ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
17 min

Louise Nevelson al Museo d’Arte Moderna di Ascona

Dal 2 ottobre all’8 gennaio 2023, ‘Assembling Thoughts’, un’ottantina di opere che ripercorrono la poetica dell’artista ucraina, naturalizzata americana
Video
Netflix
42 min

‘The Crown 5’ il 9 novembre, c’è il trailer

Con Imelda Staunton a interpretare la Regina Elisabetta arriva il quinto capitolo. Un’anticipazione di 40 secondi durante Tudum, evento Netflix per i fan
Cinema
57 min

Addio a ‘Mildred’ di ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’

È morta all’età di 88 anni Louise Fletcher, la Mildred Ratched del film culto di Milos Forman, ruolo che le valse un Oscar
Culture
1 ora

Poletti e le marionette, ‘dall’antico Egitto a Elvis Presley’

Michel Poletti e Lucia Bassetti protagonisti della conferenza in programma alla Biblioteca cantonale di Lugano il prossimo 29 settembre
Società
8 ore

Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni

L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
1 gior

‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’

Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
1 gior

Pietro Sarto all’infinito

‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
ISTANBUL
2 gior

Al capolinea la storia d’amore fra Mauro Icardi e Wanda Nara

Dopo la fine della love story fra il calciatore Francesco Totti e la showgirl Hilary Blasi l’annuncio di una nuova rottura
Culture
2 gior

È morta la scrittrice Hilary Mantel, fu due volte Booker

Nota come autrice della trilogia su Thomas Cromwell e come polemista, si è spenta all’età di 70 anni
Spettacoli
2 gior

Nino D’Angelo, ‘Il Poeta che non sa parlare’ a Lugano il 5 marzo

Fa tappa al Palacongressi la serie di concerti dell’artista napoletano, tra grandi successi e le canzoni dell’ultimo album, finalista al Premio Tenco
Culture
2 gior

Come sbiancare una sirenetta

Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Musica
2 gior

I tre concerti dell’Orchestra Arcadia

Sabato primo ottobre a Lugano, il giorno dopo a Riva San Vitale, sabato 8 ottobre ad Ascona
01.07.2021 - 13:30
Aggiornamento: 15:23

Locarno74, si ritorna in presenza

Presentate le pellicole di Piazza Grande, Concorso internazionale e delle altre sezioni. Il presidente Solari: siamo usciti rinforzati dall'esperienza della pandemia

di Ivo Silvestro
locarno74-si-ritorna-in-presenza
Archivio Ti-Press

I film del Concorso, della Piazza e delle altre sezioni, le giurie, i premiati: il Locarno film festival ha annunciato i contenuti dell’edizione 2021, quella che in tempi normali sarebbe da ricordare come la prima del direttore artistico Giona A. Nazzaro o come avvicinamento del traguardo, il prossimo anno, del settantacinquesimo. Ma non sono ancora tempi normali e questa è l’edizione della ripresa, del ritorno in Piazza, del ritorno dei film in una dimensione collettiva, per quanto con alcune limitazioni.

Il Locarno film festival torna nella sua completezza, ma rafforzato dall’esperienza dell’anomala edizione ibrida del 2020. Un rafforzamento – ha spiegato in conferenza stampa a Berna il presidente Marco Solari – avvenuto dal punto di vista organizzativo, artistico (e qui Solari ha speso parole di apprezzamento per l’ex direttrice artistica Lili Hinstin) e anche finanziario.

Prima di vedere i film, qualche precisazione sulle restrizioni: per accedere a Rotonda – che quest’anno ospiterà anche gli incontri con gli ospiti che avevano luogo allo Spazio cinema –, Piazza Grande e Fevi sarà necessario il Certificato Covid, quindi essere vaccinati, guariti dal Covid o aver fatto un test negativo nelle ultime 48 ore; l’accesso alle altre sale e strutture sarà invece libero, con mascherine e capienza limitata in base alle disposizioni di sicurezza di ProCinema.

Tornare in sala insieme

Senza far torto alle altre sezioni come i Pardi di domani con i suoi cortometraggi o i Cineasti del presente, il Locarno film festival ha due anime: la Piazza e il Concorso.

Com’è quindi la Piazza di Giona A. Nazzaro? Aperta: fatta la premessa che a parte alcuni classici in seconda proiezione legati ai premi degli altri film si sa poco, abbiamo una bella varietà di generi e Paesi di produzione, dalla action comedy statunitense (‘Free Guy’ di Shawn Levy con Ryan Reynolds) la film catastrofico sudcoreano (‘Sinkhole’ di  Kim Ji-hoon), passando per ‘Vortex’, ultimo lavoro dell’audace regista argentino Gaspar Noé, l’atteso biopic su Aretha Franklin firmato da Liesl Tommy, il premiato ‘The Alleys’ del regista giordano Bassel Ghandour, senza dimenticare i già annunciato ‘Becket’ di Ferdinando Cito Filomarino e il film d’animazione ‘Yaya e Lennie’ di Alessandro Rak. Spazio anche al cinema svizzero con ‘Monte Verità’ di Stefan Jäger.

Per quanto riguarda il Concorso, troviamo diverse proposte interessanti: Abel Ferrara porta il suo ‘Zeros and Ones’, il regista russo Alexander Zeldovich con la trasposizione della tragedia ‘Medea’ nella Mosca di oggi; l’austriaco Peter Brunner con ‘Luzifer’ tratto dalla storia di un esorcismo, ‘I Giganti’ di Bonifacio Angius, storia di amicizia ambientata in Sardegna; la surreale storia fantascientifica di ‘Espíritu Sagrado’ di Chema García Ibarra; le commedie nere ‘Nebesa’ del serbo Srdjan Dragojević e ‘Vengeance Is Mine, All Others Pay Cash’ dell’indonesiano Edwin. Per la Svizzera, troviamo il film di formazio ‘Soul of a Beast’ di Lorenz Merz.

Tutti i film sono riportati qui.

Le giurie

“Sguardi in grado di accogliere il nuovo”: così Giona A. Nazzaro ha presentato le giurie ufficiali. Per il Concorso internazionale, a presiedere è la cineasta statunitense Eliza Hittman

Cineasta, affiancata dal regista anche lui statunitense Kevin Jerome Everson, l’attrice italiana Isabella Ferrari, il regista ivoriano Philippe Lacôte e l’attrice portoghese Leonor Silveira.

Premio Cinema Ticino a Sonia Peng

Il 2021 è l’anno del Premio Cinema Ticino, il riconoscimento biennale a personalità ticinesi attive nel mondo del cinema e il riconoscimento andrà alla bellinzonese Sonia Peng. Designer e scenografa, Peng ha studiato all’Accademia delle belle arti di Brera, avvicinandosi al mondo del cinema nel 1992, lavorando a film quali ‘Ovosodo’ di Paolo Virzì, ‘Fortapàsc’ di Marco Risi (che sarà proiettato al festival), ‘Domani’ di Francesca Archibugi, ‘Viola bacia tutti’ di Giovanni Veronesi e la serie ‘Baby’ di Netflix.

Leggi anche:

Locarno74, i film di Piazza Grande e del Concorso

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved