il-tempo-che-ci-resta-a-teatro-con-falcone-e-borsellino
Laila Pozzo
Nel tempo che ci resta
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
41 min

Steve Martin dice addio alla carriera di attore

L‘attore ha alle spalle quasi 60 anni di carriera. Attualmente è impegnato nella serie televisiva ‘Only Murders in the Building’
Sostiene Morace
1 ora

Ma col domenicale in pausa estiva, io con chi faccio polemica?

Mancano gli affondi sulla ‘kultura’ e lo sperpero di soldi pubblici del Festival. Ma restando al cinema, quant’è bello ‘Last Dance’
Chilometro zero
1 ora

Una matinée dedicata al tema della toponomastica al femminile

L’appuntamento è proposto nel solco della rassegna Chilometro zero, lunedì 22 agosto, alle 9, in Biblioteca cantonale a Lugano
Prix au Public
3 ore

Lattina di Feldi con pezzi di sottotitoli

Sfilate di direttori artistici, il tormentone sul Ceneri, le donne che non sudano (e altre storie locarnesi)
Piazza Grande
3 ore

Il Pardo alla carriera a Costa-Gavras, poi ‘Annie Colère’

È il programma di questa sera, che dalla storia di Annie porta al noir d’esordio del grande regista, che ritira il suo premio
In Concorso
5 ore

Immagini dell’immondizia e di un’umanità persa

‘Matter Out of Place’ dell’austriaco Nikolaus Geyrhalter vs ‘Regra 34’ della brasiliana Julia Murat: emozioni contrastanti
Estate giallo-nera
7 ore

Borges, raccontare l’infamia per amore del coraggio

‘Storia universale dell’infamia’, sette storie di Jorge Luis Borges, che di scrivere racconti aveva tanta paura
Locarno 75
9 ore

La normalità non binaria dell’adolescente Robin

A colloquio con Trevor Anderson, tra i Cineasti del presente con ‘Before I Change My Mind’, uno dei film più sorprendenti di questa 75esima edizione
Locarno 75
11 ore

Non sapeva di sognare, Piazza Grande è un sogno che s’avvera

La regista Caterina Mona ci parla di ‘Semret’, suo primo lungometraggio proiettato mercoledì sera a Locarno. ‘Sentivo che era un film necessario’
L’intervista
14 ore

Suoni e visioni di Laurie Anderson

Così è motivato il Vision Award ritirato ieri in Piazza: ‘Niente nella musica, nel teatro, nel cinema, nella danza e nella videoarte sarà più lo stesso’
Locarno 75
21 ore

‘Semret’, in Piazza il peso dello stupro

Caterina Mona merita un applauso tutto suo per un film sincero, capace di dire dell’oggi, dei migranti che fatichiamo a vedere, apprezzare, custodire.
16.03.2022 - 18:41
Aggiornamento: 18:58
di Valentina Grignoli Cattaneo

Il tempo che ci resta: a teatro con Falcone e Borsellino

In scena al Foce di Lugano lo spettacolo dell’argentino César Brie

In scena venerdì sera sul palco del Teatro Foce di Lugano, uno dei maestri teatrali del secondo Novecento: César Brie, figura emblematica di quel teatro nato in Sudamerica e poi approdato in Europa a causa della dittatura argentina. Dalla Comuna Baires, compagnia di grande successo nata all’inizio degli anni Settanta nella capitale argentina, al quartiere Isola di Milano qualche anno dopo dove fonderà insieme a Danio Manfredini il Collettivo Tupac Amaru. Nel 1980 la Danimarca e la vicinanza al Teatro Odin ed Eugenio Barba, anche se la sua insegnante sarà sempre Iben Nagel Rasmussen (una delle prime attrici della compagnia). E dieci anni dopo il ritorno in Sudamerica con la realtà storica del Teatro de los Andes.

Una parabola che lo riporterà in Italia senza mai dimenticare l’Argentina, e che testimonia un percorso artistico coerente e necessario, a favore dell’umanità, in nome della bellezza. Nel suo teatro l’essere umano è sempre al centro, così come l’attualità. La sua urgenza è reale, ed è quella di raccontare l’uomo oggi e la storia recente. Anche se, intervistato a questo proposito, ha dichiarato che «io non faccio teatro politico, faccio teatro! A volte è politico, a volte è intimo. Ma nell’io c’è il noi».

In scena al Foce, in collaborazione con il Centro Artistico Mat, uno dei suoi ultimi spettacoli: ‘Nel tempo che ci resta’, creato qualche anno fa e poi fermato dalla pandemia. «Questo lavoro è un’elegia su Giovanni Falcone e Giuseppe Borsellino. La storia è nota, ma c’è molta documentazione che racconta ciò che è nascosto, che nessuno sa. Si svolge in un cantiere abbandonato, e i personaggi parlano di quello che è successo loro, anche quello che è avvenuto dopo, come se guardassero dall’alto. Abbiamo fatto entrare dalla finestra i misteri».

‘Nel tempo che ci resta’ è frutto di una ricerca durata più di due anni su Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Tommaso Buscetta, pentito di mafia, e prosegue un lungo lavoro di impegno civile e inchiesta, iniziato con ‘Il cielo degli altri’, ‘Viva l’Italia’, ‘Prima della bomba’, per citarne alcuni. César Brie cura drammaturgia e regia, e sarà in scena, in buona tradizione dei "teatristas" argentini.

«Dovevo fare solo il regista, e gli attori le due coppie. E invece… Ho iniziato nel lavoro a indagare su oggettualità e immagini, prima di scrivere il testo. Davo dei temi di lavoro nei seminari teatrali e non dicevo di chi parlavo. Dagli oggetti nascevano le immagini. Io ho cercato la metonimia in un cantiere abbandonato. Panca, lamiere, pavimento grigio, corde e poi alcuni altri oggetti, che sono apparsi dopo: le cravatte, il sangue. Una goccia che cade. Con questi elementi ho creato centinaia di immagini, e poi ho iniziato a scrivere il testo. Mi sono dovuto documentare e ho scoperto molto sulla mafia. Ho creato un testo adeguandolo all’immagine che avevo in mente. Ho dovuto scegliere molto, dare a volte solo alcune informazioni e togliere il superfluo. Ma ho voluto essere anche molto rigoroso: ho nominato tutti gli uomini e le istituzioni uccisi dalla mafia. Anche i carabinieri ammazzati nelle stragi, sono tutti sullo stesso piano».

Per raccontare le biografie, e non solo i nomi, Brie si serve anche delle immagini, delle fotografie. «Certo, ho dovuto trovare un accorgimento, non volevo mostrare la disfatta, i corpi dilaniati, mostro le foto di famiglia, quelle di prima. Non si tratta di un documentario, ma di un monumento, un inno».

Un lavoro utile e necessario, secondo il regista, perché oggi «i magistrati sono molto isolati, sono vituperati e la mafia non è scomparsa, è sommersa. Oggi sono i politici che vanno dai mafiosi e non il contrario. Un lavoro che ha ancora molto da dire, a tutti». L’augurio? «Che le mie figlie adolescenti escano e dicano cosa è successo? Voglio che i ragazzi possano interessarsi di nuovo alla storia del proprio paese».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
césar brie teatro
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved