freddie-mercury-trent-anni-dopo-lo-show-continua
“Inside my heart is breaking / My makeup may be flaking / But my smile, still, stays on”
ULTIME NOTIZIE Culture
Cinema
37 min

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
1 ora

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
2 ore

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
19 ore

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
22 ore

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
23 ore

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
1 gior

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
1 gior

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
1 gior

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
1 gior

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
1 gior

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
1 gior

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
1 gior

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Figli delle stelle
1 gior

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’
Culture
1 gior

Parigi: Josephine Baker prima afroamericana nel Pantheon

Ma anche prima figura dello spettacolo nel mausoleo francese insieme a Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie. L’ufficializzazione martedì 30 novembre
Spettacoli
1 gior

Addio a Stephen Sondheim, leggenda di Broadway

Le parole di ‘West Side Story’, e una pioggia di Tony e Pulitzer. Il compositore più influente nella storia del Musical si è spento nel sonno a 91 anni
Letteratura
1 gior

Addio ad Almudena Grandes, ‘voce degli sconfitti’

La 61enne, che conquistò il pubblico con il suo romanzo ‘Le età di Lulù’, ottenne il Premio Nazionale di Narrativa nel 2018
Teatro Sociale
2 gior

Chi fa la mamma tra ‘Boef & Asen’?

Ferruccio Cainero adatta lo spettacolo natalizio scritto da Norbert Ebel nel ’99, sempre attuale. Domenica 28 novembre, con attori di Barabba’s Clowns.
Società
2 gior

Paesaggi sonori per la cura dei bambini

Al Forum cultura e salute Antti Ikonen racconta il progetto di ‘soundscape’ nel nuovo ospedale pediatrico di Helsinki
Musica
3 gior

Tina Turner dottore honoris causa in storia e filosofia

L‘Università di Berna gliela consegnerà il 4 dicembre. Tra le motivazioni: ‘Esempio di via di uscita da molteplici situazioni di discriminazione’
Spettacoli
3 gior

Al Teatro Paravento si trasloca con Salvador Dalí

Prima dello spettacolo con Davide Gagliardi scritto da Egidia Bruno partendo da un un poster “troppo inquietante per appenderlo in camera”
Scienze
3 gior

Covid, il punto dell’Oms per vaccini a bambini e ragazzi

Un rapporto preliminare indica l’utilità di vaccinare i più giovani. Ma la priorità rimane proteggere soggetti fragili. E un’equa distribuzione globale
Società
4 gior

La scuola e l’erosione dell’autorità, un convegno per parlarne

Sabato a Lugano primo appuntamento dell’associazione Essere a scuola. Intervista a uno dei relatori, il filosofo dell’educazione Eirick Prairat
Scienze
4 gior

L’Oceano Artico ha iniziato a scaldarsi a inizio XX secolo

Studi italiani e britannici hanno ricostruito gli ultimi 800 anni di mutamenti di un mare con funzioni chiave nei cambiamenti climatici globali
Spettacoli
4 gior

La sorpresa Carrisi a Tutti i colori del giallo

Lo scrittore e regista italiano presenta, in anteprima, il suo nuovo romanzo ‘La casa senza ricordi’ al festival di Massagno
L’intervista
4 gior

Il Maestro e Di Battista (jazz e cinema in ‘Morricone Stories’)

Sabato 27 novembre il Cinema Teatro di Chiasso ospita Stefano Di Battista col progetto dedicato a Morricone: tutto ebbe inizio a Roma, qualche anno fa...
Musica
 
24.11.2021 - 05:300
Aggiornamento : 19:02

Freddie Mercury: trent’anni dopo, lo show continua

Morì il 24 novembre del 1991 dopo un testamento, suo e dei Queen, intitolato ‘Innuendo’. Poi, ulteriormente alimentata da Hollywood, l’immortalità

“Se la canzone più famosa dei Queen non mi conquistò subito, altrettanto non posso dire di Freddie Mercury. Me ne innamorai nell’istante in cui lo conobbi. Come da tradizione, aveva anche lui un soprannome femminile: Melina, dall’attrice greca Melina Mercouri. Era straordinario, incredibilmente elegante e coraggioso. Da un lato generoso e sollecito, ma dall’altro ti faceva morire dal ridere. Quando uscivamo con lui passavamo la serata a sbellicarci. Non risparmiava nessuno, nemmeno i suoi compagni dei Queen: «L’hai vista la chitarrista, tesoro? La Signora May? Hai visto cosa mette sul palco? Gli zoccoli! Come ho fatto a finire sul palco con una c**** di chitarrista che si mette gli zoccoli?»”.

Quanto doveva essere divertente trascorrere una serata con Elton John, per tutti Sharon, e Freddie ‘Melina’ Mercury. A volte si univa anche Rod Stewart, detto Phillys, tutte a spettegolare di Mahalia, e cioè di Michael Jackson, da Mahalia Jackson, regina di quel gospel che Mercury amava tanto. Mahalia che una volta aveva fatto imbestialire Melina tentando di mostrargli il suo zoo privato...

[...] Inside my heart is breaking / My makeup may be flaking / But my smile, still, stays on [...]

Per amicizia e alto tasso d’ironia comune a entrambi, partiamo dall’autobiografia di Elton John per scrivere di un monumento della musica scomparso trent’anni fa, la cui morte fu decisiva per la nascita dell’Elton John Aids Foundation, uno dei punti di riferimento della lotta contro un malattia che nel 1991 offriva poche alternative. L’accostamento tra punti di riferimento del mondo gay e della musica tutta porta a una canzone: quando i Queen ricordano il loro frontman la notte del 20 aprile 1992 a Wembley, nello storico Freddie Mercury’s Tribute, affidano a Sir Elton ‘The Show Must Go On’, che solo tecnicamente non è il testamento di Mercury (il brano è della ‘Signora May’, che con pudore chiese a Freddie se quel titolo non fosse un po’ troppo per lui), ma che per solennità rock-operistica è l’addio di tutti gli addii, forte di uno statement da gente di spettacolo senza appello e tratto da un più generale testamento intitolato ‘Innuendo’, ultimo album del Mercury da vivo che ancora aggiunge rimpianti su cosa sarebbero stati i Queen oggi, tutti in salute.

‘Innuendo’ contiene altri testamenti. Uno involontario, ‘These Are the Days Of Our Lives’, nemmeno questo farina di Freddie, ma una cosa di Roger Taylor scritta riferendosi ai propri figli che messa in bocca allo scheletrico Mercury del videoclip ci mise un attimo ad assumere altro significato; e uno più volontario intitolato ‘I’m Going Slightly Mad’, affidato al grottesco e al bianco e nero, per camuffare un uomo ormai giunto alla fine. Altra scuola di pensiero, in ambiti testamentari, parla di ‘Was It All Worth It’ (Ne è valsa la pena), su ‘The Miracle’ del 1989, uscito due anni dopo che della malattia, tenuta nascosta ai media fino alla fine, fu informato il solo manager personale. Qualunque sia il testamento, in mezzo ai piccoli falsi storici temporali voluti da Taylor e dalla Signora May, che lo hanno curato in ogni sua parte, nel biopic da Oscar ‘Bohemian Rhapsody’ (statuetta all’attore Rami Malek, da Mercury separato alla nascita) stanno in bella mostra vita, morte e miracoli artistici di Farrokh Bulsara, nato a Zanzibar il 5 settembre del 1946 e morto a Londra all’età di 45 anni nel clamore che può provocare la dipartita di uno dei più grandi frontman che il rock ricordi e, insieme, in una riservatezza d’altri tempi.

Al netto di un racconto leggermente autoriferito (May e Taylor, supervisori dell’intero progetto), il film di Brian Singer è un buon sunto della parabola terrena di Freddie Mercury, ex giovane e timido immigrato alle prese con l’integrazione nel tessuto sociale britannico dei primi Sessanta, poco aiutato da una dentatura che non passava inosservata; la passione per la lirica, per Broadway, per rock e glam rock, l’incontro con i futuri Queen e quel singolo da oltre sei minuti chiamato come il film, ‘Bohemian Rhapsody’, pianisticamente sontuoso, dai cori rivoluzionari, difeso con le unghie, finito in vetta contro tutto e tutti. E poi il successo a colpi d’inni, dalle ormai calcistiche ‘We Are The Champions’ e ‘We Will Rock You’ all’irresistibile crossdressing di ‘I Want To Break Free’, alla futuristica ‘Radio Ga Ga’ da cui Lady. Inclusi eccessi, dipendenze, grandi intuizioni e le misere cadute del Mercury ‘tenore’ in ‘Barcelona’ con Montserrat Caballé e, ancor prima, quello di Monaco di Baviera nella almeno discutibile parentesi solista dance di ‘Mr. Bad Guy’. Incluso il Mercury di ‘Love Of My Life’, l’amore eterno che nel tempo assume altre forme, fino al figliol prodigo che torna per il Live Aid, ricostruzione digitale cui si deve, insieme al lavoro attoriale di Malek, quell’eternità che solo Hollywood può dare.

‘Voleva essere Aretha Franklin’

Per chi è abituato a festeggiare le ricorrenze di dieci in dieci, o di cinque in cinque, quest’anno ne cade una ulteriore ed è un 45ennale. Un salto indietro al 1976 a quando, una volta uscito ‘A Night At The opera’ (l’anno prima), tutti sono alla finestra in attesa di un’altra ‘Bohemian Rhapsody’. Il quinto e nuovo album dei Queen, ‘A Day at the Races’, ispirato così come il precedente a un film dei fratelli Marx e dall’impostazione grafica simile (May premeva per la pubblicazione in contemporanea dei due dischi, ma i discografici preferirono non rischiare) esce il 18 dicembre del 1976 tra ovazioni e qualche giudizio intermedio (“Hanno abbandonato l’art-rock, ora sono sciocchi e meravigliosamente spudorati”, scrive il Circus, magazine del rock al tempo assai influente). Il singolo designato a trainare il nuovo disco s’intitola ‘Somebody To Love’. L’amore, musicalmente parlando, è quello di Freddie Mercury per il gospel; visto che di Queen si parla, l’amore di Mercury per la regina del gospel, Aretha Franklin. “Ero un po’ ossessionato dall’approccio che aveva nei suoi primi album”, dice il frontman a proposito della cantante qualche anno più tardi; “Freddie voleva essere Aretha Franklin”, dirà ancor più in là nel tempo Brian May, entrando nel merito di un coro che in ‘Bohemian Rhapsody’ era tipicamente inglese, e in ‘Somebody To Love’ diventava gospel tout court.

“La gente, non importa quanto lavori duramente, pensa sempre in termini di successi passati. Ma i musicisti non la pensano allo stesso modo”. Per cui, «sì, ‘Bohemian Rhapsody’ è un grande successo, ma io penso sempre di poter scrivere meglio. E credo che ‘Somebody To Love’, dal punto di vista della scrittura, sia un pezzo migliore”. Parole di Mercury in ‘Queen - The Greatest’, un anno di pillole – da marzo 2021 a marzo 2022, anche inedite – sul canale ufficiale YouTube della band. Nella pillola di maggio, in particolare, scorrono una prima epica versione al Milton Keynes Bowl nel 1982, seguita a ruota da quello che a tutt’oggi è uno dei rari esempi in cui una cover ha poco da invidiare all’originale, e cioè George Michael nel vecchio Wembley Stadium nel suddetto ‘Tribute’ del 1992 con quel che restava dei Queen, più il London Gospel Choir. Nel maggio del 1993, l’ex Wham riuscirà a salire sul podio delle chart inglesi laddove la versione originale del 1976 non era arrivata per poco, con un’esecuzione di tale fluidità vocale da far sembrare la sua ‘Somebody To Love’ la cosa più facile del mondo. E anche la più bella.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved