ULTIME NOTIZIE Culture
Gallery
Sogno o son Festival
5 ore

Sanremo dalla A di Oxa alla W di Will (un vademecum)

Cantanti e canzoni dell’edizione che prende il via questa stasera, breve guida all’ascolto
Culture
6 ore

Torna il ‘Weekend di Quartetti’ di LuganoMusica

Da venerdì 10 a domenica 12 febbraio suoneranno l’ensemble Belcea, il Quatuor Diotima e il Quartetto della Scala
Culture
6 ore

Gli appuntamenti di Ticino Musica, in attesa del festival

Domenica 12 e lunedì 13 al Conservatorio a Lugano i primi due eventi di una serie di anteprime alla 27esima edizione, che si svolgerà dal 18 al 31 luglio
Scienze
7 ore

Guardi serie tv? Puoi dormire sonni tranquilli

Secondo uno studio dell’Università di Friburgo, anche maratone da molti episodi con finali carichi di suspense non influenzano il riposo notturno
Spettacoli
7 ore

Sergio Castellitto a Chiasso è ‘Zorro, eremita sul marciapiede’

L’attore riporta sul palco il vagabondo che ripercorre vita e scelte che lo hanno potato a vivere sulla strada. Dal romanzo di Margaret Mazzantini
Sanremo
8 ore

Mattarella in sala, Benigni sul palco: Sanremo apre col botto

Conferenza n. 2: sarà la notte della Repubblica (in senso positivo) ma anche quella di Chiara Ferragni co-conduttrice
animazione
10 ore

Gli effetti psichedelici in ‘The Freakouts’ di Bruno Machado

Insieme a una manciata di musicisti, l’illustratore ha realizzato un progetto indipendente che parla del consumo di sostanze attraverso sei facce
Sogno o son festival
13 ore

Il Festival di Rapallo

Inizia questa sera. Che piaccia oppure no, Sanremo è cambiato. Non ora e nemmeno ieri; comunque, mai quanto quest’anno
Pensiero
13 ore

La lunga crisi della democrazia

Archiviata l’illusione circa la ‘fine della Storia’, avanzano autoritarismo e sovranismo. Se ne parla domani all’Usi
Arte
1 gior

Finisce all’asta un lampadario opera di Giacometti (l’Alberto)

Era stato acquistato per una cifra irrisoria, ma poi si è scoperto che vale una fortuna. La vendita da Christie’s verrà aperta il 28 febbraio
Illustrazione
1 gior

Contro il peso della guerra, Tove diede vita ai Mumin

Iperborea ripubblica a colori le storie della famiglia di troll che, con poesia e ironia, affrontano la quotidianità. Anche quella di oggi
classica
1 gior

Lo svizzero Aviel Cahn sarà direttore della Deutsche Oper Berlin

Il direttore teatrale, da quattro anni dirige il Grand Théâtre de Génève. Entrerà a pieno titolo nel ruolo tedesco nel 2026
Sanremo
1 gior

Il Sanremo di Morandi e Amadeus: ‘I superospiti sono in gara’

I temi della conferenza: dal bar di Monghidoro a Mahmood e Blanco, da ‘Volare’ a Zelensky, fino all’ordine di uscita delle prime due serate
Arte
1 gior

La pittura di genere e la sua funzione civile

Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
Sanremo
1 gior

Sanremo: Zelensky non in video, invierà un testo

Lo leggerà Amadeus. Il direttore di Rai 1, Stefano Coletta: ‘Il presidente non ha mai specificato che sarebbe stato un videomessaggio’
musica
1 gior

Una Tantum Trio apre i concerti ‘apérijazz’ 2023

Il concerto proposto da Jazz in Bess si svolgerà mercoledì 8 febbraio, alle 18
Spettacoli
1 gior

La forza dei pregiudizi in ‘Andorra’ di Max Frisch

Il Theater Kanton Zürich mette in scena al Teatro Sociale di Bellinzona la storia del giovane Andri, martedì 7 febbraio alle 20.30 (introduzione alle 20)
Arte
1 gior

I ‘Nuovi orizzonti’ di Joan Miró in mostra a Berna

Il Centro Paul Klee ospita fino al prossimo 7 maggio un’esposizione che mette in luce le opere tardive dell’artista spagnolo
Musica
1 gior

‘Non ho certezze, ho da darvi solo qualche piccola emozione’

Venticinque anni fa, l’ultimo – meraviglioso – concerto di Fabrizio de André in Ticino, al Palabasket di Bellinzona
Spettacoli
1 gior

L’album dell’anno è di Harry Styles. Måneskin a bocca asciutta

Grammy Awards, Beyoncé inizia bene e diventa la più titolata da sempre della cerimonia, ma ancora una volta per lei niente premi più prestigiosi
Spettacoli
1 gior

Grammy Awards, Beyoncé regina di tutti i tempi

Tre riconoscimenti ancora prima della serata di gala e altri due al suo inizio la consacrano come la più grande in assoluto
recensione
2 gior

La mafia? Va spiegata ai più giovani

Ottavia Piccolo è Elda Pucci sul palco del Teatro di Locarno dove, nel fine settimana, è andato in scena lo spettacolo ‘Cosa Nostra spiegata ai bambini’
Scienze
2 gior

È la notte della Miniluna, la più piccola dell’anno

In questo caso la Luna piena è vicina al punto della sua orbita più distante dalla Terra (apogeo) e appare leggermente più piccola rispetto al solito
classica
2 gior

Incontro con il compositore Francesco Hoch

In occasione dei suoi ottant’anni, l’associazione Ricerche musicali nella Svizzera italiana propone l’appuntamento martedì 7 febbraio, al Conservatorio
Scienze
2 gior

Nello spazio, come uno scoiattolo ibernato

I segreti circa le funzioni vitali durante il letargo potrebbero aiutare gli astronauti nelle missioni spaziali di lunga durata
Il ricordo
laR
 
19.10.2021 - 05:30
Aggiornamento: 10:52

Il jazz gentile di Franco Cerri

Il grande jazzista italiano scomparso ieri all’età di 95 anni nelle parole di Franco Ambrosetti e Tullio De Piscopo

il-jazz-gentile-di-franco-cerri
Franco Cerri, 1926-2021 (© Roberto Priolo)

Era di quelli capaci di educare alla musica, cosa che ancora in pochi riescono a fare. Anzi, “la cenerentola della musica”, com’era un tempo, detto da uno dei suoi maestri poco più in là in questa pagina. Franco Cerri, padre della chitarra jazz italiana, se n’è andato ieri da Milano e da tutto il resto all’età di 95 anni. Le cronache grondano delle sue incredibili collaborazioni – Django Reinhardt, Chet Baker, Gerry Mulligan, Billie Holiday, Stéphane Grappelli, Lee Konitz, Dizzy Gillespie – e i musicisti scrivono soltanto accordi maggiori. A partire da Enrico Intra, sua collaborazione più longeva, pianista con il quale Cerri aprì la scuola ‘Musica oggi’, correva l’anno 1987: “Abbiamo suonato insieme per mezzo secolo abitando insieme questo mondo del suono cui mancherà un ottimo docente di chitarra, perché Franco riusciva a comunicare tutta la sua esperienza e personalità d’uomo, era molto comunicativo, disponibile, educato, civile, umano, quelle belle doti che dovrebbero avere tutti quanti”.

Nato a Milano il 29 gennaio del 1926, a 17 anni Franco Cerri riceve in dono dal padre una chitarra che inizia a studiare da autodidatta, lavorando nel frattempo come muratore e ascensorista ma suonando come dopolavorista durante la Seconda guerra mondiale. Fino al 1945, quando i componenti del Quartetto Cetra lo presentano a Gorni Kramer, la cui orchestra fa da trampolino di lancio. Del 1949 è l’incontro con Django Reinhardt, per due settimane all’Astoria, club milanese, in trio con il violinista Stéphane Grappelli; un anno dopo, l’incontro con il sassofonista Flavio Ambrosetti e la messa ‘in proprio’ nel Franco Cerri Quintet, col quale si apre all’Europa. Il seguito è una storia di concerti, incisioni, televisione, incursioni in campi limitrofi – Bruno Martino, Mina, Renato Carosone, Roberto Vecchioni – fino alle ultime apparizioni televisive, una sanremese (al fianco di Simona Molinari e Peter Cincotti nel 2013 in ‘Tua’, brano di Jula De Palma) e con gli immancabili Elio e le Storie Tese nel programma tv ‘Il Musichione’, in una sontuosa versione jazz di ‘Vattene amore’ con tanto di Mietta. “Buon viaggio maestro gentile”, scrivono gli Elii sui social di competenza.

Franco Ambrosetti: ‘La classe e il livello li ha imposti lui’

«Una persona squisita, dall’educazione impressionante, mai fuori posto e particolarmente paziente soprattutto in presenza di problemi tecnici. Poteva capitare che un tecnico del suono non seguisse esattamente le indicazioni e lui, calmissimo, non se la prendeva, a differenza di altri musicisti che, li conosco bene, coi tecnici fanno certe sfuriate…». Quello di Franco Ambrosetti è un ricordo ticinese che va a ritroso, di figlio in padre: «L’ho avuto come amico – racconta alla ‘Regione’ il trombettista – e mi ospitò in casa quando suonavo al Derby; prima ancora, con mio padre Flavio, Franco era stato bassista, per poi cambiare strumento, diventando il maestro della chitarra italiana. Si può dire che esista un prima di lui e un dopo di lui, da quando dalla Scandinavia, dove aveva trascorso tanto tempo a suonare, tornò in Italia, a inizio anni 60».

L’Ambrosetti all’esordio nel jazz ricorda Cerri al Bussolotto, locale di Sergio Bernardini dedicato al jazz, a fianco della popolare Bussola in Versilia: «Già allora Franco suonava in maniera modernissima, tra Barney Kessel e Jimmy Raney; aveva ascoltato tutti i più grandi e ne incarnava quel particolare stile, quel tipo di jazz che oggi è molto cambiato. I suoi proseliti sono stati tantissimi e di chitarristi jazz ve n’è oggi tutta una serie, anche uno più bravo dell’altro. Ma la classe e il livello li ha imposti lui».

Tra i tanti concerti, ricordi luganesi di Estival Jazz relativamente recenti: «Nel 2013 mio padre era morto da un anno; chiesi apposta che venisse Franco per celebrare colui che in fondo fu il primo grande jazzista internazionale ticinese, perché prima di papà il jazz in quel Ticino un po’ ai margini, culturalmente, non c’era ancora. E visto che Franco era al basso quando mio padre incideva i 78 giri per la Columbia, con Francis Burger al piano e Rodolfo Bonetto alla batteria, lo volli fortemente a Lugano».

Ambrosetti, detto in musica, ci regala una coloritura: «Franco era anche amico di Dario Fo. Un giorno vennero a Lugano insieme, a casa nostra, per colazione. Io ero ragazzo, avrò avuto vent’anni. Un personaggio a tutto campo. Faceva anche le réclam…». Perché Franco Cerri fu anche ‘eroe’ televisivo. Bisogna essere sulla cinquantina, anno più anno meno, per ricordare uno dei più riusciti tormentoni della pubblicità che non è riuscito ad affossare il musicista mai. Fa un po’ specie, ed è un tantino irrispettoso che quotidiani di una certa importanza abbiano titolato “Addio a Franco Cerri, jazzista e uomo in ammollo’, dalla réclame del Bio Presto col chitarrista a decantare le qualità del prodotto dall’interno di una lavatrice: «Sì, poco rispettoso», commenta Ambrosetti. «Ma almeno la gente comune che non seguiva il jazz sapeva che Franco era un jazzista, sebbene perché lo vedevano in ammollo e non viceversa. Ma era una situazione surreale come le barzellette che raccontava, tutte ‘fuori’ ma dette da un uomo intelligente e colto. Tale resterà nella memoria collettiva».

Tullio De Piscopo: ‘Avevo sete di jazz e lui me l’ha insegnato’

Il maestro Tullio De Piscopo, incrociato sulle rive asconesi soltanto un mese fa, è il nostro ricordo oltreconfine. «È vero, io e Franco Ambrosetti abbiamo suonato insieme tante volte con Franco Cerri. L’occasione più importante fu per i suoi ottant’anni, una festa straordinaria che gli organizzarono al Teatro dell’Arcimboldi di Milano. Suonammo con lui, con Enrico Intra, Dado Moroni e altri grandi musicisti. È stato, ed è ancora, il maestro del jazz italiano. Fu lui a insegnarmi il jazz del quale avevo sete e che grazie a lui ho imparato»». Per De Piscopo, Cerri è ricordi di gioventù e di formazione musicale: «Quando arrivai a Milano ebbi il suo grande appoggio. Volevo suonare il jazz e subito ebbi la fortuna e il privilegio di suonare nel suo nuovo gruppo, che si chiamava Quartettino, una formazione senza pianoforte, con due chitarre, contrabbasso e batteria. Scriveva arrangiamenti straordinari, con brani storici adattati alle due chitarre. All’altra chitarra c’era il grande Angelo Arienti, al contrabbasso Giorgio Azzolini, e questo scugnizzo napoletano giovanissimo alla batteria. Lo dovrebbero ristampare quel disco…».

Tornano le barzellette, la persona umile, e torna il piacere di stare in sua compagnia. Torna anche un programma tv Rai intitolato ‘Fine serata da Franco Cerri’: «Fu uno dei primi a portare il jazz nelle case degli italiani da uno studio allestito come un salotto dove ospitava musicisti come Dizzie Gillespie. Quel programma fu decisivo per chi amava il jazz e poteva finalmente vedere questa musica così bistrattata, la cenerentola della musica. Armonicamente, Franco era straordinario, si faceva capire. A volte nel jazz non si comprende immediatamente dove sta la struttura: con lui, era tutto chiaro». Torna anche l’uomo in ammollo, e quell’infelice titolare che lo accompagna in queste ore: «Bruttissima definizione. Quella non era musica, era un’altra cosa, anche se ben fatta. Ma non capisco il voler mettere insieme». Detto alla De Piscopo: «Io faccio il jazzista ma posso anche fare un brano che s’intitola ‘Santo Andamento lento’, come lo chiamo io, perché mi ha dato possibilità economiche che il jazz spesso non ti può dare. E ben vengano cose come quelle che ha fatto lui, perché permettono di fare più jazz». A questo proposito: «Senti la grandezza: quando entrava in scena subito diceva: “A proposito, volevo chiarire che non sono davvero in ammollo, è solo un trucco cinematografico…”».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved