ULTIME NOTIZIE Culture
Società
17 min

Jim Carrey lascia Twitter, senza nominare Elon Musk

L’attore di ‘The Truman Show’ non nomina il nuovo proprietario del social, ma pubblica un video animato che molti leggono come provocazione al miliardario
Società
3 ore

Domande razziste a corte, impiegata staff reale si dimette

La donna avrebbe insistito a chiedere quali fossero le radici di un’attivista malgrado i ripetuti tentativi di spiegarle che si sentisse britannica
L’intervista
4 ore

Silvio Orlando, un Momò a Locarno

Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
Società
10 ore

Divorzio Kardashian-West: lui sborserà 200mila dollari al mese

Kim e Kanye si erano sposati nel 2014. La crisi è arrivata nel 2020, quando West annunciò la sua candidatura alla presidenza Usa.
Società
22 ore

Chiude il fast food, là dove nacquero i ‘paninari’

Si tratta del McDonald’s di piazza San Babila, culla negli anni Ottanta del fenomeno modaiolo ossessionato da griffe e linguaggio in codice
Scienze
1 gior

Morto Bernard Crettaz, etnologo specializzato in riti mortuari

Anche sociologo, il vallesano insieme alla moglie Yvonne Preiswerk aveva creato i ‘Café mortels’, ritrovi per parlare del fine-vita. Aveva 84 anni
Spettacoli
1 gior

Il Sociale diventa una ‘Funeral Home’ con Giacomo Poretti

Il Teatro di Bellinzona propone la commedia per la sezione ‘Com.x’. Per la rassegna ‘Narrazioni’ salirà sul palco ‘52’ della Compagnia Finzi Pasca
Culture
1 gior

Ritrovate oltre 4’000 pagine di appunti da lezioni di Hegel

Le trascrizioni furono effettuate da uno dei primi studenti del filosofo tedesco all’Università di Heidelberg
Spettacoli
1 gior

Morto Clarence Gilyard, star di ‘Walker Texas Ranger’ e ‘Matlock’

Aveva 66 anni ed era malato da tempo. Nel suo curriculum anche un ruolo di rilievo al cinema in ‘Die Hard - Trappola di cristallo’ e in ‘Top Gun’
Culture
1 gior

‘Penuria’ è la parola svizzera dell’anno 2022 in italiano

È quanto emerge dalla tradizionale classifica stilata dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo. Sul podio anche ‘invasione’ e ‘coraggio’
Spettacoli
1 gior

‘72 Seasons’, il ritorno dei Metallica con album e tour

Il nuovo lavoro della storica band metal americana uscirà il 14 aprile 2023 e sarà seguito da un lungo giro di concerti fra Usa ed Europa
22.12.2021 - 05:30
Aggiornamento: 14:27

Che c’è in tivù? Di tutto un po’

Ieri sera il ‘superdirettore artistico’ Matteo Pelli ha presentato le novità del palinsesto Rsi per le feste e l’anno nuovo

di Ivo Silvestro
che-c-e-in-tivu-di-tutto-un-po

Che c’è in tivù? C’è Matteo Pelli che, per la seconda volta, ha presentato le novità del palinsesto televisivo della Rsi, con uno sguardo particolare sul periodo natalizio. La prima apparizione del responsabile del Dipartimento programmi e immagine – o “superdirettore artistico” come è stato lanciato sul finale di ‘Via col venti’ – era durata una ventina di minuti incastonati tra Quotidiano e Telegiornale. Ieri abbiamo avuto più di un’ora e mezza per presentare le principali novità del palinsesto; si potrebbe pensare a un po’ di protagonismo da parte di Matteo Pelli e indubbiamente il nostro è a suo agio, davanti alla camera, ma in realtà il maggior spazio che ci si è presi è servito a evitare quel guazzabuglio di scampoli con passaggi di toni e temi fin troppo bruschi che aveva caratterizzato il primo appuntamento con ‘Che c’è in tv?’.
Certo, una lunga trasmissione tv in cui si racconta cosa ci sarà in tv è un po’ strano – e molto autoreferenziale – ma tutto sommato ha funzionato. Un po’ perché più che parlare di quel che si farà, lo si è mostrato con delle sorte di anteprime, un po’ con lo spirito delle prove aperte di uno spettacolo teatrale, dove magari non riesci a farti un’idea completa di quel che sarà ma almeno ne intuisci lo spirito. E un po’ ha funzionato perché parliamo di un media generalista che sarà anche in crisi ora che il pubblico è sempre più abituato a offerte mediatiche “su misura”, ma quando “mette un po’ di tutto” mantenendo un minimo di coerenza può anche riuscire ad accontentare tutti, anche chi ha iniziato la visione sbuffando per lo studio tutto addobbato per le feste.
Ammettiamolo: ha stupito vedere un pubblico variegato, anche per età, collegarsi – partecipando con cappellini natalizi e cuori disegnati – alla prova generale di videoconferenza Zoom che sarà sfruttata la sera del 31 dicembre per ‘Tuttinsieme’, programma che vedrà la Rsi insieme a Radio Ticino (ieri sera era presente Daiana Crivelli) e a Radio3i con i Blues Brothers Michael Casanova e Maxi B.

A ‘Che c’è in tivù?’ non è mancato Nicolò Casolini, che in diretta da Attinghausen – dal celebre ristorante del pollo a cestello con salsa segreta – ha presentato senza strabordare il suo ‘Lo show più piccolo del mondo’, dal 10 gennaio tra il Quotidiano e Telegiornale. Al suo posto, nel ruolo di “disturbatore” con collegamenti inaspettati, il più rassicurante Cane Peo. Per l’informazione, Roberto Cattaneo, a casa per via di alcuni familiari risultati positivi al coronavirus, ha proposto un assaggio della retrospettiva sul 2021 che il Telegiornale proporrà il 30 dicembre attraverso alcune foto, dall’Afghanistan che torna in mano a ai talebani alla parata di Yann Sommer.

Questa volta ha avuto un certo spazio anche la cultura, con un accenno all’immancabile concerto di Capodanno da Vienna e ‘Paganini’ – rappresentata dal conduttore Duilio Galfetti, anche in veste di componente del Quartetto bislacco –, in attesa che venga presentato un nuovo magazine culturale al quale sembra si stia lavorando in quel di Comano.

Veniamo finalmente alle nuove trasmissioni. Niente più funghi – che tanto avevano fatto discutere la scorsa volta, pur ottenendo buoni dati di ascolti – bensì montagne, con la serie ‘In cammino sulle creste’ che dal 27 dicembre seguirà un gruppo di giovani alle prese col trekking in compagnia di un esperto scalatore. ‘A fine mese’ con Clarissa Tami, 16 aspiranti ballerini e interviste condotte partendo da agende e calendari (confessiamo di non averci capito molto, e il fatto che la “cavia” della presentazione sia stata Matteo Pelli non ha aiutato). E poi ‘Aspettando Colombo’, lunga trasmissione in diretta della domenica (prima dell’ispettore Colombo, appunto), condotta da Carla Norghauer.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved