NJ Devils
PHI Flyers
01:00
 
CHI Blackhawks
SJ Sharks
01:00
 
BOS Bruins
VAN Canucks
01:00
 
l-inaspettata-orchestra-della-svizzera-italiana
Osi alla foce (foto di Kaupo Kikkas)
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
4 ore

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
6 ore

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
7 ore

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
7 ore

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
8 ore

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
9 ore

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
9 ore

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
12 ore

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
13 ore

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Figli delle stelle
14 ore

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’
Culture
14 ore

Parigi: Josephine Baker prima afroamericana nel Pantheon

Ma anche prima figura dello spettacolo nel mausoleo francese insieme a Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie. L’ufficializzazione martedì 30 novembre
Spettacoli
15 ore

Addio a Stephen Sondheim, leggenda di Broadway

Le parole di ‘West Side Story’, e una pioggia di Tony e Pulitzer. Il compositore più influente nella storia del Musical si è spento nel sonno a 91 anni
Letteratura
1 gior

Addio ad Almudena Grandes, ‘voce degli sconfitti’

La 61enne, che conquistò il pubblico con il suo romanzo ‘Le età di Lulù’, ottenne il Premio Nazionale di Narrativa nel 2018
Teatro Sociale
1 gior

Chi fa la mamma tra ‘Boef & Asen’?

Ferruccio Cainero adatta lo spettacolo natalizio scritto da Norbert Ebel nel ’99, sempre attuale. Domenica 28 novembre, con attori di Barabba’s Clowns.
Società
2 gior

Paesaggi sonori per la cura dei bambini

Al Forum cultura e salute Antti Ikonen racconta il progetto di ‘soundscape’ nel nuovo ospedale pediatrico di Helsinki
Musica
2 gior

Tina Turner dottore honoris causa in storia e filosofia

L‘Università di Berna gliela consegnerà il 4 dicembre. Tra le motivazioni: ‘Esempio di via di uscita da molteplici situazioni di discriminazione’
Spettacoli
3 gior

Al Teatro Paravento si trasloca con Salvador Dalí

Prima dello spettacolo con Davide Gagliardi scritto da Egidia Bruno partendo da un un poster “troppo inquietante per appenderlo in camera”
Scienze
3 gior

Covid, il punto dell’Oms per vaccini a bambini e ragazzi

Un rapporto preliminare indica l’utilità di vaccinare i più giovani. Ma la priorità rimane proteggere soggetti fragili. E un’equa distribuzione globale
Società
3 gior

La scuola e l’erosione dell’autorità, un convegno per parlarne

Sabato a Lugano primo appuntamento dell’associazione Essere a scuola. Intervista a uno dei relatori, il filosofo dell’educazione Eirick Prairat
Scienze
3 gior

L’Oceano Artico ha iniziato a scaldarsi a inizio XX secolo

Studi italiani e britannici hanno ricostruito gli ultimi 800 anni di mutamenti di un mare con funzioni chiave nei cambiamenti climatici globali
Spettacoli
3 gior

La sorpresa Carrisi a Tutti i colori del giallo

Lo scrittore e regista italiano presenta, in anteprima, il suo nuovo romanzo ‘La casa senza ricordi’ al festival di Massagno
L’intervista
3 gior

Il Maestro e Di Battista (jazz e cinema in ‘Morricone Stories’)

Sabato 27 novembre il Cinema Teatro di Chiasso ospita Stefano Di Battista col progetto dedicato a Morricone: tutto ebbe inizio a Roma, qualche anno fa...
Spettacoli
 
08.06.2021 - 19:370

L’inaspettata Orchestra della Svizzera italiana

Presentata la stagione 2021-22 dell'Osi. Il direttore Christian Weidmann racconta il suo progetto di rinnovamento non solo musicale

 


“Inaspettato” non è certo il primo aggettivo che viene in mente, per la tradizionale conferenza stampa di presentazione della stagione dell’Orchestra della Svizzera italiana e l’inizio della prevendita (il 25 giugno per i vecchi abbonati mentre i nuovi dovranno attendere l’estate e il chiarimento delle restrizioni sanitarie). Ma quella che si è appena conclusa è stata una stagione straordinaria: lo doveva essere per la «staffetta ideale» dalla direzione di Denise Fedeli (più volte ringraziata durante la conferenza stampa) a quella di Christian Weidmann, con l’inizio dell’attività «in continuità, ma senza essere una fotocopia» del nuovo direttore artistico (parole di Mario Postizzi, presidente della Fondazione per l’Osi). Poi la pandemia ha scombinato tutto e se da una parte ha fatto capire quanto importanti siano l’arte e la cultura e l’incontro, dall’altra ci lascia in una situazione di forte incertezza. Ma non è questo, l’inaspettato al quale ha fatto riferimento Weidmann nel suo intervento: «Oggi ho la sensazione molto ottimistica che inizia il futuro dell’Osi, che riusciremo a realizzare la mia visione di aprire spazi inaspettati».

Questa idea la vediamo nelle nuove immagini dell’orchestra, realizzate da Kaupo Kikkas, che riprendendo un concetto iniziato alcuni anni fa vedono i professori dell’orchestra in luoghi appunto inaspettati, dal portale nord della galleria ferroviaria del Ceneri alle foci della Maggia e del Cassarate. 

Nella conferenza stampa si è parlato di concerti speciali alle Officine di Bellinzona e al Vanilla di Riazzino, oltre che al Festival di Locarno, alle Settimane musicali di Ascona e alla stagione estiva del Lac che sarà annunciata settimana prossima. Qualche anticipazione sul Concerto di San Silvestro, che sarà diretto da Rune Bergmann, e su quella che – dopo l’annullamenteo l’anno scorso e il debutto senza pubblico di quest’anno, sarà la prima edizione del festival di Pentecoste con la violoncellista Sol Gabetta; abbiamo poi la ripresa delle tournée, con l’importante tappa, a febbraio dell’anno prossimo, nella Sala dorata del Musikverein di Vienna. 

E ovviamente le stagioni Osi al Lac e Osi in Auditorio, con l’orchestra diretta oltre che dal direttore principale Markus Poschner anche da François Leleux, Robert Trevino, Krzysztof Urbański e, per i quattro concerti in Auditorio a gennaio e febbraio, Robert Kowalski, Riccardo Minasi, Bejun Mehta e Ilya Gringolts.

Il programma completo dei concerti è disponibile sul sito www.osi.swiss. Da segnalare il ciclo ‘Tracce → Čajkovskij’, una rilettura non solo musicale dell’opera del compositore russo, con particolare attenzione alle composizioni scritte in Svizzera (tra cui il concerto per violino e la sinfonia ‘Manfred’) ma non solo, visto che l’esordio sarà con la Sinfonia n.5, eseguita basandosi su una partitura originale ricostruita da documenti di Čajkovskij. Il progetto Tracce avrà anche una parte non musicale, coordinata da Andrea Molino – che ha già curato il Ludwig van Festival – insieme al Conservatorio della Svizzera italiana e al Cisa.

Infine, due parole sulla comunicazione che si arricchisce di due iniziative: da una parte la rivista ‘OSI.swiss’, dall’altra una nuova piattaforma digitale che verrà lanciata in autunno 2021 con il sostegno della Corsi.

L’intervista

‘Superare i confini della tradizione’


Durante la conferenza stampa ha parlato, per il futuro dell’Osi, dell’apertura di nuovi spazi. A cosa si riferiva?

Si tratta dei nuovi orizzonti dell’orchestra. Sono convinto che si possa e si debba sperimentare con le strutture fisse che abbiamo nell’ambito dei concerti classici, aprendo un discorso che va oltre la musica. Pensiamo al progetto Tracce: Čajkovskij era un compositore, ma anche una persona, un essere umano con i suoi problemi e possiamo partire da qui per discutere i problemi della nostra società. Perché la musica è dappertutto, nella nostra vita quotidiana. Io sono cresciuto con la musica classica, per me è la cosa più naturale, ma capisco che non sia così per tutti. Però la musica è musica per tutti, tocca i cuori delle persone e sono sicuro che con l’Osi si potranno superare i confini che troviamo tra gli stili, all’interno della società, nei livelli di formazione e trovare un discorso con cui entrare nella vita quotidiana.

Non temete di disorientare il pubblico tradizionale dell’Osi, affezionato ai concerti tradizionali?

Chiaramente non è nostra intenzione distruggere tutto quanto fatto finora: restiamo e vogliamo restare un’orchestra sinfonica e ci sarà sempre l’occasione di avere l’esperienza tradizionale del concerto di musica classica. Per me è importante conservare tutto questo: i conservatori si chiamano così perché devono conservare le cose e se non le conserviamo spariscono. Non si tratta di affrontare, e far affrontare al nostro pubblico, una nuova realtà completamente staccata da quello che finora abbiamo fatto, ma trovare un equilibrio che ci permetta di sperimentare. Perché sono sicuro che anche il nostro pubblico è aperto a un po’ di sperimentazione, senza mai dimenticare che la musica classica ha una certa struttura.

In concreto come sarà portata avanti questa sperimentazione?

Prendo ad esempio il progetto Tracce. L’esperienza del concerto inizierà già nella Hall con un contenuto appositamente pensato, ci stiamo lavorando con Andrea Molino, per parlare di quello che poi si sentirà in Sala in maniera tradizionale. Quando Christian Tetzlaff suonerà il concerto per violino e orchestra di Čajkovskij, suonerà il concerto per violino e orchestra di Čajkovskij con la qualità di sempre; sarà diversa l’esperienza di avvicinamento.

C’è poi un concerto alla discoteca Vanilla di Riazzino.


Quello sarà un progetto molto diverso, ci vorrà un Think tank per capire come sperimentare. Ma sempre mantenendo il discorso della qualità: non vogliamo essere la band che si limita ad accompagnare una performance, ma trovare un artista che voglia creare con noi qualcosa per cui ha senso la presenza dell’Osi.

È un’esperienza che ho già fatto in club in Argovia: un concerto con un artista di musica elettronica con un brano scritto per l’occasione, pensando alla presenza dell’orchestra. Il pubblico è arrivato perché conosceva questo artista di musica elettronica, ma non sapeva che la serata sarebbe iniziata con un pianoforte a coda e le musiche di Chopin. I giovani si sono seduti, per terra, con una birra in mano e hanno ascoltato, in silenzio, quindici minuti di Chopin. Sono queste esperienze che ci aiutano a portare qualcosa di positivo alla società.

In questo progetto di rinnovamento troviamo una rivista e un nuovo sito internet, disponibile in autunno. Come sarà strutturato? Mi sembra che siamo tutti un po’ stanchi di proposte online…


Con il magazine e la nuova piattaforma iniziamo un processo per portare a più persone i contenuti che attualmente realizziamo per una minoranza della popolazione, i mille spettatori al Lac. Senza dimenticare l’archivio storico di cui disponiamo è che molto importante.

La piattaforma di cui parliamo probabilmente si chiamerà “digital experience” perché si tratta di un’esperienza digitale con un contenuto diverso: sappiamo che non basta non metteremo online i concerti. Abbiamo delle idee, ma anche qui sarà necessario sperimentare, capire che cosa funziona e che cosa non funziona.

Qual è l’obiettivo di questa trasformazione? Come spera che sarà l’Osi nel 2025?

Immagino voglia una risposta concreta, non so se riuscirò ad accontentarla… Io vedo un’Osi aperta, un’Osi per cui è normale proporre Beethoven al Lac e un concerto al Vanilla e a nessuno verrebbe in mente di chiedere se non rischiamo di disorientare il nostro pubblico, perché avremo un pubblico che avrà superato le barriere che ancora esistono. Il mio sogno è togliere i muri tra persone, perché se non andiamo avanti tutti insieme sarà solo energia sprecata.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved