ULTIME NOTIZIE Culture
Teatro Sociale
2 ore

‘The children’, il futuro del mondo è una questione di scelte

Elisabetta Pozzi al Sociale nel pluripremiato testo di Lucy Kirkwood per la regia di Andrea Chiodi. Al centro, l’ambiente, e il destino del pianeta
Società
5 ore

È uscita la docuserie di Harry e Meghan, silenzio da Londra

Nei primi tre episodi il duca di Sussex afferma di ‘aver sacrificato tutto’ per la moglie, riferendosi allo strappo con i Windsor
Spettacoli
11 ore

Annullato il concerto di Céline Dion al Paléo

L’appuntamento inizialmente previsto nel 2020, ma rinviato a causa del coronavirus, è ora stato annullato per motivi di salute
Spettacoli
13 ore

Gospel Voices Family a Losone per aprire ‘Gospel & Spirituals’

Oggi, giovedì 8 dicembre, alle 17 nella chiesa di San Lorenzo, il quintetto misto di cantanti afroamericani. La rassegna proseguirà fino al 30 dicembre
Scienze
1 gior

Nel cibo ultraprocessato l’insidia del declino cognitivo

In chi eccede, il peggioramento è mediamente del 28% più rapido. Lo indica uno studio coordinato dall’Università di San Paolo, in Brasile
Spettacoli
1 gior

Il ‘Boris Godunov’, una storia russa tra Puskin e Musorgskij

La stagione della Scala di Milano si apre con un’opera ancora attuale: la brama di potere, e la paura di perderlo, ritratte in prosa e, poi, in musica
Pensiero
1 gior

Perché il fascismo è nato in Italia

È il titolo di un notevole saggio appena pubblicato dagli storici Marcello Flores e Giovanni Gozzini. Spoiler: c’entra lo ‘sfarinamento’ dello Stato.
Società
2 gior

Perché (e come) parlare di emozioni a scuola con gli adolescenti

Nel libro ‘In media stat virtus’ idee e attività per l’educazione socio-emotiva negli anni formativi. Anna Bosia: ‘Strumento per docenti ma non solo’.
Culture
2 gior

Ottavio Besomi e i ‘Ricordi capriaschesi di ragazzo’

Un percorso di cinquanta tappe che narra il primo segmento di vita di un uomo nato ottant’anni fa. Il libro sarà presentato il 12 dicembre a Tesserete.
Mostre
2 gior

Le foto a colori di Bischof aprono le esposizioni 2023 del Masi

Dopo il fotografo svizzero, una retrospettiva dedicata ad Ackermann, l’arte concreta di Mertens, il russo-ticinese Jawlensky e la grafica da Zurigo
danza
2 gior

Una versione quasi distopica de ‘Il lago dei cigni’ al Lac

Il coreografo Angelin Preljocaj porta sulla scena luganese (9 e 10 dicembre) la sua compagnia di balletto che si esibirà nel capolavoro rivisitato
Scienze
2 gior

Più Covid e influenza in inverno? È (davvero) colpa del freddo

Scagionato lo stare di più al chiuso: uno studio statunitense dimostra che le basse temperature abbattono la prima linea di difesa immunitaria nel naso
teatro
2 gior

L’ambiente e il futuro del pianeta raccontato da ‘The Children’

Il testo di Lucy Kirkwood sarà di scena al Sociale l’8 e il 9 dicembre. Nel fine settimana gli spettacoli ‘Doppio taglio’ e ‘Bentornato Babbo Natale’.
Spettacoli
2 gior

Punkreas, Mata Hari e 52 sul palco del Foce

Nei prossimi giorni lo Studio luganese ha in cartellone due spettacoli, con la Compagnia Finzi Pasca e il Teatro Paravento, e il concerto punk
Società
2 gior

I media online sono più influenti della tivvù

Per quanto riguarda la rilevanza sulla formazione delle opinioni le testate cartacee scivolano in coda alla classifica, dietro a radio e social media
Culture
2 gior

Come ‘Ritornare in sé’ (dialogo tra economia e filosofia)

Christian Marazzi e Fabio Merlini discutono gli effetti delle odierne forme di produzione di ricchezza sulle nostre vite, a partire dal libro del secondo
Spettacoli
2 gior

È morta Kirstie Alley, star di ‘Cheers’ e ‘Senti chi parla’

Aveva 71 anni e di recente aveva scoperto di essere malata di cancro. Con la serie tv conquistò il suo primo Emmy nel 1991
L’intervista
2 gior

Ma tu lo sai almeno cosa è uno stupro?

A colloquio con la scrittrice Valentina Mira, ospite di un incontro a Bellinzona dove si è discusso di violenza di genere e del concetto di vittima
Spettacoli
3 gior

Dalla corsa di Dix alla vita di Foer, con la musica di Savoretti

Tre appuntamenti con altrettanti ospiti d’eccezione per Lugano arte e cultura dal 13 al 17 dicembre prossimi, sempre alle 20.30
Arte
3 gior

Tradizione e sperimentazione nelle opere di Mattia Barbieri

L’artista lombardo sarà l’ultimo ospite dei Visarte Talks di quest’anno. L’appuntamento è per il 6 dicembre, dalle 18.30, allo Studio Foce di Lugano
Spettacoli
3 gior

Parigi conta i giorni per la riapertura del Grand Rex

Dopo un restauro durato tre anni torna a splendere lo storico cinema indipendente dalla facciata Art déco fondato l’8 dicembre 1932
Società
3 gior

Clooney, vittima di sessismo: ‘Mi davano schiaffi sul sedere’

L’attore americano sessantenne ha confessato di essere stato ‘oggettificato’ durante le riprese di una sitcom
L'intervista
laR
 
25.06.2021 - 05:30
Aggiornamento: 12:58

Jack Savoretti, qualcosa è cambiato

Per sua figlia sarà sempre 'l'uomo che canta agli sconosciuti', come l'ha definito lei, ma intanto il papà sforna ‘Europiana’, disco bello e senza tempo

jack-savoretti-qualcosa-e-cambiato
Jack Savoretti (foto: Chris Floyd)

Dimenticate quel misantropo di Jack Nicholson, Oscar 1988. Il titolo è un mero escamotage giornalistico per segnalare una svolta musicale – quella di un artista che si è regalato un pianoforte e ha cambiato (integrato) il suo modo di scrivere – e una svolta umana, che è dell’artista ma anche di tutti, se ci viene posta la domanda: “Cos’è cambiato nella tua vita?”. Il lockdown, a Jack Savoretti, ha portato in dote un album che è pura evasione (in tutti i sensi, sensoriale e fisica), viaggio (idem come prima) e movimento (altrettanto). Un album attuale ma senza tempo, che suona come la colonna sonora della nostra estate, solo che non si riesce a ricordare l’anno preciso. È la sensazione che arriva da ‘Europiana’, album e neologismo usciti dagli Abbey Road Studios due anni dopo il best seller ‘Singing To Strangers’, ascoltato dal vivo nel maggio del 2019 al Palacongressi.

Anticipato da ‘Who’s Hurting Who’, in mezzo a undici brani che per scegliere un altro singolo basta il bimbo bendato della lotteria, ‘Europiana’ è la savorettiana definizione di un suono, la canzone europea che incontra il ritmo dall’altra parte dell’oceano, dove il ritmo è, per esempio, il Nile Rodgers del primo singolo, o la chitarra di John Oates di Hall & Oates in ‘When You’re Lonely’, dentro un disco prodotto da un britannico, Cam Blackwood, arrangiato da un altro britannico, Phil Granell, e con collaborazioni brasiliane, danesi, spagnole.

Cos'è cambiato da ‘Singing To Strangers’?

Beh, non credo che avrei mai fatto un album così se non fosse accaduto quel che è accaduto, perché arrivati a un certo punto, guardare fuori dalla finestra non era più sufficiente. E quindi mi sono creato questo mondo che è ‘Europiana’, un po’ per viaggiare, un po’ per ricordare, più che altro per trasmettere la speranza di poterci garantire un futuro che ci consenta di tornare a vivere i ricordi di una volta.

‘Europiana’ è un suono e un concetto...

Sì. Volevo cogliere quel momento in cui la musica europea è cambiata, con l’arrivo di quella americana, il suono risultante che ho chiamato ‘Europiana’ e che considero aspirazionale, diverso dal genere ‘Americana’, per esempio, che è l’idea degli spazi aperti, dei pick-up truck, del sogno americano, della natura selvaggia e della libertà; ‘Europiana’ è più glamorous, più festa, più lusso, più romantico, è il senso dell’occasione. Volevo che l’album desse la sensazione di una bottiglia di champagne che si apre.

C'è tanta disco, ma con l'elemento melodico sempre presente, che apre strade, strutture, soluzioni armoniche...

Sì, e questo è tipicamente ‘Europiana’. La musica americana, specialmente negli anni 60 e 70, era molto ripetitiva, per il suo derivare dal blues. Anche la disco music americana era molto ripetitiva, ma quando ha attraversato l’oceano si è scontrata con la tradizione del cantautorato europeo, con le melodie molto sofisticate degli chansonnier, storie profonde, dettagliate, confrontate a basi molto disco-funk: il risultato di questo scontro, a parer mio, è tipicamente ‘Europiana’: Julio Iglesias, Abba, Giorgio Moroder, Phoenix, Daft Punk, gruppi con ritmiche decisamente americane e cantato molto europeo.

Musica europea che, hai dichiarato, non è l'Eurovision Song Contest.

Sì, sono due cose diverse. L’Eurovision Song Contest non rappresenta esattamente quello che, musicalmente, sta accadendo in Europa. Rappresenta piuttosto ciò che sta accadendo in tv in Europa, è più lo specchio dello show business europeo che non della musica europea.

Bandiera di ‘Europiana’ è ‘Who’s Hurting Who’, consegnata nelle mani di Nile Rodgers.

Nile è il padrino del cambiamento della musica in Europa, specialmente con gli Chic, i cui album hanno messo la freccia alla nuova musica europea. Prima di loro, tutto era diverso; ci hanno portato questo suono tipicamente disco, perché la disco americana era qualcosa di veramente underground, mentre quella europea era superlusso, niente a che vedere con l’underground.

Il pianoforte in ‘More Than Ever’ è un altro segno tangibile del cambiamento...

Sì, un cambiamento dovuto al fatto che per il Natale prima della pandemia mi sono regalato un Bechstein. Volevo festeggiare il successo dell’album precedente, volevo regalarmi qualcosa che nella mia famiglia potesse sopravvivere dopo che io non ci sarò più, qualcosa da poter lasciare ai miei figli, e ai figli dei loro figli. Con l’arrivo del lockdown mi sono detto che non avevo scuse: dovevo imparare a suonarlo, una canzone al giorno. Ho trasformato la pandemia in qualcosa di educativo per me, e ho suonato quasi 60 cover su Instagram, ogni giorno una nuova, meglio se dal mood positivo per chi ascoltava.

C’è altro pianoforte in ‘War Of Words’, splendido inno ‘pacifista’...

L’ho scritta per i miei figli, preferisco chiamarla una ninna nanna di positività, di speranza, con dentro una filosofia che spero si porteranno in giro, quella di non essere mai cattivi con le parole.

A proposito di figli. Due anni fa alla Rsi ci dicesti che tua figlia ti definiva “uno che canta agli sconosciuti”, e con quella definizione ci hai intitolato un album: la pensa sempre allo stesso modo?

Sì, sono sempre quello. Anzi, da quando mia figlia è venuta al concerto di Wembley, dove ho raccontato al pubblico questa storia, non si è più allontanata da questa sua definizione del padre. Ma in effetti ha ragione, è un concetto che è davvero difficile da mettere in discussione: cantare agli sconosciuti è esattamente quello che continuo a fare.

Dal 27 di luglio torni dal vivo: è più la voglia di ricominciare o la ruggine?

Hai ragione a dire ruggine, è qualcosa di cui nessuno si rende conto. Sono quasi due anni e mezzo che non suoniamo, sarà interessante anche per noi vedere come vanno le cose. Già questa settimana dobbiamo provare per degli show in radio, sono curioso di vedere cosa succederà. La parte difficile è anche il non poter avere tutta la mia originale band qui. Per motivi di spostamenti, devo usare musicisti diversi. Sono tempi molto complicati, ma spero di poter tornare presto alla mia squadra.

A proposito di squadra. Euro 2020: Italia o Inghilterra?

Io sono azzurro, quando si parla di nazionali sono totalmente azzurro. Quest’anno sto sognando. È bello perché è il primo anno in cui mio figlio segue il calcio, ed è letteralmente impazzito. E anche lui è azzurro.

Ok. Comunque vada, ti aspettiamo in Svizzera

Spero a novembre a Lucerna, di sicuro a marzo 2022 a Zurigo. Confido nell’estate prossima, perché i festival più belli al mondo sono in Svizzera.

Così potrai tornare nel tuo ristorante preferito...

Alla Posta, su a Carona. Come sempre, di regola.

L’intervista integrale, sabato 26 giugno in ‘Generi di conforto’, il podcast della ‘Regione’


L'album, da oggi

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved