ULTIME NOTIZIE Culture
L’intervista
3 ore

Si alza forte ‘Il suono della guerra’

Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
Arte
12 ore

Michel Houellebecq protagonista di un corto a luci rosse

Il collettivo Kirac, specializzato in video ‘controversi’, riprende lo scrittore francese nudo mentre viene baciato. A marzo la pubblicazione.
Culture
13 ore

Il concerto ‘scomodo’ del pianista ucraino, l’Osi lo sostituisce

L’esclusione di Alexander Romanovsky sarebbe riconducibile a un video col violinista Lundstream, per i media britannici sostenitore di Putin
Arte
14 ore

‘Amore e Psiche stanti’ del Canova venduti per oltre un milione

L’opera della collezione di Veneto Banca, del valore stimato in un paio di centinaia di migliaia di euro, è stata battuta all’asta per una cifra record
SALUTE
16 ore

L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus

Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
18 ore

John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo

Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
20 ore

L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora

La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
20 ore

Il furto della memoria

A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
22 ore

Raccontarsi con una lingua adottiva

Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
1 gior

Il volontario Guido e Margherita

Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
1 gior

Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola

Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Culture
1 gior

A Milano una serata per celebrare la Cramps Records

Etichetta fondata nel 1972 da Gianni Sassi, pubblicò ‘Arbeit Macht Frei’, primo album degli Area. Appuntamento al Lirico Giorgio Gaber giovedì 6 aprile
Musica
1 gior

LuganoMusica, Francesco Piemontesi tra Debussy e Schubert

Martedì 31 gennaio alle 20.30 al Lac. Poco prima, alle 19.30 nella Hall, in dialogo con Etienne Reymond, il pianista presenta il programma al pubblico
Scienze
1 gior

Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima

Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
2 gior

Maestro, che ne pensa dei Måneskin?

Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
Spettacoli
2 gior

‘Kokoschka’ e Alma Mahler, di amore e ossessione (e stranezze)

Al Sociale sabato 28 il nuovo spettacolo della compagnia ticinese Opera retablO, ispirata alla relazione tra il pittore austriaco e la vedova di Gustav
Jazz Cat Club
2 gior

Strino-Tandoi, Napoli incontra Roma e lo swing diventa solare

Una pianista e una chitarrista accomunate dall’amore per lo swing e per la melodia, venerdì 27 gennaio al Teatro del Gatto. Intervista a Francesca Tandoi
La recensione
laR
 
16.01.2022 - 18:54
Aggiornamento: 19:27

‘Una famiglia vincente’, Will Smith nel regno di King Richard

Alla ricerca dell’Oscar, imbolsito quel che serve, è il megapapà di Venus e Serena in un film in cui tutti (o quasi) sanno tenere in mano una racchetta

una-famiglia-vincente-will-smith-nel-regno-di-king-richard
Da sinistra: Will Smith è Richard Williams; Demi Singleton è Serena; Saniyya Sydney è Venus (Warner Bros./Keystone)

Ha appena saputo che Virginia Ruzici, tennista rumena tra le prime dieci del ranking, ha guadagnato 40mila dollari in 4 giorni e non se ne capacita: “Ho sbagliato mestiere, oppure io e mia moglie dobbiamo fare altre due figlie”. L’afroamericano Richard Williams (Will Smith) gira i bianchissimi circoli tennistici californiani con brochure e vhs amatoriali nelle quali sono descritte le abilità delle due figliolette, che un giorno, ne è certo, vinceranno Wimbledon e faranno i soldi. Sono i primi Novanta e di giorno, a bordo del suo Transporter, la guardia di sicurezza e insegnante di tennis carica e scarica racchette, palline e le due ragazzine Venus (Saniyya Sydney) e Serena (Demi Singleton), da casa ai campi da tennis pubblici di Compton, sud di Los Angeles, non certo il posto migliore del mondo. Ancor meno per una famiglia afroamericana, con la seconda moglie Oracene ‘Brandy’ Price (la brava Aunjanue Ellis, già dolce metà di Ray Charles in ‘Ray’, 2004) che porta in dote altre tre figlie avute dal precedente marito.

Nei giorni di Rodney King in tv, pestato a morte dalla polizia di Los Angeles, la ricerca del successo e del rispetto di papà Williams trovano nel coach Paul Cohen (Tony Goldwyn), folgorato dalle doti di Venus, il primo professionista disposto a sposare la causa sportiva, poi scaricato per Rick Macci (Jon Bernthal), l’uomo dietro Jennifer Capriati (teenager già ai piani alti del circuito professionistico) che si offre – alle condizioni di Williams, che controlla ogni passo delle proprie figlie – di far fruttare il talento di Venus. Il successo sarebbe dietro l’angolo, non fosse che papà, prima dei contratti milionari, pretende dalle ragazze istruzione, umiltà e divertimento, finanche andare a Disneyworld invece che giocare i campionati juniores, meglio che finire in una foto segnaletica a 17 anni come Capriati, vittima dell’ingranaggio. Sarà la storia, non il film, a dire che King Richard, sempre a modo suo, aveva ragione: con Venus e Serena il tennis tornerà ‘proud & black’ (James Brown) dopo Arthur Ashe, tennista-benefattore, vittima illustre dell’Aids poco prima dell’avvento delle Williams, e dopo aver combattuto il pregiudizio e l’apartheid.

Gioco, partita, Oscar

Come spesso accade con le traduzioni, se sulla locandina non vi fosse una racchetta, ‘Una famiglia vincente’ parrebbe un sequel di ‘Ti presento i miei’. E quindi, perché non lasciare ‘King Richard’, titolo originale del film di Reinaldo Marcus Green, specchio fedele dell’imponenza ‘larger than life’ (esagerata) di Richard Williams, papà di due bimbe plasmate nel tennis e consegnate alla storia di questo sport: Venus – che il babbo chiama ‘Junior’ – prima afroamericana dell’era Open in vetta al ranking femminile, e Serena – detta ‘Meka’ – che in carriera ha vinto più Slam di Djokovic. Serena icona venuta dai sobborghi grazie alla quale, malgrado la diversa opinione del serbo, le donne oggi giocano a tennis per montepremi pari a quelli degli uomini.

Non se ne conoscesse l’innata grezzezza, quella di Will Smith nei panni (tute, quasi sempre) di Richard Williams parrebbe una macchietta, che macchietta non è: imbruttito, imbolsito quanto basta, straripante come l’originale, l’attore fresco di Golden Globe è dato papabile a quell’Oscar sfumato per ‘La ricerca della felicità’ (2006) e prima ancora per ‘Ali’ (2001), nel fu Cassius Clay. Di quel film, presentando ‘King Richard’, l’attore ricorda: “Feci l’errore di sedermi dietro di lui per l’anteprima e a metà del film lo sentii chiedere alla moglie che razza di follia stessero guardando”. Diverso con le sorelle Williams, produttrici esecutive di ‘King Richard’, che hanno benedetto in corso d’opera: “Sono state le due ore peggiori della mia vita, ma alla fine erano in lacrime e lo hanno amato”, dice Smith al Graham Norton Show.

Credibilità

Venus e Serena produttrici rimandano a ‘Bohemian Rhapsody’, con Brian May e Roger Taylor a dire di sì o di no al regista, e a ‘Rocket Man’ con Sir Elton a scegliersi l’alter ego. Motivo per il quale, nel caso di ‘King Richard’ c’è chi parla di agiografia, di un padre-padrone troppo padre e poco padrone, o di un padre-padrone di cui non si dice tutto, una terza ex moglie, coetanea della primogenita tennista, che poco apporterebbe a un film che si ferma al 1994, con Venus 14enne al debutto nel circuito contro Arantxa Sánchez Vicario, ricostruzione che sa di Live Aid di Mercury, ma non altrettanto epica.

In una voglia di riscatto che fa bene al cuore, alcuni sprazzi di riuscita satira antirazzista, e coi Novanta accuratamente ricostruiti – t-shirt, racchette, tubi di palline, analogico vario e l’ipercalorico Gatorade nell’antica bottiglia di vetro col tappo di latta – un plauso alla credibilità: si possono dire ‘film sul tennis’ solo quando gli attori si muovono come tennisti (‘Wimbledon’, 2004, il peggiore), e la brava Saniyya Sydney tutta sorrisi come Venus, mancina nella realtà, ha imparato a giocare con la destra. Per essere Serena ha studiato pure Demi Singleton. Tutti, in questo film, hanno dovuto imparare a giocare a tennis, tranne forse Will Smith al quale, in vista dell’Oscar, un paio di lezioni non sarebbero guastate.

Cosa funziona: Smith, chi altri, e le scene di famiglia al completo, che danno un senso al titolo italiano.

Cosa non funziona: qualche stereotipo di troppo, ma d’altra parte è Hollywood, mica Espn.

Perché vedere questo film: per dimenticare le crisi isteriche di Serena adulta sui campi da tennis odierni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved