Zurigo
4
Lucerna
0
fine
(3-0)
Young Boys
Servette
20:30
 
SC Kriens
1
Vaduz
3
fine
(1-1)
Thun
2
Wil
4
2. tempo
(1-3)
Roma
0
Inter
3
fine
(0-3)
Napoli
Atalanta
20:45
 
Ajoie
Losanna
19:45
 
Langnau
Zugo
19:45
 
Lakers
Friborgo
19:45
 
Berna
Lugano
19:45
 
Ambrì
1
Zurigo
0
1. tempo
(1-0)
Bienne
0
Ginevra
1
1. tempo
(0-1)
FLO Panthers
1
STL Blues
1
1. tempo
(1-1)
zezel-e-l-estetica-dei-tempi-dispari
Emilio Castorina
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
9 ore

Il Duo Kirsch sul ponte del tempo

Martedì 7 dicembre al Teatro Foce, Stefano Moccetti (chitarra) e Anton Jablokov (violino), progetto nato tra il Csi e il lockdown
Spettacoli
14 ore

Pignotta-Incontrada, impegnatissimi in ‘Scusa sono in riunione’

I quarantenni di oggi tra reality, social e un ‘Ti posso richiamare?’. A Chiasso, Cinema Teatro, giovedì 9 dicembre. A colloquio con Gabriele Pignotta
Arte
1 gior

Un’annunciazione al m.a.x. museo per l’Avvento

Un piccolo ma prezioso dipinto di ‘Dionisio il fiammingo’ è uscito dai caveau dello Swiss Logistics Center per le feste
Spettacoli
1 gior

80VogliaDiMina nella sua Cremona (aspettando Lugano?)

Nek, Audio 2 e Frankie hi-nrg mc e 8 voci femminili per una festa di compleanno rinviata dal lockdown. Al Teatro Ponchielli di Cremona (per ora...)
Culture
1 gior

TaM, anche in Ticino ci si incontra al museo

Cinque appuntamenti a dicembre per l’iniziativa che vuole favorire la conoscenza delle opere esposte e di nuove persone
Spettacoli
1 gior

L’Incontro del teatro svizzero fa tappa al Lac

Dall’8 al 15 dicembre la ‘wandermobil’ con gli spettacoli selezionati dall’appuntamento teatrale sarà a Lugano
Spettacoli
1 gior

Finalmente Max Frisch, finalmente ‘Olocene’

Al Teatro Sociale uno spettacolo atteso tre anni, per la regia di Flavio Stroppini, con Margherita Saltamacchia e Rocco Schira. Dal 7 al 12 dicembre.
Spettacoli
1 gior

Alle radici della musica con ‘Gospel & Spirituals 2021’

I sei concerti di Free Green Music dall’8 al 30 dicembre tra Losone, Bellinzona, Locarno, Airolo e San Bernardino. Il programma.
Galleria foto
Arte
1 gior

Alla Stazione Centrale di Milano, immersi nel mondo di Banksy

Una performance artistica immersiva riproduce le opere dell’ignoto artista britannico che sono state rubate, distrutte o vendute
Spettacoli
1 gior

Saliamo in Paradiso con ‘Il cosmonauta Dante’

Conferenza-spettacolo di Anna Pegoretti e Laura Anzani, scritta in collaborazione con Leonardo Ricci. Il 13 dicembre alla Scuola cantonale di commercio
Spettacoli
2 gior

È morto Alvin Lucier, genio dell’avanguardia musicale

Il compositore statunitense che aveva messo i Beatles in una teiera è morto all’età di novant’anni. La svolta sperimentale avvenuta in Europa
Scienze
2 gior

Scoperto vicino a Trieste il primo sito di dinosauri in Italia

Venuti alla luce almeno 7 nuovi esemplari di dinosauri vissuti 80 milioni di anni fa. Il più completo è stato ribattezzato Bruno
Spettacoli
2 gior

Sweet Soul Gospel Revue, viaggio nel gospel al Lac

Sul palco una formazione di all star guidata da Michael Webb, martedì 21 dicembre e mercoledì 22 dicembre alle 20.30
Musica
2 gior

Moltiplicato per venti, Marco Santilli Rossi goes Shakespeare

Aspettando un ricco 2022, ‘Love all, trust a few, do wrong to none’ è la nuova canzone, per una versione ‘new prog’ del musicista
Social Media
2 gior

Twitter rimuoverà foto e video online se contro la privacy

Chiunque potrà richiederlo, non solo quelli con ‘la spunta blu’. È il primo atto dell’era Parag Agrawal, Ceo subentrato a Jack Dorsey, fresco d’addio.
Spettacoli
2 gior

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
2 gior

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
3 gior

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
3 gior

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Musica
21.07.2021 - 17:110
Aggiornamento : 17:52

Zezel e l’estetica dei tempi dispari

Sul ‘Tubo’ con nuovi brani e relativi video. Qui con l’Emilio Castorina pensiero. Giovedì 22 luglio dal vivo a Roveredo (l'intervista)

Gli appassionati di podcast lo avranno ascoltato in ‘Generi di conforto’ (quello della ‘Regione’) durante i giorni del lockdown a suonare una chitarra acustica dal salotto di casa, in solitaria oppure con Sibi, la sua bimba, alla voce. Gli appassionati di musica, invece, conoscono Emilio Castorina come chitarrista e band leader di Zezel (entità, o degli Zezel, nella forma lessicale tipica della band). E di Zezel, in questi giorni di semilibertà, il Tubo ci offre nuove registrazioni – ‘Piton’, ‘Mahi (Versione 1)’, ‘Lydia’, composte da Castorina – sintomo che la formazione ticinese, con almeno due piedi nei Grigioni, è tornata operativa. Anzi, non si è mai fermata.

«Nel lockdown non ci si poteva vedere – racconta il band leader – ma la cosa che io amo è comporre. Abbiamo scoperto la piattaforma Splice, che permette di condividere progetti nel programma che uso, e ogni musicista può accedere al progetto, suonare, creare nuove versioni del pezzo. Danilo Boggini sta registrando la parte di fisarmonica per ‘Abubu’, un pezzo che ho scritto per mia figlia. E in aggiunta ai musicisti di Zezel se ne sono uniti anche altri, come il bassista Giuliano Ros». Fermo restando il nucleo indivisibile, Davide Paterlini (sax tenore e soprano, Ewi), Francesco Magni (tastiere), Giandomenico Borelli (basso elettrico), Patrizio Usel (batteria). «Mi piace estendere la musica ad altri musicisti, la musica non è una gara, è condivisione».

Poco prima del lockdown, Zezel ha detto addio al tastierista (ma anche suonatore di Teremin) Carlo Maragni, andatosene nel giorno del suo compleanno. «Ha scritto cose molto belle, alcune le abbiamo registrate nuovamente, forse le ripubblicheremo. Oltre che mancarmi come amico, in questa fase così particolare Carlo sarebbe stato ancora il compagno ideale, amante come me della composizione e della tecnologia». Oggi, a sostituirlo, c’è Francesco Magni e, in nome della condivisione di cui sopra, a suonare le tastiere per Zezel c’è anche, dalla Puglia, Corrado Visconte, «uno di quelli che, scoperto Splice, l’entusiasmo è andato a mille».

Strade

Chi ha ascoltato ‘Inversione di tendenza’ (2013) oppure ‘Poink’ (2015), con tutta probabilità ama i tempi dispari. Frutto della mente del matematico Castorina? «Può darsi, ma anche degli ascolti di gruppi come King Crimson, Jethro Tull, il rock progressivo anni Settanta, gli Area in Italia. Quegli ascolti mi hanno aperto strade diverse dal solito 4/4, e ho cercato di mantenere sempre una certa spontaneità. Dai tempi dispari possono anche uscire cose senza alcun senso, e la mia intenzione è quella di riuscire a dare coerenza a tutto quello che scrivo. Non ho la necessità di mostrare di saper suonare i tempi dispari, anche perché non sono un supertecnico». E la musica, che non è solo matematica, può essere tempi dispari e cuore, coppia di fattori che rimanda al Sud che è in Castorina e alla musica napoletana, concetto più ampio di quanto si pensi: «Pino Daniele, Napoli Centrale, la musica napoletana puoi metterla in forma di jazz e si adatta perfettamente, cosa che accade a molti suoni del sud dell’Italia». Su YouTube, a proposito di Napoli, c’è una prima versione di ‘Mahi’: «Il titolo è come un bimbo chiamava mia madre, Maria Luisa. Il video è curato dal batterista, che ha inserito qualche immagine di quella città e di quell’epoca, essendo mia madre campana». Una seconda versione è attesa a breve.

Rodariano

Come compone Emilio Castorina? Esce sul balcone, vede la natura ed è preso da illuminazione divina o si abbatte e produce cose fantastiche? «Ogni tanto ho qualche idea, la salvo sull’iPhone e la metto da parte. Il più delle volte alla chitarra, provo dei suoni, faccio esercizi. Spesso, sbagliando, escono ‘cellule’ da sviluppare». Una cosa alla Gianni Rodari, che sull’errore ci scrisse un libro, l’errore fonte di novità. O l’errore sul quale il jazzista prende, dal punto di vista improvvisativo, strade diverse. «Ma la prima cosa in assoluto è la melodia, che mi auguro possa sempre rimanere quando un brano è finito, altrimenti è esercizio fine a sé stesso. Non sono Beethoven, non sono in grado di creare strutture enormi; penso a incastrare bene la melodia, e creo spazi all’interno dei quali la mente può viaggiare».

I tempi dispari non fanno di Castorina uno snob. «Vogliamo parlare de ‘La fisarmonica’ di Gianni Morandi? Una melodia semplice, straordinaria». E in confidenza: «‘Lydia’ è stata scritta per la madre di Davide, scomparsa nel periodo del Covid insieme al papà. La sua canzone preferita era ‘Montagne verdi’: ho preso le prime tre note per farne l’inizio, e l’intervallo di note poco più avanti, da elaborare». E nei tempi – a loro modo dispari – del momento storico dell’io a tutti i costi, Castorina è sì band leader, ma sempre dentro Zezel: «Suonerò sempre con i miei amici. E spero di recuperare due musicisti che in questo momento fanno fatica a pianificare il proprio tempo libero. Non è facile, hanno un lavoro, ma ho bisogno di loro in questo senso, perché è anche al gruppo che si devono le cose belle, e vorrei avere anche una certa interazione con gli altri per migliorare. Perché dopo aver perso Carlo non ho più lo scambio che serve».

Ci sarebbe anche la musica liquida («Mondo dinamico, bello, ma così dispersivo…»), il supporto fisico che va sparendo («Ma io non mi arrendo»), e le canzoni senza più assoli dentro («Alla Vasco Rossi di ‘Ridere di te’, per intenderci»), ma anche lo spazio in pagina ha i suoi tempi radiofonici. Giusto il tempo di segnalare l’occasione più prossima per ascoltare Zezel dal vivo: domani, giovedì 22 luglio alle 19 al Ristorante Santana di Roveredo (Gr), ospite Anna Guastalli. E Castorina a dare lo start (pari, di solito).

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved