Seattle Kraken
5
FLO Panthers
3
3. tempo
(0-1 : 3-2 : 2-0)
VAN Canucks
1
STL Blues
2
2. tempo
(1-1 : 0-1)
osi-al-lac-il-romanticismo-tedesco
François Leleux e l’orchestra
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
12 min

L’Africa delle donne arriva a Soletta

Tutti in piedi per ‘L’Afrique de femmes’, nove ritratti di donne di altrettanti Paesi africani. Incontro con il regista, Mohammed Soudani
Musica
10 ore

‘Tuo padre, mia madre, Lucia’ e Giovanni Truppi

La città di Napoli che arriva prima della musica, un mestiere cui essere fedeli, Capossela con cui duettare a Sanremo: il cantautore si racconta
La recensione
14 ore

Osi in Auditorio: Riccardo Minasi e lo Sturm und Drang

Di giovedì al Lac, splendida interpretazione costellata d’impetuosi contrasti dinamici, ma anche di momenti di serenità danzante
Culture
16 ore

‘Sulle vittime dell’Olocausto non si specula’

La fondazione si dice ‘profondamente delusa’ per il modo in cui è stata effettuata l’inchiesta riguardo al delatore che tradì la famiglia della ragazza
Cinema
18 ore

‘3/19’ di Silvio Soldini, al Lux l’anteprima col regista

Il film con Kasia Smutniak esce in Ticino il 27 gennaio. Anteprima aperta al pubblico martedì 25 gennaio alle 20 a Massagno
Spettacoli
18 ore

Christoph Marthaler, ‘Aucune idée’ al Lac

Martedì 25 e mercoledì 26 gennaio, il geniale regista zurighese torna a Lugano con il suo lavoro più recente
Culture
1 gior

Baricco dall‘ospedale: ’Ho la leucemia, farò il trapianto’

A darne l’annuncio lo stesso scrittore su social, la diagnosi 5 mesi fa
Arte
2 gior

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
Spettacoli
2 gior

Adele in lacrime cancella tutti i suoi concerti a Las Vegas

‘Metà della mia squadra ha il Covid ed è stato impossibile finire di preparare lo spettacolo’
Culture
2 gior

Sonnenstube, creare cultura attorno al luogo comune

Il collettivo e spazio d’arte luganese è alla ricerca di una struttura in Ticino per sviluppare il progetto vincitore degli Swiss Art Awards 2021
La recensione
28.11.2021 - 15:160
Aggiornamento : 16:02

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia

Come, quando è cominciato il romanticismo? Con i peccati di gioventù di Goethe coinvolto nello ‘Sturm und Drang’? Con l’ottimismo titanico di Beethoven? Ricordo un’affermazione di Piero Bianconi, storico dell’arte: è cominciato con la Pietà Rondanini dove Michelangelo ha portato a compimento la tecnica del non finito. Funziona quasi sempre intendere romanticismo come sinonimo di cambiamento, in filosofia ricondurlo all’antonimia che trascorre nel pensiero occidentale da due millenni e mezzo, da Parmenide ed Eraclito, tra la realtà dell’essere e la realtà del divenire; rivista e corretta tre secoli e mezzo fa dal panteista Spinoza che afferma essere il desiderio l’essenza dell’uomo, lo sforzo con cui persevera nel proprio esistere.

Giovedì scorso il concerto dell’Orchestra della Svizzera italiana diretta da François Leleux è iniziato con l’ouverture del ‘Freischütz’ di Carl Maria von Weber (1786-1826) e terminato con la terza sinfonia di Johannes Brahms (1833-1897), due composizioni significative dell’alba e del crepuscolo del romanticismo tedesco, capaci di invogliare alle riflessioni filosofiche, anche perché la nostra orchestra ci ha da tempo mostrato di saper cavare da qualsiasi partitura le seduzioni ineffabili che trasformano l’esecuzione in interpretazione.

Non è stato così questa volta: Leleux non ha trovato il tempo d’andar oltre una lettura alquanto piatta delle tre opere in programma. Un vero peccato, ma forse uno stimolo per un cambiamento di rotta, perché invitare direttori, seppur prestigiosi, a dirigere un solo concerto con appena due o tre giorni di prove sa tanto di appuntamento commerciale, poco di evento culturale. Dell’orchestra abbiamo comunque potuto apprezzare la qualità degli interventi solistici e in Brahms, oso dire, un’autorevolezza da prestigio acquisito, con la bella trasparenza dei soli 34 archi contrapposti ai 18 fiati richiesti dalla partitura.

Momento saliente del programma era tuttavia il concerto per violino e orchestra n. 5 di Niccolò Paganini (1872-1840) con solista Sergej Krylov; senz’altro la ragione di una sala esaurita, a meno dei posti lasciati vuoti dagli abbonati che forse per la stessa ragione sono stati via. È difficile collocare nella temperie romantica il funambolismo clownesco di Paganini, che pur ha avuto il merito di ampliare le possibilità espressive del violino.

Sulla vastissima scena dove passa la musica classica occidentale ci sono oggi molti violinisti di assoluto valore. Pochi di loro penso hanno affrontato la musica di Paganini e raggiunto una disinvoltura tecnica che consente anche di cavarne palpiti di vera poesia come Krylov. Nella Sala teatro del Lac l’orchestra, che ha comunque una parte subordinata, l’ha assecondato con impegno, forse ne ha talvolta coperto un po’ il suono. Il pubblico l’ha seguito con il divertimento e lo stupore che procurano gli spettacoli circensi, l’ha applaudito con ovazioni fragorose com’è costume nel teatro lirico in area latina.

Sergej Krylov ha concesso allora fuori programma il Capriccio n. 24 e, penso, sia stato il momento migliore del concerto. Una musica eseguita su quattro corde richiama l’idea dell’intimità cameristica. Qualche problema ci deve essere in una sala di mille posti. In dodicesima fila l’ho seguita molto bene.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved