ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
10 ore

FIT Festival, la seconda settimana

Si parte martedì 4 ottobre al Teatro Foce con ‘From Syria: is this a child?’, si chiude domenica 9 ottobre con ‘Bears’
Spettacoli
10 ore

Altre accuse di plagio per Ed Sheeran

‘Thinking Out Loud’ troppo simile a ‘Let’s Get It On’ di Marvin Gaye
Cinema
11 ore

10 Film Festival al PalaCinema, tocca al Kurzfilmtage Winterthur

Serata dedicata ai corti ticinesi quella del 6 ottobre alle 20.30, ospite, da Winterthur, il direttore artistico John Canciani
Culture
12 ore

Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury

Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Spettacoli
13 ore

Phil Collins vende il catalogo da solista e con i Genesis

L’intesa con l’americana Concord vale 300 milioni. Sono esclusi gli album con Peter Gabriel
Ticino7
19 ore

‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli

Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
1 gior

Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini

L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Culture
1 gior

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali
Cinema
1 gior

‘Guerra, guerrae, guerrarum’

Il fil-rouge della nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano: i conflitti quali contesti di annullamento dell’umanità. Dal 19 al 23 ottobre
Video
Musica
1 gior

‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen

Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Musica
1 gior

Pianoforte e riflessione filosofica in PianoSofia

Dall’1 all’8 ottobre a Milano fra la Casa degli Artisti e Villa Litta Modignani
28.11.2021 - 09:44
Aggiornamento: 18:57

Addio a Stephen Sondheim, leggenda di Broadway

Le parole di ‘West Side Story’, e una pioggia di Tony e Pulitzer. Il compositore più influente nella storia del Musical si è spento nel sonno a 91 anni

di di Alessandra Baldini, Ansa
addio-a-stephen-sondheim-leggenda-di-broadway
Insignito della presidenziale Medal of freedom, nel 2015 (Keystone)

Si è addormentato dopo una cena con amici per la festa del Ringraziamento e l’indomani mattina era morto: il mondo del teatro dice addio a Stephen Sondheim, una leggenda di Broadway, considerato il più influente compositore di musical della seconda metà del Novecento. Sondheim, che aveva passato la maggior parte della pandemia nella sua casa di Roxbury nel Connecticut, aveva 91 anni e la sua scomparsa è stata “improvvisa”, ha detto l’avvocato e amico Richard Pappas. “Dai primi successi alla fine degli anni 50 quando scrisse le parole per ‘West Side Story’ (la musica era di Leonard Bernstein) e ‘Gypsy’, fino a tutti gli anni 90 quando compose musica e liriche per due audaci musical, ‘Assassins’, che dava voce a uomini e donne che hanno ucciso o tentato di uccidere presidenti, e ‘Passion’ sulla natura del vero amore (tratto da un film di Ettore Scola), Sondheim è stato una forza innovativa nel teatro americano”, ha scritto il ‘New York Times’, che lo aveva intervistato solo cinque giorni fa senza presagire che il leggendario musicista avesse problemi di salute. Anzi, secondo l’intervistatore, l’anziano compositore era “deliziato” perché il nuovo adattamento cinematografico del suo ‘West Side Story’ firmato Steven Spielberg sarebbe uscito a dicembre nelle sale. “Sono stato fortunato”, aveva detto Sondheim in quella conversazione: “Ho avuto buoni revival degli show che mi piacciono”. Spielberg ha reso omaggio al compositore: “È stato un gigante della cultura americana”.

Con il regista, a ruota, si sono uniti nel cordoglio grandi dello spettacolo a stelle e strisce da Barbra Streisand a Hugh Jackman, da Elaine Page a Lin-Manuel Miranda, mentre a New York veglie improvvisate a base delle sue canzoni sono state improvvisate nei piano bar del Village. Allievo di Oscar Hammerstein, un amico di famiglia, oltre al teatro, Sondheim aveva lavorato anche per Hollywood, vincendo un Oscar nel 1991 per la migliore canzone di ‘Dick Tracy’ e collaborando con Anthony Perkins a ‘The Last of Sheila’, la sua unica sceneggiatura. Per il resto è stata una pioggia di Tony, tra cui tre per miglior musical e sei per la migliore partitura musicale. Sondheim, ricorda Variety, è stato il compositore che ha vinto più Tony nella storia dei premi per il teatro, e, pur non avendo ottenuto il successo popolare di Andrew Lloyd Webber, ha alterato e allargato i confini del teatro musicale americano con audacia e aplomb attingendo alle fonti più disparate, dal commediografo latino Plauto (‘A Funny Thing’) a Ingmar Bergman (‘A Little Night Music’).

Il primo show per cui aveva scritto parole e musica (sono pochi nella storia di Broadway con questo doppio talento, tra cui Irving Berlin, Cole Porter, Frank Loesser, Jerry Herman e Noël Coward) fu la farsa del 1962 ‘A Funny Thing Happened on the Way to the Forum’, che vinse un Tony per il miglior musical. I titoli degli anni Settanta e Ottanta includono ‘Company’, ‘Follies’, ‘A Little Night Music’, ‘Sweeney Todd’, adattato per il grande schermo con Johhny Depp e Helena Bonham Carter, ‘Merrily We Roll Along’, ‘Sunday in the Park With George’ (che nel 1985 vinse il Pulitzer) e ‘Into the Woods’.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved