ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini

L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Culture
1 ora

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali
Cinema
3 ore

‘Guerra, guerrae, guerrarum’

Il fil-rouge della nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano: i conflitti quali contesti di annullamento dell’umanità. Dal 19 al 23 ottobre
Video
Musica
4 ore

‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen

Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Musica
8 ore

Pianoforte e riflessione filosofica in PianoSofia

Dall’1 all’8 ottobre a Milano fra la Casa degli Artisti e Villa Litta Modignani
Scienze
12 ore

Uccelli: una specie su otto rischia l’estinzione

In Svizzera la situazione è particolarmente critica, una proporzione circa tre volte più elevata (il 40% delle 205 specie ne fa parte)
Spettacoli
15 ore

Il rapper americano Coolio trovato senza vita nel bagno

Aveva 59 anni. Era diventato famoso con il singolo ‘Gangsta’s Paradise’ del 1995. È morto a Los Angeles
Culture
15 ore

Con Daniele Dell’Agnola cercando ‘L’orecchio in fuga’

Mentre ‘La luna nel baule’ è attesa a teatro, esce il suo il primo libro illustrato: il prossimo 30 settembre, l’incontro alla Cantina di Muzzano
Culture
1 gior

Percorsi manzoniani a LaFilanda

Quattro domeniche parlando di Promessi Sposi a partire dal 2 ottobre a Mendrisio
Spettacoli
1 gior

Contrordine: Robbie Williams non sarà a Zurigo

L’organizzatore dell’evento ha parlato di problemi di pianificazione per giustificare il mancato arrivo all’Hallenstadion della star britannica del pop.
Arte
1 gior

Due opere di Giacometti donate al Museo d’arte dei Grigioni

Si tratta di due ritratti: uno di ‘Giovanin de Vöja’ e uno di formato ridotto di Annetta Giacometti con il figlio Bruno
Spettacoli
1 gior

Anahì Traversi racconta ‘Amor fugge restando’

Il nuovo capitolo del Collettivo Treppenwitz debutta venerdì 30 settembre al Lac, con l’attrice che diventa autrice e regista
La recensione
1 gior

Wagner, Ligeti e Beethoven tra passato e presente

Alle Settimane musicali, ascoltando la Budapest Festival Orchestra diretta da Ivan Fischer, con finale insolito e commovente
08.11.2021 - 08:28
Aggiornamento: 15:17

Ad Ascona Shayna Steele, fra le grandi voci R&B e soul di oggi

Intervista alla vocalist newyorchese, in passato al fianco di Rihanna e Moby. ‘La musica mi ha regalato tutto ciò che nella mia vita è importante’

di Luca Martinelli
ad-ascona-shayna-steele-fra-le-grandi-voci-r-b-e-soul-di-oggi
Shayna Steele

La sua voce potente e carica di soul feeling sprigiona un’energia tale da far sobbalzare il pubblico sulle poltrone. Già corista di Rihanna, ha collaborato in sala d’incisione con Moby prima di mettersi in proprio ed essere scoperta e lanciata dagli Snarky Puppy nel 2014, anno in cui si esibisce anche ad Estival Jazz insieme al gruppo quattro volte vincitore del Grammy Award. Per la vocalist newyorchese Shayna Steele quella è la svolta di una carriera che la vede sempre più proiettata fra le grandi voci R&B e soul di oggi.

La cantante è ospite stasera del Jazz Cat Club, alle 20.30, al Teatro del Gatto di Ascona (prenotazioni a info@jazzacatclub.ch oppure telefonando al numero 078 733 66 12) assieme agli Huntertones, band di cinque elementi di New York che ha nei fiati la sua cifra stilistica e la cui musica viaggia senza passaporto fra jazz funk e R&B. Breve intervista.

Shayna, sei di origini californiane, vero? Come ti sei avvicinata alla musica?

Mio padre lavorava per l’esercito, quindi sì, sono nata in California, in una base militare, ma ci siamo trasferiti in Germania poco dopo. È stato mio papà a introdurmi alla musica, era un cantante e trombettista.

A Broadway hai lavorato in molti spettacoli per ben otto anni e immagino che sia stata una buona scuola artistica e umana. C’è un punto di quell’esperienza particolarmente importante?

Broadway mi ha insegnato a essere una performer disciplinata e a gestire al meglio la mia voce. Devo a quella lunga esperienza se ho saputo conservare le stesse qualità vocali e la stessa potenza di voce che avevo vent’anni fa.

In seguito, nella tua carriera hai avuto collaborazioni con artisti come Moby e Rihanna. Che cosa facevi esattamente? Hai qualche storia da condividere di quei tempi?

Non direi che ho collaborato con Rihanna, sono stata la sua corista, per un anno. Un po’ diverso è il discorso con Moby. Lui cercava una cantante come me e siamo stati presentati da amici comuni. Ho avuto la fortuna di fare diverse registrazioni con lui, ed è stato un vero piacere perché mi ha sempre dato la libertà di cantare a modo mio. Ed era sempre molto contento del mio lavoro!

Che cosa ti ha poi spinto a metterti in proprio?

Semplicemente sentivo che era il momento di farlo. L’impulso principale è stato sicuramente il desiderio di creare una famiglia. Diventare madre per me voleva dire dare la priorità assoluta al mio bambino: pertanto, se volevo continuare a esibirmi, doveva essere alle mie condizioni.

Poi è arrivato il giorno in cui gli Snarky Puppy ti hanno chiamato. Come è andata? Possiamo dire che è stata una svolta per la tua carriera?

Avevo appena avuto mia figlia da pochi mesi quando ho ricevuto la loro chiamata. La prospettiva di lavorare con gli Snarky Puppy mi spaventava molto perché dopo il parto non sapevo come avrebbe reagito la mia voce. La registrazione di Family Dinner è stata la mia prima performance dopo la maternità. Sapevo che dire di sì a quel progetto avrebbe rappresentato un enorme punto di svolta per la mia carriera e sono molto riconoscente a Mike League per aver lanciato la mia carriera in una direzione nuova e diversa.

Con gli Snarky Puppy nel 2014 hai cantato anche all’Estival Jazz di Lugano. Hai ricordi di quel concerto?

Puro divertimento. Suonare e andare in tour con gli Snarky Puppy è sempre stato uno spasso. Hanno così tanto talento e sono davvero simpatici. È stato bello incontrare così tanti amici svizzeri a quel concerto.

E con gli Huntertones come vi siete incontrati?

Tramite i miei agenti in America. Abbiamo diversi amici in comune a New York, è stato quindi un incontro per così dire naturale.

Che tipo di feeling c’è tra di voi?

Sono davvero pazza di loro. Grandi musicisti, persone che non si danno arie, positive e super divertenti. Cantare con loro, davanti alla loro fantastica sezione di fiati, cambia il modo in cui mi presento sul palco. È una cosa che adoro, forse perché mi ricorda i tempi della mia prima band.

Che repertorio suonerete ad Ascona?

Faremo canzoni che ho registrato con nuovi arrangiamenti e anche un paio di brani degli Huntertones.

Quanto è importante la musica nella tua vita?

Se non fosse stato per la musica non avrei incontrato mio marito, non mi sarei trasferita a New York City e non avrei la vita che ho ora. Essere musicista è dura, ma non è mai noioso. Direi che è una bella vita.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved