a-locarno-l-energia-affettuosa-e-anarchica-di-john-landis
John Landis sarà a Locarno il 13 agosto (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Microcosmi, Microcinema
41 min

‘Sette, sono i magnifici’

Dai boschi del Malcantone alle sale milanesi, da Kurosawa a Sturges, da Venezia al cinema Eden di Carpi, storie di film che portano altri film
Cinema
5 ore

Grease nei cinema a 5 dollari in onore di Olivia Newton-John

Sarà proiettato negli Stati Uniti in 135 sale della catena Amc. Un dollaro per ogni biglietto venduto sarà donato alla ricerca sul tumore al seno
Scienze
5 ore

L’asteroide che segnò la fine dei dinosauri non era forse solo

Scoperto un nuovo cratere nell’Atlantico, probabilmente frutto di un impatto di un meteorite, della stessa epoca di quello caduto in Messico
Musica
5 ore

‘Non sono un cantautore’ alla Festa della Musica

Brani di Concato, Dalla, Bersani e molti altri. Ad Arbedo domenica 28 agosto alle 17.30
Libri
6 ore

A San Bernardino ‘Improvviso per pianoforte’ di Elena Spoerl

La presentazione è fissata per sabato 27 agosto alle 16 alla Galleria spazio28
Musica
6 ore

Conto alla rovescia per le Settimane Musicali di Ascona

Al via sabato 27 agosto con il Premio Grammy Evelyn Glennie, sul lungolago di Ascona per il concerto d’inaugurazione
Scienze
8 ore

Morti per tumore, il 44% a causa di fattori di rischio evitabili

Il fattore di rischio con maggiore impatto in ambo i sessi è il fumo. Seguono alcol, alimentazione scorretta, inquinamento ambientale e sesso non sicuro
Scienze
8 ore

Più problemi di memoria tra chi ha perso l’olfatto

Covid, secondo una ricerca dell’Hospital das Clínicas di San Paolo (Brasile) c’è una relazione tra la perdita sensoriale e la capacità cognitiva
Lac
9 ore

‘La traviata’ secondo Rifici

Da Rossini al capolavoro verdiano, che debutta il 2 settembre. Sulla scena che prende forma, a colloquio con il regista (aspettando Donizetti...)
Spettacoli
11 ore

‘Pretty Woman - Il Musical’, in novembre al Lac

Prevendite aperte. Con la colonna sonora affidata alla coppia Bryan Adams/Jim Wallace (ma Roy Orbison c’è), sabato 26 e domenica 27 novembre a Lugano
Culture
1 gior

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
1 gior

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
1 gior

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
2 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
2 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
21.06.2021 - 18:47

A Locarno l’energia 'affettuosa e anarchica' di John Landis

Il direttore Giona A. Nazzaro ci racconta il Pardo d'onore Manor al regista di 'Animal House', 'Una poltrona per due' e 'The Blues Brothers'

Manca poco più di un mese all’inizio di Locarno 74: il 4 agosto vedremo i film dell’edizione 2021 del festival, la prima diretta da Giona A. Nazzaro che vive questo avvicinamento «con filosofia, un giorno per volta». E oggi è il giorno di John Landis che il 13 agosto riceverà il Pardo d’onore Manor. Il regista di ‘Animal House’, ‘The Blues Brothers’, ‘Un lupo mannaro americano a Londra’, oltre che del videoclip ‘Thriller’ di Michael Jackson incontrerà il pubblico del festival il 14 agosto.

«Una risata può essere politica tanto quanto un’indignazione» ci spiega il direttore artistico del festival, pensando in particolare a ‘Animal House’ che sarà proiettato in Piazza Grande il 13. «Condividere tutti insieme la visione di quel film, ridere per come vengono messi alla berlina i futuri nixoniani sarà anche un ridere delle persone simili che oggi ci vediamo intorno, ma con uno spirito di festa, non acrimonioso, non partigiano ma collettivo, popolare, gioioso». O ancora ‘Spie come noi’ del 1985, «uno dei film chiave per capire cosa non andava nella politica statunitense, un film per ridere, per scherzare ma anche un film ferocissimo che avrebbe potuto fare Altman in un altro tempo».

Il cinema di John Landis, prosegue il direttore artistico, ci porta alla nuova Hollywood, al rinnovamento del cinema americano tra gli anni Settanta e l’inizio anni Ottanta «prima che gli studios riprendessero il potere produttivo e decisionale». In questo particolare momento «Landis ha introdotto una nuova energia che veniva fuori dall’intersecarsi di vari aspetti della sua storia: la sua profonda cinefilia, il suo essere un figlio del ’68, il suo aver iniziato a fare cinema dai gradini più bassi dell’industria, da persona che si occupava della corrispondenza a stuntman». Un’energia «affettuosa e anarchica, politica e cinefila, visionaria e creativa che ha portato a una serie di film che hanno segnato profondamente un’epoca. Landis è sempre stato estremamente critico nei confronti della politica, è un cineasta che ha detto “anche se siete sovrappeso come John Belushi siete le persone più belle del mondo”, che ha creato alcuni dei personaggi femminili più iconici e forti, che ha sempre messo in discussione i sistemi di potere. John Landis è quel tipo di cinema colto ma popolare, politico ma accessibile, divertente ma profondo che è un po’ l’idea di quello che mi piacerebbe fare a Locarno».

Abbiamo parlato della Nuova Hollywood: che cosa è cambiato? «Non lo so. Quello che posso dire è che persone come John Carpenter, John Landis, Joe Dante eccetera sono cresciuti in una unicità: la maggior parte di loro veniva dalla scuola di Corman, persone alle quali piacciono i cartoni animati e la musica rock, il cinema classico e quello di serie B e di serie Z, persone che venivano dalle scuole di cinema, conoscevano il cinema europeo, leggevano le riviste di cinema, sapevano chi era Godard ma anche cosa aveva fatto Ed Wood. Erano l’espressione di un sincretismo culturale unico: oggi non è più così, hai gli autori che si occupano di cinema d’autore, i registi di film dell’orrore che si occupano di film dell’orrore, chi fa film catastrofici fa film catastrofici e così via, è tutto molto più settorializzato».

John Landis con la sua curiosità «avrebbe potuto fare un anno un musical, poi l’anno dopo una commedia, poi un film catastrofico e un thriller». Carpenter, invece, «avendo sempre voluto fare dei western di serie B ma non potendoli più fare, ha individuato nell’horror quel genere “basso” che gli avrebbe concesso tutta la libertà di cui ha bisognoper muoversi ed esplorare il cinema». Joe Dante ha all’attivo l’horror  ‘L’ululato’ e ‘Looney Tunes: Back in Action’ «e ‘Small Soldiers’, una delle critiche più violente al militarismo statunitense».

Perché pare non esserci più spazio, oggi, per film e registi così? «Questi cineasti erano portatori di un pensiero critico verso la politica che oggi manca: se devo indicare dove trovo un po’ di quella vivacità e di quella posizione critica, direi che l’unico che oggi se la può permettere è Jason Blum con la sua Blumhouse (il produttore di ‘Scappa - Get Out’, ‘Auguri per la tua morte’ e la saga di ‘Purge’, ndr), ma lui fa tantissimi film e non tutti sono riusciti; il discorso politico è inoltre più letterale rispetto alle sfumature e alle arguzie di Landis o Dante».

A Locarno saranno proiettati tre film di John Landis, «ma ne avremmo voluti otto, solo che sarebbe diventata una retrospettiva: abbiamo optato per una scelta un po’ anarchica, con dei film meno noti come ‘Susan's Plan’, ‘The Stupids’ o ‘Un piedipiatti a Beverly Hills III’, un modo per dire che Landis non ha mai smesso di fare film interessanti che però non avrebbero restituito al pubblico il piacere di ritrovare il regista che amano. Parlando con lui abbiamo deciso di lasciar fuori un film super conosciuto come ‘The Blues Brothers’, di tenere dentro ‘Animal House’ perché è ‘Hanimal House’; di dare visibilità a un horror che non fosse ‘Un lupo mannaro americano a Londra’ (avremo ‘Innocent Blood’ del 1992) e di tenerci ‘Una poltrona per due’ che è una delle critiche più precise al determinismo capitalista statunitense».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
blues brothers giona nazzaro john landis
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved