a-qualcuno-piace-hot-quella-degli-hotlanta
Da sinistra a destra: Mattia Mantello, Matteo Ballabio, Francesco Rezzonico, Rocco Lombardi, Matteo Bertini (foto: Federica Di Lillo)
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
2 ore

Prodigio di libertà e indipendenza: è Anna Kuliscioff

Alla Biblioteca cantonale di Locarno, domani sera, una conferenza per conoscere una delle protagoniste del socialismo e del femminismo italiani
Arte
3 ore

L’aridità andina del fotografo Gian Paolo Minelli

Alla Polus di Balerna fino al 9 giugno ‘Aridez’, progetto scaturito da un lungo viaggio sulle Ande
L’intervista
5 ore

Dodi Battaglia, ‘Inno alla musica’ e ai Beatles (Days)

Stasera a Bellinzona in Piazza del Sole, l’ex Pooh tra grandi successi e brani del nuovo album. ‘Quando sul palco mi volto, vedo ancora Stefano’
Musica
18 ore

Cyrille Aimée, gran finale di stagione al Jazz Cat Club

Dopo ben tre rinvii, lunedì 23 maggio ad Ascona per chiudere la 14esima stagione
Cinema
18 ore

Oscar 2023, cambiano le regole: i film devono uscire nelle sale

Il Board dell’Academy ha cambiato alcune regole. Nella categoria della miglior canzone originale abbassato da cinque a tre i brani presentabili
Spettacoli
18 ore

La Venere nera, thriller gotico a Losone

Basato sul racconto ‘La Venere d’Ille’ di Prosper Mérimée, sabato 21 maggio alle 20.30
Spettacoli
21 ore

LuganoMusica nel segno di György Ligeti e dei giovani

Presentata la stagione musicale 2022-23 del Lac, da Maurizio Pollini e la Concertgebouw ai giovani direttori Tjeknavorian e Mäkelä
Cinema
21 ore

Cannes festeggia i suoi 75 anni inneggiando al cinema

Brillano ‘Coupez!’ di Michel Hazanavicius, scelto da Thierry Fremaux per inaugurare l’edizione, e ‘For the Sake of Peace’, prodotto da Forest Whitaker
Società
22 ore

Roma, i carabinieri chiudono il Piper: ‘Risse e violenze’

Aperto nel 1965 nel quadrante Nord della capitale, ha rappresentato la risposta in salsa romana ai locali della ‘Swinging London’.
Musica
1 gior

L’Osi in San Biagio con Martijn Dendievel e Johan Dalene

Il 25enne direttore d’orchestra belga e il 21enne violinista svedese, il 16 giugno alle 20.30, si cimentano con Mozart e Mendelssohn
Musica
1 gior

Tra il Convento e Curzútt, in arrivo Monte Carasso in Jazz

Il 25 maggio all’Antico Convento delle Agostiniane i parigini ALT; il 2 giugno nel nucleo di Curzútt Danilo Boggini Hot Club de Suisse e i Lost in Swing
Spettacoli
1 gior

Festival Master Accademia Dimitri, la seconda settimana

Altre due tavole rotonde internazionali di teatro e altri spettacoli, a partire da domani
Culture
1 gior

La vita in fuga di Ulas Samchuk, la morte per fame dell’Ucraina

Un contributo di Carlo Ossola sul romanzo del 1934 ‘Maria. Cronaca di una vita’, la cui traduzione italiana sarà presentata giovedì 19 maggio al Lac
Musica
29.01.2022 - 09:36
Aggiornamento : 17:16

A qualcuno piace ‘Hot’ (quella degli Hotlanta)

Un nuovo brano per la formazione capitanata da Rocco Lombardi e Matteo Bertini, pronta a diventare band a tutti gli effetti

“Ogni singolo richiama un posto degli States” era la dichiarazione doganale d’importazione di suoni e intenzioni dall’altro Continente. Parole da una rubrica intitolata ‘Ognuno a casa sua’ dentro la quale, su queste pagine, sfilarono artisti di casa nostra (ma anche vicini di casa) alle prese con le restrizioni Covid. A maggio 2021, Hotlanta, progetto di Rocco Lombardi (batteria, percussioni) e Matteo Bertini (voce) uscirono di casa una volta per tutte riempiendo lo spazio di ‘MusicaViva’ alla Rsi, sancendo la propria nascita (oltre che rinascita) dal vivo, prolungatasi fino all’ultimo Vallemaggia Magic Blues, parlando di grandi appuntamenti.

Da allora – erano i giorni che andavano dall’ottima ‘Arcade Tales’ a ‘The Sinner’ Soul’ – ne è passato di rock (e rock-blues) sotto i ponti: dalle frenesie di ‘Gold Cadillac’ alla benedetta rilassatezza di ‘Guilty’, con Bertini a scartavetrare le corde vocali, fino a ‘Hot’, già online, in radio dalla prossima settimana. ‘Hot’ che dal funk sfocia nel latin in maniera quasi schizofrenica, dunque riuscita. «Ho costruito l’ossatura, anche armonica, dal giro di basso che mi sono divertito a suonare, aggiungendo una sezione latin, e anche lì mi sono divertito, sovraincidendo congas e timbales. Poi, con gli altri, abbiamo arrangiato il tutto”. Un soddisfatto Rocco Lombardi ci illustra la genesi di un brano che «esce dai nostri colori abituali, pur restando in quella tipologia di rock che ascolto con piacere». E allora facciamo fact-checking e chiediamo a chi ‘Hot’ la canta (e bene), Matteo Bertini: «Sì, l’idea è partita da Rocco. Voleva mettere quella parte di salsa nel ritornello, abbastanza complessa da far suonare nel pezzo senza che risultasse un pugno in un occhio, ma pastosa, legata. Come sempre, mi sono fidato della sua stravaganza d’idee per capire che l’esagerazione era invece integrazione». Vocalmente, «volevo armonizzazioni, che dessero picchi, qualcosa di scomodo e di fuori dalle righe». Così fuori dalle righe che il titolo pezzo, a un certo punto, «l’avremmo cambiato volentieri in DID, Dissociative identity disorder».

Disturbo d’identità

In ‘Hot’ suonano anche Mattia Mantello (chitarra), Matteo Ballabio (tastiere), Francesco Rezzonico (basso) e Marco Nevano (sax). Il ‘disturbo d’identità’, guardando all’album per intero, è la sana varietà di strutture, suoni, generi coinvolti, esecuzioni, negli anni (Duemila) Venti della classificazione a tutti i costi. Perché si può essere riconoscibili pur rimanendo eclettici: «Non siamo partiti con l’idea di produrre un album e non ci siamo dati limiti né di tempo, né d’identità. Quello che arriverà – dice Bertini – sarà esattamente il contrario di un concept, cose scrittte in 2-3 anni, alcuni brani usciti dal ‘magazzino’. Più che un album, una specie di Greatest Hits». Di questo mondo a sé dice pure Lombardi: «Lavorando da tanti anni e con tanti gruppi, mi è capitato di trovarmi in situazioni nelle quali si voleva un taglio ben preciso, si componeva per non uscire troppo dal seminato. Finanziariamente, non ho mai vissuto della musica che ho composto e in questo progetto ho voluto sentirmi libero. Non voglio vincoli se non quello datomi dal piacere di suonare».

Il grazie a Romeo Pazzinetti del BR Studio di Lodano, colui per il quale tutto suona dannatamente bene, lo sbobiniamo da Bertini: «Dalle batterie e le mille percussioni di Rocco, dopo essersi messo le mani nei capelli, Romeo ha tirato fuori un prodotto strepitoso». Per arrivare a 10 brani, obiettivo del futuro hot-album, ne mancano ancora due: «Matteo Ballabio ha composto un bellissimo blues, e sarà il prossimo», chiude Lombardi. «Matteo Bertini, che vive quello che canta, ha scritto l’ultimo. Ciò che faremo in futuro, mi auspico, sarà di lavorare più insieme a livello di gruppo». Un gruppo di «amici e musicisti che stimo e che voglio ci mettano ognuno del suo».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
hotlanta matteo bertini rocco lombardi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved