e-morto-meat-loaf
Keystone
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
5 ore

Cyrille Aimée: ‘vivo il momento presente, come gli zingari’

La cantante jazz si esibirà domani sera alle 20.30 al Teatro del Gatto di Ascona
Spettacoli
10 ore

Fedez e J-Ax hanno fatto pace: ‘Domani vi raccontiamo tutto’

I due cantanti avevano smesso di parlarsi quattro anni fa. Ora sono tornati insieme per un’iniziativa benefica
Spettacoli
10 ore

Cannes, contro i femminicidi protesta sul tappeto rosso

Un lenzuolo bianco è stato srotolato a sorpresa: su di esso i nomi di 129 donne uccise da mariti e compagni
Arte
1 gior

‘Una raccolta d’arte moderna italiana’ al Masi

Carrà, Campigli, Manzù, Rosai, Scipione e Sironi in mostra a Lugano da domenica 22 maggio al 29 gennaio 2023
Culture
1 gior

Fabio Andina vince il Prix du public Rts

L’autore ticinese è stato insignito per il suo romanzo ‘Jours à Leontica’ (’La pozza del Felice’ in italiano)
Culture
1 gior

Seicento in fuga: la versione di Bargniff

In diretta da un’infame bettola milanese, l’intervista al ‘protagonista assoluto’ (o così dice lui) dell’ultimo romanzo di Carlo Silini
Culture
1 gior

Chiamarsi fuori: ‘A una voce’ di Sabina Zanini

Un romanzo d’esordio stupefacente su un bancario un po’ Bartleby, un po’ Fantozzi, ma con dentro un giardino incantato. E poi c’è Paganini
Spettacoli
2 gior

Margot Robbie nel prequel di ‘Ocean’s Eleven’

Secondo le prime indiscrezioni, la trama sarebbe ambientata negli anni ’60 in Europa, lontano da Las Vegas
Musica da camera
2 gior

Verbano Musica Estate, il ritorno è nell’Aria

Tra Locarno, Ascona e Cannobio, dal 29 maggio al 19 giugno, la seconda edizione, illustrata da Tommaso Maria Maggiolini, direttore artistico
Cinema
2 gior

Simboli, culture, società: torna OtherMovie Lugano Film Festival

Dal 25 al 31 maggio tra Mendrisio, Lugano e Massagno, con ‘un programma che rilassi, visto il momento’, dice il direttore Drago Stevanovic
Cannes 75
2 gior

Cannes, ci sono film al posto delle nuvole

Emozioni in ‘Armageddon Time’ di James Gray; altre ancora in ‘EO’ di Jerzy Skolimowski. ‘Harka’, di Lotfy Nathan, è una testimonianza
Culture
2 gior

La responsabilità di giovani e adulti a Storie controvento

Al festival di letteratura per ragazzi lo scrittore francese Christophe Léon ha presentato il suo romanzo ‘Reato di fuga’
Musica
3 gior

Frequenze libere, Trio Libelle allo Spazio Elle

Raphael Loher, Nils Fischer e Silke Strahl per il sesto appuntamento della rassegna, domenica 22 maggio alle 17.30 a Locarno
Concerti
3 gior

Enrico Pieranunzi a Jazz in Bess

Tra i più noti e apprezzati protagonisti della scena jazzistica internazionale, è atteso domenica 22 maggio alle 20.30
Danza
3 gior

Manca poco al Lugano Dance Project

Tra mercoledì 25 e domenica 29 maggio, Lugano si trasforma nella città della danza
Spettacoli
3 gior

Dagli Aphrodite’s Child a ‘Blade Runner,’ addio a Vangelis

Il compositore greco, autore di celebri colonne sonore e tastierista della band prog-rock con Demis Roussos è morto oggi a 79 anni
21.01.2022 - 09:27
Aggiornamento : 18:37

È morto Meat Loaf

La trilogia milionaria di ‘Bat Out of Hell’, il Grammy per ‘I’d do anything for Love’, indimenticato Eddie nel ‘Rocky Horror Picture Show’. Aveva 74 anni

Se n’è andato all’età di 74 anni dopo aver fatto il cantante e l’attore, in dischi da milioni di copie e film che stanno tra ‘Fight Club’ di David Fincher e ‘Spice World’ con le Spice Girls, anche se Meat Loaf al cinema è soprattutto Eddie, delivery-boy malato di rock and roll che in ‘The Rocky Horror Picture Show’, già musical, canta ‘Hot Patootie/Bless My Soul’ scendendo da una motocicletta dopo aver sfondato un muro, uno dei momenti-simbolo della ‘sobrietà’ che lo avrebbe accompagnato in carriera. Caratterizzato già in giovane età, da un peso sempre oltre i livelli di guardia e da un’autoironia che sta nel nome d’arte (Meat Loaf = polpettone), la carriera di Marvin Lee Aday (dal 2001 Michael) inizia con una band che si chiama proprio Meat Loaf Soul, dal soprannome affibbiatogli dal coach di football per via delle forme generose. Un problema secondario, quello del peso, perché il cantante si è sempre accompagnato a donne bellissime (‘È perché le capivo”, disse un giorno alla stampa americana).

"I nostri cuori sono spezzati nell’annunciare che l’incomparabile Meat Loaf è morto stanotte (il 20 gennaio, ndr) circondato dalla moglie Deborah, le Pearl e Amanda e amici stretti (…) Dal suo cuore alle vostre anime... non smettete mai di suonare il rock!”. L’annuncio funebre campeggia sopra una foto ufficiale con l’artista seduto su di un divano del rock, con elettrica ai suoi piedi e sguardo altrove. Stando a TMZ, Meat Loaf sarebbe stato malato di Covid; il suo essersi espresso contro la vaccinazione fa supporre che non fosse vaccinato. Ma le cause della morte non sono state ufficializzate. Nativo di Dallas, dalle piccole parti nelle produzioni scolastiche, un giovane Meat Loaf (buon amico di John Belushi sin dal 1972, e altro simbolo di sobrietà) cerca fortuna a Los Angeles finendo per unirsi al cast del musical che, poi in forma cinematografica, gli darà la prima notorietà. Nel ‘Rocky Horror Picture Show’ a teatro, Meat Loaf è sia Eddie che il dottor Everett Scott, parte dimezzata la cinema, oggetto dei mugugni di chi considera insuperata e insuperabile la prima versione dell’opera di Richard O’ Brien.

Ma la svolta della carriera, economicamente parlando, è musicale. I Meat Loaf Soul erano diventati Popcorn Blizzard and Floating Circus e avevano aperto i concerti di Who, Fugs, Stooges e Greatful Dead. L’essersi unito al cast di ‘Hair’, in cerca di una propria rispettabilità artistica in un momento in cui nessuno pareva prenderlo sul serio, gli apre le porte della Motown; la reunion con lo stesso musical, due anni dopo, gli fa conoscere Jim Steinman, futuro collaboratore, tra alti e bassi. Con Jim Steinman a scrivere e Meat Loaf a cantare, l’uno al fianco dell’altro in un lavoro iniziato nel 1972, nel 1977 vede la luce il primo episodio di una trilogia spalmata su trent’anni – ‘Bat Out of Hell’, ‘Bat Out of Hell II: Back to Hell’ (1993), ‘Back Out of Hell III: The Monster is Loose’ (2006) – da 65 milioni di copie.

Il primo album, venduto a colpi di 200mila copie l’anno, nove anni nelle charts, è uno dei bestseller della musica, tra i dieci album più venduti della storia e l’unico a essere composta da un solo artista, Steinman). Loaf ha vinto anche un Grammy Award per la Miglior performance vocale rock da solista per ‘I’d Do Anything for Love (But I won’t Do That’)’, da ‘Bat Out of Hell II’, con video diretto da Michael Bay (‘Armageddon’), brano in cui spicca, così come nel primo ‘inferno’ della serie, l’inconfondibile pianoforte di Roy Bittan (E-Street Band). La storia dice anche che Steinman avesse scritto ‘Total Eclipse of the Heart’ per Meat Loaf, hit divenuta planetaria nell’interpretazione di Bonnie Tyler, ma che l’etichetta si sia rifiutata di pagare l’autore. Tra up & downs, compresa una bancarotta, tra addi e riappacificazioni tra autore e interprete, l’ultimo album del cantante è ‘Braver Than We Are’ (2016).

Il percorso in vita di Meat Loaf, puntellato da una sessantina di film e complessivi 12 album in studio, è anche una lista di acciacchi che include cadute dal palco, atterraggi di fortuna, svenimenti durante i concerti (con la traccia vocale che continua imperterrita, segno di un playback), molte ossa rotte e una lunga serie d’interventi chirurgici. Quanto al suo essere ‘larger than life’, questo il suo autoritratto consegnato a Mojo, rivista musicale britannica: “Sono esagerato, pomposo, melodrammatico, e lo so perfettamente. Sono stato io il primo a descrivermi così. Perché il rock and roll è una commedia. Il rock and roll non è mai stato pensato per rispondere alle domande dell’universo. Il rock and roll è una risata. Io sono una ristata. Quindi ridi di me se vuoi, non ho alcun problema”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
anything for love meat loaf
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved