chiara-dubey-il-cielo-in-una-stanza-dell-arte
Chiara Dubey
ULTIME NOTIZIE Culture
Ceresio Estate
56 min

‘Ciò che piace’ al Trio Quodlibet

Schubert, Penderecki e Beethoven, domenica 3 luglio alle 19 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Sorengo. Intervista alla violista Virginia Luca
Scienze
4 ore

Covid, gatto infetta la veterinaria con uno starnuto

È la prima volta che viene confermato un caso di trasmissione da gatto a uomo
Arte
5 ore

‘Genova città fragile’ a Lugano fino al 15 luglio

Proroga per la mostra ‘Genova città fragile. Una città in mostra’ che rimane nella Limonaia di Villa Saroli fino al 15 luglio
Spettacoli
5 ore

JazzAscona una nottata all’insegna delle note di mescolanza

Domani sera le proposte musicali del festival vedranno susseguirsi sui palchi le Sister Cities Band, con Ari Teitel, Four Deb, Nojo 7, Ashlin Parker
Spettacoli
6 ore

Crivellaro e Bovet aprono il Festival organistico di Magadino

Martedì 5 luglio si terrà il 1° concerto della 60esima edizione che è dedicato a uno dei fondatori e al connubio fra sonorità dell’organo ed elettroniche
Culture
9 ore

Simenon: ‘Con la pietà di Čechov e la spietatezza di Gogol’

Scrittore della mediocrità, si dice, perché la conosceva bene. Non solo ne era circondato, ma vi era ben piantato. Ma scriveva ininterrottamente.
Spettacoli
10 ore

Niente Metallica, in 11’000 chiedono il rimborso del biglietto

Rischio deficit per gli organizzatori dell’‘Out in the Green’ di Frauenfeld, rimasto orfano all’ultimo, causa Covid, della band più attesa
Spettacoli
16 ore

Sean Ardoin: il cajun nelle vene

Erede e innovatore della grande tradizione creola, il musicista zydeco spiega perché è importante coltivare e promuovere la propria eredità culturale
Arte
1 gior

Thomas Hoepker, protagonista di una mostra e un film

La Bildhalle di Zurigo dedica al fotografo Magnum una retrospettiva. E domani esce nelle sale svizzerotedesche il documentario di Nahuel Lopez.
La recensione
30.03.2022 - 11:30
Aggiornamento: 15:35

Chiara Dubey, il cielo in una stanza (dell’arte)

Notte di ‘Constellations’ a Chiasso, nella consueta valida fusione tra pop, classica ed elettronica

C’è Chiara Dubey nel Cinema Teatro trasformato in ‘Stanze dell’arte’, titolo della rassegna. È alla musicista e compositrice e cantante, sita geograficamente tra il Ticino, Zurigo e Londra, che ci affidiamo, certi anche noi che, come dice lei a Chiasso prima di cominciare, nessuno può far finta di non vedere cosa succede «poco fuori dalla porta di casa». Ma il tentativo di evasione, la fuga controllata dalla realtà in un sabato sera diverso dagli altri sono leciti e inevitabili rifugi mentali dentro spazi fisici chiamati ‘teatri’.

‘Choral of Thoughts’, strumentale fresco di pubblicazione, apre quest’altra data del tour di ‘Constellations’, dall’omonimo album d’esordio ‘puntellato’ di tanto in tanto da inediti successivi alla sua uscita, come la composizione d’apertura o quella della temporanea chiusura, ‘The Stranger’. Lo strumentale e la canzone sono parti a sé di uno stesso intero – l’album – ma anche proiezione futura di quel che da Dubey arriverà.

Facendo il verso ai cantautori e all’evento, ‘Constellations’ è un cielo in una stanza in cui scie luminose sono i dodici capitoli del disco, da ‘Find Time’ a ‘Souls’, con in mezzo alcuni punti fermi che scaldano la sala – ‘Wonder’, ‘The Hunt’ – e quel piccolo punto nel cielo chiamato ‘Age’, varco d’accesso all’universo Dubey. ‘Constellations’, idealmente, inizia anni fa, con l’autrice pancia in su a guardare le stelle, entrando e uscendo da quel ‘Parallele Universe’ di cui si canta nel disco.

La penombra, ancor più che la luce, esalta le composizioni; la voce di Chiara è la traccia pulita di un disco ben mixato, il minimale diventa fondamentale nel quintetto d’archi a lei caro, e nel pianoforte di Silvia Pellegrini. È così, tra le suggestive luci a LED sulle assi del palco, che una volta ancora classica, pop ed elettronica si fondono. Dopo l’uscita e il rientro, nel rispetto del rituale sacro del bis, a spegnere la volta celeste, a chiudere la stanza dell’arte, è ‘Bella sera’, brano in italiano di quando una Dubey teenager sfiorò l’Eurovision. Qualche anno dopo, ben vengano l’internazionalità, la lingua inglese e la nebbiolina nordica; ma ben venga anche, anzi verrebbe, una Dubey in lingua italiana. Anche solo – rubando ancora ai cantautori – "per vedere l’effetto che fa" (effetto che a noi pare bellissimo).


Ti-Press
Nelle stanze dell’arte

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiara dubey constellations
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved