final-step-per-riconnetterci-e-uscito-disconnections
Matteo Finali, il concetto è chiaro
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
7 ore

Anziani abili e soddisfatti di utilizzare le tecnologie

sottotitolo
Figli delle stelle
16 ore

'Downhill From Everywhere', le umane storie di Jackson Browne

Jackson Browne, ‘Downhill From Everywhere’ (Inside Recordings) - ★★★★✩ - Il quindicesimo album d'inediti dal 1972. Pochi ma buoni (buonissimi)
Arte
16 ore

Michelangelo Pistoletto e il filo di una mostra

Dal museo allo spazio aperto e viceversa: sguardi sulla mostra antologica la Museo d’Arte Moderna di Ascona
Babel
18 ore

Le torri di Babele (2001-2021)

Dal 10 al 12 settembre la 16esima edizione del Festival di Letteratura a Traduzione di Bellinzona. A colloquio con Vanni Bianconi, direttore artistico
Cinema
20 ore

'Old', invecchiare e non accorgersene

È arrivato nelle sale ticinesi il nuovo film di M. Night Shyamalan, thriller alla luce del sole che lascia il pubblico con il fiato sospeso
Società
22 ore

Un viaggio tra le donne che hanno rifatto Zurigo

Dal movimento di liberazione femminile ai processi per stregoneria, una serie di visite guidate per scoprire la presenza femminile in città
Culture
1 gior

Festival di narrazione, di Arzo 'e d'altrove'

Dal 19 al 22 agosto, la 21esima edizione si svolge anche a Meride e Tremona. Sul sito ufficiale della manifestazione l'intera proposta
Libri
1 gior

Minimalismo ticinese di Andina e Custer

‘Tessiner Horizonte – Momenti Ticinesi’ (Rotpunktverlag), fusione bilingue tra racconti e schizzi del paesaggio montano in uscita il 3 agosto
Arte
1 gior

L’Arco di Trionfo come immaginato da Christo e Jeanne-Claude

Iniziati i lavori di impacchettamento secondo le indicazioni lasciate dalla coppia di artisti. L’opera sarà visibile dal 18 settembre al 3 ottobre
Spettacoli
1 gior

Shakira rischia il processo per frode fiscale

La somma contestata alla cantante sarebbe stata evasa tra il 2012 e il 2014 quando secondo le autorità l'artista aveva già fissato la residenza fiscale in Spagna
Culture
2 gior

Roberto Calasso, l'editoria come passione

Le sue narrazioni concepite come un ciclo, le scelte editoriali esclusive e grandi: un ricordo dell'editore di Adelphi, scomparso a Milano all'età di 80 anni.
Musica
2 gior

Gli ZZ Top perdono il bassista Dusty Hill, morto a 72 anni

L'ultimo saluto della band sui social: 'Saremo per sempre legati a quel Blues Shuffle in C. Ci mancherai moltissimo, amigo'
Teatro
2 gior

Lazzi di Luzzo 'à la carte' e in tour

La colonia teatrale per adolescenti ha prodotto il suo lavoro per la 31esima edizione, incentrato sull'accoglienza e sull'incontro. Tutte le date.
Cinema
2 gior

'Caves', documentario sulla Svizzera centrale a Venezia 78

Il filmato di 19 minuti sulla speleologa e alpinista nidvaldese Lea Odermatt è l'unica produzione svizzera selezionata per il Concorso VR Expanded.
Scienze
2 gior

Una nuova specie di muschio scoperta nei pressi del Martinsloch

La Schistidium foraminis-martini è di colore marrone e cresce soprattutto sulle rocce calcaree. Rintracciata in due soli altri luoghi, in Svizzera e in Austria
Arte
2 gior

Fiabe, leggende e racconti del Grigionitaliano in un calendario

È il ‘Calendario d’Artista 2022’, mostra che s'inaugura sabato 31 luglio alle 16 alla Galleria Spazio28 arte contemporanea di San Bernardino
Culture
3 gior

Fazioli e Bernasconi dietro le vetrine di Paradeplatz

Per un anno i due autori sono andati a Zurigo per raccontare di un luogo andando al di là della faccia abusata delle cose
Culture
3 gior

Addio a Roberto Calasso, l'editore di Adelphi

Nato a Firenze nel 1941, lo scrittore ed editore aveva da poco compiuto ottant'anni ed era malato da tempo
Società
3 gior

Video on Demand in calo, crescono gli abbonamenti

I noleggi digitali di film sono già diminuiti del 30% tra il 2017 e il 2019, e un calo del 7% è stato registrato anche nel 2020, anno di pandemia
Musica
19.06.2021 - 17:310

Final Step, per riconnetterci è uscito ‘Disconnections’

Con Matteo Finali tra le storie musicali (anche di famiglia) di un album che è un invito a riprenderci i suoni delle nostre vite (reali).

Ammesso che la fusion preveda l'uscita di un singolo, ‘Disconnections’ è, comunque, il brano che traina un nuovo, omonimo album di nove tracce assai ben suonato e registrato. In verità, ascoltati e visti nel relativo video, i Final Step paiono più vicini a una ‘Connection’, per entusiasmo, groove, e per il fatto che, a tratti, questo disco fresco di stampa (anche fisico, arancione, consigliabile) pare una festa: «La pandemia, inutile dirlo, l'abbiamo vissuta tutti», ci dice Matteo Finali, fondatore di una band da cinque episodi discografici, tanta musica suonata, anche a Estival. «All'inizio della prima ondata abbiamo conosciuto la sensazione di ritrovarci disconnessi dalla vita che eravamo abituati a vivere, malgrado tecnologicamente superconnessi, cosa che ci ha permesso di continuare a lavorare, di sentirci con gli altri anche nella più totale assenza di contatto umano. Ma era una falsa connessione». Da qui, il bisogno di disconnettersi da tutto il virtuale, «per riconnettersi in modo reale. Sì, il titolo gioca sul doppio concetto».

Ci vediamo al negozio

Title-track a parte, la riconnessione pare perfettamente completata alla traccia 4, ‘In A Brooklyn Store’, dichiaratamente ispirata e dedicata agli Snarky Puppy. È il centro del disco: «È una composizione di Alessandro Ponti e Dario Milan, è un crescendo progressivo che porta al solo di Alessandro, molto carico. Il brano era originariamente pensato per una big band, poi è stato riarrangiato per il quintetto». Al suo interno, «una sovraincisione di fiati per avere un effetto d'insieme». Il tutto in nome di un titolo, e di un pezzo, che richiamano moltitudini da ‘Black Market’. E in mezzo alla rinascita, se proprio si cercasse la disconnessione, il silenzio di un quarto sul funk di ‘Prickly Pear Jam’ è una graziosa nevrosi perfettamente aderente al concetto, che spezza un brano ispirato da dolci con marmellata e fico d'India mangiati in Grecia dal suo autore (Finali). Tra le cose degne di nota più di altre altrettanto degne, ‘Sunday Morning Rev.’, con un organo Hammond buono come i dolci di cui sopra.

Diviso tre

L'intero ‘Disconnections’ si muove tra un preludio – ‘Prelude (Love Ballade)’, traccia 1 – un interludio – ‘Interlude (Country Road)’, traccia 5 – e un postludio –‘Postlude (Dreamtime)’, traccia 9, quella conclusiva –, tre misurati e sentiti tributi a tre figure importanti del Finali strumentista, dal punto di vista musicale ma non solo. Andando per ordine. Il preludio è quello della ‘Love Ballade ’ del grande pianista canadese Oscar Peterson, su ‘Time After Time’, album in studio del 1986: «Non ho mai conosciuto mio nonno – racconta Finali – perché è scomparso l'anno prima che nascessi. Dai racconti di mio padre, sembra fosse un pianista amatoriale, che gli piacesse il jazz e sapesse suonare discretamente bene. Certo è che ha tramandato a mio padre l'ascolto di Oscar Peterson, perché papà in auto aveva i suoi cd, che io ascoltavo». I due minuti e cinque secondi che aprono ‘Disconnections’, con la sola introduzione di ‘Love Ballade’ riarrangiata per chitarra, sono dunque «un mio piccolo tributo a una storia familiare, la mia».

Quattro brani più tardi, l'interludio è ‘Country Road’ di Pat Martino, una delle prime cose studiate da Finali al Musicians Institute of Los Angeles, dove si è formato con musicisti come Scott Henderson, Jeff Richman, Ross Bolton, Allen Hinds, Sid Jacobs, Art Renshaw, Daniel Gilbert, Masaki Toraiwa e Keith Wyatt: «Anche questo è un brano che mi piace tenere sempre pronto, e per il quale ho sentito che era arrivato il momento di pubblicarlo». Il tributo non è solo all'autore, ma anche a un insegnante: «Avevo vent'anni e Daniel Gilbert, per noi che arrivavamo dall'estero, era più di un insegnante, quasi un tutor. Per quell'inevitabile bisogno di sostegno personale, una specie di papà. Gilbert è il chitarrista che mi ha seguito per metà del mio percorso in California». Quanto a ‘Postlude (Dreamtime)’, attingiamo dal comunicato ufficiale: “Un omaggio ad Art Renshaw, mio mentore a Los Angeles: ha avuto un ruolo fondamentale se sono oggi ancora un chitarrista e non un pescivendolo”. Con tutto il rispetto per i pescivendoli.

Respiro

Di tempo ne è passato da ‘Desert Trolls’, esordio del 2010, da ‘Uncle Joe’s Space Mill’ (2014), dal live ‘Three Sails-Live @ Il Magazzino’ (2015) e il ‘Live At Estival Jazz’ che viene da Mendrisio 2016, in apertura di quegli Steps Ahead dai quali viene (anche) metà del nome. Oggi, insieme al fondatore – in una formazione dalla quale sono transitati, tra gli altri, Gabriele Pezzoli, Fabio Buonarota, Francesca Morandi, Walter Calafiore, Silvano de Tomaso, Max Pizio, Rocco Lombardi, Gian-Andrea Costa, Frank Salis – ci sono Mirko Roccato (sassofoni), Alessandro Ponti (tastiere), Federico Barluzzi (basso) e Dario Milan (batteria), e rispetto alle intricate strutture del secondo album, ‘Disconnections’ porta con sé ampio respiro melodico: «In quanto musicisti – spiega Finali – evolviamo, cresciamo, maturiamo, e forse rispetto al passato tutti ricerchiamo qualcosa di più melodico».

Una certezza c'è: «Sicuramente ha influito il vissuto di ognuno di noi in questo periodo durissimo. Parlando con Dario, alla fine delle registrazioni, ci siamo detti che qualche anno fa ci saremmo ascoltati ‘Disconnections’ o ‘In a Brooklyn Store’ senza sosta, forse solo quelle. Ora ascoltiamo più volentieri le cose tranquille. Credo che sia un cambiamento che viene naturale, che viene da sé» (www.finalstep.ch).


L'album, su Bandcamp e negli store digitali

© Regiopress, All rights reserved