3/19-l-incontro-tra-due-mondi-di-silvio-soldini
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
5 ore

Houstones, dipendenza da ‘Adderall’ (il nuovo singolo)

Con videoclip annesso, torna a cantare in inglese il quartetto Savarino-Pfister-Cuomo-Maggini, aspettando il nuovo album, dopo l’estate)
Danza contemporanea
6 ore

Michel Gagnon, vi racconto il ‘mio’ Lugano Dance Project

Il direttore del Lac lo ha voluto fortemente, da oggi fino al 29 maggio nella Lugano capitale della danza contemporanea
Cinema
6 ore

‘Like Dew in the Sun’, l’Ucraina di Peter Entell al GranRex

Lunedì 30 maggio alle 20.30 a Locarno un film che nel 2016 analizzava le ragioni dei conflitti in Ucraina
Culture
7 ore

A Bellinzona l’esempio di vita di Leonardo Sciascia

Mercoledì primo giugno alle 18.30 la presentazione del volume ‘Il tenace concetto. Leonardo Sciascia: la letteratura, la conoscenza, l’impegno civile’
Culture
10 ore

Anche la poesia abita a Soletta

Alla vigilia delle Giornate letterarie, abbiamo incontrato Yari Bernasconi, Anna Ruchat e Fabiano Alborghetti
Spettacoli
17 ore

Al Teatro Foce c’è ‘La fine del mondo’

Martedì 31 maggio alle 20.30, una riflessione sulla catastrofe ambientale scritta da Fabrizio Sinisi e diretta da Claudio Autelli
Musica
19 ore

‘Frequenze libere’, chiudono Heike Fiedler e Natalie Peters

Interazione tra la parola e la musica per il gran finale di domenica 29 maggio allo Spazio Elle di Locarno
Spettacoli
20 ore

Cannes dalla musica di Bowie ai corpi di Cronenberg

In Concorso sono arrivati gli attesi David Cronenberg e Park Chan-wook, ma il miglior film è ‘Nos Frangins’ (I nostri fratelli) di Rachid Bouchareb
La recensione
20 ore

LuganoMusica, quando l’improvvisazione incontra Čajkovskij

Gabriela Montero e Mirga Gražinyté-Tyla, con gradite sorprese, per un finale di stagione che non è stato solo ‘il classico concerto’
Spettacoli
22 ore

Luminanza, terzo anno per il ‘reattore teatrale’

Aperto fino al 10 luglio il bando per il percorso di formazione in drammaturgia teatrale
Teatro San Materno
1 gior

Pierre Byland ed Enrico Ferretti, ‘Due etologi’ al San Materno

Sabato 4 giugno alle 20.30, spettacolo tragicomico contemporaneamente in lingua italiana e francese
Spettacoli
1 gior

Stewart Copeland, Irene Grandi e le streghe della Val d’Ossola

Debutta in luglio ‘The Witches Seed’, opera lirica dell’ex Police con inserti rock dell’interprete italiana e canzoni di Chrissie Hynde dei Pretenders
Spettacoli
1 gior

Springsteen torna in tour nel 2023: toccherà Svizzera e Italia

‘The Boss’ si esibirà al Letzigrund di Zurigo il 13 giugno 2023. Prevista anche una data a Monza il 25 luglio 2023. Biglietti in vendita da lunedì
Culture
1 gior

Addio a Miss.Tic, celebrità della street art

Fu antesignana dei graffiti, prima osteggiata poi rivalutata. Si è spenta all’età di 66 anni.
Scienze
1 gior

I pianeti con due soli ospitali per la vita

Lo indica uno studio pubblicato su Nature dal gruppo dell’Università di Copenaghen guidato da Jes Kristian Joergensen
Culture
1 gior

Storia di mali, traditori, assassini e uomini giusti

‘Un fatto umano’ racconta la storia del pool antimafia attraverso un bestiario chiamato a dare forma al peso etico-morale degli uomini che rappresenta
Spettacoli
2 gior

Fedez e J-Ax fanno pace e lanciano un festival gratuito a Milano

Una lunga chiamata fra i due ha risolto una serie di dissidi ed è sfociata nella proposta di tenere un evento di beneficenza il 28 giugno in piazza Duomo
The deep NEsT
2 gior

Vera Gheno, sociolinguista, nel nido di Bandecchi e La Rosa

Incontrata in occasione del festival ‘Generando’, è l’ospite della nuova puntata (su YouTube, Spotify e sul sito www.thedeepnest.com)
Spettacoli
2 gior

Radio Italia, in 50mila in piazza del Duomo (assetati compresi)

Polemiche sul web dopo il concertone: ‘Lasciati senz’acqua per ore’. Soccorsi in 210, riferisce la Questura
laR
 
27.01.2022 - 23:29

‘3/19’, l’incontro tra due mondi di Silvio Soldini

Il regista italo-svizzero ci racconta il suo nuovo film con protagonista Kasia Smutniak

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Si intitola ‘3/19’, il film di Silvio Soldini coprodotto da Ventura Film e Rsi che dopo la prima svizzera alle Giornate di Soletta e un’anteprima al Lux alla presenza del regista, è adesso in programmazione nelle sale della Svizzera italiana. Il significato di quelle cifre, che non indicano semplicemente una data, è un piccolo mistero che, ci ha spiegato Soldini, «mi piace l’idea che si sveli durante la visione», e quindi altro non diremo, limitando l’esposizione della trama a quello che si accenna nella presentazione. Camilla (una brava Kasia Smutniak) è avvocata determinata, impegnata sia a condurre complicate compravendite vantaggiose per i suoi clienti, sia a non farsi mettere i piedi in testa dai colleghi maschi. Più fragile la vita personale: divorziata e con un amante sposato, Camilla ha una figlia adolescente (Adele, interpretata da una convincente Caterina Forza) con la quale da tempo non c’è un vero dialogo. Un incidente stradale, una sera di pioggia, la porta a indagare per scoprire l’identità dell’altra persona coinvolta, un giovane immigrato senza documenti. Gli indizi la porteranno a conoscere Bruno (Francesco Colella), il direttore dell’obitorio di Milano e a mettere in discussione sé stessa. Ovviamente, verrebbe da dire immaginandosi la scontata storia della donna in carriera che si ravvede e cambia vita. «Ne abbiamo parlato molto in fase di scrittura» ci spiega Soldini, «ci sembrava una cosa non realistica, di quelle che accadono solo nei film: non è questo il cambiamento di Camilla, ma un cambiamento c’è, come un rallentamento, un diverso rapporto con il tempo che non è più solo quello del lavoro». Camilla cerca di andare avanti «con la sua vita come se niente fosse stato, se cerca di non perdere il ritmo e la velocità, ma non ci riesce».
Quello di Camilla è un personaggio complesso e ben costruito. È stato difficile svilupparlo? «Credo che sia il frutto di una serie di interviste a donne che fanno questo mestiere: volevo infatti capire che cosa c’è dietro, perché svolgono proprio quella professione. Non è solo una questione di soldi, ma c’è un divertimento, una passione nel risolvere problemi che a prima vista sembrano impossibili da risolvere. In particolare, un’avvocata mi ha aiutato anche a scrivere le scene di lavoro perché io non ne sapevo assolutamente nulla, ma mi affascina il linguaggio che usano, un ibrido tra italiano e inglese pieno di termini misteriosi e che mi è piaciuto inserire all’inizio del film».
Per quanto riguarda la scelta di Kasia Smutniak per la protagonista Camilla, Soldini ha ricordato le prime audizioni fatte in Zoom, visto che il casting è avvenuto durante il secondo lockdown, anche se poi il regista è riuscito a organizzare dei provini dal vivo a Roma con due-tre attrici. Tra cui appunto Kasia Smutniak: «A un certo punto è venuto fuori il suo nome: all’inizio mi sembrava troppo giovane per il personaggio che avevo in mente, ma mi è sembrata molto vicina la personaggio. Mi è sembrato che potesse portare al personaggio innanzitutto la sua bellezza, e soprattutto un misto di forza e di freddezza. Perché fare quel lavoro lì vuol dire stare in un mondo di soli uomini e bisogna lottare parecchio per mantenere questa posizione».
A proposito di pandemia: il lockdown non ha coinvolto solo il casting, ma anche la fase di preparazione delle riprese. «I cinema erano chiusi e visto che il film è prodotto dalla Lumière di Lionello Cerri che è anche il gestore dell’Anteo di Milano, ci siamo detti: facciamo la preparazione all’Anteo! Ci siamo quindi distribuiti tra i vari spazi… e il film è nato già al cinema».

Quasi un thriller

Come accennato, nel film ci sono vari misteri sui quali Camilla cerca di far luce: idee per un giallo o un noir, generi che effettivamente hanno tentato Soldini. «Avevo voglia di confrontarmi con un film di genere e mi sono messo a leggere un po’ di gialli, non di quelli sanguinolenti con il serial killer che si aggira per la città a far vittime, ma con quelle atmosfere un po’ misteriose… Ho letto un po’ di roba ma non ho trovato nulla che mi appassionasse al punto da volerne fare un film e nel frattempo mi sono messo a lavorare con i miei sceneggiatori su varie ipotesi di storie, di personaggi, di avvenimenti. E la voglia di fare qualcosa un po’ di genere è confluita in questa storia».
Camilla, prosegue Soldini, «fa un’indagine, deve scoprire delle cose seguendo degli indizi… ma poi la storia segue un’altra piega». Quella di due destini che si incrociano in un incidente stradale. «Uno scontro in cui avviene qualcosa: la morte per il ragazzo senza nome e come a una rinascita per Camilla. È come se questo incidente la portasse a scoprire una parte di sé che non conosceva. E una parte di mondo che non conosceva».
Il ragazzo senza nome non è tuttavia un semplice pretesto, una comparsa che esaurisce il suo compito morendo. «C’è un filo rosso che lo lega a Camilla: lui è quello che mette in moto tutto quello che avviene dopo». Una delle idee emerse in fase di scrittura è quella di «prendere due personaggi quasi all’opposto, due personaggi lontanissimi che non si sarebbero mai incontrati e mai conosciuti». Camilla «abita nella parte ricca del mondo occidentale mentre «il ragazzo senza nome arriva da un altro mondo, passa di qui per scappare, per tentare di sopravvivere».

Camilla e il ragazzo senza nome, ma anche il rapporto con la figlia Adele, la relazione con l’amante, la conoscenza con Bruno. ‘3/19’ è un film ricco, forse fin troppo. «Durante la scrittura c’è sempre una fase in cui vengono fuori tante idee, tanti personaggi… me abbiamo eliminati un po’ ma mi sembrava bello che questo film fosse così “pieno”, perché spesso i film di genere al di là della trama principale non hanno molto». Cosa che a Soldini non piace innanzitutto come spettatore: «Quando vado al cinema mi piacciono quei film che mi lasciano qualcosa e questo penso mi abbia un po’ influenzato come autore: cerco sempre di mettere tante cose nei film, forse ‘Pane e tulipani’ è il più semplice che ho fatto».

Il film è ambientato a Milano. Ma la conclusione ci porta invece in Liguria. «Si va altrove ed è un altrove sempre dettato dal ragazzo senza nome: è sempre lui che, a suo modo, la guida in questo luogo. Mi sembrava bello uscire da questa città, alla fine, per arrivare in un luogo dove si vedesse l’orizzonte, dove si torna agli elementi fondamentali come il sole, il mare, gli alberi, il vento. Il resto film è invece racchiuso tra le case, tra gli scorci metropolitani con questo doppio sguardo: da una parte la città di lei, abitata dall’alto, e dall’altra la città di lui, nelle mense, nei dormitori.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cinema silvio soldini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved