ULTIME NOTIZIE Culture
animazione
1 ora

Gli effetti psichedelici in ‘The Freakouts’ di Bruno Machado

Insieme a una manciata di musicisti, l’illustratore ha realizzato un progetto indipendente che parla del consumo di sostanze attraverso sei facce
Sogno o son festival
4 ore

Il Festival di Rapallo

Inizia questa sera. Che piaccia oppure no, Sanremo è cambiato. Non ora e nemmeno ieri; comunque, mai quanto quest ’anno.
Pensiero
4 ore

La lunga crisi della democrazia

Archiviata l’illusione circa la ‘fine della storia’, avanzano autoritarismo e sovranismo. Se ne parla domani all’Usi
Arte
17 ore

Finisce all’asta un lampadario opera di Giacometti (l’Alberto)

Era stato acquistato per una cifra irrisoria, ma poi si è scoperto che vale una fortuna. La vendita da Christie’s verrà aperta il 28 febbraio
Illustrazione
20 ore

Contro il peso della guerra, Tove diede vita ai Mumin

Iperborea ripubblica a colori le storie della famiglia di troll che, con poesia e ironia, affrontano la quotidianità. Anche quella di oggi
classica
21 ore

Lo svizzero Aviel Cahn sarà direttore della Deutsche Oper Berlin

Il direttore teatrale, da quattro anni dirige il Grand Théâtre de Génève. Entrerà a pieno titolo nel ruolo tedesco nel 2026
Sanremo
21 ore

Il Sanremo di Morandi e Amadeus: ‘I superospiti sono in gara’

I temi della conferenza: dal bar di Monghidoro a Mahmood e Blanco, da ‘Volare’ a Zelensky, fino all’ordine di uscita delle prime due serate
Arte
22 ore

La pittura di genere e la sua funzione civile

Le opere di ‘Milano da romantica a scapigliata’ abitano le stanze del Castello Visconteo Sforzesco di Novara, fino al 10 aprile 2023
Sanremo
23 ore

Sanremo: Zelensky non in video, invierà un testo

Lo leggerà Amadeus. Il direttore di Rai 1, Stefano Coletta: ‘Il presidente non ha mai specificato che sarebbe stato un videomessaggio’
musica
23 ore

Una Tantum Trio apre i concerti ‘apérijazz’ 2023

Il concerto proposto da Jazz in Bess si svolgerà mercoledì 8 febbraio, alle 18
03.10.2021 - 17:22

Rsi, la creatività e l’equilibrio di Mario Timbal

Durante l’incontro con il direttore organizzato dalla Corsi si è discusso di pari opportunità, risparmi, cultura e dell’ennesima rubrica gastro/culinaria

di Giovanni Medolago
rsi-la-creativita-e-l-equilibrio-di-mario-timbal
Ti-Press

A sei mesi dall’arrivo di Mario Timbal alla plancia di comando della Rsi, la Corsi ha organizzato un incontro con il nuovo direttore. “Cercavamo un manager con esperienze imprenditoriali nell’ambito culturale – ha esordito Luigi Pedrazzini, presidente della Corsi – e una figura nuova per la Rsi. Ebbene, Mario rispondeva a queste nostre richieste”.

Lusingato ma non imbarazzato, Timbal ha voluto precisare che, dal canto suo, sentiva il desiderio di tornare in Ticino, da cui si era allontanato dopo i compiti svolti per il Festival di Locarno. “Cosa le è rimasto di quell’esperienza?” è stata fra le prime domande poste all’ospite dalla moderatrice Barbara Bassi, già esponente della Commissione Federale dei Media (Cofem) e già segretaria del sindacato Comedia (oggi syndicom). “Soprattutto il rispetto per la creatività” è stata la pronta risposta di Timbal, che sul concetto di “creatività” ha poi insistito parecchio. Anche la parola equilibrio è risuonata più volte nell’Auditorio Stelio Molo che ha accolto un pubblico non strabocchevole epperò molto attento. L’equilibrio finanziario, per esempio, alla cui rincorsa l’intera Ssr è impegnata ormai da tempo. E qui Timbal è stato rassicurante: “Pur dovendo risparmiare, continueremo a produrre molto”. Per far quadrare il cerchio è stata creata una “Commissione editoriale” che ha innanzitutto il compito di gestire le risorse – non solo economiche – dell’ente radiotelevisivo, migliorandone la collaborazione al suo interno e snellendo così le diverse produzioni. Importante l’equilibrio, in una Rsi generalista, fra intrattenimento, approfondimento: (“Falò, Patti Chiari e Storie restano nostri capisaldi”) e cultura. Già, la cultura: dopo le polemiche suscitate dalla rivoluzione proposta dal progetto Lyra per la Rete Due radiofonica e le migliaia di firme raccolte contro queste idee, oggi tutto tace. Anche in questo caso Timbal è apparso più che rassicurante: “Vorrei una Rete Due all’attacco e che sappia allargare il suo spettro d’analisi”. Inevitabile l’accenno alla questione della (sotto)rappresentanza femminile: “Non credo nelle quote rosa, forse non sono proprio lo strumento adatto per giungere a una vera parità. Credo piuttosto nello sviluppo delle competenze”. Altro fondamentale equilibrio da ricercare è quello tra gli indici d’ascolto e il mandato politico (“Se cade uno, addio all’altro!”) e oggi la Rsi si fa in tre per offrire le sue proposte: via etere e su Internet. E qui il direttore si è calato anche nelle cifre: “Il 70% si affida a radiotv e Rete, un 10% non si stacca da Internet, mentre il restante 20% è lo zoccolo duro legato unicamente o quasi ai canali tradizionali”.

Sul concetto “creatività nel pensare a nuovi programmi”, Barbara Bassi ha espresso qualche perplessità, citando la nuova rubrica dedicata ai funghi. “Poteva sembrare un programma di nicchia, ma non è così: abbiamo avuto un indice d’ascolto altissimo, attorno al 40%”. Più o meno la stessa risposta – però più sibillina e dunque un po’ meno rassicurante – a chi dalla platea lamentava il varo dell’ennesima rubrica gastro/culinaria: “I dati ci dicono che il nostro pubblico gradisce sempre molto questo genere di offerta”.

Un buon test per valutare se gli intendimenti di Mario Timbal possano trovare uno sbocco concreto nei programmi Rsi sarà il nuovo palinsesto mattutino di Rete Uno, che sarà varato il prossimo 12 novembre. Auguri!

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved