear nella finale di sabato

Con la Svizzera, si qualificano Armenia, Islanda, Lituania, Portogallo, Norvegia, Grecia, Ucraina, Moldavia e Paesi Bassi.

Non sono in ordine di punteggio ottenuto, ma sono in finale: Svizzera, Armenia, Islanda, Lituania, Portogallo, Norvegia, Grecia, Ucraina, Moldavia, Paesi Bassi. Sono le dieci nazioni uscite dalla prima semifinale. Si aggiungeranno alle dieci della seconda semifinale in programma giovedì e ai Big Five già qualificati, per contendersi sabato 14 maggio la vittoria dell’Eurovision Song Contest 2022.

La cronaca

Sold out al PalaOlimpico, sold out nella sala stampa ora finalmente multinazionale, sino a ieri ancora troppo hub vaccinale, resa viva dai soli colori norvegesi, con graziose bandierine sui tavoli in perfetto stile ‘Incontro al vertice’. Dal tema del ‘Nessun dorma’ a quello di ‘The Sound of Beauty’, claim dell’Eurovision Song Contest, e con razzi, razzetti, fumi, lanciafiamme e lingue di fuoco l’Europa è tutta a Torino. Mika ricorda l’Eurovision a Napoli nel ’65 d.C. (dopo Cinquetti) e a Roma nel ’91 d.C. (dopo Cutugno); Cattelan ringrazia Rotterdam e indirettamente i Måneskin; Laura Pausini li annuncia per sabato.

Nella prima semifinale aperta dall’Albania con le armoniche rotondità di Ronela Hajati (‘Sekret’), non ce la fanno gli attesi (da noi) Citi Zeni, i lettoni di ‘Eat Your Salad’, inno al green che il cantante decide di autocensurare (la parola era ‘pussy’ e non è un epiteto). Tant’è, l’Eurovision ha perso un grande funk. Vestita e acconciata come Mireille Mathieu, la lituana Monika Liu passa il turno con ‘Sentimentai’. Quel piccolo capolavoro svizzero intitolato ‘Boys Do Cry’ sfila per quarto: nell’intimità che tira all’oscurità (senza razzetti e lanciafiamme dunque), Marius Bear è impeccabile e pericoloso per i deboli di cuore, e lui ne ha uno infranto giusto sulla giacca e sul viso. C’era tanto funk anche negli sloveni LPS, anzi, era ‘Disko’ ma non è bastata. Decisivo l’hip hop misto al folk ucraino, marchio di fabbrica della Kalush Orchestra: ‘Stefania’ è un tormentone colto e gentile che resta al di là della guerra. Fuori dalla gara, malgrado razzi, razzetti e fiamme di fuoco, il rock bulgaro dell’Intelligent Music Project (molto rumore per nulla). S’insinua invece l’Olanda con S10 e la ballad ‘De Diepte’; lo stesso fa il country-folk dei moldavi Zdob si Zdub & Fratii Advahov con ‘Trenuletul’, brano nel quale c’è il succo dell’Eurovision: scatenarsi senza pensare a nulla davanti alla tv o mettersi le mani nei capelli (sempre davanti alla tv).

Per troppa classe, passa il Portogallo di Maro con ‘Saudade, saudade’. Impalpabile la Croazia di Mia Dimsic con ‘Guilty pleasure’, un peccato perdere le danesi Reddi con ‘The Show’, più rockettare di tutti i rockettari del concorso. Dell’Austria con LUM!X ft. Pia Maria, ‘Halo’ è un riempipista che non va oltre la pista. Ci vanno, oltre, l’Islanda con Systur e la romantica ‘Með hækkandi sól’, la Grecia con Amanda Georgiadi Tenfjord e ‘Die together’, la Norvegia dei Subwoolfer di ‘Give that wolf a banana’ (un incrocio tra i Devo e gli Eiffel 65) e l’Armenia con i tormenti e le speranze generazionali di Rosa Linn in ‘Snap’.

Menzione per ‘Fai rumore’, col ritornello cantato dal PalaOlimpico prima e da Diodato poi, graditissimo ospite: un groviglio di corpi gli corre intorno, poi lo spinge verso l’alto e lo riconsegna, insieme al brano, al mondo reale. ‘Fai rumore’ era intrappolata nel Colosseo della pandemia, in un Eurovision per pochi intimi, lo abbiamo scritto ieri. Ora è libera. Forse lo siamo anche noi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eurovision song contest marius bear svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved