l-estate-sta-finendo-i-tormentoni-anche
Mille e non più Mille
ULTIME NOTIZIE Culture
Teatro Sociale
1 ora

Chi fa la mamma tra ‘Boef & Asen’?

Ferruccio Cainero adatta lo spettacolo natalizio scritto da Norbert Ebel nel ’99, sempre attuale. Domenica 28 novembre, con attori di Barabba’s Clowns.
Società
14 ore

Paesaggi sonori per la cura dei bambini

Al Forum cultura e salute Antti Ikonen racconta il progetto di ‘soundscape’ nel nuovo ospedale pediatrico di Helsinki
Musica
20 ore

Tina Turner dottore honoris causa in storia e filosofia

L‘Università di Berna gliela consegnerà il 4 dicembre. Tra le motivazioni: ‘Esempio di via di uscita da molteplici situazioni di discriminazione’
Spettacoli
1 gior

Al Teatro Paravento si trasloca con Salvador Dalí

Prima dello spettacolo con Davide Gagliardi scritto da Egidia Bruno partendo da un un poster “troppo inquietante per appenderlo in camera”
Scienze
1 gior

Covid, il punto dell’Oms per vaccini a bambini e ragazzi

Un rapporto preliminare indica l’utilità di vaccinare i più giovani. Ma la priorità rimane proteggere soggetti fragili. E un’equa distribuzione globale
Società
1 gior

La scuola e l’erosione dell’autorità, un convegno per parlarne

Sabato a Lugano primo appuntamento dell’associazione Essere a scuola. Intervista a uno dei relatori, il filosofo dell’educazione Eirick Prairat
Scienze
2 gior

L’Oceano Artico ha iniziato a scaldarsi a inizio XX secolo

Studi italiani e britannici hanno ricostruito gli ultimi 800 anni di mutamenti di un mare con funzioni chiave nei cambiamenti climatici globali
Spettacoli
2 gior

La sorpresa Carrisi a Tutti i colori del giallo

Lo scrittore e regista italiano presenta, in anteprima, il suo nuovo romanzo ‘La casa senza ricordi’ al festival di Massagno
L’intervista
2 gior

Il Maestro e Di Battista (jazz e cinema in ‘Morricone Stories’)

Sabato 27 novembre il Cinema Teatro di Chiasso ospita Stefano Di Battista col progetto dedicato a Morricone: tutto ebbe inizio a Roma, qualche anno fa...
Spettacoli
2 gior

Olga, tra ginnastica e politica in sala il film di Elie Grappe

Dal Festival di Cannes alla candidatura svizzera agli Oscar, il giovane regista racconta di un’atleta ucraina in esilio durante la rivoluzione
Teatro
2 gior

‘Misericordia’ di Emma Dante al San Materno

Sabato 27 e domenica 28 novembre ad Ascona la storia di Anna, Nuzza, Bettina e Arturo, nello spettacolo dell’attrice, regista e drammaturga italiana
Spettacoli
2 gior

Max Lazzarin al Murrayfield Pub

Venerdì 26 novembre dalle 22 a Chiasso, il nuovo progetto del pianista e cantante
Spettacoli
2 gior

Lugano esiste: Ermal Meta al Palacongressi il 20 marzo 2022

In radio da venerdì 26 novembre col nuovo singolo ‘Milano non esiste’, il cantautore è atteso in Ticino con l’anno nuovo
Video
Musica
2 gior

Freaky Farm, in direzione ostinata e rotante

‘Coupled Spins’ è il titolo del nuovo brano della coppia Christian Schwarz-Marco Kohler, accompagnato da un bel volo a planare girato in Namibia
Culture
2 gior

Carine Bachmann alla guida dell’Ufficio federale della cultura

Nominata oggi dal Consiglio federale, sostituirà Isabelle Chassot (Alleanza del Centro), eletta al Consiglio degli Stati per il canton Friburgo
Video
Musica
3 gior

Calicantus, ‘Somebody to love’ tra Losone e Montreux

È ‘una botta di vita’ il tributo del coro diretto da Mario Fontana a Freddie Mercury, del quale oggi ricorrono i trent’anni dalla morte
Scienze
3 gior

La sonda Dart è in viaggio, cercherà di deviare un asteroide

Una lunga missione planetaria di oltre 10 milioni di chilometri in 11 mesi per colpire e deviare la traiettoria di un oggetto di 170 metri di diametro
Arte
3 gior

Arte in Ticino, una mostra tra Nord e Sud, tra Otto e Novecento

L’allestimento della collezione del Museo d’arte della Svizzera italiana al Lac apre una finestra su un periodo artisticamente e socialmente particolare
Musica
3 gior

Freddie Mercury: trent’anni dopo, lo show continua

Morì il 24 novembre del 1991 dopo un testamento, suo e dei Queen, intitolato ‘Innuendo’. Poi, ulteriormente alimentata da Hollywood, l’immortalità
Arte
3 gior

Wopart 2021: 9mila visitatori e un milione di vendite

Bilancio positivo per la fiera di opere d’arte su carta che si è tenuta a Lugano dal 19 al 21 novembre
Musica
3 gior

‘I’m outta lockdown’: Anastacia a Locarno il 29 settembre 2022

Al Fevi un’artista da 30 milioni di dischi per la tappa di un tour che attraverserà l’Europa. Prevendita aperta su biglietteria.ch
Spettacoli
4 gior

Kevin Spacey deve 31 milioni ai produttori di ‘House of cards’

Lo ha stabilito un arbitrato. La Mrc imputa all’attore, fra l’altro, il danno economico per lo stop alla serie dopo lo scandalo delle molestie
Musica
4 gior

Vent’anni di Vad Vuc, tutto in una notte (anzi due)

O anche tre: domani, mercoledì 24 novembre alle 20 all’Auditorio Stelio Moro, la band presenta (dal vivo) il doppio disco dal vivo. A colloquio col Mago.
Scienze
4 gior

Pfizer: anche 4 mesi dopo vaccino efficace a 100% in teenager

Lo evidenzia uno studio condotto su 2’228 ragazzi tra i 12 e i 15 anni. Tre i giovani che hanno contratto il coronavirus: assumevano un placebo.
Culture
4 gior

La sua ‘Contessa’ fu l’inno del ’68: addio a Paolo Pietrangeli

Era il brano più famoso del cantautore, poi regista, morto oggi a 76 anni. La lunga malattia gli aveva impedito di ritirare quest’anno il premio Tenco
Spettacoli
4 gior

Jazz Cat Club, gran finale d’autunno con George Cables

Il grande pianista ad Ascona lunedì 29 novembre assieme a Darryl Hall al basso, Jerome Jennings alla batteria e, ospite speciale, Piero Odorici al sax
Musica
4 gior

Fred Buscaglione, ‘gangster’ della canzone, nasceva cent’anni fa

Grazie anche al paroliere Leo Chiosso, inventò il personaggio caricaturale del duro con il debole per donne e whisky, ispirato ai gangster americani
Cinema
5 gior

‘No time to die’ è il maggior incasso 2021 di Hollywood

Universal gioca in casa: l’ultimo atto di Daniel Craig ha superato il precedente leader globale, Fast and Furious 9
Spettacoli
5 gior

Ginger&Fred, omaggio teatrale mancato

Deludente lo spettacolo ‘Avremo ancora l’occasione di ballare insieme’ di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini
Figli delle stelle
5 gior

E un bel giorno Zaz tornò Isabelle

Zaz - ‘Isa’ (Parlophone) - ★★★★✩ - Tirare il fiato, scrivere ‘Isa’, fare un duetto con Till Lindemann e poi tornare in tour. Fatto
Figli delle stelle
6 gior

Gli ABBA spiegati a mio figlio (ascoltando ‘Voyage’)

ABBA - ‘Voyage’ - ★★★✩✩ - Messi insieme fanno 297 anni. Dopo un silenzio di 40 sono tornati. Breve storia di un quartetto da 400 milioni di copie vendute
Libri
1 sett

‘Di chi è la colpa?’, leggendo Alessandro Piperno

L’autore si conferma come una delle voci di alto livello intellettuale e di maggior sostanza originale della narrativa italiana d’oggi
Musica
1 sett

Vincenzo Zitello: tra le pieghe della mostruosità, il prodigio

Questa sera alle 18.30, l’arpa celtica del primo divulgatore italiano dello strumento approda a Maroggia nella Tree House di Tondo Music, col nuovo album
Spettacoli
1 sett

‘Europa’, non il solito film sui migranti

Intervista al regista Haider Rashid, vincitore a Castellinaria del Premio ambiente e salute per il suo film che ci porta ai confini d’Europa
Castellinaria
1 sett

Castellinaria, Flynn von Kleist vince il castello d’oro

Ecco il palmarès della 34esima edizione del festival del cinema giovane. Helgeland e Mouaness al secondo e terzo posto
Gallery
Fotografia
1 sett

Addio a Mick Rock, fotografo di Bowie, Queen & Co

Michael David Rock è morto a 72 anni. All’uomo ‘che ha immortalato gli anni 70’ si devono anche alcune delle copertine di album memorabili del rock
L'intervista
1 sett

Castellinaria, arte e grazia di Milena Vukotic

Fellini, Buñuel, Bertolucci, non solo Pina Fantozzi. Incontro con la grande attrice italiana, a Bellinzona per ritirare il Castello d’Onore 2021
La recensione
1 sett

‘Un palco per la vita’ e tre buoni motivi d’integrazione

Da un’idea di Davide Martinoni, tre intense storie di teatro e di umana e artistica solidarietà, lì da vedersi (meglio ancora se in tv o nelle scuole)
Spettacoli
1 sett

Trent’anni di Aldo, Giovanni e Giacomo

‘Alla comicità oggi manca la palestra live, i like non hanno niente a che vedere con gli applausi’. Sul Nove, il 21 e 28 novembre, la festa
Spettacoli
1 sett

Al Sociale la follia creatrice di Nijinsky

Daniele Bernardi ci presenta il suo spettacolo dedicato al grande ballerino e coreografo russo, venerdì 19 a Bellinzona
Musica
1 sett

Warner Music potrebbe comperarsi David Bowie

È in trattative per l’acquisto del catalogo del Duca: 535 milioni di dollari, per il suo e altri potenziali
Cinema
1 sett

Miramax fa causa a Tarantino per vendita Nft di Pulp Fiction

La casa di produzione ha annunciato un’azione legale per la sua intenzione di mettere all’asta 7 token crittografici basati sull’iconico film
Arte
1 sett

È morto Jimmie Durham, scultore, saggista e attivista

Aveva 81 anni. Nel 2019 premiato con il Leone d’Oro alla carriera alla Biennale d’Arte di Venezia
Musica
14.09.2021 - 05:250
Aggiornamento : 11:33

L’estate sta finendo, i tormentoni anche

Tranquilli, torneranno il prossimo anno, che lo si voglia o no, virali come sempre (anzi, virulenti). Enzo Gentile, nel libro ‘Onda su onda’, ce li racconta.

Interpellato sui tormentoni estivi da un Sorrisi e Canzoni di qualche tempo fa, Claudio Cecchetto parlava piuttosto di “tormentini”. L’autore del testo di ‘Gioca jouer’, tormentone non estivo vecchio di quarant’anni (musica di Claudio Simonetti dei Goblin, quelli di ‘Profondo Rosso’), identifica in ‘Bongo cha cha cha’ il tormentone perfetto. Il singolo del 1959 di Caterina Valente è tornato di moda quest’estate grazie a TikTok, poi oggetto di remix degli inglesi Goodboys. Meno in linea con Cecchetto è la 95enne cantante, luganese d’adozione, secondo la quale “il pezzo era già un po’ banale e sempliciotto allora”, figuriamoci oggi. Come riporta il Messaggero, a nulla è valso il tentativo dell grande artista di bloccarne la pubblicazione, in quanto già di pubblico dominio. Tornando a Cecchetto, cui l’estate deve Sabrina Salerno, Sandy Marton, Tracy Spencer, i Finley, ma anche Jovanotti, Max Pezzali e Fiorello, “il tormentone è come il tartufo: se sapessimo dove spunta, tutti lo troverebbero e non avrebbe più valore”. Da cui l’invito ai produttori a essere “bravi cani da tartufo”.

Non è qui nostra intenzione cercare di capire ‘Come si scrive un tormentone estivo’, titolo di molte indagini musicologiche, sociologiche, psicologiche, anche parapsicologiche. Perché come si scrive un tormentone non lo sa nemmeno Umberto Tozzi (“Puoi sempre provare a chiedere a McCartney come ha fatto a scrivere ‘Yesterday’”», ci disse nel 2017 quando gli chiedemmo il segreto di ‘Ti amo’). Ci limiteremo dunque a riferire dell’estate 2021, e a parlare di un libro che dei tormentoni racconta la genesi.

Da Olivia a Victoria

Da quando non c’è più il Festivalbar, non c’è il vincitore dell’estate. Ogni radio ha un suo Festivalbar; pure le case automobilistiche e le compagnie telefoniche. Prendendo come riferimento Spotify, stando al magazine per veri uomini GQ e utilizzando un lessico giovane, la canzone più streamata (da ‘streaming’) dell’estate in tutto il mondo è (600 milioni di ascolti alla data del 25 agosto) ‘Good 4 U’ di Olivia Rodrigo, 18enne stellina Disney di ‘High School Musical’ in un pop-punk collegiale molto anni Duemila. Al secondo posto, ‘Beggin’’ degli italiani Måneskin, cosa vecchia di cinque anni tornata in auge grazie alla vittoria all’Eurovision Song Contest. Cosa, in realtà, vecchia di 54 anni per l’essere ‘Beggin’’ uno dei successi dei Four Season di Frankie Valli (quello di ‘Grease’, vedi film ‘Jersey Boys’ di Clint Eastwood).

L’estate internazionale dei Måneskin è pure ‘I Wanna Be Your Slave’ (Top 20), anche in duetto con Iggy Pop per lo sconcerto (ingiustificato) dei fan dell’Iguana. Tutto ciò mentre la bassista Victoria titilla il capezzolo del frontman sul palco di Vienna e mentre il mondo pretende di sapere da lei se abbia o meno una fidanzata. Mondo che parla portoricano (‘Todo De Ti’ di Rauw Alejandro, terzo), e poi una manciata di hit dalle sonorità Nile Rodgers, insieme all’ormai adulto Justin Bieber (‘Stay’ con The Kid Laroi) e al sempreverde e semprerosso Ed Sheeran (‘Bad Habits’).

Santo subito

La frase dell’estate italiana non è “Quando sei arrivato ti stavo aspettando / Con due occhi più grandi del mondo” (‘Mille’, dello strano trio Fedez, Achille Lauro, Orietta Berti), ma “Se quindici anni fa mi avessero detto che nel 2021 la canzone dell’estate l’avesse cantata Orietta Berti mi sarei messo a ridere”, verso che non è in nessuna canzone, ma è la risposta di Francesco Baccini a chi gli chiede, su sound36.com, se la musica sia cambiata. “Oggi – aggiunge il cantautore – dobbiamo ringraziare Orietta, perché ci ha fatto vedere la differenza tra chi sa cantare e chi no”. Guardando a questa estate, in Italia, terra di santi, poeti e navigatori, i santi sono rappresentati da Sangiovanni, che il pubblico luganese ha avuto modo di pregare lo scorso agosto in Piazza Riforma. Adesso, con sei dischi di platino, Sangiovanni, se vuole, si compra tutta ‘Malibu’, titolo del tormentone il cui video include anche Giulia Stabile, vincitrice di ‘Amici’ alla quale il cantante (arrivato secondo) è, dice l’Enciclopedia digitale, “sentimentalmente legato”. Ma Sangiovanni sui social scrive: “Io non sono il fidanzato di Giulia e Giulia non è la fidanzata di Sangiovanni, non perché non lo siamo veramente, ma perché prima di tutto siamo due artisti” (cioè? Come John e Yoko e i coniugi Christo? La dichiarazione è criptica). Tornando a temi più futili, sempre secondo i dati di Spotify, al terzo posto in Italia c’è la coppia Bianco e Sfera Ebbasta con ‘Mi fai impazzire’.

(Preghiamo) Che d’estate Sangiovanni batta Madame (‘Marea’), poco importa alla Sugar di Caterina Caselli, che fa da chioccia a due giovani che ci terranno compagnia, è certo, per gli anni a venire. Magari sin dal prossimo Sanremo. E quando, in un trionfo di santi, a febbraio titoleremo “Sangiovanni ha vinto Sanremo”, la benedizione del Dio del pop scenderà su di noi e ci accompagnerà sempre (il capitolo è finito, andate in pace all’intervista che segue).

L’intervista

Enzo Gentile, in principio era il juke-box

“Le canzoni sono come le camere d’albergo: tutti le frequentano, tutti ci fanno più o meno le stesse cose, ma in maniera sempre un po’ diversa, e senza intaccare la loro natura”. Così le vede – le canzoni, anche quelle estive – Enzo Gentile, giornalista milanese che racconta di musica da una cinquantina d’anni. Una ventina di libri pubblicati (tra cui ‘The story of life. Gli ultimi giorni di Jimi Hendrix’, 2020), consulenze per il cinema, la tv e il teatro, direzioni artistiche (‘Suoni e Visioni’, ‘Naturalmente pianoforte’) e un volume che sa di mangiadischi e juke-box. Aperto da una prefazione di Claudio Bisio, che si confronta con la sua unica esperienza musicale estiva, ‘Rapput’, il libro ‘Onda su onda – Storie e canzoni nell’estate degli italiani’ (Zolfo, 2021) è uno spaccato d’epoca non solo italiano, con dentro un centinaio di artisti a dire la propria sul tormentone. «Il libro – dice Gentile – nasce dall’osservazione che nonostante le vendite dei dischi si siano praticamente estinte, ogni anno si apre puntualmente questa specie di competizione, anche in piena pandemia. Mi sono detto che sarebbe stato il caso di fare una ricerca più approfondita, mettendo le canzoni in relazione con la storia del nostro paese, visto il loro incrociarsi spesso a dati oggettivi di cronaca e costume. E visto che possiedo l’età necessaria per avere memoria degli anni Sessanta, da cui tutto parte».

Enzo Gentile: il libro ha alcune parole chiave. Una è senz’altro juke-box.

Davanti al juke-box ho trascorso le estati, mentre i miei genitori ballavano al suono di quelle canzoni. Nel mio scrivere di tutto questo, c’entra anche una componente di gradevolezza assoluta della quale non mi vergogno, per quella parte di musica leggera realizzata assai bene, con arrangiamenti meravigliosi e testi che, per quanto spesso smaccatamente ‘cartolina’, avevano e hanno ancora il loro perché. E il juke-box era 50 lire un brano, 100 lire tre; anche se erano pochi spiccioli, si trattava di scegliere e d’investire per noi ragazzini che dovevamo gestirci i soldi di un’intera settimana. Oggi ascoltiamo musica in cuffia, ognun per sé, ma un tempo il volume del juke-box s’allargava a tutta la gente del bar, volente o nolente. Quelle canzoni avevano una platea molto più numerosa rispetto a chi sceglieva il singolo brano. Il juke-box era una potentissima cassa di risonanza.

Altra parola fondamentale: ‘Cantagiro’, sorta di antesignano del firmacopie.

Sì, ma col vantaggio di avere tappe in giro per l’Italia su splendide auto decapottabili. Non l’ho vissuto, il Cantagiro, ne ho solo letto, ma era pervaso da una joie de vivre di strade che si popolavano di auto con sopra i cantanti, diretti nella cittadina in cui era previsto il concerto. Idea geniale, anche se molto complicata da gestire se pensata con le logiche di oggi. Ma all’epoca erano tutti molto più sportivi e disinvolti.

Cito dal libro: “La gente affacciata ai balconi come fosse la processione del Santo patrono”...

Certo, perché all’epoca, senza telefonini, soltanto così il cantante potevi avvicinarlo, addirittura toccarlo. In tv c’era un solo canale televisivo e molti di quegli artisti erano noti per la canzone, ma per vedere come fossero fatti, se fossero altri o bassi, se avessero le rughe o la pelle liscia, gli occhi verdi o azzurri, c’era un solo modo: andare a vederli di persona, perché nel caso degli occhi, la tv era ancora in bianco e nero.

L’altra parola è ‘Festivalbar’, “perfetto incontro tra industria e spettacolo”...

Sì, con il juke box elevato a strumento di premiazione. Non posso garantire che i calcoli fossero precisi, ma si partiva dal presupposto che le canzoni più ‘gettonate’, neologismo del patron Vittorio Salvetti, si sarebbero sfidate sino alla finale, e avrebbe vinto quella con più scelte nei juke-box. Una bella invenzione, in un periodo in cui la crescita degli apparecchi fu esponenziale. Quelle cifre testimoniavano non necessariamente l’acquisto del disco, ma la preferenza, almeno fino agli anni 90, quando gli 883 e Ligabue erano ancora ‘gettonabili’.

Festivalbar meccanismo perfetto: “Niente novizi da lanciare, semmai talenti più o meno noti da spingere”...

Sì, perché quello che si scopre in questa vicenda è che sono esistite sia le meteore, artisti da un solo pezzo che magari nemmeno hanno scritto ma che hanno legato la propria storia a una canzone, ma anche fior di professionisti dalla grande continuità. C’è un team di artigianato, a partire dagli anni Sessanta e Settanta, fatto di autori, direttori d’orchestra, produttori, arrangiatori. In quegli anni, Rita Pavone, Gianni Morandi, Edoardo Vianello hanno alle spalle la Rca, una fucina di talenti a diversi livelli e con diverse professionalità, come Ennio Morricone.

Lei cita ‘Duemila60 Italian Graffiati’ di Ivan Cattaneo, 1981, quale album decisivo in ottica di riscoperta del patrimonio estivo.

C’è una convergenza ‘astrale’: Ivan Cattaneo è il primo a recuperare quel repertorio di canzoni un po’ dimenticato, ‘Una zebra a pois’, il ‘Geghegè’, rivisitato con nuovi linguaggi e anche con l’immagine, nel momento dei primi videoclip di una tv che andava ad ascoltare i brani e li rappresentava. Poi, esce un film come ‘Sapore di mare’, che va a pescare in quel repertorio, e poi ‘Bandiera Gialla’, il locale ma anche programma tv. In questo triangolo delle Bermude, molta gente finisce per caderci piacevolmente. La stessa cosa era accaduta nel 1980, fatte le dovute proporzioni, con il film ‘The Blues Brothers’, nel quale si recuperavano le grandi hit del rhythm’n’blues di quindici anni prima messe un po’ da parte.

Sulla qualità dei tormentoni di oggi, lei scrive: “Hit molecolari, canzonette nane, di gittata sentimentale o poco più”…

Ogni anno ci sono duetti o trii che puntano molto semplicemente a sommare le fanbase degli artisti: c’è quello che va bene in tv, quello che ha tanti follower. Il brano può anche essere buono, ma Fedez, Achille Lauro e Orietta Berti sono Frankenstein. Lo scorso anno anche Chiara Ferragni fece un disco, dunque va bene tutto. La canzone era destinata allo spot di un prodotto per capelli. È un’altra esigenza, ugualmente dignitosa, ma la componente artistica è un’altra.

Sarà che oggi a reggere la musica non ci sono visionari, ma ex-musicisti?

Sì, un tempo si osava. Ora, a guardare bene, la playlist di una radio è quasi del tutto identica a quella di un’altra, e le grandi emittenti dettano legge sulle minori, costrette a rispecchiarvisi. Purtroppo è così, è una legge dei consumi. Non so se durerà.

Per finire: il suo tormentone preferito?

Per la qualità, ‘Estate’ di Bruno Martino, canzone che in questi sessant’anni è diventata standard internazionale. Su di un piano più frivolo, Umberto Tozzi e Alan Sorrenti: anche se non sono le mie preferite, le riascolti ogni volta e dici, ancora oggi, “Bravi tutti”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved