a-locarno-l-energia-affettuosa-e-anarchica-di-john-landis
John Landis sarà a Locarno il 13 agosto (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
4 ore

Video on Demand in calo, crescono gli abbonamenti

I noleggi digitali di film sono già diminuiti del 30% tra il 2017 e il 2019, e un calo del 7% è stato registrato anche nel 2020, anno di pandemia
Culture
7 ore

Andri Snær Magnason ospite di ChiassoLetteraria

È l'ospite d'eccezione che completa la programmazione della 15esima edizione, in programma dal primo al 5 settembre 2021 e dal titolo ‘Pianeta Proibito’. 
Società
8 ore

Fine risorse naturali: il 29 luglio è l'Earth Overshoot Day

L'anno scorso fu il 22 agosto; nel 1970, il 29 dicembre. Da domani, giovedì 29 luglio, il pianeta va in credito sulle risorse dell'anno successivo
Cinema
9 ore

Festival Film Friburgo post-pandemia: 'Più forti: ora il futuro'

È l'attitudine che accomuna il presidente Mathieu Fleury e il direttore artistico Thierry Jobin, con gli occhi alla 36esima edizione, dal 18 al 27 marzo 2022
Società
10 ore

Linguaggio di genere: alla Srf segni speciali solo per giovani

Formulazioni quali "Parlamentarier:innen" e "Politiker:innen" saranno usate solo laddove ci si rivolga a un pubblico giovane, più abituato al linguaggio di genere
Musica
13 ore

Addio a Joey Jordison, co-fondatore degli Slipknot

Nel 2013, batterista e band presero strade diverse. Dopo la separazione, Jordison annunciò di avere un disturbo del sistema nervoso
Cinema
14 ore

Da Universal 400 milioni di dollari per un nuovo 'Esorcista'

Ellen Burstyn, candidata all'Oscar nel 1973, torna nel ruolo di Chris MacNeil. Non è un remake, piuttosto un seguito. E nessuno ha chiamato Linda Blair...
LongLake Festival
14 ore

Zappa Quartet, Through Sound, Broggini & Friends. E anche Dante

Da stasera con la BandaDante, spettacolo-omaggio al Sommo Poeta, fino a una domenica primo agosto di classica e musica irish
Ticino Musica
15 ore

Il 'Concerto al tramonto', la prima di Massagno (e il resto)

Venticinquesima edizione al rush finale: Animato Kwartet a Monte Carasso; a Massagno l'omaggio a Sofia Gubaidulina
Spettacoli
1 gior

Maybe a concert: Raissa Avilés aprirà la stagione del Sociale

Aperta la prevendita per il concerto che si terrà il prossimo 25 settembre a Bellinzona
Spettacoli
1 gior

Addio a Gianni Nazzaro, cantò l'amore negli anni 70

Tra le sue hit Quanto è bella lei. La rivalità con Ranieri
Scienze
1 gior

Clima, record di caldo dovuti alla velocità dei mutamenti

È quanto indica uno studio del Politecnico di Zurigo. La terra si riscalda molto rapidamente, i precedenti primati cadranno con maggior frequenza.
Culture
2 gior

Associazione Nel, una rassegna per rinascere

La nuova proposta si aprirà a fine agosto con la rassegna di videoarte Illuminating, poi incontri e attività in collaborazione con LongLake Festival e L’Ideatorio
Spettacoli
2 gior

Venezia: madri coraggio e tanta politica alla Mostra

Il cartellone di Venezia 78 presentato dal direttore artistico Alberto Barbera. Fuori concorso ‘Ariaferma’ di Leonardo Di Costanzo, coprodotto da Amka
Spettacoli
2 gior

Locarno74, il primo Kids Award a Mamoru Hosoda

Un nuovo premio al Festival: il Locarno Kids Award la Mobiliare sarà consegnato il 9 agosto al maestro dell'animazione giapponese
Spettacoli
21.06.2021 - 18:470

A Locarno l’energia 'affettuosa e anarchica' di John Landis

Il direttore Giona A. Nazzaro ci racconta il Pardo d'onore Manor al regista di 'Animal House', 'Una poltrona per due' e 'The Blues Brothers'

Manca poco più di un mese all’inizio di Locarno 74: il 4 agosto vedremo i film dell’edizione 2021 del festival, la prima diretta da Giona A. Nazzaro che vive questo avvicinamento «con filosofia, un giorno per volta». E oggi è il giorno di John Landis che il 13 agosto riceverà il Pardo d’onore Manor. Il regista di ‘Animal House’, ‘The Blues Brothers’, ‘Un lupo mannaro americano a Londra’, oltre che del videoclip ‘Thriller’ di Michael Jackson incontrerà il pubblico del festival il 14 agosto.

«Una risata può essere politica tanto quanto un’indignazione» ci spiega il direttore artistico del festival, pensando in particolare a ‘Animal House’ che sarà proiettato in Piazza Grande il 13. «Condividere tutti insieme la visione di quel film, ridere per come vengono messi alla berlina i futuri nixoniani sarà anche un ridere delle persone simili che oggi ci vediamo intorno, ma con uno spirito di festa, non acrimonioso, non partigiano ma collettivo, popolare, gioioso». O ancora ‘Spie come noi’ del 1985, «uno dei film chiave per capire cosa non andava nella politica statunitense, un film per ridere, per scherzare ma anche un film ferocissimo che avrebbe potuto fare Altman in un altro tempo».

Il cinema di John Landis, prosegue il direttore artistico, ci porta alla nuova Hollywood, al rinnovamento del cinema americano tra gli anni Settanta e l’inizio anni Ottanta «prima che gli studios riprendessero il potere produttivo e decisionale». In questo particolare momento «Landis ha introdotto una nuova energia che veniva fuori dall’intersecarsi di vari aspetti della sua storia: la sua profonda cinefilia, il suo essere un figlio del ’68, il suo aver iniziato a fare cinema dai gradini più bassi dell’industria, da persona che si occupava della corrispondenza a stuntman». Un’energia «affettuosa e anarchica, politica e cinefila, visionaria e creativa che ha portato a una serie di film che hanno segnato profondamente un’epoca. Landis è sempre stato estremamente critico nei confronti della politica, è un cineasta che ha detto “anche se siete sovrappeso come John Belushi siete le persone più belle del mondo”, che ha creato alcuni dei personaggi femminili più iconici e forti, che ha sempre messo in discussione i sistemi di potere. John Landis è quel tipo di cinema colto ma popolare, politico ma accessibile, divertente ma profondo che è un po’ l’idea di quello che mi piacerebbe fare a Locarno».

Abbiamo parlato della Nuova Hollywood: che cosa è cambiato? «Non lo so. Quello che posso dire è che persone come John Carpenter, John Landis, Joe Dante eccetera sono cresciuti in una unicità: la maggior parte di loro veniva dalla scuola di Corman, persone alle quali piacciono i cartoni animati e la musica rock, il cinema classico e quello di serie B e di serie Z, persone che venivano dalle scuole di cinema, conoscevano il cinema europeo, leggevano le riviste di cinema, sapevano chi era Godard ma anche cosa aveva fatto Ed Wood. Erano l’espressione di un sincretismo culturale unico: oggi non è più così, hai gli autori che si occupano di cinema d’autore, i registi di film dell’orrore che si occupano di film dell’orrore, chi fa film catastrofici fa film catastrofici e così via, è tutto molto più settorializzato».

John Landis con la sua curiosità «avrebbe potuto fare un anno un musical, poi l’anno dopo una commedia, poi un film catastrofico e un thriller». Carpenter, invece, «avendo sempre voluto fare dei western di serie B ma non potendoli più fare, ha individuato nell’horror quel genere “basso” che gli avrebbe concesso tutta la libertà di cui ha bisognoper muoversi ed esplorare il cinema». Joe Dante ha all’attivo l’horror  ‘L’ululato’ e ‘Looney Tunes: Back in Action’ «e ‘Small Soldiers’, una delle critiche più violente al militarismo statunitense».

Perché pare non esserci più spazio, oggi, per film e registi così? «Questi cineasti erano portatori di un pensiero critico verso la politica che oggi manca: se devo indicare dove trovo un po’ di quella vivacità e di quella posizione critica, direi che l’unico che oggi se la può permettere è Jason Blum con la sua Blumhouse (il produttore di ‘Scappa - Get Out’, ‘Auguri per la tua morte’ e la saga di ‘Purge’, ndr), ma lui fa tantissimi film e non tutti sono riusciti; il discorso politico è inoltre più letterale rispetto alle sfumature e alle arguzie di Landis o Dante».

A Locarno saranno proiettati tre film di John Landis, «ma ne avremmo voluti otto, solo che sarebbe diventata una retrospettiva: abbiamo optato per una scelta un po’ anarchica, con dei film meno noti come ‘Susan's Plan’, ‘The Stupids’ o ‘Un piedipiatti a Beverly Hills III’, un modo per dire che Landis non ha mai smesso di fare film interessanti che però non avrebbero restituito al pubblico il piacere di ritrovare il regista che amano. Parlando con lui abbiamo deciso di lasciar fuori un film super conosciuto come ‘The Blues Brothers’, di tenere dentro ‘Animal House’ perché è ‘Hanimal House’; di dare visibilità a un horror che non fosse ‘Un lupo mannaro americano a Londra’ (avremo ‘Innocent Blood’ del 1992) e di tenerci ‘Una poltrona per due’ che è una delle critiche più precise al determinismo capitalista statunitense».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved