Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
1. tempo
(0-0)
Aarau
0
Xamax
1
1. tempo
(0-1)
Langnau
1
Lugano
3
1. tempo
(1-3)
Ginevra
2
Zurigo
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
2
Bienne
0
1. tempo
(2-0)
Davos
2
Berna
0
1. tempo
(2-0)
Zugo
2
Ajoie
0
1. tempo
(2-0)
Olten
1
Zugo Academy
0
1. tempo
(1-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
0
1. tempo
(2-0)
Ticino Rockets
0
Langenthal
3
1. tempo
(0-3)
Sierre
2
GCK Lions
1
1. tempo
(2-1)
al-jazz-cat-club-le-magie-musicali-di-mr-beautiful
George Cables, al Teatro del Gatto di Ascona lunedì 29 novembre
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

‘Maus’ al bando in Tennessee: il provveditorato si difende

Dopo la decisione di rimuovere la graphic novel sull’Olocausto dai piani di studio: ‘È un libro per adulti, inadatto a ragazzi di terza media’
Culture
2 ore

Marco Poloni alla guida del CISA

Domenico Lucchini si congeda dal Conservatorio internazionale di scienze audiovisive alla fine dell’anno accademico in corso.
Culture
3 ore

Cinema Teatro Chiasso, annullata la ‘Soirée Russe’

Casi di positività al Covid fra gli artisti impegnati fanno saltare lo spettacolo previsto per domani, sabato 29 gennaio alle 20.30
Spettacoli
11 ore

‘La mia vita raccontata male’, Claudio Bisio a Chiasso

Sabato 5 febbraio alle 20.30 e domenica 6 febbraio alle 17, al Cinema Teatro, attingendo dal patrimonio letterario di Francesco Piccolo
Culture
12 ore

Online i pesci fossili del Museo di Storia naturale di Neuchâtel

Sulla piattaforma di Wikimedia Commons estratti di una collezione che prese il via negli anni Trenta del 1800 grazie al naturalista svizzero Louis Agassiz
Cinema
12 ore

Campion, Spielberg, Branagh tra i candidati al premio regia DGA

La Directors Guild of America ha scelto i candidati al suo premio per il miglior regista, indicatore per gli Oscar
Culture
12 ore

‘La luna nel baule’, Dell’Agnola da qui a Friburgo

Il romanzo trilingue di Daniele Dell’Agnola atteso da una rilettura scenica ad opera della compagnia ‘Il teatro degli incamminati’ di Milano
Rsi
15 ore

Confederation Music fa bene alla vista (le Sessions)

Live, in alta qualità audio e video, tra la tv e il Tubo. Da oggi fino al 25 febbraio. Spiega tutto Marco Kohler
Spettacoli
21 ore

‘3/19’, l’incontro tra due mondi di Silvio Soldini

Il regista italo-svizzero ci racconta il suo nuovo film con protagonista Kasia Smutniak
Spettacoli
22 ore

Daniele Bianco, ‘L’ultimo eroe’ a Balerna

Sabato 29 gennaio alle 18 al Teatro Oratorio, spettacolo sul concetto di mito, per trovare una nuova narrazione della nostra era globale
Spettacoli
22 ore

‘Lydia tre le nazioni’, di vittime e criminali allo Studio Foce

Mercoledì 2 febbraio, spettacolo che trae spunto dalla storia di Lydia Gelmi Cattaneo, donna bergamasca che salvò numerosi ebrei tra il ’43 e il ’45
Spettacoli
23 ore

Addio Morgan Stevens, star di ‘Melrose Place’ e ‘Saranno Famosi’

Fu Nick Diamond nella celebre serie. È morto all’età di 70 anni nella sua casa di Los Angeles
LuganoMusica
23 ore

Filarmonica della Scala e non Orchestra del Gewandhaus di Lipsia

Il Kapellmeister del Gewandhaus Andris Nelsons conferma la presenza, ma alla guida della Filarmonica. Domenica 6 febbraio alle 21, con nuovo programma
Arte
1 gior

45 milioni di dollari per ‘L’uomo dei dolori’ del Botticelli

Nel XIX secolo era appartenuto a una famosa cantante inglese. Alla sua ultima vendita all’asta, nel 1963, fu acquistato per 10mila sterline.
Culture
1 gior

Giornata memoria, scuola del Tennessee vieta graphic novel Maus

Art Spiegelman tacciato di ‘linguaggio scurrile e nudità nella pubblicazione’. L’autore, premio Pulitzer, definisce la vicenda ‘orwelliana’
Culture
1 gior

Fotografò il flamenco: René Robert morto per il freddo a Parigi

Ha trascorso nove ore su di un marciapiede in seguito a una caduta senza che nessuno lo aiutasse. Aveva 85 anni.
Musica
28.11.2021 - 12:140
Aggiornamento : 15:51

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato

di DMAR

Va in scena domani, lunedì 29 novembre alle 20.30 al Teatro del Gatto (tel. 078 733 66 12), l’ultimo concerto della stagione autunnale del Jazz Cat Club, che propone uno dei grandi pianisti storici del jazz, George Cables. 78 anni, in splendida forma, l’artista di New York ha vissuto in prima persona l’epoca d’oro del jazz a partire dalla metà degli anni 60, militando in alcune delle più celebri jazz band della storia e collaborando con grandi musicisti come Art Blakey, Freddie Hubbard, Sonny Rollins, Art Pepper o Dexter Gordon. Cables ha condotto anche molte band a suo nome e ad Ascona sarà accompagnato da un quartetto di altissimo profilo comprendente anche il noto sassofonista italiano Piero Odorici, con cui abbiamo scambiato due parole.

Piero Odorici, bentornato ad Ascona. Ci eravamo lasciati nel 2010 con un memorabile concerto che ti vedeva protagonista assieme al compianto Cedar Walton. Che cosa accomuna e differenzia due grandi pianisti come Walton e Cables?

Li accomuna senz’altro il fatto di essere entrambi grandi compositori, due eccezionali accompagnatori e due artisti dotati di una fortissima personalità. Oltre a un background leggermente diverso perché George aveva una formazione classica, a differenziarli c’è forse l’età. Walton è di una decina di anni più anziano di Cables, ed era già un artista affermato quando questi si affacciava sulla scena jazz.

Sei conosciuto per aver collaborato con grandissimi jazzisti americani, averli incisi e portati in giro in Italia e in Europa. Che cosa ti ha spinto in quella direzione?

Parlerei di predisposizione, perché sin da bambino ho ascoltato moltissimo jazz nero, quello suonato dai grandi musicisti afroamericani. È stata quindi una cosa del tutto naturale sognare d’incontrare e poter suonare con tutti quei grandi artisti. Il primo con cui collaborai fu il trombonista Slide Hampton che incontrai a Roma nei primi anni 90.

C’entra quindi l’amore smisurato per un certo jazz mainstream degli anni 60.

Assolutamente, è tutto lì. L’ispirazione è quella. È una musica bellissima, senza tempo, che oggi ancora è amata dal pubblico e da molti musicisti, anche giovani. È anche una musica piuttosto esigente. Come la classica, il jazz ha infatti le sue regole, che non si possono ignorare.

Con George Cables vi lega un’amicizia che dura da oltre vent’anni. Come vi siete conosciuti? E che cosa apprezzi di lui come persona?

George l’ho conosciuto a Roma nei primi anni 80 perché veniva spesso in Italia, invitato dall’amico Giulio Capiozzo, il batterista dei leggendari Area, che era un grande appassionato di jazz e che conoscevo perché mi capitava di suonare con lui e coi nuovi Area, che Capiozzo aveva rifondato dopo la morte di Demetrio Stratos. La prima volta su un palco con George è stato invece a New York nel 2001, prima tappa di un tour che facemmo assieme quell’anno negli States. Da allora abbiamo suonato spessissimo assieme, parliamo di centinaia di concerti. Che cosa apprezzo più di lui? Tutto direi. La sua modestia, l’umiltà, la sua capacità di essere sempre positivo, la sua paziente disponibilità a condividere la sua arte. George è uno che vuol sempre imparare e migliorare e quindi con lui impari tantissimo. È curioso come questi tratti lo accomunino a Cedar Walton e a molti altri grandi musicisti del jazz che ho conosciuto.

A parte il curriculum artistico impressionante, musicalmente parlando che cosa lo rende davvero un grande?

Sicuramente la sua straripante personalità. George, come del resto Cedar, è uno che fa due note e lo riconosci subito. Il suo sound è davvero distintivo, ed ha influenzato le successive generazioni di pianisti.

George che cosa ti ha raccontato dell’ambiente jazz nella New York degli anni Sessanta? Ho letto che veniva chiamato ‘Mr. Beautiful’.

Per la verità era Art Pepper che lo chiamava così, perché George oltre a essere un bell’uomo suonava da Dio, mettendo nella sua musica un cuore, un pathos tali da creare meraviglia e farti esclamare: “Wow, it’s beautiful!” . Di aneddoti su quel periodo George me ne ha raccontati tantissimi, ma in buona parte, per decenza, non si possono raccontare, tanto meno riguardo a due artisti importanti nella sua carriera come Dexter Gordon e Art Pepper, che lo vollero al loro fianco nel momento del loro ritorno sulle scene dopo lunghi periodi bui e difficili: il primo, notoriamente, abusava di alcol e il secondo era tossicomane. Art Pepper, per dirne una, quando arrivava in una città per prima cosa andava in banca a depositare l’eroina in una cassetta di sicurezza. Ma a parte queste cose, dovevano esserci a New York un ambiente e un’energia incredibili. Ovunque ti giravi ti capitava d’incontrare i mostri sacri del jazz. Suonavano ovunque, nei tantissimi club della città. E poteva capitare che Duke Ellington ti chiedesse di aprire un suo concerto. Cosa che successe realmente a George poco più che ventenne con i Jazz Samaritans, band da lui fondata con Steve Grossman e Billy Cobham.

Il concerto sarà un po’ ripercorrere l’epoca aurea del jazz degli anni 60?

Sì e no. Faremo chiaramente un paio di standard, ma soprattutto suoneremo la bellissima musica originale scritta da George dagli anni Ottanta a oggi. L’influenza, certo, è quella ma alcune cose hanno anche un tocco più moderno.


Piero Odorici (Facebook official)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved