ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
1 ora

Nel cibo ultraprocessato l’insidia del declino cognitivo

In chi eccede, il peggioramento è mediamente del 28% più rapido. Lo indica uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile
Spettacoli
6 ore

Il ‘Boris Godunov’, una storia russa tra Puskin e Musorgskij

La stagione della Scala di Milano si apre con un’opera ancora attuale: la brama di potere, e la paura di perderlo, ritratte in prosa e, poi, in musica
Pensiero
12 ore

Perché il fascismo è nato in Italia

È il titolo di un notevole saggio appena pubblicato dagli storici Marcello Flores e Giovanni Gozzini. Spoiler: c’entra lo ‘sfarinamento’ dello Stato.
Società
20 ore

Perché (e come) parlare di emozioni a scuola con gli adolescenti

Nel libro ‘In media stat virtus’ idee e attività per l’educazione socio-emotiva negli anni formativi. Anna Bosia: ‘Strumento per docenti ma non solo’.
Culture
22 ore

Ottavio Besomi e i ‘Ricordi capriaschesi di ragazzo’

Un percorso di cinquanta tappe che narra il primo segmento di vita di un uomo nato ottant’anni fa. Il libro sarà presentato il 12 dicembre a Tesserete.
Mostre
23 ore

Le foto a colori di Bischof aprono le esposizioni 2023 del Masi

Dopo il fotografo svizzero, una retrospettiva dedicata ad Ackermann, l’arte concreta di Mertens, il russo-ticinese Jawlensky e la grafica da Zurigo
danza
1 gior

Una versione quasi distopica de ‘Il lago dei cigni’ al Lac

Il coreografo Angelin Preljocaj porta sulla scena luganese (9 e 10 dicembre) la sua compagnia di balletto che si esibirà nel capolavoro rivisitato
Scienze
1 gior

Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo

Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
teatro
1 gior

L’ambiente e il futuro del pianeta raccontato da ‘The Children’

Il testo di Lucy Kirkwood sarà di scena al Sociale l’8 e il 9 dicembre. Nel fine settimana gli spettacoli ‘Doppio taglio’ e ‘Bentornato Babbo Natale’.
Spettacoli
1 gior

Punkreas, Mata Hari e 52 sul palco del Foce

Nei prossimi giorni lo Studio luganese ha in cartellone due spettacoli, con la Compagnia Finzi Pasca e il Teatro Paravento, e il concerto punk
Società
1 gior

I media online sono più influenti della tivvù

Per quanto riguarda la rilevanza sulla formazione delle opinioni le testate cartacee scivolano in coda alla classifica, dietro a radio e social media
Culture
1 gior

Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)

Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
1 gior

È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’

Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
1 gior

Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?

A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Spettacoli
1 gior

Dalla corsa di Dix alla vita di Foer, con la musica di Savoretti

Tre appuntamenti con altrettanti ospiti d’eccezione per Lugano arte e cultura dal 13 al 17 dicembre prossimi, sempre alle 20.30
Arte
1 gior

Tradizione e sperimentazione nelle opere di Mattia Barbieri

L’artista lombardo sarà l’ultimo ospite dei Visarte Talks di quest’anno. L’appuntamento è per il 6 dicembre, dalle 18.30, allo Studio Foce di Lugano
Musica
28.11.2021 - 12:14
Aggiornamento: 15:51

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato

di DMAR
al-jazz-cat-club-le-magie-musicali-di-mr-beautiful
George Cables, al Teatro del Gatto di Ascona lunedì 29 novembre

Va in scena domani, lunedì 29 novembre alle 20.30 al Teatro del Gatto (tel. 078 733 66 12), l’ultimo concerto della stagione autunnale del Jazz Cat Club, che propone uno dei grandi pianisti storici del jazz, George Cables. 78 anni, in splendida forma, l’artista di New York ha vissuto in prima persona l’epoca d’oro del jazz a partire dalla metà degli anni 60, militando in alcune delle più celebri jazz band della storia e collaborando con grandi musicisti come Art Blakey, Freddie Hubbard, Sonny Rollins, Art Pepper o Dexter Gordon. Cables ha condotto anche molte band a suo nome e ad Ascona sarà accompagnato da un quartetto di altissimo profilo comprendente anche il noto sassofonista italiano Piero Odorici, con cui abbiamo scambiato due parole.

Piero Odorici, bentornato ad Ascona. Ci eravamo lasciati nel 2010 con un memorabile concerto che ti vedeva protagonista assieme al compianto Cedar Walton. Che cosa accomuna e differenzia due grandi pianisti come Walton e Cables?

Li accomuna senz’altro il fatto di essere entrambi grandi compositori, due eccezionali accompagnatori e due artisti dotati di una fortissima personalità. Oltre a un background leggermente diverso perché George aveva una formazione classica, a differenziarli c’è forse l’età. Walton è di una decina di anni più anziano di Cables, ed era già un artista affermato quando questi si affacciava sulla scena jazz.

Sei conosciuto per aver collaborato con grandissimi jazzisti americani, averli incisi e portati in giro in Italia e in Europa. Che cosa ti ha spinto in quella direzione?

Parlerei di predisposizione, perché sin da bambino ho ascoltato moltissimo jazz nero, quello suonato dai grandi musicisti afroamericani. È stata quindi una cosa del tutto naturale sognare d’incontrare e poter suonare con tutti quei grandi artisti. Il primo con cui collaborai fu il trombonista Slide Hampton che incontrai a Roma nei primi anni 90.

C’entra quindi l’amore smisurato per un certo jazz mainstream degli anni 60.

Assolutamente, è tutto lì. L’ispirazione è quella. È una musica bellissima, senza tempo, che oggi ancora è amata dal pubblico e da molti musicisti, anche giovani. È anche una musica piuttosto esigente. Come la classica, il jazz ha infatti le sue regole, che non si possono ignorare.

Con George Cables vi lega un’amicizia che dura da oltre vent’anni. Come vi siete conosciuti? E che cosa apprezzi di lui come persona?

George l’ho conosciuto a Roma nei primi anni 80 perché veniva spesso in Italia, invitato dall’amico Giulio Capiozzo, il batterista dei leggendari Area, che era un grande appassionato di jazz e che conoscevo perché mi capitava di suonare con lui e coi nuovi Area, che Capiozzo aveva rifondato dopo la morte di Demetrio Stratos. La prima volta su un palco con George è stato invece a New York nel 2001, prima tappa di un tour che facemmo assieme quell’anno negli States. Da allora abbiamo suonato spessissimo assieme, parliamo di centinaia di concerti. Che cosa apprezzo più di lui? Tutto direi. La sua modestia, l’umiltà, la sua capacità di essere sempre positivo, la sua paziente disponibilità a condividere la sua arte. George è uno che vuol sempre imparare e migliorare e quindi con lui impari tantissimo. È curioso come questi tratti lo accomunino a Cedar Walton e a molti altri grandi musicisti del jazz che ho conosciuto.

A parte il curriculum artistico impressionante, musicalmente parlando che cosa lo rende davvero un grande?

Sicuramente la sua straripante personalità. George, come del resto Cedar, è uno che fa due note e lo riconosci subito. Il suo sound è davvero distintivo, ed ha influenzato le successive generazioni di pianisti.

George che cosa ti ha raccontato dell’ambiente jazz nella New York degli anni Sessanta? Ho letto che veniva chiamato ‘Mr. Beautiful’.

Per la verità era Art Pepper che lo chiamava così, perché George oltre a essere un bell’uomo suonava da Dio, mettendo nella sua musica un cuore, un pathos tali da creare meraviglia e farti esclamare: “Wow, it’s beautiful!” . Di aneddoti su quel periodo George me ne ha raccontati tantissimi, ma in buona parte, per decenza, non si possono raccontare, tanto meno riguardo a due artisti importanti nella sua carriera come Dexter Gordon e Art Pepper, che lo vollero al loro fianco nel momento del loro ritorno sulle scene dopo lunghi periodi bui e difficili: il primo, notoriamente, abusava di alcol e il secondo era tossicomane. Art Pepper, per dirne una, quando arrivava in una città per prima cosa andava in banca a depositare l’eroina in una cassetta di sicurezza. Ma a parte queste cose, dovevano esserci a New York un ambiente e un’energia incredibili. Ovunque ti giravi ti capitava d’incontrare i mostri sacri del jazz. Suonavano ovunque, nei tantissimi club della città. E poteva capitare che Duke Ellington ti chiedesse di aprire un suo concerto. Cosa che successe realmente a George poco più che ventenne con i Jazz Samaritans, band da lui fondata con Steve Grossman e Billy Cobham.

Il concerto sarà un po’ ripercorrere l’epoca aurea del jazz degli anni 60?

Sì e no. Faremo chiaramente un paio di standard, ma soprattutto suoneremo la bellissima musica originale scritta da George dagli anni Ottanta a oggi. L’influenza, certo, è quella ma alcune cose hanno anche un tocco più moderno.


Piero Odorici (Facebook official)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved