zezel-e-l-estetica-dei-tempi-dispari
Emilio Castorina
ULTIME NOTIZIE Culture
Sulla Croisette
7 ore

Quello che il cinema può raccontare

‘Rebel’ dei belgi Adil El Arbi e Bilall Fallah sconvolge. Chiudono ‘Showing up’ di Kelly Reichardt  e ‘Un petit frère’ di Leonor Serraille, convincendo.
Spettacoli
7 ore

‘Sbalorditivo’ il concerto virtuale degli Abbatar

Promossa dai media britannici la reunion londinese Abba Voyage della band svedese
Danza contemporanea
10 ore

Il weekend del Lugano Dance Project

Nella Lugano città della danza, è tempo per ‘A space for all our tomorrows’ di Annie Hanauer, una delle tre prime assolute, di Lorena Dozio e molti altri
Culture
12 ore

Addio ad Antonio Pelli, voce della ‘Domenica popolare’

Si è spento all’età di 73 anni, 33 dei quali trascorsi tra l’informazione e l’intrattenimento, rigorosamente radiofonico
Culture
18 ore

Ultimi giorni di ‘Villi Hermann: in viaggio con la fotografia’

Gli inediti scatti del cineasta ticinese sono esposti fino al 29 maggio alla Casa Rotonda di Casserio, sede dell’Archivio Donetta in Valle di Blenio
Culture
18 ore

Compagnia Finzi Pasca, il laboratorio poi l’incontro

Con Maria Bonzanigo, dal 6 al 10 luglio un laboratorio pratico sul gesto invisibile tra coreografia, teatro e musica; il 16 luglio l’incontro-conferenza
Culture
18 ore

Bob Dylan ha registrato una nuova ‘Blowing in The Wind’

Sarà incisa su di un unico esemplare in alluminio ricoperto di lacca, all’asta da Christie’s a Londra il 7 luglio. La stima: 600mila dollari/1 milione
Spettacoli
20 ore

È morto il batterista degli Yes Alan White

Lo annunciano su Twitter la famiglia e la band. White ha fatto parte del gruppo progressive rock britannico per quasi quarant’anni
La recensione
23 ore

La ‘Danger zone’ di Top Gun

Al netto di piccole, inevitabili sbavature, ‘Top Gun: Maverick’ è un sequel divertente e spettacolare. Anche la nostalgia per gli anni Ottanta è benvenuta
Musica
1 gior

Depeche Mode in lutto: è morto il tastierista Andy Fletcher

Fondatore insieme a Martin Gore e David Gahan della band synth pop britannica, aveva sessant’anni. L’annuncio sui canali ufficiali della band britannica
Spettacoli
1 gior

Gran Bretagna, Kevin Spacey incriminato per aggressione sessuale

La procura ha deciso per l’incriminazione del Premio Oscar in base ai risultati condotte da Scotland Yard su episodi datati di almeno un decennio.
Sulla croisette
1 gior

Cannes, Elvis e gli altri

Quello di Luhrmann su Elvis Presley è un biopic non sempre convincente; straordinario è ‘Tori e Lokita’ dei fratelli Dardenne; delude Claire Denis
Arte
1 gior

Mario Comensoli, c’erano una volta gli uomini in blu

Per i cent’anni dell’artista, lo Spazio Officina ospita, dal 29 maggio al 24 luglio 2022, le opere dedicate agli immigrati italiani
Naufraghi.ch
1 gior

Il massimo di diversità nel minimo spazio

‘Un Occidente prigioniero’, due saggi di Milan Kundera appena riuniti in volume da Adelphi
Spettacoli
1 gior

È morto l’attore Ray Liotta

Recitò in ‘Quei bravi ragazzi’ di Scorsese e molti altri film. Prossimo alle nozze, sarebbe deceduto nel sonno nella Repubblica Dominicana
Danza contemporanea
1 gior

Lugano Dance Project si prepara al venerdì di ‘Fables’

Si inizia alle 11 con Cristina Kristal Rizzo; alle 21 la nuova creazione della coreografa canadese Virginie Brunelle
Festival della Musica
1 gior

La lirica torna ad Arbedo con il ‘Quartet’

Domenica 5 giugno alle 17.30 presso la sala Multiuso del Centro Civico, un concerto ispirato al film di Dustin Hoffman
Musica
1 gior

Joya Marleen regina degli Swiss Music Awards

Tre candidature e tre riconoscimenti per la 19enne cantautrice di San Gallo. En plein (due su due) anche per Kunz. Tribute Award postumo a Endo Anaconda
Culture
1 gior

‘Cantiere della gioventù 1971-2021’ un ricordo a Casa Rusca

A 51 anni dal suo esperimento, tra spunti musicali e parlati, domenica 29 maggio dalle 14 alle 18 a Locarno un incontro/dibattito
Musica
21.07.2021 - 17:11
Aggiornamento : 17:52

Zezel e l’estetica dei tempi dispari

Sul ‘Tubo’ con nuovi brani e relativi video. Qui con l’Emilio Castorina pensiero. Giovedì 22 luglio dal vivo a Roveredo (l'intervista)

Gli appassionati di podcast lo avranno ascoltato in ‘Generi di conforto’ (quello della ‘Regione’) durante i giorni del lockdown a suonare una chitarra acustica dal salotto di casa, in solitaria oppure con Sibi, la sua bimba, alla voce. Gli appassionati di musica, invece, conoscono Emilio Castorina come chitarrista e band leader di Zezel (entità, o degli Zezel, nella forma lessicale tipica della band). E di Zezel, in questi giorni di semilibertà, il Tubo ci offre nuove registrazioni – ‘Piton’, ‘Mahi (Versione 1)’, ‘Lydia’, composte da Castorina – sintomo che la formazione ticinese, con almeno due piedi nei Grigioni, è tornata operativa. Anzi, non si è mai fermata.

«Nel lockdown non ci si poteva vedere – racconta il band leader – ma la cosa che io amo è comporre. Abbiamo scoperto la piattaforma Splice, che permette di condividere progetti nel programma che uso, e ogni musicista può accedere al progetto, suonare, creare nuove versioni del pezzo. Danilo Boggini sta registrando la parte di fisarmonica per ‘Abubu’, un pezzo che ho scritto per mia figlia. E in aggiunta ai musicisti di Zezel se ne sono uniti anche altri, come il bassista Giuliano Ros». Fermo restando il nucleo indivisibile, Davide Paterlini (sax tenore e soprano, Ewi), Francesco Magni (tastiere), Giandomenico Borelli (basso elettrico), Patrizio Usel (batteria). «Mi piace estendere la musica ad altri musicisti, la musica non è una gara, è condivisione».

Poco prima del lockdown, Zezel ha detto addio al tastierista (ma anche suonatore di Teremin) Carlo Maragni, andatosene nel giorno del suo compleanno. «Ha scritto cose molto belle, alcune le abbiamo registrate nuovamente, forse le ripubblicheremo. Oltre che mancarmi come amico, in questa fase così particolare Carlo sarebbe stato ancora il compagno ideale, amante come me della composizione e della tecnologia». Oggi, a sostituirlo, c’è Francesco Magni e, in nome della condivisione di cui sopra, a suonare le tastiere per Zezel c’è anche, dalla Puglia, Corrado Visconte, «uno di quelli che, scoperto Splice, l’entusiasmo è andato a mille».

Strade

Chi ha ascoltato ‘Inversione di tendenza’ (2013) oppure ‘Poink’ (2015), con tutta probabilità ama i tempi dispari. Frutto della mente del matematico Castorina? «Può darsi, ma anche degli ascolti di gruppi come King Crimson, Jethro Tull, il rock progressivo anni Settanta, gli Area in Italia. Quegli ascolti mi hanno aperto strade diverse dal solito 4/4, e ho cercato di mantenere sempre una certa spontaneità. Dai tempi dispari possono anche uscire cose senza alcun senso, e la mia intenzione è quella di riuscire a dare coerenza a tutto quello che scrivo. Non ho la necessità di mostrare di saper suonare i tempi dispari, anche perché non sono un supertecnico». E la musica, che non è solo matematica, può essere tempi dispari e cuore, coppia di fattori che rimanda al Sud che è in Castorina e alla musica napoletana, concetto più ampio di quanto si pensi: «Pino Daniele, Napoli Centrale, la musica napoletana puoi metterla in forma di jazz e si adatta perfettamente, cosa che accade a molti suoni del sud dell’Italia». Su YouTube, a proposito di Napoli, c’è una prima versione di ‘Mahi’: «Il titolo è come un bimbo chiamava mia madre, Maria Luisa. Il video è curato dal batterista, che ha inserito qualche immagine di quella città e di quell’epoca, essendo mia madre campana». Una seconda versione è attesa a breve.

Rodariano

Come compone Emilio Castorina? Esce sul balcone, vede la natura ed è preso da illuminazione divina o si abbatte e produce cose fantastiche? «Ogni tanto ho qualche idea, la salvo sull’iPhone e la metto da parte. Il più delle volte alla chitarra, provo dei suoni, faccio esercizi. Spesso, sbagliando, escono ‘cellule’ da sviluppare». Una cosa alla Gianni Rodari, che sull’errore ci scrisse un libro, l’errore fonte di novità. O l’errore sul quale il jazzista prende, dal punto di vista improvvisativo, strade diverse. «Ma la prima cosa in assoluto è la melodia, che mi auguro possa sempre rimanere quando un brano è finito, altrimenti è esercizio fine a sé stesso. Non sono Beethoven, non sono in grado di creare strutture enormi; penso a incastrare bene la melodia, e creo spazi all’interno dei quali la mente può viaggiare».

I tempi dispari non fanno di Castorina uno snob. «Vogliamo parlare de ‘La fisarmonica’ di Gianni Morandi? Una melodia semplice, straordinaria». E in confidenza: «‘Lydia’ è stata scritta per la madre di Davide, scomparsa nel periodo del Covid insieme al papà. La sua canzone preferita era ‘Montagne verdi’: ho preso le prime tre note per farne l’inizio, e l’intervallo di note poco più avanti, da elaborare». E nei tempi – a loro modo dispari – del momento storico dell’io a tutti i costi, Castorina è sì band leader, ma sempre dentro Zezel: «Suonerò sempre con i miei amici. E spero di recuperare due musicisti che in questo momento fanno fatica a pianificare il proprio tempo libero. Non è facile, hanno un lavoro, ma ho bisogno di loro in questo senso, perché è anche al gruppo che si devono le cose belle, e vorrei avere anche una certa interazione con gli altri per migliorare. Perché dopo aver perso Carlo non ho più lo scambio che serve».

Ci sarebbe anche la musica liquida («Mondo dinamico, bello, ma così dispersivo…»), il supporto fisico che va sparendo («Ma io non mi arrendo»), e le canzoni senza più assoli dentro («Alla Vasco Rossi di ‘Ridere di te’, per intenderci»), ma anche lo spazio in pagina ha i suoi tempi radiofonici. Giusto il tempo di segnalare l’occasione più prossima per ascoltare Zezel dal vivo: domani, giovedì 22 luglio alle 19 al Ristorante Santana di Roveredo (Gr), ospite Anna Guastalli. E Castorina a dare lo start (pari, di solito).

 

Leggi anche:

Il programma delle dediche (feat. Elisabetta da Samarate)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
emilio castorina roveredo zezel
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved