teatro-sociale-grazieguglielmo-firmato-marco-zappa
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
2 ore

Cyrille Aimée, gran finale di stagione al Jazz Cat Club

Dopo ben tre rinvii, lunedì 23 maggio ad Ascona per chiudere la 14esima stagione
Cinema
3 ore

Oscar 2023, cambiano le regole: i film devono uscire nelle sale

Il Board dell’Academy ha cambiato alcune regole. Nella categoria della miglior canzone originale abbassato da cinque a tre i brani presentabili
Spettacoli
3 ore

La Venere nera, thriller gotico a Losone

Basato sul racconto ‘La Venere d’Ille’ di Prosper Mérimée, sabato 21 maggio alle 20.30
Spettacoli
5 ore

LuganoMusica nel segno di György Ligeti e dei giovani

Presentata la stagione musicale 2022-23 del Lac, da Maurizio Pollini e la Concertgebouw ai giovani direttori Tjeknavorian e Mäkelä
Cinema
6 ore

Cannes festeggia i suoi 75 anni inneggiando al cinema

Brillano ‘Coupez!’ di Michel Hazanavicius, scelto da Thierry Fremaux per inaugurare l’edizione, e ‘For the Sake of Peace’, prodotto da Forest Whitaker
Società
7 ore

Roma, i carabinieri chiudono il Piper: ‘Risse e violenze’

Aperto nel 1965 nel quadrante Nord della capitale, ha rappresentato la risposta in salsa romana ai locali della ‘Swinging London’.
Musica
11 ore

L’Osi in San Biagio con Martijn Dendievel e Johan Dalene

Il 25enne direttore d’orchestra belga e il 21enne violinista svedese, il 16 giugno alle 20.30, si cimentano con Mozart e Mendelssohn
Musica
12 ore

Tra il Convento e Curzútt, in arrivo Monte Carasso in Jazz

Il 25 maggio all’Antico Convento delle Agostiniane i parigini ALT; il 2 giugno nel nucleo di Curzútt Danilo Boggini Hot Club de Suisse e i Lost in Swing
Spettacoli
14 ore

Festival Master Accademia Dimitri, la seconda settimana

Altre due tavole rotonde internazionali di teatro e altri spettacoli, a partire da domani
Culture
15 ore

La vita in fuga di Ulas Samchuk, la morte per fame dell’Ucraina

Un contributo di Carlo Ossola sul romanzo del 1934 ‘Maria. Cronaca di una vita’, la cui traduzione italiana sarà presentata giovedì 19 maggio al Lac
Spettacoli
17 ore

Netflix licenzia per far fronte al rallentamento della crescita

Si tratta di circa 150 dipendenti, la maggior parte negli Usa. Poche settimane fa l’azienda aveva annunciato per la prima volta una perdita di abbonati.
Culture
1 gior

Peter Sloterdijk, sulla fobocrazia nell’Aula Magna Usi

In presenza, giovedì 19 maggio alle 20.30 a Lugano, la conferenza ‘Paura di uscire dalla fobocrazia’
30.09.2021 - 19:51

Teatro Sociale: ‘GrazieGuglielmo!’, firmato Marco Zappa

Venerdì primo ottobre alle 20.45, secondo appuntamento della stagione 21-22: pensieri e parole del cantautore, con nuova band, di ritorno da Italia e Albania

«Questo titolo ha una lunga storia che inizia con una versione funky del Guglielmo Tell di Rossini, suonata e arrangiata al basso elettrico dal nostro bassista NicAngileri. Quando l’ho ascoltata, durante il lockdown, mi è subito piaciuta e mi ha invogliato a riprenderla con un nuovo arrangiamento per la nostra band. Oliviero Giovannoni ha scritto una parte per la batteria estremamente avvincente e impegnativa, Mattia Mantello ha aggiunto delle sonorità blues e io ho lavorato con questi elementi per creare una nostra versione e un testo finale nella quale ognuno di noi potesse sentirsi rappresentato». Precisazione: «Chiaramente Guglielmo Tell è anche il simbolo della resistenza svizzera ai Balivi e quindi per noi Guglielmo rappresenta la Svizzera e tutto il suo sistema politico che ci ha diretti e continua a farlo in questi difficili e strani momenti di pandemia. Il grazie può essere interpretato in due modi antitetici: sia un sincero ringraziamento al nostro governo per il modo in cui ha gestito e sta gestendo la pandemia, sia in modo ironico da parte di chi é contrario alle misure prese».

Se non fosse chiaro, si parlava di ‘GrazieGuglielmo!’ (tutto attaccato), indifferentemente canzone, cd o concerto, quello che Marco Zappa porta al Teatro Sociale venerdì primo ottobre alle 20.45, secondo atto della stagione 21-22. Con nuova band formata dallo storico Oliviero Giovannoni (batteria, percussioni e voce), da Nic Angileri (basso elettrico, contrabbasso e voce), Mad Mantello (chitarrre e voce), Daria Zappa (special guest, violino e voce), e con nuovo logo adattato dalla moneta da 5 franchi dove il Guglielmo è quello originale e le scritte autoriferite. Un concerto “idealmente post-pandemico”, come recita il programma, con la formazione filo-elettrica che non da molto lo accompagna, qui raccontata nella sua genesi umana e musicale: «In pieno lockdown, io e mia moglie Elena stavamo lavorando su nuovi brani che descrivevano quel periodo, poi pubblicati nel libro ‘CuiTémpCheTira!. Ci è venuta l’idea di ripubblicare una nuova versione di ‘Change’, brano che aveva dato il titolo al mio primo album nel 1974, registrato come polistrumentista assieme a Oliviero Giovannoni. Ho chiamato Oliviero e gli ho proposto di farne una nuova versione». Da lì la collaborazione si è estesa ad altri nuovi brani; dall’esigenza di trovare un bassista è arrivato Nic Angileri; a ruota, la chitarra di Mad Mantello.

Tra Italia e Albania

Zappa e consorte sono appena tornati dall’Italia e dall’Albania, 4mila chilometri con l’auto carica di strumenti e di loro stessi. Tour zappiano di cui chiediamo conto: «Una decina di concerti, sia da solo, sia assieme a musicisti di questi paesi. Da Lucca a Tirana, da Potam al mare, alla Puglia, in club, agriturismi, nelle piazze e sempre con scalette diverse, a seconda dei luoghi in cui mi trovavo. Nella maggior parte dei concerti c’era una partecipazione incredibile e un’atmosfera che da noi si respirava negli anni ’60. In altri, invece, dove non mi conoscevano, il pubblico l’ho dovuto conquistare brano dopo brano ma alla fine era come se mi conoscessero da sempre. I temi delle canzoni che ho proposto erano vicini alla gente, che automaticamente veniva coinvolta nell’atmosfera che si creava».

Quanto alla ritrovata aria di casa, «anche qui, dopo l’anno e mezzo di chiusura abbiamo ripreso alla grande, e con molti concerti sia in Ticino sia all’estero. Il problema nei teatri svizzeri, nei quali abbiamo suonato moltissimo negli anni passati, è che dopo il Covid hanno una lunga lista di spettacoli che non si sono tenuti e che devono giustamente essere riproposti».

Veniamo a ‘GrazieGuglielmo!’. «Non voglio anticipare troppo. Sarà un concerto bellissimo e gustoso sotto molti aspetti, dal punto di vista dei contenuti e da quello musicale e strumentale. Lo proponiamo come spettacolo idealmente post-pandemico, anche se sappiamo che la situazione, purtroppo, non si è assolutamente ancora risolta. Siamo molto carichi e stiamo provando con tranquillità e piacere, speriamo che anche il pubblico possa apprezzare il nostro nuovo lavoro». Il nuovo lavoro, il nuovo cd ‘GrazieGuglielmo!’ e anche i disegni di Adriano Crivelli creati per ogni canzone, esposti in loco (www.teatrosociale.ch).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
albania grazie guglielmo guglielmo tell italia marco zappa post-pandemico sementina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved