i-grandi-del-jazz-improvvisano-su-a-r-penck
Un estratto da ‘The Battlefield’, 1989 (ProLitteris, Zürich)
Museo d’arte
27.10.2021 - 17:16
Aggiornamento : 17:33

I grandi del jazz improvvisano su A.R. Penck

L’artista tedesco fu anche batterista: il quartetto Moroni-Bosso-Fioravanti-Ballard improvvisa su di lui il 19 dicembre per la retrospettiva di Mendrisio

Così come accaduto per la mostra di Sergio Emery, anche per l’esposizione dedicata ad A.R. Penck il Museo d’arte Mendrisio propone un appuntamento di ‘Jazz in mostra’, formula che vede musicisti virtuosi interagire con le opere esposte. Il 19 dicembre alle 17, l’iniziativa è applicata ad A.R. Penck, la cui retrospettiva a Mendrisio si è aperta domenica 24 ottobre. L’artista tedesco non fu solo pittore, scultore, disegnatore e teorico ma si mosse anche all’interno della scena jazz underground in qualità di batterista, affascinato dall’improvvisazione e dal linguaggio jazzistico. Per rendere omaggio a questo lato di Penck, il Museo d’arte Mendrisio apre le porte a Fabrizio Bosso (tromba), Dado Moroni (pianoforte), Riccardo Fioravanti (contrabbasso) e Jeff Ballard (batteria) dapprima a improvvisazioni individuali nelle sale del museo, e poi riuniti nel concerto che li vedrà per la prima volta insieme in questa formazione inedita: posti limitati, prenotazione consigliata chiamando lo 058 688 33 50 o via email scrivendo a museo@mendrisio.ch

Leggi anche:

Sotto il segno di A.R. Penck

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
a.r. penck jazz jazz in mostra mendrisio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved