il-sogno-di-monte-verita-per-il-regista-stefan-jager
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

Locarno Green Project, un Film Festival ancora più verde

Da quest’anno nel Palmarès il Pardo Verde WWF per il film che meglio riflette la tematica ambientale, e un fondo tematico, il Green Film Fund
Arte
4 ore

Idee e visioni in ‘Sacro e profano’ di Mario Botta

L’architetto ticinese è stato invitato a presentare una sintesi della sua ricerca progettuale al MAXXI di Roma, visitabile fino al 4 settembre prossimo
Culture
8 ore

‘Quando suoni in un’orchestra, senti la musica che ti abbraccia’

Incontro con Sara Capone e Jonas Morkunas, due dei quattro giovani che saranno accompagnati dall’Osi nel Concerto dei Solisti del Conservatorio
JazzAscona
18 ore

Adonis Rose: ‘Che Ascona diventi un crogiolo, come New Orleans’

Musicista dalla carriera straordinaria, Adonis Rose è il coordinatore musicale delle due città. Tre anni dopo, torna con un’orchestra da Grammy
Scienze
18 ore

Sull’Etna come sulla Luna: Interact si prepara all’esplorazione

Le pendici del vulcano come luogo di allenamento e simulazione del rover in vista della missione sul satellite per prelevare campioni da analizzare
Culture
20 ore

Da Hassler a Chesnokov alla Cattedrale di Lugano

Sabato 2 luglio alle 20.30 il Coro St. John’s Voice, diretto da Graham Walker
Culture
20 ore

‘Brahms, il progressista’ al Montebello Festival

Una conferenza in onore del 125° anniversario dalla morte di Johannes Brahms, alla Biblioteca cantonale di Bellinzona martedì 5 luglio alle 18.30
Scienze
22 ore

La depressione postnatale può colpire i genitori simultaneamente

Una revisione dei dati globali rileva che circa una madre e un padre su 30 soffre del “baby blues”, che colpisce spesso entro l’anno di vita del bambino
Arte
22 ore

Lo Spazio Officina per i ‘Libri d’artista svizzeri’

La presentazione del volume curato da Susanne Bieri farà tappa unica a Chiasso, giovedì 7 luglio, dalle 18
Spettacoli
23 ore

Violoncello solo: concerto di Mattia Zappa

L’appuntamento è per domenica 3 luglio nella chiesa di Santo Stefano a Miglieglia. Il musicista locarnese proporrà fra le altre pagine di Bach
Spettacoli
1 gior

Al JazzAscona un omaggio alle tastiere di Joe Zawinul

Martedì 28 e mercoledì 29 giugno, il festival musicale propone oltre 30 appuntamenti, fra cui un concerto gospel e laboratori di burlesque
Video
Musica
1 gior

Julian Fiorentino Iorio, Lugano’s Got Talent

Dieci anni da compiere, innamorato di Charlie Parker, suona il sax come uno navigato. Sabato scorso la Smum lo ha applaudito
Culture
1 gior

Il coraggio di Lilly, che ad Ascona accolse migliaia di bambini

Intervista a Mattia Bertoldi, autore del romanzo storico sulla donna zurighese che diede rifugio a quattromila giovani in situazioni difficili
Musica
1 gior

A JazzAscona la serata dei canadesi The Dead South

L’energico bluegrass rock della popolare band, i ticinesi Freddie & The Cannonballs, un workshop per trombettisti. Tutto il programma di lunedì 27.
Spettacoli
1 gior

A San Bernardino il Floating Notes Festival 2022

La seconda edizione, il 22 e 23 luglio, firmata da Kety Fusco con diversi artisti svizzeri
Arte
1 gior

L’Fbi sequestra 25 Basquiat da un museo in Florida

Le autorità sospettano che i quadri non siano autentici. Una volta conclusa la rassegna, avrebbero dovuto partire per l’Italia
27.08.2021 - 15:08
Aggiornamento: 15:38

Il sogno di ‘Monte Verità’ per il regista Stefan Jäger

L’attualità dell’utopia spiegate dal cineasta che attraverso il personaggio di fantasia di Hanna Leitner ha cercato di raccontare il Monte Verità

Dopo Piazza Grande, le sale cinematografiche: passata la prova della prima al Locarno film festival, ‘Monte Verità’ di Stefan Jäger affronta adesso la programmazione regolare. Un’occasione per parlare con il regista di questa produzione che – come scritto in occasione della proiezione in piazza – ha deluso sia dal punto di vista cinematografico sia per i contenuti: un film piatto, salvato solo in parte dalla bella fotografia e dal lavoro di ricostruzione storica (partendo anche alcune foto d’epoca) e che banalizza le complesse vicende del Monte Verità.

Il film, lo ricordiamo, segue le vicende di Hanna Leitner (Maresi Riegner), personaggio di fantasia di una giovane donna della borghesia viennese che, oppressa dal marito e dalla chiusa società dell’epoca, abbandona la famiglia per recarsi al Monte Verità dove potrà finalmente essere libera e dedicarsi alla fotografia. Qui incontra vari personaggi realmente esistiti: l’ambiguo e manipolatore terapeuta Otto Gross (Max Hubacher), la ribelle Lotte Hattemer (Hannah Herzsprung) che alla fine si toglierà la vita, più altri personaggi tra cui non poteva mancare Hermann Hesse (Joel Basman).

Stefan Jäger, quali motivi l’hanno portata a realizzare un film sul Monte Verità?

Mi ha stupito che nessun altro l’abbia fatto prima. Per me il Monte Verità è un mito, un luogo leggendario e credo valga la pena raccontarne la storia dal punto di vista contemporaneo, perché ci sono molti temi moderni come i diritti delle donne, il veganismo, convivere con la natura, l’idea di un’utopia aperta a tutti.

Un punto di vista contemporaneo che ha comunque tralasciato molti aspetti, pensiamo alla politica, della complessa esperienza del Monte Verità.

Si deve fare una scelta: raccontato tutto il periodo del Monte Verità, dal 1900 al 1920, sarebbe stato troppo per un film. Nell’anno che abbiamo scelto, il 1906, ci c’è stato Otto Gross, c’è stata Lotte Hattemer che si è tolta la vita, cosa che ci ha toccato particolarmente perché è una storia di libertà, libertà radicale ovviamente.

Spero che ci saranno altri film su altri temi, su altri periodi del Monte Verità.

Il film lascia intendere l’ambiguità di Otto Gross, ma non la approfondisce.

Non era la nostra idea: si sarebbe potuto fare un film, o una serie, sulla vita di Otto Gross, ma non ci sarebbe più stato spazio per le donne del Monte Verità, per Ida Hofmann, per Lotte Hattemer, per Isadora Duncan, tutte figure per noi molto importanti nella scrittura della sceneggiatura.

Torno sul tema del punto di vista contemporaneo: quanto è attuale la battaglia di Hanna Leitner? La realtà odierna è lontana, dalla Vienna di inizio Novecento.

Eppure Maresi, l’attrice protagonista, ha raccontato che se lei va sul set e lavora tanto le dicono “hai un figlia di tre anni come mai non stai a casa?”. Siamo qui, 120 anni dopo, a dover scegliere tra l’arte e la famiglia. Quindi sì, ci sono state dei cambiamenti, ma non sufficienti.

Per questo, a Locarno, le reazioni del pubblico femminile sono state affascinanti: molte ci hanno detto che abbiamo toccato un tema molto profondo, di cui si deve parlare.

Anche la regia, molto classica, è stata una scelta per lasciare spazio alla storia?

Ci sono tanti piani sequenza senza tagli, una di sei minuti. Il lavoro fatto con le fotografie non è “classico”; abbiamo bianco e nero, voce fuori campo, raccontiamo prima l’arrivo al Monte Verità poi torniamo indietro con dei flashback. Abbiamo lavorato anche molto sul suono, per dare alla natura qualcosa di particolare, per farla quasi toccare e annusare.

Il fatto è che oggi tutto il cinema è classico, a parte di film ‘art house’ come quelli di Yorgos Lanthimos. L’importante è che il pubblico capisca che ci abbiamo messo tanta passione, perché questa passione è più importante di una regia elaborata che faccia dire “ah lui è un intellettuale, è un genio”. Io non sono un genio, sono un narratore di storie che mi toccano.

In Ticino il film arriva con un’aria “di casa”. Nel resto della Svizzera, e all’estero, come si aspetta venga accolto?

Il Monte Verità è chiaramente conosciuto anche fuori dal TIcino, ma spero che questo film permetta non solo di scoprire la storia di questo luogo, ma anche una storia universale e attuale. Questo ha già sorpreso tante persone: a Locarno ho incontrato una cittadina statunitense che era entusiasta e si è detta convinta che un film così potrebbe funzionare anche in America. Mi piace molto l’idea che ‘Monte Verità’ faccia un giro intorno al mondo. È tutto da vedere, ovviamente, ma speriamo.

Hanna Leitner è un personaggio di fantasia. Ma c’è qualcosa di vero, nella sua storia?

Abbiamo fatto alcune ricerche sulle fotografe attive negli anni Dieci del Novecento, di cui abbiamo tenuto conto per lo stile delle sue foto. Abbiamo anche fatto delle ricerche sulla vita delle donne nella Vienna del periodo, sulla gabbia dorata che le teneva prigioniere. Ma non c’è stata una figura specifica, è più un miscuglio di varie donne. Ancora adesso di tante fotografie storiche del Monte Verità non sappiamo chi le abbia scattate: ci siamo buttati e abbiamo immaginato una donna autrice di quelle foto. Chissà.

Il personaggio di Hanna fa inoltre da guida per lo spettatore perché non sa niente del Monte Verità. Arriva, prima è scioccata, poi inizia a comprendere le idee, a percepire la forza che il Monte Verità ha su di lei. È come se dicessimo agli spettatori: non siete i soli a non aver conosciuto il Monte Verità, anche la protagonista non lo conosce. E come nella realtà anche l’attrice: non sapeva niente e adesso è molto colpita.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cinema monte verità stefan jäger
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved