NY Rangers
1
SJ Sharks
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
WIN Jets
3
NJ Devils
2
1. tempo
(3-2)
ARI Coyotes
VEGAS Knights
03:30
 
vincenzo-zitello-tra-le-pieghe-della-mostruosita-il-prodigio
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
7 ore

Un’annunciazione al m.a.x. museo per l’Avvento

Un piccolo ma prezioso dipinto di ‘Dionisio il fiammingo’ è uscito dai caveau dello Swiss Logistics Center per le feste
Spettacoli
8 ore

80VogliaDiMina nella sua Cremona (aspettando Lugano?)

Nek, Audio 2 e Frankie hi-nrg mc e 8 voci femminili per una festa di compleanno rinviata dal lockdown. Al Teatro Ponchielli di Cremona (per ora...)
Culture
9 ore

TaM, anche in Ticino ci si incontra al museo

Cinque appuntamenti a dicembre per l’iniziativa che vuole favorire la conoscenza delle opere esposte e di nuove persone
Spettacoli
10 ore

L’Incontro del teatro svizzero fa tappa al Lac

Dall’8 al 15 dicembre la ‘wandermobil’ con gli spettacoli selezionati dall’appuntamento teatrale sarà a Lugano
Spettacoli
12 ore

Finalmente Max Frisch, finalmente ‘Olocene’

Al Teatro Sociale uno spettacolo atteso tre anni, per la regia di Flavio Stroppini, con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira. Dal 7 al 12 dicembre.
Spettacoli
1 gior

Alle radici della musica con ‘Gospel & Spirituals 2021’

I sei concerti di Free Green Music dall’8 al 30 dicembre tra Losone, Bellinzona, Locarno, Airolo e San Bernardino. Il programma.
Galleria foto
Arte
1 gior

Alla Stazione Centrale di Milano, immersi nel mondo di Banksy

Una performance artistica immersiva riproduce le opere dell’ignoto artista britannico che sono state rubate, distrutte o vendute
Spettacoli
1 gior

Saliamo in Paradiso con ‘Il cosmonauta Dante’

Conferenza-spettacolo di Anna Pegoretti e Laura Anzani, scritta in collaborazione con Leonardo Ricci. Il 13 dicembre alla Scuola cantonale di commercio
Spettacoli
1 gior

È morto Alvin Lucier, genio dell’avanguardia musicale

Il compositore statunitense che aveva messo i Beatles in una teiera è morto all’età di novant’anni. La svolta sperimentale avvenuta in Europa
Scienze
1 gior

Scoperto vicino a Trieste il primo sito di dinosauri in Italia

Venuti alla luce almeno 7 nuovi esemplari di dinosauri vissuti 80 milioni di anni fa. Il più completo è stato ribattezzato Bruno
Spettacoli
1 gior

Sweet Soul Gospel Revue, viaggio nel gospel al Lac

Sul palco una formazione di all star guidata da Michael Webb, martedì 21 dicembre e mercoledì 22 dicembre alle 20.30
Musica
1 gior

Moltiplicato per venti, Marco Santilli Rossi goes Shakespeare

Aspettando un ricco 2022, ‘Love all, trust a few, do wrong to none’ è la nuova canzone, per una versione ‘new prog’ del musicista
Social Media
1 gior

Twitter rimuoverà foto e video online se contro la privacy

Chiunque potrà richiederlo, non solo quelli con ‘la spunta blu’. È il primo atto dell’era Parag Agrawal, Ceo subentrato a Jack Dorsey, fresco d’addio.
Spettacoli
2 gior

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
2 gior

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
2 gior

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
2 gior

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
2 gior

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
2 gior

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
2 gior

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
3 gior

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
3 gior

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
3 gior

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
3 gior

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
 
20.11.2021 - 08:000

Vincenzo Zitello: tra le pieghe della mostruosità, il prodigio

Questa sera alle 18.30, l’arpa celtica del primo divulgatore italiano dello strumento approda a Maroggia nella Tree House di Tondo Music, col nuovo album

Alla Chiesa di Santa Maria degli Angeli, detta anche ‘di Mario Botta’, lo hanno voluto per festeggiare i trent’anni dalla sua creazione. È di casa al Monte Verità, al Centro tibetano di Arosio e in Valle Verzasca, dove ha amici da quarant’anni. E tra gli amici, in Ticino, c’è anche Giovanni Galfetti, nei Laetimusici. In Svizzera tedesca, invece, gli amici sono Andreas Vollenweider, Walter Keiser. In Piazza Riforma, e in ogni altro luogo svizzero deputato alla musica, Vincenzo Zitello ha portato la sua arpa celtica, della quale è stato il primo, storico divulgatore in Italia.

Il polistrumentista e compositore sarà di casa anche da Tondo Music a Maroggia, tempio del vinile che lo ospita nella sua Tree Room stasera alle 18.30 per presentare l’ultimo suo album ‘Mostri e prodigi’, con esibizione allo strumento e annessi e connessi chiamati ‘firmacopie’. Percorriamo con lui, a poche ore dall’happening, la sua storia, passata e presente.

Vincenzo Zitello, partiamo dal presente: chi sono, o cosa sono, ‘Mostri e prodigi’?

Questo disco è nato nel periodo della pandemia, nel pieno di un’atmosfera mostruosa. Tra le pieghe di questa mostruosità, di ansia e angoscia soprattutto iniziali, ho pensato che ci potesse essere nascosto un prodigio, la scoperta di quanto coltivato in tutti questi anni, cose che non mi hanno abbandonato nel momento di difficoltà estrema e che si collocano anche in una situazione personale di amicizia con Franco Battiato, che conosco da quando avevo 15 anni e del quale sapevo del suo non stare bene. Ho cercato elementi che non fossero né divini né umani, trovandoli nel bestiario medievale, nel quale a mio parere esiste quella situazione intermedia che può essere mostruosità ma anche prodigio. E io ho cercato il prodigio, anche se il contrario sarebbe potuto essere più attraente. Ma di poeti e musicisti maledetti ce ne sono stati troppi e io non ho più voglia di pagare pegno per questo. Preferisco pagarlo per una coscienza diversa, e un mondo più empatico e vivo.

Possiamo intendere come prodigio anche quello di tornare a suonare?

Sì e ho ritrovato davanti a me tanta gente, anche se molto cambiata. In alcune occasioni, per accogliere tutti in sicurezza, ho dovuto replicare nella stessa sera e l’ho fatto volentieri. Mi è sembrato il modo migliore per ringraziare chi è venuto a mantenere viva la mia stessa vita, sobbarcandosi di mille attenzioni, mascherina, pass, tamponi, scendendo ancor più in profondità nella mia musica attraverso i concerti, l’unica vera musica, quella che si fa in quel momento e per questo unica e irripetibile.

Un passo indietro. L’arpa celtica non fu una prima scelta: l’elemento scatenante?

Un disco intitolato ‘Reinassance de la harpe celtique’ di Alan Stivell, che mi folgorò, tanto da spingermi a cercare questo strumento, trovato nell’aprile del 1977 dopo tre anni di ricerca, pagato quanto all’epoca costava una Fiat 500 full optional, e cioè 500mila lire.

Prima erano il flauto e la viola, che ti lega proprio a Battiato…

Sì. Io sono di estrazione classica, ascolti e ricerche mi hanno portato molto presto verso la musica contemporanea, verso la dodecafonia, intesa anche come territori culturali e mentali che mi hanno inevitabilmente avvicinato a Battiato. All’epoca suonavo la viola e facevo cose sperimentali, con echi, riverberi e registratori; nel 1975 partecipai alla tournée del Telaio Magnetico di Battiato, gruppo da lui fondato in quell’anno; l’incontro fu fondamentale per la mia carriera, Franco produsse anche il disco degli A ’sciara (duo Zitello-Saro Cosentino, ndr) e io partecipai a un suo tour. Ma tutto questo, e quel che è accaduto in seguito, fa parte di un legame durato negli anni.

Durato, immagino, sino alla fine…

Conoscevo le sue condizioni di salute, al di là di voci ridicole che dicevano di una presunta demenza. È semplicemente che quando qualcuno soffre, non può essere la stessa persona vista sul palco. Temo che Franco volesse andare da un’altra parte, che si fosse detto che stare così male non era vita.

Alan Stivell, Franco Battiato. La terza persona importante, hai dichiarato, ‘scusandoti’ con gli altri chansonnier, è Ivano Fossati. Di lui dici di aver preso la sensibilità e la chiarezza del racconto…

Se Franco era un visionario coi piedi per terra, Ivano mi ha catturato con ‘La pianta del te’. Al tempo ero prodotto da Allan Goldberg, fu lui a introdurci. Ma io, suonando il flauto, non potevo non conoscere il Fossati che suonava il flauto nei Delirium. Uno dei miei primi amori, prima di conoscere i Jethro Tull, fu proprio il flauto in ‘Jesahel’. Durante le prove dei tour con Ivano, nei quali mi occupavo io del flauto, con lui al piano suonavamo ‘Dolce acqua’, ‘Il lago di Kriss’ (Favola o storia del lago di Kriss – Libertà, ndr), dicendoci che avremmo potuto farne una dal vivo. Ma ormai Ivano era altrove. Al di là di questo, la commistione di suoni e persone di quel suo momento artistico è stata un’esperienza enorme per me e per tutti coloro che vi hanno partecipato, commistione che non ho più rivisto nel resto della sua carriera.

A parte quella composta, registrata ed eseguita dal vivo, quale musica ascolta Vincenzo Zitello?

Tanta classica, e cantautori. A volte mi sorprendo ad ascoltare alcune canzoni che negli anni non avevo compreso, o sottovalutato. Non mi succede spesso con la musica, ma con musica e parole insieme sì. Ricordo che non amavo ‘La musica che gira intorno’, che ho invece rivalutato partendo dal testo, così emotivo. Ascolto etnica, e del jazz, ma una volta sola, come quei film che trovi molto belli ma non riguarderai. Di certa musica classica, al contrario, non smetto di contemplare la meraviglia della sua architettura. Mi è successo ultimamente con un trio pianoforte-violino-violoncello di Beethoven, dentro il quale convive metà storia del jazz, inteso come intenzioni.

Beethoven jazzista, seduto al piano, curvo come Bill Evans. Immagine affascinante...

Perché il jazz non sono le note ma il modo in cui si pensa la musica. Il resto sono stilemi. Ho fatto un lavoro con Daniele Di Bonaventura (‘Nudo’, 2020), che suona il bandoneon con Fresu. È un vero jazzista. È diplomato in pianoforte, ma ha la mentalità jazz. Può farti un disco di jazz improvvisando su un clavicembalo, ed è quello che ha fatto. L’assenza di barriere ci ha dato il bebop, Coltrane, Monk e tutti i grandi. Oggi ci sono bravissimi musicisti che suonano bene gli stilemi del jazz, ma senza averne la personalità.

Per finire: cosa è cambiato da ‘Et vice versa’ a oggi?

Dal punto di vista della creatività, perché il mercato non esiste più, veramente poco. La traiettoria, per una serie di condizioni, è cambiata pur non discostandosi troppo da ‘Et vice versa’. Non ho mai inteso l’ultimo disco come il mio disco di riferimento personale totale, ma come l’ultimo percorso che ho completato. Non intendo mai un disco come nuovo o vecchio, ma come un passaggio del tempo legato al mio presente. In questo, essendo io molto prolifico nella scrittura, come lo era lui, mi ha aiutato Ivano, che era solito dirmi: “Una volta fissata l’uscita del tuo disco, usa i pezzi migliori che hai scritto fino a quel momento”. E aveva ragione, è l’unica soluzione che può azzerare il concetto di tempo. (www.vincenzozitello.it)

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved